Ducati Bimar
Ducati Bimar

Alla scoperta del Ducati Bimar 10×80

Share Button

Ho fortunosamente trovato in Sicilia, smantellato a Palermo da una nave civile, un Ducati BIMAR, la trasformazione civile post guerra del binocolo, con visione inclinata a 20°, della Marina Militare Tedesca DF 10×80 Kriegsmarine progettato nel 1940 e messo in produzione nel 1941 dalla Zeiss Jena.
Negli anni a seguire ci furono due successive versioni. Ne fu smessa la produzione alla fine della guerra.

Una pubblicità dell’epoca.

Nel 1942 Zeiss Jena, pressata dalle commesse militari germaniche e dalle decisioni dei militari stessi, ne condivise la produzione con Nendisco, con Optische Prazisions Werke gmbh Warsaw  e con l’italiana Ducati.

Ducati, dopo la guerra, si ritrovò molto materiale e alcuni pezzi militari già ultimati e trasformò dunque il formidabile binocolo d’avvistamento della Marina Militare tedesca in un eccellente binocolo civile da osservazione: il cosiddetto BIMAR (Binocolo di Mare) e ne promosse la vendita per usi civili  (vedere pagine pubblicitarie).

Uno stand della Ducati, quando ancora produceva binocoli di alta qualità

E’ un binocolo con 70° di campo apparente (122 metri a 1000 metri) munito di trattamento antiriflesso. La risoluzione, luminosità , rilievo oculare e la correzione ottica sono ancor oggi di primo  livello.

L’esemplare trovato a Palermo è stato amorevolmente e sapientemente recuperato dal grande appassionato Luca Mazzoleni che lo ha riportato all’originale splendore smontandolo in ogni sua parte. Non c’è  ingranaggio o vite che non sia stata rimossa.  Tutte le lenti  che compongono lo schema ottico  sono in condizioni perfette.

Ritengo che, montato sul cavalletto, anch’esso riportato a nuova vita, abbia, tra le innumerevoli eccellenze, una caratteristica formidabile: l’immediata acquisizione di un bersaglio in movimento.. e non poteva essere altrimenti  giacche’ lo scopo originario era proprio quello di individuare, nel minor tempo possibile, navi e aerei nemici.

Un grande grazie alla Ducati che si è distinta nel costruirlo e a Luca Mazzoleni che ha riportato miracolosamente questo grande binocolo ”in attività”.

CARLO ROSSI

 [print_gllr id=1809 display=short]

Written by

Carlo Rossi: veneto, da quarant’anni vive a Bologna. Quasi certamente il più anziano del gruppo ma non necessariamente il più equilibrato. Affamato di ogni binocolo che ai suoi occhi promette più degli altri ne distolglie l’interesse dopo averlo acquistato. Predilige i vintage a porro che ha raggruppato in collezione in tre filoni: 1) piccoli binocoli da teatro e da campagna dal 1900 al 1925. 2) binocoli vintage anni 1940 > 1990 militari e non. 3) binocoli giganti militari e non dal 1940 ad oggi. Tutti pezzi che dormono magnificamente silenziosi a casa sua. Ogni tanto li porta al parco eolico Casoni Di Romagna, ove si delizia, con amici, delle formidabili immagini che questi, fedelmente, restituiscono. Collabora con Binomania in qualità di esperto di binocoli della II Guerra Mondiale.

You may also like...

1 Response

  1. Gordon Rayner ha detto:

    Has anyone found the 10 x 80 Zeiss/Bimar/eug Warsawa lens information? Glass types , thicknesses, radii? I have two of those, both blc Carl Zeiss Jena. I once saw a Ducati version.

    What about the blc/eug 10 x 80 with 80 degree inclination ( ” BibeFesche” ( Binokulares BeobachtungsFernrohr m. Schraegem Einblick)) ?

    I have a microfilm of plans for the 10 x 80 Flak type, with 45 deg inclinastion, the Busch design, made by Busch, Schneider, Leitz, Fuess, eug Warsaw, and maybe more places. Those came from a Leitz file copied by postwar Allied investigators/archivists.

    Also have plalns for sights for the Panther tank , from Leitz . I do not know if Leitz won the contract for those.