Canon 10×30 IS II e Canon 12×36 IS III.

Share Button

I nuovi binocoli stabilizzati Canon, il 10×30 IS II e il 12×36 IS III, saranno venduti al pubblico dal 15 di Luglio 2015, almeno questo è quello che si può leggere sul sito ufficiale giapponese. Per tale motivo io  sono molto contento di poter pubblicare le  impressioni d’uso riferibili a  “ due demo per la Stampa” che sono arrivate in Italia qualche giorno fa. Ringrazio, quindi, Francesco Petruzzi dell’ufficio Stampa Canon per aver dato la precedenza a Binomania.

Canon10x30ISII_6.jpg

Un primo piano sui nuovi binocoli Canon 10×30 IS II e Canon 12×36 IS III

 

Caratteristiche tecniche dichiarate dalla Casa Madre per il modello 10×30 IS II (fra parentesi quelle del Canon 12×36 IS III, quando differenti)

Modello 10 × 30 IS II (12×36 IS III)
Ingrandimento Dieci volte (dodici)
Diametro (mm) 30  (36)
Campo di vista reale ° 6 ° -105m/ 1000m  (5°- 87.5m/1000m)
Il campo apparente di vista (ISO14132-1) 55.3 °
Configurazione ottica obiettivo due elementi in un gruppo
Configurazione lente oculare cinque elementi in quattro gruppi
Diametro della pupilla 3 millimetri
Estrazione pupillare 14,5 millimetri
Tipo di prisma Porro II
Distanza interpupillare (mm) 55  ~ 75
Metodo di regolazione messa a fuoco Si sposta l’obiettivo frontale
Distanza minima di messa a fuoco (m) 4.2 (6)
Sistema di stabilizzazione Il sistema di correzione ottica VAP con prismi ad angolazione variabile
Angolo di correzione ± 1.0 ° (+- 0.8°)
Alimentazione Batterie AA × 2 (pacco batterie BP-B1 disponibili)
a temperatura ambiente (25 ℃) . Durata della batteria alcalina circa 9 ore ( possibilità di usare anche batterie nichel- idruro di metallo)
Funzionamento a bassa temperatura  (-10 ℃) e con batterie  alcalina, circa 1 ora
Misure (mm) 127  × 150 × 70   (127 x 174 x 70)
Peso (g) Circa 600 senza batterie (660)
Paraluce Pieghevole
Accessori standard Borsa, cinghia e  tappi  oculare
Prezzo  607 euro e  916 euro IVA inclusa

In effetti, osservando il numero di serie, è palese che siano i primi esemplari prodotti, per tale motivo non sono sicuro se alla versione commercializzata saranno apportate nuove modifiche, tuttavia, ritengo che ci sia ben poco da migliorare vista la qualità degli esemplari testati.

Le caratteristiche tecniche di questi binocoli giapponesi sono state evidenziate varie volte su Binomania.it, consiglio ai lettori di soffermarsi sui link  presenti alla fine di questo articolo.

Per onor di brevità mi limiterò a proporre le loro caratteristiche principali che ne hanno decretato il successo. Si tratta, infatti, di una serie di binocoli molto nota: come presagito questa è la seconda innovazione per il formato 10×30 e ben la terza per il 12×36!

Lo schema del sistema VAP. Cortesia Canon Japan

Lo schema del sistema VAP. Cortesia Canon Japan

 

Il binocolo è costruito intorno ad una lamiera di acciaio laminato a freddo, è composto di varie parti sia elettroniche sia di materiale plastico. I progettisti hanno prediletto l’utilizzo dei prismi di PORRO II che sono più luminosi, nitidi ed economici in confronto ai compatti e “modaioli” prismi a tetto. Lo schema ottico dell’obiettivo è composto di due elementi in un gruppo mentre quello degli oculari è composto di ben cinque elementi in quattro gruppi compreso un doppietto che funge da spianatore di campo per fornire un’ottima nitidezza anche ai bordi della porzione di panorama inquadrato.

Il cuore del sistema di stabilizzazione, invece, è affidato al sistema V.A.P. (prismi ad angolo variabile) due elementi in vetro piatto, uniti da soffietti sigillati contenenti un liquido ad altissimo indice di rifrazione, selettivamente posizionati all’interno del sistema ottico dell’obiettivo. Il sistema è stato ottimizzato per introdurre una evidente compensazione in tempo reale grazie alla presenza di una centralina elettronica e di un micro-computer che  provvede poi a gestirlo, in base alle oscillazioni , cambiando la direzione della rifrazione dei raggi luminosi e consentendo di eliminare le vibrazioni indotte dall’uso a mano libera.

Canon10x30ISII_4.jpg

Lo scafo del binocolo è interamente gommato.

 

Dopo aver rinfrescato la memoria ai lettori sulle caratteristiche tecniche dei binocoli Canon 10×30 IS e 12×36 IS II passo a descrivere le mie impressioni nate da una breve comparativa fra il vecchio Canon 10×30 IS e  la demo del nuovo Canon 10×30 IS II. (continua..)

Gentile lettore. "Canon 10x30 IS II e Canon 12x36 IS III." è un articolo a pagamento. Se ha piacere di avere pieno accesso a questo articolo, contribuendo nel contempo a sostenere Binomania, potrà' offrici un cappuccino, pagando 1.8 EUR Il prezzo è già comprensivo delle tasse (3%)e della transazione di paypal (0.35centesimi). Non le sarà addebitato null'altro.

Written by

Piergiovanni Salimbeni: è nato nel Febbraio del 1975 a Varese, una piccola provincia del Nord Italia, attualmente vive insieme con la moglie e le figlie Ersilia ed Ester a Cugliate Fabiasco- Valganna, una verde ed umida valle situata sulle Prealpi lombarde e confinante con il territorio svizzero. Si è laureato presso la Università Statale di Milano con una tesi riguardante i danni da inquinamento elettromagnetico. Esperienze editoriali e nel settore astronomico-naturalistico 1997: Autore della rivista NUOVO ORIONE, fonda, nello stesso anno, insieme con il dott.Raffello Lena il GLR GROUP (Geological Lunar Researches Group) un gruppo internazionale di studi sulla geologia lunare. Attualmente il GLR Group, pubblica una rivista on-line , intitolata Selenology Today 2001: Pubblicazione del libro "OSSERVARE LA LUNA" , inizia un ciclo di conferenze sul tema . 2004-2007- Autore della Rivista di Scienze Astronomiche LE STELLE diretta da Margherita Hack e da Corrado Lamberti. 2005- Fonda il portale BINOMANIA, il primo portale italiano dedicato al mondo dei binocoli 2008-2010 fa parte dello Staff Tecnico della Rivista di Scienze Astronomiche, Coelum, collabora con La Rivista della Natura e con la rivista Fotografare 2011-2012: E'responsabile insieme a Raffaello Braga del nuovo portale Astrotest.it ,dedicato al mondo dell'astronomia e dei telescopi. Collabora, nuovamente, con le riviste di Scienze Astronomiche Nuovo Orione e Le Stelle. Si dedica, inoltre, alla fotografia di paesaggio - http://www.landscapephotography.it organizzando mostre, workshop e corsi individuali. Collabora con l'Oasi Lipu Palude Brabbia (Varese) dove organizza spesso eventi e corsi

You may also like...