Comunicato Stampa Leica Italia:Geovid HD-B 8×42 e 10×42

Share Button

La rivoluzione nell’ottica, nel design, nella misurazione.

Dati Tecnici LEICA GEOVID 8 x 42/10 x 42 HD-B
In dotazione: Cinghia in neoprene, , coprioculari, copriobiettivi, custodia in cordura
Ingrandimento: 8 x / 10 x
Diametro dell’obiettivo: 42 mm
Pupilla d’uscita: 5.2 mm / 4.2 mm
Fattore crepuscolare: 18.3 / 20.5
Campo visivo a 1.000 m: 130 m / 114 m
Minima distanza di messa a fuoco: 5 m
Compensazione diottrica: +/– 4 dpt.
Campo di misurazione della distanza: 10 m – 1.825 m
Precisione di misurazione: +/– 1 m fino a 500 m +/– 2 m fino a 1.000 m +/– 0.5% oltre 1.000 m
Display: display LED a quattro caratteri con intensità di illuminazione regolata sulla luce ambientale automaticamente
Conchiglie oculari girevoli e smontabili: Si, rimuovibili, con 4 stop
Oculari adatti a portatori di occhiali: Si
Messa a fuoco: Interna con ghiera centrale
Rivestimenti delle lenti: HDC® multistrato
AquaDura®
Tenuta stagna: fino a 5 m
Corpo: Magnesio, riempimento in azoto
Dimensioni (L/P/H): 127 × 177 × 81 mm / 125 × 168 × 70 mm
Peso: 950 / 945 g , batteria compresa
Laser: Classe 1 non dannoso per gli occhi, secondo gli standard
Funzioni di misurazione: Scanning mode
Funzioni balistiche: Si, distanza corretta con angolo di sito,
alzo
click/MOA per la torretta
Batteria: 1× 3V CR-2 litio
Durata della Batteria: ~ 2,000 misurazioni a 20°C
Velocità di misurazione: ~ 0,3”
Per informazioni:
Forest Italia Srl, agente esclusivo per l’Italia Leica Sport Optics Via Ca’ Nova Zampieri, 4/E – 37057 San Giovanni Lupatoto (VR)
Email: tatiana.chiavegato@forestitalia.com

Allo Shot Show di Las Vegas (15 -18 Gennaio 2013), Leica Camera AG, Solms, presenterà in anteprima una nuova, straordinaria, generazione di binocoli che combinano osservazione, misurazione della distanza, ergonomia e calcolo balistico in un modo che il mondo non ha mai visto prima. Dotati del nuovo sistema balistico ABC® (Advanced Ballistic Compensation) e della carta micro-SD integrata che -per la prima volta- permette al cacciatore di caricare i dati balistici della propria palla in un binocolo, il nuovo Leica Geovid HD-B offre precisione superiore e versatilità totale per ogni tipo di utilizzo venatorio.
Dalla tecnologia di Leica, pioniere dal 1992 nei binocoli con telemetro integrato, in questo caso rivoluzione è l’unico termine appropriato, perché il nuovo Geovid è straordinariamente innovativo sotto ogni aspetto, tanto che non ha senso paragonarlo a qualsiasi binocolo con telemetro attualmente in commercio. Una vera rivoluzione in ciascuno dei tre elementi principali che caratterizzano un binocolo con telemetro integrato.

Rivoluzione Ottica: Ottica straordinaria e profondità di campo senza precedenti, per un’esperienza di osservazione mai provata prima.
Per la prima volta dopo decenni, un nuovo sistema ottico basato su prismi di Porro (in questa versione sono denominati Perger Porro).* La loro caratteristica è di offrire un’immagine molto profonda e tridimensionale. Dopo decenni dall’ultimo binocolo a prismi di Porro, Leica ne innova il concetto ottico basandosi sulle lenti HD alla fluorite più moderne ed offrendo così qualità ottica generale al livello della miglior concorrenza e immagini dalla tridimensionalità straordinaria.

Rivoluzione nel design: forma unica, spazio tra i tubi più ampio, nessun compromesso nell’aspetto per ospitare il telemetro.
Dopo tanti anni senza innovazioni nell’aspetto esteriore di un binocolo, il Geovid HD-B raggiunge un’ergonomia senza precedenti con una forma che, grazie all’utilizzo dei prismi di Perger-Porro, consente agli oculari di essere in posizione più bassa rispetto agli obiettivi, con vantaggi enormi nel lasciare i pollici nella loro naturale posizione al di sotto del resto delle dita e nel lasciare alle altre otto dita delle mani uno spazio interno ai due tubi per l’impugnazione molto superiore a quello di qualsiasi prodotto comparabile. Anche le mani più grandi potranno godere di un’impugnabilità mai provata.
In più, per la prima volta non è stato necessario alcun compromesso nel design: il telemetro integrato è rivelato solo dai due pulsanti di misurazione e non esiste alcun altro elemento che differenzia il Geovid HD-B da un normale binocolo.


Rivoluzione nella misurazione della distanza: oltre la distanza con l’angolo di sito
Il nuovo Geovid HD-B è lo strumento di misurazione più completo sul mercato: adottando lo stesso software ABC® del telemetro CRF 1600-b, misura temperatura, pressione atmosferica e angolo di sito e li incorpora automaticamente nel calcolo, fornendo distanza corretta con l’angolo di sito oppure alzo in centimetri o infine numero di clic da dare alla torretta balistica per essere precisi a qualsiasi distanza.
Ma la rivoluzione è nell’adattamento totale alla palla utilizzata dal cacciatore, grazie ad una scheda microSD estraibile, come quelle delle fotocamere digitali, su cui è possibile salvare le informazioni fornite dal programma balistico disponibile a breve su www.leica-camera.com. Il programma è facilissimo da usare e lavora come quello per i reticoli e le torrette balistiche: il cacciatore imposta i dati della palla che usa e li salva sulla carta microSD.
Il risultato è uno strumento su cui non leggere più solo la distanza corretta con l’angolo di sito, ma direttamente quanti clic dare alla torretta balistica, senza più bisogno di ricorrere a tabelle. Ogni cacciatore può avere tante carte microSD quante armi possiede, per avere il suo Geovid HD-B sempre settato sulla propria arma.
Il Geovid HD-B è velocissimo (3/10 di secondo per misurare) e potente, e la sua capacità di misurazione sfiora i due chilometri.
Il led adatta automaticamente la propria intensità di illuminazione alla luce esterna, permettendo sempre la lettura ottimale dei dati. Il trattamento Acquadura® sulle lenti esterne impedisce allo sporco e all’acqua di aderire.
Prezzi al pubblico IVA compresa
Geovid HD-B 8×42 €2700
Geovid HD-B 10×42 €2750

NOTA DELLA REDAZIONE: Andreas Perger Porro Prism. Jun, 7 2012 US 20120140349 
Per maggiori info http://www.directorypatent.com/U2S/20120140349.html e http://www.google.com/patents/US20120140349

Written by

Piergiovanni Salimbeni: è nato nel Febbraio del 1975 a Varese, una piccola provincia del Nord Italia, attualmente vive insieme con la moglie e le figlie Ersilia ed Ester a Cugliate Fabiasco- Valganna, una verde ed umida valle situata sulle Prealpi lombarde e confinante con il territorio svizzero. Si è laureato presso la Università Statale di Milano con una tesi riguardante i danni da inquinamento elettromagnetico. Esperienze editoriali e nel settore astronomico-naturalistico 1997: Autore della rivista NUOVO ORIONE, fonda, nello stesso anno, insieme con il dott.Raffello Lena il GLR GROUP (Geological Lunar Researches Group) un gruppo internazionale di studi sulla geologia lunare. Attualmente il GLR Group, pubblica una rivista on-line , intitolata Selenology Today 2001: Pubblicazione del libro "OSSERVARE LA LUNA" , inizia un ciclo di conferenze sul tema . 2004-2007- Autore della Rivista di Scienze Astronomiche LE STELLE diretta da Margherita Hack e da Corrado Lamberti. 2005- Fonda il portale BINOMANIA, il primo portale italiano dedicato al mondo dei binocoli 2008-2010 fa parte dello Staff Tecnico della Rivista di Scienze Astronomiche, Coelum, collabora con La Rivista della Natura e con la rivista Fotografare 2011-2012: E'responsabile insieme a Raffaello Braga del nuovo portale Astrotest.it ,dedicato al mondo dell'astronomia e dei telescopi. Collabora, nuovamente, con le riviste di Scienze Astronomiche Nuovo Orione e Le Stelle. Si dedica, inoltre, alla fotografia di paesaggio - http://www.landscapephotography.it organizzando mostre, workshop e corsi individuali. Collabora con l'Oasi Lipu Palude Brabbia (Varese) dove organizza spesso eventi e corsi

You may also like...