Fujinon KF8x32W:il naturalista in casa Fujinon.

Share Button

Fujinon è apprezzata da migliaia di appassionati in tutto il mondo per i suoi performanti binocoli – dotati di prismi di Porro- con obiettivi da 50 e 70 mm di diametro e per i giganteschi 150 mm, che negli anni passati era il punto di arrivo per i cacciatori di comete, più professionali e motivati.
Non tutti sanno, però, che la nota azienda giapponese, ha presentato, due anni or sono, una nuova gamma di prodotti concepiti per un uso prettamente naturalistico: i Fujinon KF.

Il piccolo Fujinon KF 8×32 W, poggiato sulla custodia in dotazione.

Questi nuovi strumenti sono disponibili in sei formati:

 

  • KF8x25M e KF 8x25M.
  • KF8x32W e KF 10x32W
  • KF8x42H e KF10x42H

 

Io ho testato l’esemplare di medio formato in grado di fornire otto ingrandimenti.
Sono molto felice di scrivere le mie impressioni riguardo questo prodotto, non essendo molto conosciuto, qui in Italia.

Meccanica e sistema di messa a fuoco

Non è difficile rilevare, di primo acchito, il design innovativo del KF 8x32W: lo scafo  ( metallico) è protetto con una gommatura molto aggressiva e zigrinata.

Sono, inoltre, presenti delle zone in cui è stato aumentato “il grip” per facilitare la presa con i pollici.

Di primo acchito, pare assomigliare a un rettile, giacché le zone scabre hanno la parvenza di spire. Questa scelta dei progettisti ha portato a un’esecuzione molto accattivante e moderna.

 

Caratteristiche tecniche dichiarate dalla Casa Madre.

Ingrandimento 8x
Diametro delle lenti 32mm
Estrazione pupillare 14.5mm
Campo in m a 1000 m 131 m (7,5°)
Pupilla di uscita 4.0 mm
Peso 470 g
Trattamento Multi-Strato, trattamento di fase e argentatura.
Prezzo (Fujinon Europe) Maggio 2018 289 EURO IVA INCLUSA

Questo binocolo da 32 mm è decisamente compatto.

Le dimensioni sono sicuramente compatte: la mia bilancia elettronica ha evidenziato un peso di 472 grammi.
Il binocolo, come tutti i prodotti ottico-sportivi che si rispettano, è impermeabilizzato e riempito in azoto per prevenire la formazione di muffe.
Il sistema di messa a fuoco è interno. Si muovono, quindi, gli elementi ottici e meccanici dentro lo chassis.
Questa soluzione consente una maggior protezione dagli agenti atmosferici e una maggior durata dei componenti.

Vi sono – ovviamente – dei componenti  di policarbonato come le ghiere degli oculari, la sede per l’inserimento della cinghia e la manopola di messa a fuoco.

Quest’ultima è delle giuste dimensioni e anch’essa zigrinata. La distanza minima di messa a  fuoco che ho misurato è pari a un metro e cinquanta. Per raggiungere l’infinito, occorre ruotare la manopola in senso anti-orario per circa un giro e mezzo.

Il risultato è migliore, osservando a quattro metri di distanza. In questo caso è possibile compiere una rotazione di meno di mezzo giro per raggiungere i soggetti situati a lunga distanza.

E’ disponibile, ovviamente, una ghiera (senza meccanismo di blocco) per consentire la regolazione della compensazione diottrica sull’oculare destro. Avrei prediletto un movimento più frizionato, perché a volte si potrà – per poca accortezza o involontariamente – spostarla e perdere la regolazione soggettiva.
Nella parte anteriore della manopola sono presenti il nome del formato, la sigla waterproof, e l’esistenza della necessaria correzione di fase sui prismi a tetto.

Gli oculari possiedono un’estrazione pupillare media, pari a 14,5 mm, per tale motivo, consiglierei ai portatori di occhiali di verificare quanto campo riescano a inquadrare con i loro occhiali:
I paraluce degli oculari sono ruotabili con stop prefissati. Non sono totalmente estraibili per facilitare la pulizia della lente di campo dell’oculare.
Ottiche

 

Obiettivi

Fujinon dichiara nulla a riguardo: sul sito ufficiale e sui cataloghi si cita unicamente la presenza di eco-glass.
Gli obiettivi e tutti gli elementi ottici sono ottimizzati con un trattamento FMC (Fully-Multi-Coated) ossia multi-strato su ogni superficie ottica.
Nell’uso pratico hanno dimostrato di possedere una nitidezza più che sufficiente (rispetto a un Top di Gamma) e un buon contrasto.

I colori della Natura si rilevano ai nostri occhi in un modo naturale e quasi totalmente neutro, se si eccettuano alcuni viraggi verso il giallo o il rosaceo in base alle condizioni d’illuminazione.

Mia figlia maggiore Ersilia, durante una prova sul campo.

 

Oculari

Possiedono una discreta estrazione pupillare, il campo fornito è ampio ma non in grado di superare gli 8°, che ormai sono il valore riferimento, nella fascia (costosa) degli 8×32.
Le conchiglie paraluce sono comode e si “indossa” molto bene anche in presenza di una distanza inter-pupillare stretta.

Un primo piano sugli oculari del Fujinon KF 8×32 W

Prismi

 I prismi sono a tetto e beneficiano della correzione di fase e del trattamento con argentatura.

La pupilla di uscita generata è abbastanza sferica con una minima vignettatura.

 

Aberrazioni

Aberrazione cromatica
Posso confermare che queste ottiche sono paragonabili a quelle in dotazione su binocoli, definiti ED, da 300-400 euro.
L’aberrazione cromatica in asse è ben contenuta e si nota, soltanto, in certe condizioni d’illuminazione, ammirando, ad esempio, dei volatili posati sui rami situati in controluce.
E’ impercettibile esaminando il bordo della luna piena o le sagome dei lampioni accesi.

Ergo: è presente ma in misura minima.

 

Cromatismo laterale
Percepibile,  a partire da circa il 70% del campo di vista. Si nota come bordo viola, verde, intorno alle immagini più luminose.

 

Curvatura di campo

Non è un binocolo dotato di campo piatto. E’ visibile un po’ di “sfocatura delle immagini” dall’80% del campo di vista. Il deterioramento è, però, progressivo.

Distorsione Angolare

Presente a cuscinetto, oserei un 4-5% da circa il 75% del campo di vista.

Il trattamento anti-riflesso multi-strato su ogni superficie si è dimostrato all’altezza della situazione, soprattutto se rapportato al prezzo di acquisto.

 

Altre aberrazioni

Nell’uso astronomico posso ripetere le medesime impressioni individuate durante le osservazioni diurne, anche se, i soggetti stellari, essendo puntiformi, sono in grado di mettere in crisi anche i migliori binocoli.

In questo frangente, utilizzando il Fujinon KF 8×32, posso confermare che le immagini stellari iniziano a degradare- soprattutto con le stelle di I e II magnitudine- a partire da circa il 70% del campo di vista.
Usando la mia solita tabella (CM: campo di massima nitidezza, CU: campo utilizzabile, CI: campo insufficiente) posso confermare ciò:
CM: 70%m CU: 20%, CI:10%.

I bordi estremi sono inficiati da un mix di coma-astigmatismo, molto difficile da analizzare.

Tutto – sommato è una performance nella norma fra i binocoli, acquistabili in tale fascia di prezzo.

Questo binocolo è ideale per un giovane appassionato, grazie alle dimensioni compatte.

 

Uso pratico

Permetto che sto scrivendo di un binocolo concretamente economico: ha un prezzo inferiore ai trecento euro. Per tale motivo è utile che i lettori, vadano a rileggere le recensioni di altri prodotti in tale fascia di prezzo, apparsi su Binomania.

Il binocolo possiede una buona qualità ottica globale. Le immagini sono nitide e con un buon contrasto, la resa dei bianchi è abbastanza neutra, (in proporzione all’uso di ottiche non apocromatiche)  anche se talvolta, in base alle condizioni d’illuminazione si può notare un viraggio verso il giallo o il rosaceo.

La protezione di gomma scabra consente effettivamente un ottimo grip.
La messa a fuoco ha qualche incertezza, ma nell’uso pratico sono sempre stato in grado di focalizzare i soggetti in volo. Per me, che non sono portatore di occhiali, l’estrazione pupillare fornita dagli oculari è risultata più che sufficiente.

In linea di massima devo ammettere che Fujinon ha fatto un notevole sforzo, proponendo sul mercato dei binocoli “ Made in Japan” in tale fascia di prezzo.

Comunemente con una cifra inferiore ai duecento euro è possibile acquistare dei prodotti costruiti in nazioni dove la manodopera è meno costosa.
E’ nota a tutti, ad esempio, l’aumento di costo di alcuni prodotti del Sol Levante, a causa dell’ulteriore aumento del costo di manodopera degli operai giapponesi.

Linea aggressiva, Made in Japan…

Pregi e Difetti

 

Pregi

  • La qualità ottica globale (in proporzione al prezzo).
  • Il buon contenimento delle aberrazioni cromatiche.
  • La gommatura spessa e ben zigrinata.
  • Le dimensioni compatte.

 

Difetti

  • Lo scarso campo ottico a disposizione, rispetto alla maggior parte della concorrenza che fornisce binocoli di pari formato con almeno otto gradi di campo.
  • La scarsa estrazione pupillare.

 

In sintesi

 

Il Fujinon KF 8×32 W è un binocolo Made in Japan di buona qualità. Fornisce delle immagini nitide, neutre e con un buon contrasto. E’ compatto, maneggevole e con un design moderno e aggressivo.
Ho apprezzato molto la volontà di Fujinon di proporre in tale fascia di prezzo, dato che, vista la fama di questo brand, avrebbe potuto inserirlo in una fascia di prezzo più alta.

 

 

Ringraziamenti

Ringrazio Renata Pisula, Manager Binoculars & Night Vision per aver fornito l’esemplare oggetto di questo test.

 

Ti è piaciuto quest’articolo? 

Binomania consente a tutti gli appassionati di leggere gratuitamente decine e decine di recensioni di prodotti  ottico-sportivi, per questo motivo, se apprezzi il nostro lavoro, potresti  sostenere Binomania offrendoci un cappuccino attraverso paypal. Ti ringraziamo anticipatamente!

Offrici un cappuccino! 

 

Disclaimer.
Questa recensione è stata pubblicata nel mese di Maggio dell’anno 2018-  Si specifica che le impressioni d’uso sono totalmente personali e date dai tester di Binomania in completa libertà, senza vincolo e rapporto commerciale alcuno e sulla base di esperienza comprovata nell’utilizzo di tali strumenti ottici. Per eventuali informazioni, aggiornamenti e/o variazioni sui prezzi, sulle caratteristiche dello strumento, su i punti vendita autorizzati o altre informazioni in genere, si prega di contattare direttamente Fujifilm

 

Written by

Piergiovanni Salimbeni: Lavora in qualità di Opinion leader nel settore ottico sportivo da quindici anni. E' l'autore e fondatore di Binomania.

You may also like...