General HI-T 20×110 ( United Optics Ba8 Series)

Share Button

Aggiornamento: L’azienda General HI-T non esiste piu’. Per tale prodotto riferirsi al costruttore cinese (United Optics) per verificare la eventuale distribuzione in Italia.

Premessa

Dopo una lunga attesa posso finalmente elencare ai lettori di Binomania le caratteristiche di tale strumento che ho avuto la possibilità di testare accuratamente per sei settimane, sia nel mero utilizzo astronomico che in quello diurno.

 

Il gigantesco 20×110 paragonato al classico formato 7×50

 

Lo scafo ottico

Se già il 15×85 mi era parso un gigante questo 20×110 è davvero imponente: 50 cm di lunghezza distribuiti su ben 6.5 chilogrammi di peso, con tali dimensioni il rapporto- leva inizia ad essere evidente, anche con montature altazimutali che per i comuni 25×100 risultano sovra-dimensionate.

Nel corso delle mie innumerevoli prove, ho riscontrato due discreti setup, seppur non perfettamente inamovibili, li esporrò fra breve. Per ciò che mi è dato di sapere, la General Hi-T sta predisponendo un solido treppiede di legno simile al conosciuto Baader AHT che sarà dotato di una forcella solida, in grado di compiere delle osservazioni in tutta sicurezza e che sarà disponibile fra breve.

Utilizzando questo cavalletto, ho riscontrato dei notevoli limiti, soprattutto a causa del treppiede che, con il notevole peso del 20×110, mostrava un assestamento delle vibrazioni superiore ai cinque secondi. La situazione migliorava semplicemente chiudendo il treppiede alla minima estensione delle gambe.

Per posizionare l’oggetto prescelto al centro del binocolo dovevo, inoltre, indovinare l’eventuale assestamento della leva di bloccaggio della testa fotografica. La forcella d’acciaio Inox della Ghit, invece, ha svolto onestamente il suo compito, anche se una maggior altezza dei lati della forcella potrebbe consentire un’attenuazione delle vibrazioni che è generata dal cilindro utilizzato per non consentire allo scafo del binocolo di toccare con la base della forcella.

Ritengo, inoltre, che sarebbe molto positivo, creare una sagoma di alluminio o in materiale gommoso sopra lo scafo del binocolo che, quando fissato, contribuirebbe a distribuire meglio il peso del binocolo sul supporto, che attualmente è sorretto dalla piccola vite centrale come è d’uso con binocoli dal peso decisamente inferiore.

Personalmente continuo a prediligere le montature a parallelogramma sia per la semplicità d’uso, sia per il maggior confort osservando allo zenith. Per tale motivo ho irrobustito leggermente la montatura di Gaddo Fiorini, ed ho provveduto ad utilizzare un ulteriore peso di due chilogrammi per bilanciare lo strumento.
Con questo supporto le vibrazioni si assestano sempre in 5-6 secondi, ciò dipende in parte dall’altezza della leva che si inserisce nella base della montatura, ma la comodità nel puntare gli oggetti è davvero impareggiabile.

Montando la forcella della GHI-T al posto di una comune testa fotografica il sistema ha dimostrato di lavorare alla perfezione, ergo penso che, quando arriverà il 28×110 chiederò al buon Gaddo una modifica oppure una nuova montatura, più confacente per un binocolo di tal peso. (continua)..

Gentile lettore. "General HI-T 20x110 ( United Optics Ba8 Series)" è un articolo a pagamento. Se ha piacere di avere pieno accesso a questo articolo, contribuendo nel contempo a sostenere Binomania, potrà' offrici un cappuccino, pagando 1.8 EUR Il prezzo è già comprensivo delle tasse (3%)e della transazione di paypal (0.35centesimi). Non le sarà addebitato null'altro.

Written by

Piergiovanni Salimbeni: è nato nel Febbraio del 1975 a Varese, una piccola provincia del Nord Italia, attualmente vive insieme con la moglie e le figlie Ersilia ed Ester a Cugliate Fabiasco- Valganna, una verde ed umida valle situata sulle Prealpi lombarde e confinante con il territorio svizzero. Si è laureato presso la Università Statale di Milano con una tesi riguardante i danni da inquinamento elettromagnetico. Esperienze editoriali e nel settore astronomico-naturalistico 1997: Autore della rivista NUOVO ORIONE, fonda, nello stesso anno, insieme con il dott.Raffello Lena il GLR GROUP (Geological Lunar Researches Group) un gruppo internazionale di studi sulla geologia lunare. Attualmente il GLR Group, pubblica una rivista on-line , intitolata Selenology Today 2001: Pubblicazione del libro "OSSERVARE LA LUNA" , inizia un ciclo di conferenze sul tema . 2004-2007- Autore della Rivista di Scienze Astronomiche LE STELLE diretta da Margherita Hack e da Corrado Lamberti. 2005- Fonda il portale BINOMANIA, il primo portale italiano dedicato al mondo dei binocoli 2008-2010 fa parte dello Staff Tecnico della Rivista di Scienze Astronomiche, Coelum, collabora con La Rivista della Natura e con la rivista Fotografare 2011-2012: E'responsabile insieme a Raffaello Braga del nuovo portale Astrotest.it ,dedicato al mondo dell'astronomia e dei telescopi. Collabora, nuovamente, con le riviste di Scienze Astronomiche Nuovo Orione e Le Stelle. Si dedica, inoltre, alla fotografia di paesaggio - http://www.landscapephotography.it organizzando mostre, workshop e corsi individuali. Collabora con l'Oasi Lipu Palude Brabbia (Varese) dove organizza spesso eventi e corsi

You may also like...