Il mio 12×62 APO, a cura di Gerhard Eller

Share Button

Foto e testi di Gerhard Eller
Le ultime tre foto sono state scattate al raduno Binocular History Society – Jena 2011 da Carlo Rossi

Si ringrazia Karl Numeier  di Alpinhunting per la traduzione dalla lingua tedesca

Chi scrive, sin  da bambino, ha avuto modo di conoscere i prodotti ottici. Mio zio ritornò a casa dalla Seconda Guerra Mondiale con  un piccolo binocolo Zeiss. Se non ricordo male si trattava di un compatto 6×24.

Durante le lunghe camminate fatte insieme a  lui, lo portavo, spesso, al collo con  molto orgoglio. L’entusiasmo nel guardare attraverso i  binocoli è iniziato proprio grazie a  questo piccolo strumento.

Giacché mio nonno disponeva solamente di un binocolo galileiano, che non forniva di certo le prestazioni del binocolo Zeiss, insistevo sempre per poter compiere delle escursioni in mezzo alla natura anche in compagnia di mio zio e del suo amato 6×24.

Questo accadeva negli anni 50! E’ stata un emozione indimenticabile per un bambino poter godere di questa impressionante capacità visiva concessa dall’uso di quest’ottica.  Fu per me, infatti, l’esperienza chiave che mi   fece amare i binocoli.

Dopo  anni di ciò che definisco astinenza, l’interesse per le ottiche è rinato, grazie all’astronomia amatoriale.

I miei studi di meccanica di precisione, mi hanno concesso, dopo aver studiato l’apposita letteratura, di costruire il mio primo cannocchiale . Con un collega di lavoro, infatti, realizzammo  due  montature e un telescopio a rifrazione.  Il  mio collega  possedeva anche un telescopio rifrattore 60 mm di diametro con una lunghezza focale di 910 mm.

Il mio telescopio rifrattore, invece, era composto da un  obiettivo Lichtenknecker AK con apertura 125 mm e  lunghezza focale di 1300 mm.

Terminati gli studi di ingegneria meccanica mi sono posto nuovi orizzonti. Dopo aver costruito svariati cannocchiali astronomici, infatti, mi sono dedicato alla costruzione di binocoli.

Questo perché ritengo sia  meraviglioso poter osservare attraverso uno strumento binoculare di alta qualità.

Dopo aver collezionato ed acquistato molti binocoli forniti dai vari costruttori e dopo aver confrontato gli stessi non ho mai più avuto quella sensazione percepita da bambino. Nonostante i nuovi prodotti disponessero di campo visivo maggiorato, l’impressione d’osservazione era solamente mediocre.

Disponevo di numerosi binocoli ma nulla era come ciò che avevo percepito da giovane, guardando attraverso quel tale binocolo.

Ovviamente chi legge questo articolo potrà confutare che  guardare attraverso un prodotto d’epoca, seppur a  suo tempo  fosse tra i migliori, non  sia soddisfacente come la visione ottenuta dai binocoli moderni. Questo perchè  l’industria ottica ,col tempo, ha notevolmente migliorato i prodotti. Personalmente, però,  non mi sono mai ritenuto abbastanza soddisfatto.

Per puro caso ho conosciuto alcune persone che avevano a che fare con prodotti ottici d’epoca, specialmente con i  binocoli della seconda guerra mondiale e cosi ho avuto modo di poter utilizzare nuovamente questi affascinanti binocoli.

Finalmente ritrovai questa sensazione meravigliosa. L’impressione nel guardare attraverso questi binocoli è  davvero fenomenale.

Ho osservato principalmente nello  Zeiss 10×80 20 °, nel 10×80 80° , il binocolo “Flakglas” 10×80 45° e lo Zeiss 8×60 Deckmounted di Carl Zeiss Oberkochen.

Sicuramente ci sono altri binocoli che rientrano in questa fascia qualitativa  ma io focalizzai il mio interesse , in particolar modo, sullo Zeiss 8×60 Deckmounted

I dati tecnici di questo prodotto mi colpirono. Grazie al suo enorme campo visiva l’osservazione con questo strumento è, ancora oggi, semplicemente fantastica.

Il diametro molto grande della pupilla d’uscita è altresì una proprietà importante di questo binocolo. L’ingrandimento 8x è un po’ basso per un binocolo dalla massa di 6,5 kg. A prescindere dall’ingrandimento ridotto, senza  un treppiede stabile, non si può usare. Si tratta di un binocolo che è montato in maniera fissa su un imbarcazione.

Grazie alla mia attività di collezionista sono entrato in possesso di due oculari di questo binocolo, ma anche di  due prismi Porro II, di Carl Zeiss Jena nonché di  due obiettivi Leica (62 mm APO)  che hanno avviato  la mia idea di  costruire un “superbinocolo.”

Si tratta di un 12×62 APO.

Dopo aver  terminato la costruzione di questo prodotto ho ritrovato anche le sensazioni perdute da bambino.

Questo prodotto è stato presentato al pubblico, per la prima volta, durante il raduno di astronomi amatoriali ITV a Vogelsberg.

I commenti degli appassionati sono stati molto positivi “Una cosa così non l’ho mai vista!” , “ma questo non è possibile!”,  sono state le espressioni che ho udito spesso.

Gli astrofili non sono persone qualsiasi, sono molto esigenti in fatto di ottica e sanno benissimo distinguere un’ottica di qualità da una mediocre ed apprezzano molto le visioni a grande campo.  Oltretutto i commenti positivi sono pervenuti anche da parte di vari costruttori di ottiche.

Un collaboratore della ditta Carl Zeiss AG, che conosco personalmente, ad esempio, ha mostrato grande interesse.

Lo stesso effetto è stato ottenuto all’ATT di Essen. Parole come “impossibile“, “meraviglioso“, “il top“ sono state ripetute molto spesso. Dove lo si può acquistare? Quanto costa?

Queste le domande ripetutemi molte volte!

Il mio grande desiderio sarebbe che la ditta Zeiss decidesse di proporre nuovamente sul mercato un prodotto di questo tipo.

Il “godimento visivo” che viene offerto da questa configurazione ottica è imbattibile.

E’ un ottimo binocolo per osservare il paesaggio, grazie alla sua ottima qualità ottica e al grande campo fornito.

[print_gllr id=4177]

Written by

Piergiovanni Salimbeni: è nato nel Febbraio del 1975 a Varese, una piccola provincia del Nord Italia, attualmente vive insieme con la moglie e le figlie Ersilia ed Ester a Cugliate Fabiasco- Valganna, una verde ed umida valle situata sulle Prealpi lombarde e confinante con il territorio svizzero. Si è laureato presso la Università Statale di Milano con una tesi riguardante i danni da inquinamento elettromagnetico. Esperienze editoriali e nel settore astronomico-naturalistico 1997: Autore della rivista NUOVO ORIONE, fonda, nello stesso anno, insieme con il dott.Raffello Lena il GLR GROUP (Geological Lunar Researches Group) un gruppo internazionale di studi sulla geologia lunare. Attualmente il GLR Group, pubblica una rivista on-line , intitolata Selenology Today 2001: Pubblicazione del libro "OSSERVARE LA LUNA" , inizia un ciclo di conferenze sul tema . 2004-2007- Autore della Rivista di Scienze Astronomiche LE STELLE diretta da Margherita Hack e da Corrado Lamberti. 2005- Fonda il portale BINOMANIA, il primo portale italiano dedicato al mondo dei binocoli 2008-2010 fa parte dello Staff Tecnico della Rivista di Scienze Astronomiche, Coelum, collabora con La Rivista della Natura e con la rivista Fotografare 2011-2012: E'responsabile insieme a Raffaello Braga del nuovo portale Astrotest.it ,dedicato al mondo dell'astronomia e dei telescopi. Collabora, nuovamente, con le riviste di Scienze Astronomiche Nuovo Orione e Le Stelle. Si dedica, inoltre, alla fotografia di paesaggio - http://www.landscapephotography.it organizzando mostre, workshop e corsi individuali. Collabora con l'Oasi Lipu Palude Brabbia (Varese) dove organizza spesso eventi e corsi

You may also like...