Nikon Monarch 5 8×42

Share Button

Spesso i lettori di Binomania  scrivono chiedendomi  se esiste un binocolo leggero, compatto, dotato di ottiche ED e che non costi uno stipendio. Presto detto: Nikon Monarch5 8×42!

Dopo averne testato brevemente un esemplare, mesi or sono, e dopo aver saggiato le prestazioni del Monarch 5 20×56 ED, ho chiesto a Nital  il formato da 42 mm, che ho avuto modo di utilizzare  durante le prime settimane dell’anno.

Nikon_Monarch_5_15.jpg
La serie Monarch 5 da 42 mm di diametro è decisamente compatta e leggera.

Caratteristiche tecniche dichiarate dalla Casa Madre.

Diametro lenti (mm) 42
Ingrandimento (mm) 8x
Rivestimento completo multistrato
Rivestimento dielettrico a specchio del prisma ad elevata riflettenza
Conchiglia oculare a rotazione ed estrazione
Impermeabile
Campo visivo (°) 6,3°
Campo visivo apparente (mm)  normativa ISO 14132-1:2002 standard 47,5°
Campo visivo a 1000 m (m) 110
Estrazione pupillare (mm) 19,5
Messa a fuoco minima (m) 2,5
Dimensioni (mm) 145x129x54
Peso (g) 590
Prezzo Euro IVA Esclusa Febbraio 2014  402,00

 

Costruzione meccanica e sistema di messa a fuoco.

Il Nikon Monarch 5 seppur sia proposto ad un prezzo  di poco inferiore ai 500 euro, si atteggia da primo della classe: vetri ED,  spessa gommatura, impermeabilizzazione, leggerezza.

Lo scafo ottico in alluminio, infatti, ha consentito ai progettisti di limitare il peso a poco meno di 600 g. La sua leggerezza si apprezza  appena lo si impugna. Si potrebbe

trasportarlo al collo per ore, questo è un peso più simile ad un classico binocolo da 30 mm che ad un luminoso 42 mm. In effetti, con l’arrivo delle nuove ottiche a bassa dispersione, decisamente più economiche che in passato  è possibile ottenere strumenti compattissimi ma  che esibiscono una qualità ottica ben superiore ai binocoli di fascia superiore degli anni 2000.

La gommatura e le rifiniture del binocolo sono molto valide, bello anche il design sagomato che prevede anche un incavo laterale per un migliore appoggio del palmo delle mani. Eccellenti anche gli anelli di fissaggio dei tappi copri lenti che mi sono parsi  molto efficaci durante l’uso sul campo.

Nikon_Monarch_5_3

Sistema di messa a fuoco classico ma affidabile

Badando maggiormente alla sostanza che alle innovazioni tecnologiche la serie Monarch 5 è dotato di un sistema di focalizzazione interno, affidato ad un bel rotore centrale e alla classicissima ghiera per la compensazione diottrica presente sull’oculare destro.

Che dire? Poco da eccepire: buona la fluidità come è prassi nei binocoli Nikon, zero imputamenti o giochi. nNche in questo caso risulta superiore a certe soluzioni decisamente più costose. La ghiera di regolazione, ben zigrinata, è priva di  sistema di blocco, tuttavia dovendo praticare un po’ di pressione per ruotarla non pare necessitarne.

La messa a fuoco minima è dichiarata in due metri e mezzo, a questa distanza grazie alla compattezza e la minima distanza dei tubi ottici è possibile osservare senza troppo disagio. Per raggiungere i 15 metri si deve girare la manopola di  circa 3/4 di giro.da questa distanza all’infinito occorre ruotare la manopola di pochissimi millimetri. La regolazione verso l’infinito avviene in senso orario.

 

Obiettivi.

Nikon_Monarch_5_5.jpg

Un primo piano sugli obiettivi a bassa dispersione del Nikon Monarch 5

Lenti.
Il binocolo fa uso di ottiche a bassa dispersione. Ovviamente non abbiamo di fronte la medesima qualità della serie EDG, in ogni modo, la resa risulta superiore ad un classico binocolo acromatico. Di fatto l’aberrazione cromatica si nota  più che altro nelle classiche situazioni di contro-luce, oppure osservando la luna piena o i fili elettrici durante una giornata nuvolosa.  In tale caso compare un “lievissimo” velo di aberrazione cromatica intorno alle immagini, direi paragonabile a quello visibile nei Top di Gamma di pochi anni or sono. Presente, un po’ di cromatica laterale a partire da circa il 70% del campo.
La tonalità dei colori mi è parsa leggermente calda, la nitidezza al centro del campo molto, molto buona, di poco inferiore a quella di  un binocolo di fascia alta.

 

Oculari.
Gli oculari forniscono una buona estrazione pupillare di quasi 20 mm, risulta quindi agevole l’osservazione alla maggior parte dei portatori di occhiali.

Nikon_Monarch_5_8.jpg

Gli oculari si sono dimostrati molto comodi da utilizzare, grazie ai paraluci che ben si adattano anche ai visi occidentali. Piccolo il campo reale fornito

 

Buona la gomma dei paraluce che purtroppo non sono totalmente estraibili. Per contenerne il costo e le aberrazioni geometriche il binocolo non fornisce un ampio campo di vista. Soltanto 6.3°. Chi ambisse a campi apparenti maggiori dovrà necessariamente affidarsi ad altre soluzioni.

Prismi.
 La pupilla di uscita nell’oculare sinistro risulta lievemente vignettata, minima, ma presente la caduta ai bordi dell’immagine osservando il cielo diurno.

Aberrazioni.
Curvatura di campo.
Il Monarch 5  8×42 non è un binocolo provvisto di campo piatto. Nel suo percorso ottico non sono previste lenti asferiche o spianatori di campo.  La curvatura di campo  si evidenzia a partire da circa il 75% del calo di vista, fortunatamente il calo è graduale e la leggibilità ai bordi si mantiene buona. Di giorno e in soggetti giovani è possibile compensare quasi totalmente questa aberrazione trovando un punto di focalizzazione medio fra quello richiesto al centro del campo e quello ai bordi. Maggiore quindi la percezione di questa aberrazione durante l’uso crepuscolare.

Nikon_Monarch_5_13.jpg

Molto bello il design della serie Monarch 5

Distorsione.
Si nota un po’ di distorsione  a cuscinetto a partire da circa il 70% del campo di vista. Non è eccessiva, l’effetto palla rotolante è parzialmente visibile, almeno per la mia percezione visiva.

Coma e astigmatismo.
Nell’osservazione astronomica, con stelle di II magnitudine si nota astigmatismo a partire da circa il 75% del campo di vista.

 

Uso pratico.

Il Nikon Monarch 5 8×42 consente di entrare nel settore dei binocoli con vetri ED ad una cifra onesta, spesso sul web inferiore ai 350 euro.
La resa ottica è di tutto rispetto, cosi come la nitidezza al centro del campo.  Eccellente la sua leggerezza ed anche l’ergonomia. Nikon cura le rifiniture anche nei prodotti

di fascia bassa e pare che tenga molto alla serie Monarch, forse perchè è una fra le più utilizzate dai birdwatchers di tutto il mondo.

Nikon_Monarch_5_10.jpg

Visto il periodo in cui è stato effettuato il test, il Monarch 5 ha dovuto affrontare neve, gelo ed anche repentini cambi di temperatura. A fine prova non ho notato presenza di condensa all’interno del tubo ottico.

In sintesi. 
Il Monarch 5  8×42 è un interessante acquisto per tutti gli appassionati di osservazioni naturalistiche che non vogliono o possono spendere cifre molto alte. Il marchio è garanzia di eventuale assistenza post-vendita nonché  di un alto controllo di qualità.

Pregi e difetti.

Fra i pregi cito, la nitidezza al centro del campo, la presenza di lenti ED, la leggerezza, l’ergonomia, la buona messa a fuoco e una comoda estrazione pupillare
Fra i difetti cito il campo apparente inferiore a soluzioni con prismi a tetto nella medesima fascia di acquisto.

Aiuta Binomania acquistando il tuo binocolo preferito su Amazon!

[print_gllr id=5742]

Disclaimer. Questa recensione è stata pubblicata nel mese di   Febbraio del 2014  Si specifica che le impressioni d’uso sono totalmente personali e date dai tester di Binomania in completa libertà, senza vincolo e rapporto commerciale alcuno e sulla base di esperienza comprovata nell’utilizzo di tali strumenti ottici. Per eventuali informazioni, aggiornamenti e/o variazioni sui prezzi, sulle caratteristiche dello strumento, su i punti vendita autorizzati o altre informazioni in genere, si prega di contattare direttamente Nital SPA  cliccando sull’immagine qui di seguito.

 

Written by

Piergiovanni Salimbeni: è nato nel Febbraio del 1975 a Varese, una piccola provincia del Nord Italia, attualmente vive insieme con la moglie e le figlie Ersilia ed Ester a Cugliate Fabiasco- Valganna, una verde ed umida valle situata sulle Prealpi lombarde e confinante con il territorio svizzero. Si è laureato presso la Università Statale di Milano con una tesi riguardante i danni da inquinamento elettromagnetico. Esperienze editoriali e nel settore astronomico-naturalistico 1997: Autore della rivista NUOVO ORIONE, fonda, nello stesso anno, insieme con il dott.Raffello Lena il GLR GROUP (Geological Lunar Researches Group) un gruppo internazionale di studi sulla geologia lunare. Attualmente il GLR Group, pubblica una rivista on-line , intitolata Selenology Today 2001: Pubblicazione del libro "OSSERVARE LA LUNA" , inizia un ciclo di conferenze sul tema . 2004-2007- Autore della Rivista di Scienze Astronomiche LE STELLE diretta da Margherita Hack e da Corrado Lamberti. 2005- Fonda il portale BINOMANIA, il primo portale italiano dedicato al mondo dei binocoli 2008-2010 fa parte dello Staff Tecnico della Rivista di Scienze Astronomiche, Coelum, collabora con La Rivista della Natura e con la rivista Fotografare 2011-2012: E'responsabile insieme a Raffaello Braga del nuovo portale Astrotest.it ,dedicato al mondo dell'astronomia e dei telescopi. Collabora, nuovamente, con le riviste di Scienze Astronomiche Nuovo Orione e Le Stelle. Si dedica, inoltre, alla fotografia di paesaggio - http://www.landscapephotography.it organizzando mostre, workshop e corsi individuali. Collabora con l'Oasi Lipu Palude Brabbia (Varese) dove organizza spesso eventi e corsi

You may also like...