Nuovi Nikon Monarch HG

Share Button

Il distributore italiano dei prodotti Nikon, Nital S.p.A ha divulgato un interessante comunicato stampa dove sono presentati i nuovi binocoli Monarch HG.

Per anni la gamma HG ha rappresentato il prodotto Top di Gamma dell’azienda giapponese e i piu’ affezionati lettori ricorderanno le recensioni ad esso dedicate.

Piero Pignatta, componente attivo del Team di Binomania,  ha ricevuto in prova uno dei primi esemplari giunti in Italia; prima di leggere le sue impressioni, pero’, analizziamo  le caratteristiche tecniche dichiarate dalla Casa Madre.

Nikon_HG_2016_2

I nuovi Monarch HG saranno disponibili nei classici formati 8×42 e 10×42, pare offriranno alte prestazioni sia ottiche, sia meccaniche. Il campo di vista apparente è decisamente ampio

(60,3° per l’8×42 e 62,2° per il 10×42) e la resa sarà da “campo piatto”.  Attendiamoci quindi delle immagini perfetti dal centro ai bordi.

L’aberrazione cromatica sarà corretta da nuovi vetri ED  (a bassissimo indice di dispersione)  che forniranno nel contempo immagini nitide e contrastato. Non mancherà’ ovviamente un rivestimento dielettrico multi-strato a elevata riflettenza .

Lo scafo è composto da lega di magnesio ed è presente anche un trattamento superficiale delle lenti per garantire la resistenza ai graffi.

Pare che anche in questo caso abbiamo curato molto l’estrazione pupillare per consentire un utilizzo comodo ai portatori di occhiali.

Nikon_HG_2016

Come ogni binocolo Alpha che si rispetti anche i nuovi Monarch HG saranno impermeabilizzati grazie all’utilizzo di O-ring e del riempimento in azoto (5 metri per 10 minuti).

Ritengo che la mossa di Nikon sia oltremodo azzeccata: i Nikon EDG non hanno riscosso il successo che forse meritavano e forse era doveroso dare un nuovo riferimento nell’ampia gamma Monarch, soprattutto perchè l’acronomico HG era sinonimo di un binocolo che all’epoca fu il vero antagonista dei prodotti europei di alta qualità.

Buona fortuna, Nikon.

Rimanete in attesa di ulteriori aggiornamenti.

 

 

Written by

Piergiovanni Salimbeni: è nato nel Febbraio del 1975 a Varese, una piccola provincia del Nord Italia, attualmente vive insieme con la moglie e le figlie Ersilia ed Ester a Cugliate Fabiasco- Valganna, una verde ed umida valle situata sulle Prealpi lombarde e confinante con il territorio svizzero. Si è laureato presso la Università Statale di Milano con una tesi riguardante i danni da inquinamento elettromagnetico. Esperienze editoriali e nel settore astronomico-naturalistico 1997: Autore della rivista NUOVO ORIONE, fonda, nello stesso anno, insieme con il dott.Raffello Lena il GLR GROUP (Geological Lunar Researches Group) un gruppo internazionale di studi sulla geologia lunare. Attualmente il GLR Group, pubblica una rivista on-line , intitolata Selenology Today 2001: Pubblicazione del libro "OSSERVARE LA LUNA" , inizia un ciclo di conferenze sul tema . 2004-2007- Autore della Rivista di Scienze Astronomiche LE STELLE diretta da Margherita Hack e da Corrado Lamberti. 2005- Fonda il portale BINOMANIA, il primo portale italiano dedicato al mondo dei binocoli 2008-2010 fa parte dello Staff Tecnico della Rivista di Scienze Astronomiche, Coelum, collabora con La Rivista della Natura e con la rivista Fotografare 2011-2012: E'responsabile insieme a Raffaello Braga del nuovo portale Astrotest.it ,dedicato al mondo dell'astronomia e dei telescopi. Collabora, nuovamente, con le riviste di Scienze Astronomiche Nuovo Orione e Le Stelle. Si dedica, inoltre, alla fotografia di paesaggio - http://www.landscapephotography.it organizzando mostre, workshop e corsi individuali. Collabora con l'Oasi Lipu Palude Brabbia (Varese) dove organizza spesso eventi e corsi