Spotting scope compatto

Il mondo dei telescopi terrestri e della tecnica del digiscoping. Inserite qui le vostre immagini e i vostri video!
Rispondi
Andrew 83
Buon utente
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/07/2018, 20:05

Spotting scope compatto

Messaggio da Andrew 83 » 13/08/2018, 17:28

Buon giorno a tutti, vorrei gentilmente chiedere un consiglio. Sono un vero neofita e mi piacerebbe acquistare uno spotting scope compatto. Dico compatto perché posseggo un acuter 20-60x80 che non riesco ad usare proprio perché per me è pesantuccio e ingombrante infatti vorrei venderlo. Credo di orientarmi su un 12-36x50 o perlomeno questa è l idea che mi sono fatto. Porto gli occhiali quindi preferirei non toglierli. Grazie a tutti per la pazienza. Budget simile all acuter.... moooolto entry level (yukon 20-50x50?)

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 6617
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Spotting scope compatto

Messaggio da -SPECOLA-> » 13/08/2018, 22:29

http://www.binomania.it/gli-spotting-sc ... kon-30x50/
Considerando gli ingrandimenti, servirà sempre un buon sostegno.
Con l'ACUTER cosa utilizzi?
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della -SPECOLA-> , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIII). http://www.specola.altervista.org/

Andrew 83
Buon utente
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/07/2018, 20:05

Re: Spotting scope compatto

Messaggio da Andrew 83 » 14/08/2018, 0:19

Buona sera specola questa volta ho aperto l argomento nella sezione corretta. Con l acuter non utilizzo niente se non sostegni naturali tipo il tavolo o un muretto ecc... infatti non riesco a sfruttarlo e forse ho capito che al momento non è ciò che cerco. Vorrei uno strumento da poter utilizzare ovunque, pronto all uso e volendo anche a mano libera. Mi serve una buona estrazione pupillare. Pensavo al russo zt 8-24x40. Che ne pensate?

Andrew 83
Buon utente
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/07/2018, 20:05

Re: Spotting scope compatto

Messaggio da Andrew 83 » 14/08/2018, 0:29

Si lo yukon 12-36x50 mi ispira. È vero che anche con questo strumento sarebbe meglio servirsi di uno stativo ma è anche vero che rispetto al mio Acuter è piu corto e leggero quindi credo piu facile da usare piu o meno a mano libera. Se non vi viene in mente altro stringerei la scrematura tra lo yukon 12-36x50 e il russo zt 8-24x40m. Se poi viene in mente altro.....avanti.

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 6617
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Spotting scope compatto

Messaggio da -SPECOLA-> » 14/08/2018, 11:32

Il Telescopes / ZT8-24x40M

Ha i seguenti dati tecnici:

Technical specifications
Magnification 8х ... 24х
Angular field of view 5° ... 1°40'
Diameter of objective, mm 40
Exit pupil diameter, mm 5 ... 1,6
Eye relief, mm 24
Minimal distance of focusing 6 m ( 8х) ... 50m ( 24х)
Operating temperature range, C, from/to -40 ... +40
Overall dimensions, mm 445х55х63
Mass, kg 0,58
Warranty, years 5


Per cui è leggero e mette a disposizione un'elevata estrazione pupillare, tuttavia anche per questo cannocchiale serve un idoneo stativo, se lo si vuole sfruttare fino al limite delle sue potenzialità.
Come ho già scritto, la stessa cosa vale anche per lo Yukon 12-36x50, che è pure meno immediato nel puntamento, essendo uno spotting scope angolato.

Per l'uso a mano, è indispensabile che oltre alla compattezza e alla leggerezza dello strumento ottico, lo stesso fornisca ingrandimenti utilizzabili a mano libera (io direi MAX 12X).

Non so se tu abbia già avuto occasione di utilizzare qualcosa del tipo dei due cannocchiali terrestri sopra riportati ma in caso contrario, forse ti converrebbe prima di tutto trovare qualcosa di piccolo e economico, tipo il NIKULA 10-30X25:
viewtopic.php?f=36&t=7337&p=73467&hilit=#p73424
Giusto per vedere come riusciresti a gestire uno strumento del genere e solo dopo pensare di fare il salto che hai in mente.
Imho.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della -SPECOLA-> , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIII). http://www.specola.altervista.org/

Andrew 83
Buon utente
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/07/2018, 20:05

Re: Spotting scope compatto

Messaggio da Andrew 83 » 14/08/2018, 12:11

Va bene seguirò il consiglio e partirò col nikula. Non so perche ma non pensavo fosse decente....ok

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 6617
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Spotting scope compatto

Messaggio da -SPECOLA-> » 14/08/2018, 14:07

Chiarisco subito che il Nikula ZOOM 10-30X25 non è il non plus ultra dei monocoli, però è interessante perché è completamente realizzato in metallo, con finiture ben fatte, compresa la gomma sull'oculare.
Ha poi la caratteristica di poter mettere a fuoco pure da vicino (come un Pentax Papillo, per intenderci)*, oltre che fino all'infinito; il tutto in modo preciso.

*Questo video, sebbene relativo ad una serie di monocoli SHORT FOCUS di diversa produzione e privi di ZOOM, dovrebbe chiarire abbastanza bene le potenzialità di uno strumento del genere, la cui versatilità è indiscutibile.

Nel NIKULA il campo è "piatto" fino al bordo.
Questo monocolo può essere facilmente montato su un treppiede, grazie all'attacco universale a vite di cui è dotato.
L'unica pecca è che è un po' scuro, per essere un 25 mm.
Tieni presente però, che già di loro le ottiche ZOOM solitamente performano meno, rispetto ai pari formato/caratteristiche, ma privi di ZOOM.
Per l'uso diurno è utilizzabilissimo con soddisfazione; imho.

Inoltre, cosa importante e da non sottovalutare, questi strumenti ottici economici made in CHINA, sono esposti a rischio CQ altalenante; soltanto l'economicità rende sostenibile accollarsi il rischio di acquistarne uno.

Se tutto andrà per il verso giusto, si entrerà in possesso di un monocolo ZOOM che vale decisamente di più del suo prezzo di vendita.
A questo proposito basti sottolineare che i marchi blasonati non tengono nulla del genere a catalogo e ciò deve far riflettere.
Infatti utilizzando il NIKULA ZOOM 10-30x25, facendo mente locale, non può NON venire da pensare a cosa mai potrebbe venir fuori da un progetto del genere, realizzato però da una qualche casa blasonata... :roll:
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della -SPECOLA-> , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIII). http://www.specola.altervista.org/

Andrew 83
Buon utente
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/07/2018, 20:05

Re: Spotting scope compatto

Messaggio da Andrew 83 » 14/08/2018, 14:50

Cosa è il rischio cq? Forse il rischio di acquistare un non originale? Se così fosse proverò a trovare un venditore ben recensito

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 6617
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Spotting scope compatto

Messaggio da -SPECOLA-> » 14/08/2018, 19:38

Ciao Andrew 83,

il CQ è il Controllo Qualità.
In questo contesto, il Controllo di Accettazione con spezione al 100% è costoso e inoltre non è sempre possibile (controlli distruttivi, controlli costosi, produzione di larghissima serie).
Senza contare che un grado di ispezione così severo dirotta la responsabilità della qualità sull’ispettore.

Per ovviare a quanto sopra, di solito si procede all'ispezione per campionamento.
In questo caso si opera in base ad un piano di campionamento definito da due parametri:

n = numerosità del campione
na = numero di accettazione

Se il numero di pezzi non conformi nel campione è minore o uguale a na il lotto viene accettato, altrimenti viene rifiutato.

In pratica è una decisione su base probabilistica per cui esiste la possibilità di prendere una decisione errata.
Un lotto conforme infatti è un lotto con frazione di difetti inferiore o uguale a quanto previsto dalle prescrizioni
(specifica contrattuale).

Il Controllo di Accettazione con ispezione per campionamento, cerca di aggirare gli oneri che contraddistinguono il Controllo di Accettazione con spezione al 100%, principalmente in base ai seguenti punti fondamentali:

- Alcune unità, ovvero la maggior parte, NON vengono esaminate;
– La decisione è affetta da un certo rischio (probabilità di prendere una decisione sbagliata, sia essa l'ACCETTAZIONE, come anche il RIFIUTO dell'intero lotto, che per questo dovrà essere rilavorato al 100% prima di poter essere sottoposto nuovamente al Controllo di Accettazione);
– Il rischio può essere prefissato.

In buona sostanza, IN BASE AL GRADO DI SEVERITA' DEL CQ, esiste la possibilità più o meno accentuata, di entrare in possesso di un esemplare che sebbene facente parte di un lotto che ha superato il Controllo di Accettazione, non faceva parte del piano di campionamento e per questo motivo, NON essendo stato controllato, potrebbe essere anche NON CONFORME.

È questo in buona sostanza il rischio che ho menzionato.

L'ideale sarebbe poter provare il monocolo prima di acquistarlo, in modo da potersi sincerare personalmente della sua EFFETTIVA qualità.
In alternativa, conviene rivolgersi a venditori seri, che offrano una valida GARANZIA, in modo da eventualmente poterla far valere in caso di problemi, così da riuscire a risolvere qualsiasi tipo di situazione negativa per l'acquirente.
Ultima modifica di -SPECOLA-> il 14/08/2018, 20:04, modificato 1 volta in totale.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della -SPECOLA-> , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIII). http://www.specola.altervista.org/

Andrew 83
Buon utente
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/07/2018, 20:05

Re: Spotting scope compatto

Messaggio da Andrew 83 » 14/08/2018, 19:54

Gentilissimo, esaustivo, grazie mille.

Rispondi

Torna a “SPOTTING SCOPES, DIGISCOPING, TELEMETRI E VISORI NOTTURNI”