Discussione su binocolo APM 150

binocoli moderni, binocoli vintage, binocoli classici, binocoli militari, binocoli compatti, binocoli giganti ed altro ancora. Questo settore è dedicato totalmente agli appassionati del binocolo a 360°
stevedet
Buon utente
Messaggi: 786
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da stevedet » 13/02/2018, 12:49

Giovanni Bruno ha scritto:Siccome il nuovo APM da 150mm APO e NON, avrebbe poco senso per un uso terrestre, mentre ne avrebbe moltissimo per un uso astronomico, mi sento di consigliare esclusivamente la variante con oculari inclinati a 90°.
Di questa cosa non sarei così sicuro. Ricordo che diversi anni fa, discutendo del Nexus Jumbo da 150mm sul forum astrofili, il nostro buon Piergiovanni scrisse che i pochi clienti italiani del bestione non erano osservatori del cielo, ma osservatori della fauna, che si sa essere particolarmente attiva alle prime luci dell'alba o nelle ore crepuscolari, quando la poca luce incomincia a mandare in crisi anche i migliori 80mm apo.
Insomma, considerato che i potenziali clienti di un binocolo da 150 mm, dal costo di parecchie migliaia di euro e dal peso non indifferente, sarebbero comunque pochi, penso che la scelta del 45° risulti ancora una volta il compromesso migliore.

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1058
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da Giovanni Bruno » 14/02/2018, 10:54

Per fortuna si può scegliere tra i 45° ed i 90°

Ovvio che per un uso terrestre naturalistico i 45° sono la cosa migliore.

Ma chi lo comprasse a 45° per un uso più mirato verso l'astronomico, i 90° sono più indicati.

Osservo da una vita il deep sky con il 120ED + torretta DENKEMEYER, oppure con un ACRO SW da 120/600mm + torretta DENKEMEYER e la piacevolezza d'uso della visione a 90° per le parti alte del cielo a me pare molto maggiore.

Vi è inoltre un aspetto fisiologico dell'occhio-cervello umano, che vede più ingrandito un oggetto osservato guardando diagonalmente verso il basso, invece che guardando diagonalmente verso l'altro.

L'ho letto più volte in rete, molti anni fa, ma la cosa sul piano pratico io l'ho sempre trovata vera.

Come vera l'ho trovata persino guardando in terrestre, dove prediligo molto seccamente osservare con un binocolo ANGOLATO a 45°, rispetto ad un binocolo DIRITTO, seppur di pari diametro e pari ingrandimento.

Noi umani per prima cosa guardiamo dove mettiamo i piedi e l'OMINIDE PREISTORICO che è in noi è progettato per cercare cose poste per terra appena davanti a noi.

Prova ne sia che i MICROSCOPI di alto livello, sono tutti angolati tra i 30° ed i 45°, pur osservando da seduti, perchè fisiologicamente siamo più rilassati ad osservare con il capo un poco reclinato in avanti, piuttosto che con il capo sollevato verso l'alto.

Io già patisco l'angolazione a 45° del mio APM ED APO da 82/470, quando osservo dai 60° e su fino ai 90°,nonostante la piccola lunghezza fisica molto mi agevola, usando anche i 280mm di corsa della cremagliera del MANFROTTO M475B, ma per un ciclope di 150mm, dalle dimensioni doppie, tutto diventerebbe più complicato, guardando verso lo ZENIT con un'angolazione degli oculari a 45° :thumbup:

alessio
Buon utente
Messaggi: 1518
Iscritto il: 29/09/2011, 8:26

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da alessio » 14/02/2018, 14:32

Giovanni il tuo discorso circa la comodità dell'osservazione,anche terrestre, reclinata in avanti di 45° non fa una piega...la pensavo anche io come te fino a quando non ho iniziato a soffrire di cervicalgia..e fidati è terribile...un conto è sentirlo dire un conto è provarla sulle proprie spalle,collo,testa e braccia....va beh lasciamo perdere :? :?
L'inclinazione a 45° della testa in avanti non è una postura sana,mi diceva il fisioterapista della miriade di adolescenti e di tutte le patologie osteo articolari a causa che stanno ricurvi sul telefono anche 6 ore al giorno...
Riguardo ad eventuali richiami ad istiniti primordiali e ad eventuai percezioni di ingrandimenti maggiori non saprei che dire...ricordo che una delle visioni piu' belle l'ho avuta con il bolide diritto Fujinon 25x150...come al solito sono tutte indicazioni soggettive..ci mancherebbe :thumbup: :thumbup: :wave: :wave:
....il mio vetro preferito??Ovviamente HABICHT 7x42!!!!

stevedet
Buon utente
Messaggi: 786
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da stevedet » 14/02/2018, 17:02

Concordo con alessio. L'inclinazione della testa in avanti è tanto affaticante per la muscolatura del collo e per le vertebre cervicali, quanto l'inclinazione indietro, se si supera un certo angolo e l'insana postura si protrae a lungo.
Detto questo, ad ognuno i suoi gusti. Quello che io avevo bonariamente contestato a Giovanni era però questa premessa:
Giovanni Bruno ha scritto:Siccome il nuovo APM da 150mm APO e NON, avrebbe poco senso per un uso terrestre...
In realtà questi binocoloni hanno sicuramente un interesse anche nel terrestre, come più sopra ho spiegato. Se così non fosse, penso che nessuno si metterebbe a produrli solamente per quei pochi se non pochissimi astrofili che potrebbero esserne interessati.

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1058
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da Giovanni Bruno » 15/02/2018, 10:19

Naturalmente nessuno ha la verità in tasca, men che mai io.

Però mi chiedo perchè tutti i microscopi di alto livello sono BINOCULARI e ANGOLATI tra i 30° e i 45° verso il basso.

Considerando che al microscopio ci si lavora per molte ore, se non per tutto il giorno, io mi chiedo semplicemente perchè delle case blasonate hanno scelto la postura osservativa inclinata in avanti.

Molte volte ho messo fianco a fianco il mio TENTO 20x60, con il MIYAUCHI 20x100 a 45°, con il NEXUS a 23x100 a 45° e con l'APM ED APO a 20x82 a 45° e sempre mi sono stancato molto prima con il TENTO 20x60 che con i tre angolati.

Si badi bene che il mio TENTO 20x60, il mio SOTEM 15x50 ed il mio ZEISS JENOPTEM 10x50, sono rigidamente accopiati ad una stella ESAGONA MANFROTTO e li monto sempre su una testa video M136 su cavalletto M55, quindi osservo sia da in piedi che da seduto con l'ausilio del cavalletto.

Sarà forse perchè in terrestre osservo sempre da casa mia in pianura e punto verso le PREALPI NORD-OCCIDENTALI, e quindi con la mira leggermente alzata, ma di massimo 5°.

Sta di fatto che con un binocolone inclinato a 45° posso osservare per ore il terrestre senza il minimo disturbo, mentre con i tre DIRITTI citati mi si irrigidisce rapidamente il collo.

Ovviamente non escludo che sia una mia caratteristica personale. :thumbup: :wave:

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1058
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da Giovanni Bruno » 15/02/2018, 10:29

Palando di postura osservativa per il terrestre, oltre a moltissime TORRETTE DIRITTE e ben tre TORRETTE ANGOLATE a 45°, di cui due ZEISS erettive ed una ZEISS non erettiva, ne possiedo anche una della LEITZ angolata a 60°, che va a fuoco su qualsiasi rifrattore senza OCS, per l'astronomico.

Ma se per il terrestre si monta la LEITZ a 60° a stretta interfaccia con un DIAGONALE a 90°, come per magia la torretta a 60° si pone all'osservatore con un angolo di 30° sull'orizzonte e pure con la visione raddrizzata SOTTO-SOPRA.

I 30° di questa torretta, coniugata con il diagonale, per me rappresenta la postura terrestre più comoda in assoluto, ovviamente parere e pecezione personale. :thumbup: :wave:

stevedet
Buon utente
Messaggi: 786
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da stevedet » 15/02/2018, 12:17

Giovanni Bruno ha scritto:Naturalmente nessuno ha la verità in tasca, men che mai io.

Però mi chiedo perchè tutti i microscopi di alto livello sono BINOCULARI e ANGOLATI tra i 30° e i 45° verso il basso.

Considerando che al microscopio ci si lavora per molte ore, se non per tutto il giorno, io mi chiedo semplicemente perchè delle case blasonate hanno scelto la postura osservativa inclinata in avanti.
Guarda, io non sono un microscopista, anche se ho a casa un microscopio biologico e uno stereomicroscopio, con cui ogni tanto mi diletto, però penso di non sbagliare dicendo che l'angolazione degli oculari verso il basso soddisfa le esigenze pratiche di chi osserva, dato che l'oggetto da analizzare è appoggiato in basso e viene posizionato e spostato durante l'osservazione. Nel caso dei microscopi biologici inoltre, si agisce spesso anche sull'illuminazione (che proviene dal basso) modificandola, si agisce sul condensatore ottico, diaframmandolo o aggiungendo un filtro colorato. Insomma, vedrei abbastanza improbabile costruire un microscopio che ti costringe a guardare verso l'alto, quando con le mani devi manipolare in basso.

Riguardo al binocolo angolato, l'unica posizione che io trovo scomoda con gli oculari a 45° sono le osservazioni allo zenith. Lì effettivamente avere oculari a 90° sarebbe una pacchia, però c'è da dire che l'osservazione allo zenith la trovo comunque scomoda con le montature alt-azimutali e cerco di evitarla, perché i movimenti risultano alquanto ridotti e difficoltosi. Infatti, anche col dobson (che pur ha l'oculare a 90°) trovo sgradevole osservare allo zenith.

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1058
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da Giovanni Bruno » 16/02/2018, 10:16

Purtroppo l'onnipresente inquinamento luminoso e le foschie sia naturali che da smog, proprio dai 60° ai 90° ci lasciano una porzione d icielo ancora discretamente buia e limpida.

Ad esempio io attendo proprio che una costellazione si porti il più alta possibile, per goderne al meglio gli oggetti più deboli.

Come sempre, parere e gusto strettamente personale. :thumbup: :wave:

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 417
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da Samuele » 25/08/2018, 17:12

Sono state pubblicate da qualche giorno le foto dello stampo industriale del binocolo oggetto di questa discussione.
Pare che il primo prototipo sarà disponibile per una fiera tedesca per la metà di settembre.
Quanto ai prezzi basta scorrere il post: si prevedono circa 8.000 dollari per la versione con vetro FK 61 (che dovrebbe essere commercializzata per prima) e circa 11.000 dollari per la versione con vetro FPL 55.

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1058
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da Giovanni Bruno » 29/08/2018, 18:04

Caspita!!!!! ben 3000€ di differenza tra due diversi vetri ED, è davvero tanta roba, considerando che l'FL-55, sebbene di poco, è comunque inferiore al FPL-53.

Concedetemi l'umano vezzo di essere contento del mio APM ED APO con vetri ED FPL-53, alla luce di tali alti e diversi prezzi, mi pesa meno il costo non lieve pagato per averlo. :thumbup: :wave:

Rick
Buon utente
Messaggi: 143
Iscritto il: 21/08/2014, 11:41

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da Rick » 30/08/2018, 10:17

Sono arrivate le foto del prodotto completo.

Prezzo UE (con IVA 19%): 8495€. Peso 18.7kg. Attenzione, che questo binocolo accetta gli oculari da 2", con prismi da ben 40mm. Viene venduto con una coppia di 30mm UF 74° per 2.7° di campo reale inquadrato.

piero
Buon utente
Messaggi: 3097
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da piero » 30/08/2018, 12:43

dal punto di vista progettuale mi sembra nulla di nuovo sotto il sole: sempre 150 il diametro, sempre intorno ai 18-20 kg, di nuovo questi inspiegabili oculari da 2 "
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 417
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da Samuele » 30/08/2018, 14:27

@ piero,
È la seconda volta che lo scrivi .... certo non avrà l'azzardo del Miyauchi 141 in termini di compattezza e forse trasportabilità (non so quanto pesasse il giapponese), ma il fatto di poter operare (si spera) ad alti ingrandimenti, senza o con pochissima aberrazione cromatica (si spera 2), con correzioni geometriche più da rifrattore che da binocolo (si spera 3 la vendetta :D ) e con oculari da 2 pollici non mi sembra cosa di poco conto.
Anche rispetto ai Fujnon mi sembra che ci siano tanti progressi.
Spiazza anche me quel peso di oltre 18kg, ma credo che in questo una notevole incidenza ce li abbiano i prismi super maggiorati, piuttosto che gli obbiettivi o lo scafo. :think:

Rick
Buon utente
Messaggi: 143
Iscritto il: 21/08/2014, 11:41

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da Rick » 30/08/2018, 15:07

Non capisco perchè viene definita "inspiegabile" la scelta degli oculari da 2".
Secondo me costituiscono uno dei più importanti valori aggiunti del binocolo.

Per intenderci. Una coppia di Panoptic 35mm 68°, al limite di quanto usabile sul 150mm, forniscono 24x, che è pressapoco lo stesso campo massimo inquadrabile dal 100mm con una coppia di Panoptic 24mm 68°. La luce raccolta dal 150mm è però oltre il doppio. E siccome il rich field è uno dei compiti principali di un binocolone astronomico, la cosa non è per niente secondaria. Tanto per fare un esempio, senza i prismi da 2" le Pleiadi per intero nel 150mm non le vedi. E le Pleiadi viste così devono esser belle da commuoversi nel guardarle.

Avatar utente
piergiovanni
Buon utente
Messaggi: 8649
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Discussione su binocolo APM 150

Messaggio da piergiovanni » 30/08/2018, 16:18

Forse Piero sa che spesso e volentieri le persone con una distanza interpupillare piccola faranno una grossa fatica a usare un binocolo con oculari da due pollici..dato il diametro del loro barilotto..Dovrei vedere meglio le specifiche,ovviamente,ma la mia esperienza con i binoscopi e gli oculari da due pollici e'stata un'po' deludente a causa della mia distanza interpupillare che portava a far toccare gli oculari quasi fra loro senza consentirmi di inserire comodamente..il nasone

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk


Piergiovanni Salimbeni
Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it

Autore delle riviste: Itinerari e Luoghi, Nuovo Orione

www.astronomianews.it
www.itinerarieluoghi.it


Osservo con: Swarovski EL 8.5x42, Swarovski SLC 15x56, Swarovski ATX 95, Docter Aspectem 40X ED 80-500, Kowa Highlander Prominar, Takahashi FS128, Celestar 8.

Rispondi

Torna a “BINOCOLI”