Il forum di Binomania.it. Vivi la tua passione: binocoli, spotting scopes, telescopi, microscopi ed altro ancora

Questo spazio è messo gentilmente a disposizione da Piergiovanni Salimbeni di www.binomania.it. Buona partecipazione!
Oggi è 19/11/2017, 2:20

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 16/10/2017, 19:53 
Non connesso
Buon utente
Avatar utente

Iscritto il: 13/09/2011, 21:01
Messaggi: 8319
Località: Valganna
Questa sera mi sono divertito a guardare il doppio di Perseo e la zona fra la Lira e il Cigno con il piccolo petzval Vixen 62, di cui ho appena scritto una recensione.
Luminosità a parte, abituato con ben altri strumenti, ho apprezzato molto la uniformità stellare e la resa ai bordi del piccolino. Pare nato per essere utilizzato con lo zoom Baader e con un cavalletto fotografico + testa fluida.
La domanda è la seguente: Qualcuno ha esperienze simili con rifrattori di maggior diametro?
Avete mai provato, ad esempio, il Vixen 140 Neo Achromat: sulla carta pare una bomba ma forse è uno dei pochi telescopi in cui non ho avuto il piacere di osservare.
Buona serata
Pier

_________________
Piergiovanni Salimbeni
Sito Ufficiale: http://www.binomania.it
Facebook:http://www.facebook/binomania
Twitter: http://www.twitter.com/binomanianews
visita il mio nuovo sito:
http://www.piergiovannisalimbeni.com

Osservo con: Swarovski EL 8.5x42, Swarovski SLC 15x56, Swarovski ATX 95, Docter Aspectem 40X ED 80-500, Kowa Highlander Prominar, Takahashi FS128


Condividere in Facebook Condividere in Twitter Condividere in MySpace Condividere in Technorati
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 16/10/2017, 21:08 
Non connesso
Buon utente
Avatar utente

Iscritto il: 22/09/2011, 15:58
Messaggi: 1452
Località: Milano
Sul NA140 ci diedi un'occhiata anni fà (era di Christian Cernuschi, forse era il 2006) e mi ci divertii molto, era molto bello vedere le Iadi a fuoco fino al bordo, unico problema il cromatismo invadente su stelle di 1ª e 2ª grandezza (infatti sulle Pleiadi dava il massimo :mrgreen: ), ma era otticamente davvero valido (in quell'occasione provai lo zoommino 2-4 che poi acquistai), ottimo snap test, col senno di poi sarebbe stato da prendere, a quei tempi veniva via a poco meno di 800 € (poi appunto ne spesi quasi la metà per il naglerino).

_________________
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 60/700.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 16/10/2017, 21:14 
Non connesso
Buon utente

Iscritto il: 18/09/2011, 22:37
Messaggi: 2885
Località: Torino
ciao pier,
sì, anni fa ho avuto il privilegio di provare l'NA 140 della vixen sul cielo profondo ed era un vero sballo; il massimo del godimento era con un nagler 13 mm (circa 60 x). Il doppio di Perseo a minor ingrandimento era da far piegare le ginocchia. Era un bel tubone, tuttavia ad oggi se dovessi scegliere sarei molto combattuto con gli attuali rifrattori acromatici da 150, tipo il 152 tecnosky, essendo più incline ad osservare oggetti non stellari come nebulose o galassie.
Il 140 tuttavia è molto più leggero (se non ricordo male intorno ai 6 kg) al punto che la buonanima di Felice e il sottoscritto l'avevamo soprannominato l'ETX del cielo profondo

_________________
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 17/10/2017, 6:54 
Non connesso
Buon utente
Avatar utente

Iscritto il: 13/09/2011, 21:01
Messaggi: 8319
Località: Valganna
Ciao, grazie per le risposte.
Caro Piero, il termine "ETX del cielo profondo" è oltremodo azzeccato, peccato per l'alto costo di acquisto.
Ieri sera mi sono concesso un'oretta di tempo a navigar fra forum d'oltre - oceano e ho trovato qualche impressione sul nuovo modello Made in Japan.

All'atto pratico pare che l'aberrazione cromatica sia decisamente contenuta, mi ha colpito molto, infatti, l'opinione di un astrofilo che possiede anche un Taka FS102 e che ha confermato
di percepire un residuo cromatico minimo e molti dettagli sul pianeta Giove. Un altro appassionato, invece, conferma che il residuo cromatico è inferiore a quello del suo esemplare di Vixen 102 degli anni Novanta.

In effetti i vetri che Vixen utilizza nelle ultime produzioni sono più' performanti rispetto ai vecchi obiettivi acromatici. L'ho notato sul Vixen BT126 e ora sul piccolo Vixen da 62 mm.
Questa mattina mi son concesso una breve sessione con il piccolo Petzval alle 6 di mattina - prima di fare colazione - e l'aberrazione cromatica intorno alla falce lunare era decisamente ridotta, simile a quella percepibile nel Vixen 80M che, però, è aperto a F/11!
M42 e la zona circostante era un piccolo quadretto simil-fotografico con un campo totalmente spianato. Stavo utilizzando un semplice zoom baader, la percezione di "perfezione" è quindi migliorabile con gli ottimi Vixen SSW.

Ho scritto qualche giorno fa a Mauro di SkyPoint per sapere se fosse disponibile un esemplare di Vixen 140, l'idea era di utilizzarlo con un bel visore binoculare e verificarne le potenzialità rispetto agli attuali binocoloni. Presumo che sarebbe scaturito un articolo, quantomeno, interessante.

Il buon Mauro mi ha confermato di non avere esemplari disponibili in magazzino giacche tal prodotto e' ignorato da tutti astrofili italiani. :?
Sarà stata forse la recensione "castrante" di Plinio di anni or sono?
Presumibilmente un prezzo di acquisto più' favorevole potrebbe essere foriero di ripensamenti da parte di molti appassionati del cielo profondo.
Del resto se uno dei rifrattori piu' venduti in America è l'ISTAR da 20cm F/6 vi sarà pure una ragione.

_________________
Piergiovanni Salimbeni
Sito Ufficiale: http://www.binomania.it
Facebook:http://www.facebook/binomania
Twitter: http://www.twitter.com/binomanianews
visita il mio nuovo sito:
http://www.piergiovannisalimbeni.com

Osservo con: Swarovski EL 8.5x42, Swarovski SLC 15x56, Swarovski ATX 95, Docter Aspectem 40X ED 80-500, Kowa Highlander Prominar, Takahashi FS128


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 17/10/2017, 6:58 
Non connesso
Buon utente

Iscritto il: 18/03/2013, 1:15
Messaggi: 98
Ciao Pier, io ho un Bresser 152s, quadrupletto spianato, costo irrisorio, goduria sugli ammassi aperti massima...


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 17/10/2017, 7:02 
Non connesso
Buon utente
Avatar utente

Iscritto il: 13/09/2011, 21:01
Messaggi: 8319
Località: Valganna
Ciao Marco, grazie! Piu' tardi vado a leggere le sue caratteristiche.
Avresti una foto del tuo setup per capire gli ingombri?

_________________
Piergiovanni Salimbeni
Sito Ufficiale: http://www.binomania.it
Facebook:http://www.facebook/binomania
Twitter: http://www.twitter.com/binomanianews
visita il mio nuovo sito:
http://www.piergiovannisalimbeni.com

Osservo con: Swarovski EL 8.5x42, Swarovski SLC 15x56, Swarovski ATX 95, Docter Aspectem 40X ED 80-500, Kowa Highlander Prominar, Takahashi FS128


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 17/10/2017, 7:27 
Non connesso
Buon utente

Iscritto il: 09/04/2015, 19:05
Messaggi: 796
Io ho posseduto il PETZVAL NA 140 SSf, campo indubbiamente spianato, ma al cozzo con il mio 120ED ne usciva male alla voce cromatismo e secchezza di immagine sul terrestre-planetario in torretta binoculare.

Volendo restare con un solo rifrattore, ho dato via il PETZVAL da 140mm e mantenuto il 120ED, indubbiamente più universale, dal terrestre di potenza con la torretta ZEISS ERETTIVA a 45°, al deep sky a grande campo con la DENK II, al planetario.

Anche il peso era a favore del 120ED.

Al 120ED tolsi subito il paraluce fisso e ci autocostruii un paraluce collassabile, questa semplice operazione lo rese di una trasportabilità non dissimile dal 80ED con il paraluce rimasto fisso.

:thumbup: :wave:


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 17/10/2017, 7:48 
Non connesso
Buon utente
Avatar utente

Iscritto il: 16/09/2011, 19:07
Messaggi: 1077
Località: opera
Sino a 4/5 anni fa avevo in contemporanea 3 rifrattori da 6 inch. Il Synta ad F8, L'United Optics a F6 e un Bresser / Jingua a F6,7 Petzval. Reiterate furono le prove per anni senza un deciso vincitore ai miei occhi e gusti. A livello dello "spettrale" spettro secondario, si uguagliavano tutti. L'UO era il più bello o meglio costruito, ma davvero pesantissimo, il Bresser aveva una certa luce diffusa nonostante i vari tentativi di sopprimerla, inoltre, tutto questo vantaggio del campo spianato rispetto al Synta non lo percepivo nella realtà'. Quindi, vendetti l'UO e il Bresser Petzval. Sono da tanto tempo, felice possessore di un cinesone Synta che ho migliorato nella parte meccanica ed abbellito nella estetica e sono sempre più convinto che le lenti dei rifrattori, nel visuale, sono come la procreazione di figli oggi: uno insufficiente, tre (e oltre) troppi... :wave:

Ps
Le lenti Vixen, negli anni 90, avevano subito un importante calo qualitativo rispetto al decennio precedente, quando le migliori produzioni erano affidate alla Carton.

_________________
Pratico il "voyeurismo ed il feticismo" con tante (lenti) e confesso la mia passione per le "mature" (lenti) ...


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 17/10/2017, 7:57 
Non connesso
Buon utente
Avatar utente

Iscritto il: 13/09/2011, 21:01
Messaggi: 8319
Località: Valganna
vincenzo ha scritto:


Ps
Le lenti Vixen, negli anni 90, avevano subito un importante calo qualitativo rispetto al decennio precedente, quando le migliori produzioni erano affidate alla Carton.


Ciao, me lo ha detto proprio ieri il proprietario di un Vixen 80 SP mentre trattavo il prezzo di acquisto. :D
Grazie anche per le tue impressioni sui tre rifrattori. Beh, per quanto mi riguarda la resa ai bordi del piccolo Vixen 62 è..commovente. Stelle pari a capocchiette di spillo. La visione di Vega e delle doppie nei suo paraggi era uno spettacolo. Lo stesso dicasi per le Iadi ancora belle basse. Ovviamente stiam parlando di un piccolo rifrattore. Ho avuto, anni fa, lo SW 150/750 e mi pare di ricordare una resa ai bordi non eccezionale.
Rimasi, invece, molto impressionato quando provai per la rivista Le Stelle il Televue NP 101: TANTAROBA ma anche...cieli migliori.

_________________
Piergiovanni Salimbeni
Sito Ufficiale: http://www.binomania.it
Facebook:http://www.facebook/binomania
Twitter: http://www.twitter.com/binomanianews
visita il mio nuovo sito:
http://www.piergiovannisalimbeni.com

Osservo con: Swarovski EL 8.5x42, Swarovski SLC 15x56, Swarovski ATX 95, Docter Aspectem 40X ED 80-500, Kowa Highlander Prominar, Takahashi FS128


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 17/10/2017, 9:23 
Non connesso
Buon utente

Iscritto il: 18/09/2011, 22:37
Messaggi: 2885
Località: Torino
piergiovanni ha scritto:
Il buon Mauro mi ha confermato di non avere esemplari disponibili in magazzino giacche tal prodotto e' ignorato da tutti astrofili italiani. :?
Sarà stata forse la recensione "castrante" di Plinio di anni or sono?

più probabilmente è che non c'è più nessuno che osserva e la maggior parte degli astrofili, anche chi inizia, vuole subito fotografare con una paradossale corsa al ribasso del diametro anziché al rialzo.

_________________
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 17/10/2017, 11:42 
Non connesso
Buon utente
Avatar utente

Iscritto il: 14/09/2011, 12:03
Messaggi: 5925
Località: Mediolanum
Mah, secondo me è uno schema in po' superato dalla coppia apocromatico + spianatore. Comunque mi pare uno strumento più da fotografia che da visuale, tieni presente che con l'oculare giusto anche un rifrattore ordinario non spianato può dare buone prestazioni sulla maggior parte del campo. Ho provato poco tempo fa un 20 mm da 100 gradi di campo che mi ha dato prestazioni sorprendenti con un piccolo acromatico a f/6.

_________________
Raf

La mia pagina su Google+
Astrotest, osservazione e strumentazione astronomica - http://www.astrotest.it
Osservazioni e immagini planetarie - http://pianeti.uai.it/archiviopianeti/


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 17/10/2017, 16:21 
Non connesso
Buon utente
Avatar utente

Iscritto il: 18/03/2012, 10:25
Messaggi: 1145
Località: Milano
Sarò di bocca buona, ma l'acromatico skywatcher 150 f5 mi pare davvero un bel rifrattorone.

_________________
kappellate Astronomiche!
Dobson 16,5", Celestron C925, Newton 6"
e una marea di ocularacci...


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 12 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010

Modified by m@xper for Binomania Forum
Informativa Cookie Law di questo Forum