APM ED APO 82mm/45°

binocoli moderni, binocoli vintage, binocoli classici, binocoli militari, binocoli compatti, binocoli giganti ed altro ancora. Questo settore è dedicato totalmente agli appassionati del binocolo a 360°
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 986
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da Giovanni Bruno » 08/11/2017, 12:47

Oggi ho chiesto a TECNOSKY a che punto era la questione riparazione presso APM in GERMANIA del mio BINOCOLONE APM ED APO da 82mm a 45°

GIULIANO mi dice che il mio binocolone è stato spedito da APM a TECNOSKY ed è in viaggio.

Però mi dice che APM dichiara che il binocolone è stato collimato, subito la cosa mi allarma, il binocolone era IPER-COLLIMATO anche a 150x, mentre il problema era sulla resa ottica scadente del LATO SINISTRO,mentre era eccellente il LATO DESTRO.

Io spero che per collimazione abbiano inteso la collimazione dell'OBBIETTIVO, e-o dei prismi del lato SINISTRO e portati alla stessa grande perfezione del lato DESTRO.

Presto saprò se il problema è stato perfettamente risolto.

Inutile dire che l'ansia è ulteriormente cresciuta e solo un mio test severo potrà dissiparla, se tutto sarà perfetto.

Quel binocolone ED APO da 82mm, alla fine costa come un APO-TRPLET FPL-53 TS da 130mm, mica bruscolini :thumbup: :wave:

Avatar utente
piergiovanni
Buon utente
Messaggi: 8529
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da piergiovanni » 10/11/2017, 10:56

Già..in bocca al lupo.
Piergiovanni Salimbeni
Sito Ufficiale: http://www.binomania.it
Facebook:http://www.facebook/binomania
Twitter: http://www.twitter.com/binomanianews
visita il mio nuovo sito:
http://www.piergiovannisalimbeni.com

Osservo con: Swarovski EL 8.5x42, Swarovski SLC 15x56, Swarovski ATX 95, Docter Aspectem 40X ED 80-500, Kowa Highlander Prominar, Takahashi FS128

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 986
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da Giovanni Bruno » 11/11/2017, 10:46

GRAZIE PIERGIOVANNI, proprio così, il prezzo non è del tutto poplare e dovrebbe comprendere un serio controllo di qualità in fase produttiva, oppure a scelta da parte dell'APM.

Per ora il mio giudizio, severo ma equo, è proprio di una eccellente progettazione e alte prestazioni potenziali, ottenibili se ogni parte è al massimo delle specifiche di progetto.

Ma nel mio caso ho potuto apprezzare molto positivimante solo la metà DESTRA del BINOCOLONE e l'eccellente collimazione tra i due canali.

Mentre l'altra metà SINISTRA era otticamente decisamente peggio dei due canali del buon TECNOSKY IBIS da 100mm. :thumbup: :wave:

Avatar utente
piergiovanni
Buon utente
Messaggi: 8529
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da piergiovanni » 11/11/2017, 11:31

Personalmente sono molto curioso di verificare come si comporterà l'assistenza post-vendita di APM. Mesi fa ho appurato la grande attenzione e operosità di Kowa per un problema, tutto sommato, infinitesimale, rispetto a quello da te evidenziato.
Un utente del forum che ne è stato protagonista potrà senz'altro confermare.
Ciao. Restiamo in attesa di un tuo riscontro.
Pier
Piergiovanni Salimbeni
Sito Ufficiale: http://www.binomania.it
Facebook:http://www.facebook/binomania
Twitter: http://www.twitter.com/binomanianews
visita il mio nuovo sito:
http://www.piergiovannisalimbeni.com

Osservo con: Swarovski EL 8.5x42, Swarovski SLC 15x56, Swarovski ATX 95, Docter Aspectem 40X ED 80-500, Kowa Highlander Prominar, Takahashi FS128

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 986
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da Giovanni Bruno » 11/11/2017, 15:51

PIERGIOVANNI, come mi insegni, mai strumento ottico è più facilmente testabile di un BINOCOLO e di un BINOCOLONE, proprio perchè lo stesso BINOCOLONE con i suoi due distinti canali permette una immediata comparazione tra le due parti.

Se poi una parte regge eccezionalmente bene i 150x sulla cima di una montagna ad oltre 10Km di distanza, mentre l'altra parte svacca di brutto gia a 40x, anche dopo aver invertito prima gli oculari e poi l'OCCHIO INDAGATORE, il verdetto e facile e senza appello.

Ma lo stesso verdetto sarebbe emerso se chi di dovere si fosse scomodato a fare quella semplice prova. :thumbup: :wave:

Avatar utente
daisuke
Buon utente
Messaggi: 561
Iscritto il: 15/07/2012, 18:53
Località: Belluno

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da daisuke » 13/11/2017, 22:21

Sono io l'utente, confermo quanto detto da Piergiovanni (e lo ringrazio ancora per il suo personale supporto).

Ho avuto un problema con l'highlander, e la Kowa Germania (non il rivenditore, non per scelta del rivenditore ma perché Kowa si è fatta carico del problema) mi ha sempre seguito con attenzione. C'è voluto il suo tempo ma alla fine mi hanno dato un binocolo sostituitivo selezionato, perfetto, e non ho pagato nessuna spesa di spedizione né altro.

Ottima Kowa!

Spero vivamente che anche tu risolva, Giovanni.

Cordialmente,
Massimo.
Mi piace guardare lontano.

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 986
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da Giovanni Bruno » 14/11/2017, 14:17

Questa mattina ho telefonato a GIULIANO di TECNOSKY per avere notizie circa la spedizione da APM a TECNOSKY e GIULIANO mi ha detto che era appena arrivato.

Eravano daccordo che lo avrebbe testato prima lui e solo dopo se tutto O.K. me lo avrebbe spedito.

Davanti all'osservatorio TECNOSKY vi è un monumentale traliccio a TORRE a circa 400 metri di distanza a SUD-EST da TECNOSKY.

In cima a quel traliccio vi è un elemento metallico cromato, sulla cui superficie vi è un numero di serie in bassorilievo e quindi sempre cromato, credo che quel numero abbia dei caratteri alti circa 10mm e quindi si presta benissimo ad essere letto a circa 146x mediante due PLANETARY ED da 3,2mm.

Se finalmente quel numero si vedrà nitido sia sul lato destro che su quello di sinistra, prima pessimo e ci sarà ancora una perfetta collimazione, sarò ben felice di ringraziare calorosamente sia APM che TECNOSKY per l'assistenza elargitomi. :thumbup: :wave:

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 986
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da Giovanni Bruno » 19/11/2017, 10:24

L'APM ED APO da 82/470mm a 45° mi è tornato a casa il giorno 16 e con calma ho fatto tutti i controlli del caso.

Sembra sparita la differenza di resa ottica sul lato SINITRO, ora entrambi i due canali ottici performano bene anche a 148x, con due PLANETRY ED da 3,2mm/60°

A 148x, di giorno, la luminosità di immagine del ED APO da 82mm è persino superiore al APM alias IBIS ACRO da 100mm a 45°.

La cosa è del tutto normale, anche tutti gli ACRO da 150mm che ho avuto e confrontato con il 120ED, erano più scuri di giorno rispetto all'APO da 120mm, per poi prendersi una lievissima rivincita di notte sul cielo.

Anche la collimazione a 148x è molto buona e comunque si può portare alla perfezione assoluta con la comoda collimazione mediante la rotazione degli obbiettivi montati su eccentrici, di scuola ZEISS.

Meno esaltanti invece le centriche dei due obbiettivi, comunque ben centrati.

Sul lato SINISTRO la centrica è vagamente QUADRATA, ovvero QUADRILOBATA.

Mentre sullato DESTRO la centrica è vagamete TRINGOLARE, ovvero TRILOBATA.

A fuoco il lato sinistro mostra una stella con un solo anellino di diffrazione ben centrato, ma con lievi cali di luce dell'anellino di diffrazione in quatro punti a 90°

A fuoco il lato destro mostra una stella ben centrata, ma non mostra un anellino di diffrazione completo, ma solo tre corti settori circolari a 120°, segno di qualche tensione nei prismi, oppure negli obbiettivi.

Però la superba resa ottica a 148x ed una APOCROMATICITA SPINTA per un F5,7 mi indurrebbero a sorvolare sulle brutte centriche.

Riconfermo lo stupore che ho riprovato nel rivedere l'82mm alla voce INGOMBRO e PESO,dove lostupore maggiore è stato proprio l'ingombro, in un mese di lontananza, me lo ricordavo già più cicciotto e simile all'IBS da 100mm.

Adoro questo binocolone da 82mm proprio per come riesco a gestirlo a livello di rimessaggio, movimentazione, trasporto, monta e smonta.

Tutti i giorni lo prendo con due dita dall'armadio, lo trasporto agevolmente attraverso varie porte fino al balcone, dove è fisso in attesa un grosso cavallettone a cremgliera elevabile, con sopra una montatura EZ-TOUCHE ed una staffa ad "L" autocostruita, perfettamente baricentrica dall'orizzonte allo ZENIT.

Mentre avendo anche un leggero ma tecnologico cavalletto manfrotto 475B, sto decidendo se prendere una testa video MANFROTTO M502 a base piatta, per un complessivo di montaggio ultra portabile.

Accetto consigli e deduzioni tecnico-ottiche. :thumbup: :wave:

Avatar utente
piergiovanni
Buon utente
Messaggi: 8529
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da piergiovanni » 19/11/2017, 10:47

Ciao Giovanni, puoi spiegarci meglio queste affermazioni?

Meno esaltanti invece le centriche dei due obbiettivi, comunque ben centrati.

Sul lato SINISTRO la centrica è vagamente QUADRATA, ovvero QUADRILOBATA.

Mentre sullato DESTRO la centrica è vagamete TRINGOLARE, ovvero TRILOBATA.


Mi pare che sia stata ottenuta- in qualche modo - la collimazione a discapito del corretto allineamento del treno ottico.
Pier
Piergiovanni Salimbeni
Sito Ufficiale: http://www.binomania.it
Facebook:http://www.facebook/binomania
Twitter: http://www.twitter.com/binomanianews
visita il mio nuovo sito:
http://www.piergiovannisalimbeni.com

Osservo con: Swarovski EL 8.5x42, Swarovski SLC 15x56, Swarovski ATX 95, Docter Aspectem 40X ED 80-500, Kowa Highlander Prominar, Takahashi FS128

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 986
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da Giovanni Bruno » 19/11/2017, 11:25

Ciao PIERGIOVANNI, non potrei descriverla meglio, se fossi capace di fare delle foto e di postarle, esse parlerebbero in modo inequivocabile.

Una stella sfuocata mostra gli anelli di diffrazione QUADRILOBATI sullato SINISTRO e TRILOBATI, sul lato DESTRO, anche se gli anelli, ANELLI???? sono correttamente concentrici.

Come su una stella a fuoco l'unico anellino di diffrazione appare centrato e quasi completo sul lato SINISTRO, mentre e assolutamente incompleto, con solo tre trattini circolari posti a 120 gradi fra loro e con la stella ben al centro dei tre trattini sul lato DESTRO.

Vedrò se riesco a fare almeno le foto e poi spedirle con il telefonino.

Che abbiano tirato alla morte sui prismi e-o sugli obbiettivi per ottenere una centratura globale è evidente.

Ma se questo è il livello di professionalità di WELLENFORM, che lavora per APM e se APM trova normale che un binocolo abbia quelle centriche, da molto da pensare.

Anche se lo ribadisco, il binocolone ED APO performa molto positivamente. :thumbup: :wave:

ottaviano fera
Buon utente
Messaggi: 973
Iscritto il: 16/02/2012, 0:20

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da ottaviano fera » 19/11/2017, 16:25

Io penso che abbiano fatto un ottimo lavoro.
Infatti non solo il binocolo è ben collimato (assi ottico/meccanici allineati) ma anche gli "anelli" di diffrazione, per quanto parziali (trilobati o quadrilobati) sono concentrici/equidistanti rispetto alla stella centrale.
Non si deve dimenticare che, a differenza di un telescopio rifrattore per astronomia nel quale ci sono soltanto l'obiettivo da una parte e l'oculare dalla parte opposta, in un binocolo ci sono anche i prismi con un minimo di 4 riflessioni per lato, riflessioni che certamente non giovano all'ottenimento di una centrica stellare perfetta.
Questa situazione già non ottimale è poi complicata dalla necessità dell'allineamento dei due assi ottici per ottenere la perfetta sovrapposizione dei due campi visuali di pari ingrandimento (collimazione binoculare), allineamento che in genere si raggiunge con lo spostamento dei prismi o con lo spostamento eccentrico degli obiettivi (più raramente degli oculari).
Quindi per avere un binocolo "collimato"(meglio "allineato") e con centriche perfette si dovrebbero prima collimare otticamente i due tubi prismatici ottenendo centriche regolari e poi, con sistemi meccanici, allineare i due tubi fino alla sovrapposizione dei due campi visuali.
Nel caso in questione Giovanni parla di obiettivi con eccentrici di scuola Zeiss che gli permetterebbero di migliorare ulteriormente la "collimazione" ovvero l'allineamento dei due assi ottici, ma io ritengo che muovendo uno o entrambi gli eccentrici degli obiettivi peggiorerebbe l'attuale situazione delle centriche stellari.
Nei telescopi rifrattori la collimazione ottica avviene mediante tre coppie di viti a 120° che modificano l'inclinazione dell'obiettivo e quindi del suo asse ottico fino a farlo coincidere con quello dell'oculare ma non spostando l'obiettivo eccentricamente, cosa che avviene invece nei binocoli per privilegiare la sovrapposizione dei campi visuali e della relativa immagine rispetto alla collimazione ottica (centrica) che, in rapporto all'ingrandimento generalmente basso, non riveste particolare importanza nell'osservazione terrestre e, sempre in rapporto all'ingrandimento mai elevatissimo, anche in quella astronomica.
In conclusione io il binocolo lo lascerei così com'è attualmente, perchè, pur tendendo al perfezionismo, talvolta mi ricordo che il meglio è nemico del bene.:wave:
Osservo con: Stabilizzati Canon, Leitz Marseptit 7x50, Leitz Maroctit 8x60, Zeiss Telex 6x24, Zeiss Marineglass 6x30, HUET-BBT-SRPI militari francesi 8x30, HUET 7x50 SGO M.le 1957 7° Vingtiemes Marine Nationale(Porro II), Miyauchi Binon 7x40(ex 50)W, HUET SGO Marine Nazionale mod. 1959 (Abbe Konig) 8x40 11° Vingtiemes (AFOV 88°-190 m. a 1000 m.) e altro;
Celestron C8, Meade ETX 90, Zeiss C 63/840 (Telementor), Vixen 90/1300, Newton 114/900 Toyo Japan rifigurato ZEN.

stevedet
Buon utente
Messaggi: 781
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da stevedet » 19/11/2017, 17:34

Giovanni Bruno ha scritto:Però la superba resa ottica a 148x ed una APOCROMATICITA SPINTA per un F5,7 mi indurrebbero a sorvolare sulle brutte centriche.
...E penso che faresti molto bene a sorvolare, caro Giovanni. 148x sono un ingrandimento che mette alla frusta anche un rifrattore 80ED, che tra obiettivo ed oculare ha solo aria (o al massimo un semplice diagonale). Se mi parli di superba resa ottica a quegli ingrandimenti, cosa vuoi ancora? Un Lucano? :D :wave:

Samuele
Buon utente
Messaggi: 348
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da Samuele » 19/11/2017, 18:31

Concordo in pieno con quanto scrive Ottaviano, anche perchè non credo che esista letteratura specifica sul tema (intendo la valutazione della collimazione di un sistema ottico con prismi).
Del resto credo sia fondamentale ricordare che prima di questi binocoli, che permettono di reggere ingrandimenti "telescopici", non penso che qualcuno si sia mai posto il problema di sottoporre un binocolo allo star test :D
Per quanto mi riguarda, quindi, ritengo sia difficile spiegare quelle figure di diffrazione così particolari, che potrebbero dipendere da tensioni, da turbolenze o semplicemente dalla presenza dei prismi nel cammino ottico.


P.S. se non sbaglio le tre viti a 120 gradi sulle celle degli obiettivi di alcuni rifrattori servono a "centrare" le lenti non ad inclinarle, ma potrei anche aver capito male :oops:

Avatar utente
daisuke
Buon utente
Messaggi: 561
Iscritto il: 15/07/2012, 18:53
Località: Belluno

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da daisuke » 19/11/2017, 18:43

Giovanni Bruno ha scritto: A 148x, di giorno, la luminosità di immagine del ED APO da 82mm è persino superiore al APM alias IBIS ACRO da 100mm a 45°.

La cosa è del tutto normale, anche tutti gli ACRO da 150mm che ho avuto e confrontato con il 120ED, erano più scuri di giorno rispetto all'APO da 120mm, per poi prendersi una lievissima rivincita di notte sul cielo.
[...]
Meno esaltanti invece le centriche dei due obbiettivi, comunque ben centrati.

Però la superba resa ottica a 148x ed una APOCROMATICITA SPINTA per un F5,7 mi indurrebbero a sorvolare sulle brutte centriche.

Adoro questo binocolone da 82mm proprio per come riesco a gestirlo a livello di rimessaggio, movimentazione, trasporto, monta e smonta.

[...]

Accetto consigli e deduzioni tecnico-ottiche. :thumbup: :wave:
Io sono passato dal Nexus II all'Highlander, ed anche io confermo di aver rilevato un miglioramento dell'immagine ("ovvio") globale, non solo in nitidezza e contrasto, ma ritengo anche in luminosità. Però non ho potuto fare vere comparative, la mia è e resta una sensazione.

Per quanto riguarda consigli, ritengo che dipenda da quanta componente del possesso sia "strumentite" (per la quale le centriche sono importanti...), e quanta invece sia uso/osservazione, per la quale -dalla descrizione che tu stesso fai- l'influenza appare praticamente nulla.
Certo, se tu affermi "adoro questo binocolone"... goditelo!!!
:thumbup: :) :wave:

p.s. @samuele: hai postato mentre stavo scrivendo, ne approfitto: almeno due persone che hanno fatto lo star test al binocolo (per quanto possibile) io le conosco: una è Giovanni, l'altro sono io!!! :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
Mi piace guardare lontano.

Samuele
Buon utente
Messaggi: 348
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: APM ED APO 82mm/45°

Messaggio da Samuele » 19/11/2017, 18:58

Se è per questo anch'io ho fatto lo star test sul mio 100 ED APO :mrgreen: e anch'io rilevo un primo anello molto evidente ed in parte interrotto.
Solo che non mi sono mai soffermato a cercare di capire da cosa dipende quella figura, anche perché non è facile tenere al centro del campo la stella ad alti ingrandimenti e senza vibrazioni....
Anzi, devo confessare di aver suggerito io quel test a Giovanni per fargli capire cosa non andava nel binocolo prima della riparazione :thumbup:

Rispondi

Torna a “BINOCOLI”