Binocolo Acuter 20 x 80 ..le vostre impressioni

binocoli moderni, binocoli vintage, binocoli classici, binocoli militari, binocoli compatti, binocoli giganti ed altro ancora. Questo settore è dedicato totalmente agli appassionati del binocolo a 360°
Rispondi
Andrea Robassa
Messaggi: 35
Iscritto il: 31/05/2018, 11:42

Binocolo Acuter 20 x 80 ..le vostre impressioni

Messaggio da Andrea Robassa » 03/06/2018, 19:59

Ciao a tutti ; desidererei sapere le vostre impressioni, se qualcuno ha avuo modo di provarlo, apunto sul 20 X 80 Acuter, in vista di un mio possibile acquisto e che a quanto ho potuto vedere in un video, mi fa buona impressione, non una cinesata economica, anche perchè ha la messa a fuoco oculare indipendente di cui ci tengo molto e se possibile inoltre sapere anche le sue dimensioni, poichè essendo un binocolo impegnativo, io che da veneziano non possiedo la macchina ed ho meno possibilità per gli spostamenti, rappresenta uno svantaggio in più per potermelo portare comodamente appresso, non mi sembra eccessivamente grande ed in definitiva il massimo che per ora potrei permettermi . Specifico che il suo impiego sarebbe prevalentemente terrestre .
Grazie ! ! :wave: :wave:

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 6629
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Binocolo Acuter 20 x 80 ..le vostre impressioni

Messaggio da -SPECOLA-> » 03/06/2018, 23:00

Di ACUTER 20X80, oltre alla versione IF esiste anche la versione CF.
Prendendo in considerazione le dimensioni degli obiettivi, facendo le proporzioni direi che la lunghezza sia dell'ordine dei 33 / 38 cm; maggiore precisione credo che si possa avere direttamente da Sky-Watcher.

Personalmente non ho mai usato uno di questi binocoli, per cui non ne conosco le prestazioni; né ottiche, né meccaniche.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della -SPECOLA-> , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIII). http://www.specola.altervista.org/

Andrea Robassa
Messaggi: 35
Iscritto il: 31/05/2018, 11:42

Re: Binocolo Acuter 20 x 80 ..le vostre impressioni

Messaggio da Andrea Robassa » 04/06/2018, 9:38

Grazie Fabrizio, credo anch'io che si tratti di un binocolo sui 33 cm di lunghzza , tutto sommato accettabile anche per il peso 2,4 Kg ed il mio treppiedi
penso dovrebbe andare bene...ci sto riflettendo ! :wave: :wave:

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1033
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Binocolo Acuter 20 x 80 ..le vostre impressioni

Messaggio da Giovanni Bruno » 10/06/2018, 20:49

Per questo binocolo, sia SKIPOINT che ARTESKY, scrivono che è dotato di vetri ED, senza minimamente citare la sigla del vetro ED, a me questa cosa poco mi piace, se si si scrive vetri ED, si deve anche specificare di quale ED si tratta. :thumbup: :wave:

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 6629
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Binocolo Acuter 20 x 80 ..le vostre impressioni

Messaggio da -SPECOLA-> » 10/06/2018, 21:58

Per strumenti a lenti, ED, SEMI-APO, APO, HD, SD, XD, ecc., ecc. sono soltanto denominazioni commerciali riferite ad ottiche ACRO.
Infatti con rigore scientifico, in letteratura si parla correttamente di "maggior contenimento dell’aberrazione cromatica", giustamente; NON di resa "ED" (o un qualsiasi altro acronimo), sempre e comunque.
In uno strumento a lenti, l'aberrazione cromatica si può soltanto ridurre, ma NON eliminare del tutto, trattandosi la stessa di una proprietà del vetro e NON di un difetto.
Dato che non è una sigla che può cambiare sostanzialmente le cose; in pratica sempre e solo di obiettivi ACROMATICI si parla.
In tutto questo è bene ricordare sempre anche il contributo della focale e dei trattamenti anti-riflesso.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della -SPECOLA-> , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIII). http://www.specola.altervista.org/

Andrea Robassa
Messaggi: 35
Iscritto il: 31/05/2018, 11:42

Re: Binocolo Acuter 20 x 80 ..le vostre impressioni

Messaggio da Andrea Robassa » 10/06/2018, 22:59

Grazie Fabrizio, interessante ! Questo binocolo per ora ho deciso di tenerlo in stand by, preventivamente e per comprendere meglio cosa significhi un 20 x 80
ho deciso di farmi le ossa con un Bresser Spezial Astro, che a quanto sembra non è male, dovrebbe arrivarmi in settimana, poi eventualmente passerò all'Acuter, evitando subito di spendere o rischiando di buttare 319 € così di colpo, penso sia meglio. ;) :wave: :wave:

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1033
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Binocolo Acuter 20 x 80 ..le vostre impressioni

Messaggio da Giovanni Bruno » 11/06/2018, 8:30

Non sono daccordo sull'accetazione del farwest delle sigle dei vetri negli strumenti commerciali,è un andazzo che dovrebbe finire.

L'informazione, se data, deve essere corretta e completa, altrimenti si mischia un APM ED APO da 82mm come il mio, con un acromaticaccio 20x80 come l'ACUTER.

Che gli strumenti a lenti non siano mai totalmente APO e che mrn che mai lo siano strumenti ad f4-f5,6 è cosa nota.

Ma le differenze qualtative tra strumenti presunti ED e realmente ED, con ben specificata anche la sigla, FPL-53 come per il mio APM ED APO da 82/470mm che è pure un f5,7, segna una differenza comunque abissale tra due binocoloni di circa 80mm di diametro, genericamente descritti come ED.

Tutte le volte che ho confrontato il mio 120ED + torretta ed i miei due RUMAK INTES MICRO M500 +torretta e M615 + torretta, è sempre emersa la netta differenza tra uno strumento a lenti discreto, ma non totalmente APO e due strumenti a specchi di alta scuola ottica e realmente APO.

Al punto che su soggetti da TEST di alta risoluzione, il RUMAK M500 da 127/1270mm affronta sfrontatamente e pareggia con il mio 120ED, mentre l'M615 da 152/2250mm ad f15, affronta e strapazza il mio 120ED, in buon accordo con la legge del diametro ed il conseguente potere risolutivo.

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 408
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Binocolo Acuter 20 x 80 ..le vostre impressioni

Messaggio da Samuele » 11/06/2018, 11:20

-SPECOLA-> ha scritto:Per strumenti a lenti, ED, SEMI-APO, APO, HD, SD, XD, ecc., ecc. sono soltanto denominazioni commerciali riferite ad ottiche ACRO.....Dato che non è una sigla che può cambiare sostanzialmente le cose; in pratica sempre e solo di obiettivi ACROMATICI si parla...
Si certo, e Achille non potrebbe mai raggiungere la tartaruga che è dieci metri più avanti e si muove dieci volte più lentamente di lui... (paradosso di Zenone).
Il fatto è che puntualmente ci si dimentica che i "sistemi di ripresa" (occhi, o sensori CCD/CMOS o pellicole fotografiche) non hanno risoluzione infinita, ma solo composti da cellule, pixel o grani di dimensione finita, per cui fino a quando l'ottica rifrattiva riuscirà a confinare i tre colori fondamentali entro le dimensioni del singolo "sensore" di rilevazione, quell'ottica potrà definirsi "apocromatica", con buona pace delle speculazioni teoriche tese a negare quest'evidenza, creando non poca confusione per i lettori più inesperti. :thumbup:

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 6629
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Binocolo Acuter 20 x 80 ..le vostre impressioni

Messaggio da -SPECOLA-> » 11/06/2018, 13:29

@ Samuele
Ciao,

quindi questo NON è vero?

"con rigore scientifico, in letteratura si parla correttamente di "maggior contenimento dell’aberrazione cromatica"
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della -SPECOLA-> , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIII). http://www.specola.altervista.org/

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1033
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Binocolo Acuter 20 x 80 ..le vostre impressioni

Messaggio da Giovanni Bruno » 12/06/2018, 8:28

Se nei binocoloni, sia ACRO che APO, il basso ingrandimento di normale uso, copre parzialmente la maggiore o minore aberrazione cromatica, nei telescopi, capaci di ingrandimenti da test anche altissimi, seeing permettendo, emerge invariabilmente la differenza di resa ottica tra un rifrattore semi-apo ed uno specchio di alta scuola.

Che poi il mediocre seeing obbliga a stare bassi di ingrandimento, è cosa normale, ma le poche volte che il seeing permette di salire di ingrandimento, allora le differenze si dilatano davvero molto.

Tutti dovrebbero vedere come un RUMAK INTES MICRO M615 da 152/2250mm ad f15, regge con incredibile indifferenza i 900x su un bersaglio terrestre da TEST a 100 metri di distanza, su percorso ottico erboso, con il sole al tramonto ed alle spalle.

Daccordo sul fatto che tali test restano un puro esercizio di curiosità e che non trovano poi una pratica applicabilita in circostanze osservative medie, non di meno è una soddisfazione intellettuale accedere a tali risultati ed è una certezza che tutte le volte che non si vede un tubo, la colpa è con certezza del seeing e non dello strumento. :thumbup: :wave:

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 6629
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Binocolo Acuter 20 x 80 ..le vostre impressioni

Messaggio da -SPECOLA-> » 12/06/2018, 23:01

Stiamo parlando di binocoli con ingrandimenti e focali da binocolo.
Uno strumento a lenti con quelle caratteristiche, a prescindere dall'eventuale marchiatura di cui può commercialmente fregiarsi, in fondo sempre ACRO é e ACRO rimane.

Inoltre c'è da considerare anche che dette sigle commerciali, possono indicare tutto e il contrario di tutto; basti pensare soltanto cosa significa BaK4 Shott AG e BaK4 cinese.
Non sono la stessa cosa e a volte a complicare le cose ci si mettono anche le lettere minuscole o MAIUSCOLE...
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della -SPECOLA-> , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIII). http://www.specola.altervista.org/

Rispondi

Torna a “BINOCOLI”