Preview New Swarovski SLC 15×56 WB

Share Button

Dati tecnici dichiarati dalla Casa Madre

Modello SLC 15×56 WB
Diametro lenti (mm) 56
Ingrandimento 15 x
Pupilla di uscita (mm) 3.7
Estrazione pupillare (mm) 16
Campo di vista a 1000 m 78
Campo reale 4.5°
Distanza minima di messa a fuoco (m) 3.9
Compensazione diottrica + – 5
Correzione delle diottrie 8 dpt
Distanza interpupillare (mm) 56-75
Trasmissione di luce 93%
Fattore crepuscolare 29
Elementi ottici (n) 26
Temperatura di funzionamento (°) – 25 * 55
Temperatura di stoccaggio (°) -30 + 70
Impermeabilità sott’acqua (m) 4
Dimensioni (mm) 192 x 141 x73
Peso approssimativo (g) 1.200
Prezzo  Attualmente non dichiarato

Questo pomeriggio ho utilizzato, per qualche ora, il nuovissimo Swarovski SLC 15×56 WB. Vista l’attesa e le richieste da parte dei lettori di Binomania, posso anticipare le mie impressioni, facendo presente che si tratta di una preview e non di una recensione completa che potrò scrivere dopo aver utilizzato questo binocolo per molte ore ed in varie situazioni.

La prima cosa che ho pensato, da possessore di Swarovision 8.5×42, è  che il nuovo SLC WB pare aver attinto moltissimo  dalla tecnologia ” Swarovision”.

Nell’uso terrestre, infatti, il  campo mi appare  piatto. Ho osservato anche soggetti distanti vari Km, come croci e bivacchi sulle Alpi piemontesi e, durante ogni test, portando ai bordi, l’oggetto inquadrato al centro del campo, notavo una ottima planareità.

Seppur il cielo sia un po’ fosco e velato,  questa sera, qualche rapido squarcio nel cielo estivo, mi ha concesso di verificare che le stelle di III Magnitudine sono ben puntiformi sino all’estremo dei bordi del campo. Una prestazione superiore al mio Fujinon 16×70 che ho utilizzato come metro di paragone.

Grazie all’ampio campo apparente, “l’immersione nella scena ” è stupefacente. Questo pomeriggio dal Monte Sette Termini ho spaziato in lungo ed in largo apprezzando l’ottimo

contenimento delle aberrazioni geometriche.

La messa a fuoco è stata migliorata, è più precisa e fluida di quella che equipaggia il mio esemplare di Swarovision 8.5×42. Non noto imputamenti in rilascio o differenze di fluidità.

Spero che tale sistema di focalizzazione ben presto sarà utilizzato anche nella serie Swarovision.

Presumibilmente questo binocolo fa uso di lenti apocromatiche, o come si usa dire oggi “HD”. L’aberrazione cromatica è ottimamente contenuta al centro del campo e si nota, solamente ai bordi del campo. In realtà, sono andato, a cercare con pignoleria un eventuale colore spuro al centro del campo. Esso si evidenzia in condizioni di controluce veramente

critiche, dove, il buon senso porterebbe a non osservare.

Il design è pulito e piacevole e molto snello nella zona dei prismi dove è possibile impugnare con estrema facilità lo strumento, seppur sia un binocolo da 56 mm di diametro.

Come è ovvio, è possibile usufruire dell’intero potere risolutivo fornito da questo strumento unicamente facendo uso di un solido treppiede. In ogni modo, devo dire che per osservazioni mordi e fuggi o per spaziare lentamente in panning è anche fattibile l’uso con monopiede o a mano libera.

In quest’ ultimo frangente, visto anche il peso abbastanza contenuto, sono in grado di osservare ininterrottamente per almeno un paio di minuti, prima di provare fatica alle spalle. Come è ovvio tale esperienza è prettamente personale.

Non essendo un portatore di occhiali non posso verificare la comodità della estrazione pupillare che , per nel 15×56  è pari a solo 16mm. Durante la settimana inviterò qualche amico

portatore di occhiali per verificarne la comodità osservativa. Tuttavia sono sicuro che la prova avrà buon esito dato che il profilo dei paraluce un gomma è bassissimo, quasi 1 mm.

Onestamente non so in che modo  sarà ancora possibile migliorare, uno schema ottico simile, nei prossimi lustri. Il nuovo Swarovski SLC 15×56 mi pare una eccellente evoluzione della serie precedente e viste le sue caratteristiche lo posso tranquillamente piazzare ai primi posti nella elitè dei BIG EYES.

Onestamente ritengo che se i progettisti  l’avessero siglata “Swarovision” al posto di SLC molti ci avrebbero creduto..senza porre alcuna lamentela.

In sintesi capirete quindi che, per ora,  ho apprezzato molto la qualità ottica e meccanica di questo strumento. Nei prossimi giorni verificherò come si comporta durante  le osservazioni crepuscolari e durante le varie condizioni di luce che si incontrano nell’utilizzo in mezzo alla natura.

Ricordo, inoltre, ai lettori che in  occasione del Meeting nazionale di Binomania che si terrà il 6-7-8 Settembre in Val Gerola, sarà anche possibile comparare il nuovo SLC 15×56 WB contro il vecchio modello di proprietà dell’amico e collaboratore Gianni Merlini. In questo modo sarò in grado di fornirvi ulteriori informazioni.

Qui di seguito pubblico una breve gallery fotografica. Ringrazio Roberto Glaviano per le foto scattate durante la sessione osservativa sul Monte Sette Termini.

Rimanete in attesa di nuovi aggiornamenti

 

[print_gllr id=4254]

 

Written by

Piergiovanni Salimbeni: è nato nel Febbraio del 1975 a Varese, una piccola provincia del Nord Italia, attualmente vive insieme con la moglie e le figlie Ersilia ed Ester a Cugliate Fabiasco- Valganna, una verde ed umida valle situata sulle Prealpi lombarde e confinante con il territorio svizzero. Si è laureato presso la Università Statale di Milano con una tesi riguardante i danni da inquinamento elettromagnetico. Esperienze editoriali e nel settore astronomico-naturalistico 1997: Autore della rivista NUOVO ORIONE, fonda, nello stesso anno, insieme con il dott.Raffello Lena il GLR GROUP (Geological Lunar Researches Group) un gruppo internazionale di studi sulla geologia lunare. Attualmente il GLR Group, pubblica una rivista on-line , intitolata Selenology Today 2001: Pubblicazione del libro "OSSERVARE LA LUNA" , inizia un ciclo di conferenze sul tema . 2004-2007- Autore della Rivista di Scienze Astronomiche LE STELLE diretta da Margherita Hack e da Corrado Lamberti. 2005- Fonda il portale BINOMANIA, il primo portale italiano dedicato al mondo dei binocoli 2008-2010 fa parte dello Staff Tecnico della Rivista di Scienze Astronomiche, Coelum, collabora con La Rivista della Natura e con la rivista Fotografare 2011-2012: E'responsabile insieme a Raffaello Braga del nuovo portale Astrotest.it ,dedicato al mondo dell'astronomia e dei telescopi. Collabora, nuovamente, con le riviste di Scienze Astronomiche Nuovo Orione e Le Stelle. Si dedica, inoltre, alla fotografia di paesaggio - http://www.landscapephotography.it organizzando mostre, workshop e corsi individuali. Collabora con l'Oasi Lipu Palude Brabbia (Varese) dove organizza spesso eventi e corsi