The Kamakura booth is always full of surprises - if you have an invitation to get inside!

Reportage. Photokina 2016: novità e impressioni.

Share Button

Propongo qui di seguito, un interessante reportage  inviato da Pete Gamby, patron di Opticron, che ringrazio per la collaborazione.

Mi scuso per la traduzione dozzinale, ma ho deciso di pubblicare le sue impressioni, nel più breve tempo possibile, visto che ho notato delle novità molto interessanti. Troverete qualche mia nota, scritta in grassetto.

Piergiovanni

 

Photokina 2016
Un reportage di Pete Gamby.

 

Come prima cosa devo confermare che il settore “Sport Optics”, con soli 49 espositori  è classificato nella guida on-line della fiera  come “accessori aggiuntivi”. In effetti i  veri protagonisti sono sempre i prodotti fotografici  presenti con oltre 100 espositori.

Per tale motivo, il Photokina non è di certo  il posto più congeniale per cercare novità nel settore ottico sportivo ma rimane sempre un’ ottima location per fare “affari” soprattutto per  distributori e commercianti OEM come ad esempio la mia azienda.

Questa fiera ha perso un po’ spettacolarità, molto meglio quella del 2012, dove c’erano molte più saloni a disposizione. Quest’anno, il Photokina è stato concentrato  in soli quattro saloni al posto di nove disponibili e in altre due piccole sale esposti . Non è ovviamente una fiera piccola come la Sands Expo del Shot Show ma neppure grande e spaziosa come quella  a Kölnmesse. (NDR: fiera dell’hardware con quasi 2700 espositori)

Mi chiedo se il Photokina abbia ancora una ragione, dopo la sempre più crescente fiera IFA di Berlino, anch’essa  organizzata nel mese di settembre o la mitica CES a Las Vegas.

Un segno della possibile decadenza del Photokina l’ho notata anche in qualità di semplice turista. Ho impiegato solo pochi minuti di taxi per raggiungerla, quando negli anni passati dovevo sopportare oltre venti minuti di coda nel traffico. Anche i ristoranti avevano quasi sempre posti disponibili anche cercando di prenotare alle 6.30, cosa, impossibile, ad esempio, molti anni fa.

The exhibition hall from the north entrance

 La struttura della fiera, dall’entrata Nord

Se da un lato questo calo di interesse  può essere piacevole per  il visitatore che potrà girare la fiera con meno stress, non si può dire la stessa cosa per gli espositori dato che sei giorni sono un tempo alquanto lungo , spesso trascorso a controllare i feed su Twitter o Facebook e a bere semplice acqua in bottigliette di plastica.

Il mio primo approccio alla Photokina è avvenuto nel padiglione numero 9. Dove erano presenti i maggiori marchi del settore fotografico. C’era dei settori adibiti agli scatti fotografici. Photokina ha sempre cercato di essere  al 100% politicamente corretta, per tale motivo, anche in questo volta, ho notato una scarsa  presenza di nudi artistici da fotografare o di modelle dipinte sul corpo nudo con colori sgargianti.

Diciamo che per noi amanti dell’ottica “pura”  le zone interessanti erano  situate nelle sale 2,3, 4, quelle nei piani inferiori,  dove si percepiva anche il profumo di caffè e di  pasticcini  trasportato dalle condutture dell’aria condizionata.

Pubblico qui di seguito una breve relazioni in ordine alfabetico ed a memoria, dato che ho tracciato poche note scritte di mio reale interesse.

Baader Planetarium: ha un po’ rischiato, optando per una mera esposizione esterna, sulla Boulevard, di prodotti astronomici solari. A fianco c’era anche un piccolo gazebo con prodotti astronomici. In realtà era presente anche uno striscione Celestron, in mostra e legato alla cabina per paura che prendesse il volo. La loro scommessa , per fortuna, si è rilevata vincente dato  che il tempo era caldo e alle 11.30 si notavano non solo maniche di camice ma anche boccali colmi di birra.

Berlebach. Mi è parso che avessero esposto praticamente tutto il  loro catalogo. Decine di treppiedi in legno sembravano  formare una strana foresta di legno “angolata” Prodotti incantevoli, anche se secondo me sono sempre un po’ difficili da vendere ai  birders. (NDR:a causa del peso NDR)

Berlebach showed everything it has to offer!

Berlebach ha esposto tutta la gamma dei loro prodotti

Bresser. Aveva uno stand considerevole, molto lungo ma più stretto rispetto all’ultima volta e anche con meno visitatori. In ogni modo gran parte della loro offerta era legata a prodotti astronomici e non ho notato novità nel settore ottico-sportivo.

Celestron. Ho quasi scontrato il product manager di Celestron, John Riutta, tuttavia, volendo  cercare novità nel settore del birdwatching, non sono stato in grado di rispondere al suo invito, ma da quanto ho capito Celestron aveva uno stand nel padiglione 2.1 con tutta la gamma di prodotti astronomici.

 

Kowa: Nello stand di Kowa c’erano un paio di interessanti novità: il nuovo Kowa TSN-501 da 50 mm e i nuovissimi TSN-554 alla fluorite che vanno a completare la gamma TSN (770- 880).

Kowa was showing its new 50mm and 54mm scopes

Kowa ha mostrato i nuovi telescopi terrestri e il binocolo compatto Genesis 22

Su Binomania sono apparse alcune foto di queste novità, compreso il nuovo compatto Kowa  Genesis. Ovviamente c’era l’immancabile Paul Hackett a dare consigli sulla tecnica del digiscoping.

Leica. La scorsa volta, Leica aveva prenotato tutto il padiglione 1, quest’anno aveva solo la metà dello spazio assegnato per le mostre fotografiche. Nel padiglione 3 c’era una zona “semi-chiusa” dedicata alla sue fotocamere, nessun prodotto Sport-Optics. Neppure il Noctivid.

Long Perng. È una società che fornisce telescopi e accessori ad un certo numero di rivenditori (NDR:compresa Opticron). Non c’era nulla di nuovo nel settore ottico sportivo, tuttavia aveva un nuovissimo visore binoculare astronomico che utilizzava prismi, ed uno sfavillante rifrattore che stava attirando tantissima attenzione.

This new binoviewer uses a prism design

Il nuovo visore binoculare della Long Perng con prismi

Gold refractor anyone?

Qualcuno vuole un rifrattore d’oro?

Minox. Non mi sono fermato molto allo stand Minox, tuttavia ho visto che stavano presentando il Minox BL 8×44 HD come novità. Non sono stato in grado di testare bene il nuovo spotting scope MD88W perché era in una posizione che consentiva una pessima visualizzazione ed era stato installato su una testa a sfera collegata ad un treppiede molto corto!

Nikon. Aveva un po’ nascosto (come fa anche in Italia NDR) i loro prodotti ottico-sportivi nella parte posteriore dello padiglione 2.2 (di cui aveva circa il 50% dello spazio espositivo) Purtroppo non c’era personale preposto ad aiutare  gli appassionati di ottiche sportive, tuttavia sono stato in grado di osservare nel nuovo Monarch HG e nell’EDG per permettere di trarre le mie conclusioni circa le loro performance. In mostra c’erano anche dei binocoli con prismi di porro da 40 e da 50 mm. Non ricordo la loro sigla,   avevano un campo di vista di ben 9° e  i nostri rivenditori svedesi ce li hanno indicato, dato che erano decisamente impressionati dalle loro prestazioni.Questo è molto insolito per quei ragazzi dato che non si entusiasmano cosi facilmente. (NDR:  ho sguinzagliato quel segugio di Piero Pignatta per avere ulteriori informazioni. )

On show were the new Monarch HG and some very wide FOV porro prism binoculars

In questo spazio espositivo c’erano dei binocoli Nikon a grande campo di grande qualità. 

Non sono stato in grado di visitare Olivon e Optical Vision per  motivi di tempo. Mi dispiace.

Ricoh / Pentax  hanno deciso che nessuno doveva osservare nelle ottiche sportive, cosi c’e’ stato un spreco di centinaia di dollari di spazio espositivo..pazienza.

Mai trovato Sightron (mi scuso con Frank!)

Volevo guardare nello Steiner Observer per mera curiosità personale. Purtroppo non erano in mostra, ma i ragazzi del loro stand hanno deciso di  tirarne fuori uno per farmelo  provare uno, giusto perché Opticron ha anche lavorato con loro. Bravi ragazzi! Non mi pare di vedere nulla di nuovo anche qui, ma questo prodotto potrebbe insinuarsi nella fascia di mercato dove c’è il predominio di Nikon, Bresser e Olympus.

Swarovski. Purtroppo l’unica novità attuale è stato il TLS apo da 43 per ottiche Full Frame.

United Optics. Uno dei tanti fornitori cinesi, aveva tantissimi prodotti e accessori in mostra ma nessuno degno di nota, almeno dal mio punto di vista. Stessa storia per il resto di fornitori simili che tengono a seguire piuttosto  che a cercare di diventare dei punti di riferimento con prodotti di nuova concezione.

Ho osservato anche un po’ nella serie dei binocoli Vanguard ma come Steiner più che altro per  farmi un punto di vista personale.

Vixen, aveva un sacco di nuovi prodotti “concept” in mostra anche se nessun binocolo nuovo per  il birdwatching. In realtà c’era il nuovo SG 6.5×32 ED ma non è adatto all’uso naturalistico. Ha una messa a fuoco minima di ben 6 metri e messa a fuoco singola su ogni oculare. E’ un bello strumento per lo sta gazing grazie ai nove gradi di campo, ma noi, come importatori ufficiali Vixen in UK non lo aggiungeremo alla gamma Vixen.

Zeiss essendo un nome noto nel settore fotografico disponeva di uno spazio espositivo molto ampio: circa il 15% dello enorme stand 2.2. Al settore ottico-sportivo era riservata solo una piccola cabina!  Ho chiesto numi sull’ipotetico Zeiss Victory SF 8×32 e mi chiedo se questo sia, in realtà, solo un mito elaborato dagli appassionati. Chi lo sa, vedremo!

Written by

Piergiovanni Salimbeni: Lavora in qualità di Opinion leader nel settore ottico sportivo da quindici anni. E' l'autore e fondatore di Binomania.

You may also like...