Rifrattore apocromatico Takahashi 102 TSA

Share Button

Recensione pbblicata sulla rivista LE STELLE (2007)

Un primo piano sul tripletto Super Apocromatico giapponese

 

PREMESSA

Nel piccolo mondo dell’astronomia amatoriale la Takahashi è, da molti anni, sinonimo di qualità ottica e meccanica, per tale motivo e con sommo piacere, ho deciso di  testare il nuovo rifrattore TSA 102S che, a detta dei progettisti giapponesi, e ancor più preformante del noto FS-102.

Grazie alla collaborazione  della SkyPoint d’Udine, importatore italiano dei prodotti Takahashi, ho avuto il piacere di osservare attraverso questo strumento durante la primavera inoltrata, rimanendo spesso piacevolmente impressionato delle prestazioni che questo rifrattore di soli 102mm è in grado di sfoderare.

 

SISTEMA OTTICO, RIFINITURE, MECCANICA

Esteticamente riprende il piacevole design a cui l’azienda del Sol Levante ci ha avvezzi da anni, ossia una linea classica che svela uno scafo ottico  molto robusto, colore bianco con richiami verde chiaro, verniciatura e rifiniture molto curate.
Soltanto la cura con la quale è sagomato il feltro anti-graffio all’interno della, purtroppo costosa, cella porta tubo ottico farebbe già presagire il lavoro in fase di assemblaggio.

Un primo piano sulla sede di innesto del fuocheggiatore

Il tubo ottico, con il paraluce ed il fuocheggiatore non estratto, risulta compatto, 790mm, sino a raggiungere il metro di lunghezza, incluso anche il lungo tubo di prolunga che consente l’osservazione in visione diretta senza avvalersi di un diagonale.
Il diametro effettivo  di questo strumento è identico a quello dichiarato, ossia 102 mm mentre la lunghezza focale e pari a 816mm, il rapporto focale sviluppato e’ pari quindi a F\8.

Per chi ama le riprese deep-sky è possibile con l’apposito riduttore raggiungere la minima focale di 610mm che trasforma il TSA da un performante telescopio per l’alta risoluzione in un astrografo mediamente luminoso, F\6.

Lo schema ottico è composto di un nuovo tripletto apocromatico. Con questa particolare configurazione, facendo ovviamente uso  di vetri specialiè stato possibile ottenere una riduzione del cromatismo residuo dello spettro blu di ben 1\3 rispetto a ciò che consentivano i vecchi doppietti alla fluorite. Entrando maggiormente nello specifico, possoconfermare che l’elemento  centrale è composto dal noto vetro ED FLP-53 mentre i due vetri spaziati in aria di tipo crown sono citati più genericamente come sistemi a bassa dispersione.

Osservando gli spot diagram forniti dal costruttore (http://www.takahashi-europe.com/en/TSA-102.optics.php) si nota che rispetto al FS-102, che resta comunque un ottimo apocromatico, le prestazioni del TSA 102 sull’asse ottico appaiono ancora superiori e, soprattutto, ottimizzate per 550 nm, tanto che a questa lunghezza d’onda lo Strehl dichiarato è praticamente pari all’unità. Le eccellenti prestazioni anche alle lunghezze d’onda superiori sono apparse manifeste durante le prove fotografiche.

Il trattamento antiriflesso è ovviamente multi-strato ed ha dimostrato, nel corso delle sessioni osservative e fotografiche, di svolgere alla perfezione il suo compito.
La modularità del TSA 102 è davvero ottima: Takahashi  fornisce,  di serie, un tubo di prolunga suddivisibile, che consente l’utilizzo in visione diretta o con un diagonale . Sono, inoltre, disponibili una lunga serie d’accessori per le applicazioni foto visuali: un diagonale a prisma, un diagonale a specchio, una lente di barlowdedicata, una torretta porta oculari, vari raccordi per l’uso di oculari da due pollici ed un incredibile torretta binoculare con prismi a 45 gradi.
Ci sono inoltre due differenti adattatori per le Reflex 35mm che consentono l’uso sia con le SLR e DSRL di ultima generazione che con le camere CCD,
Non ho avuto la possibilità di testare lo spianatore di campo per entrambi i sistemi di ripresa poc’anzi citati, lo stesso di casi per il connettore TCA-4 che consente la fotografia per proiezione di oculare.

Il sistema di chiusura della culla del tubo ottico

STAR TEST

L’ottica di quest’esemplare della serie TSA  ha mostrato uno star test perfetto, senza traccia d’aberrazione sferica e men che meno d’astigmatismo. A ingrandimenti medio-alti i dischi di Airy erano perfetti e spiccavano nitidamente su un fondo cielo decisamente più scuro, rispetto a ciò che ho potuto  osservare in molti rifrattori ED Made in China, forse anche a causa della intubazione più economica. Del resto nulla  è lasciato al caso in questo progetto e lo scafo ottico possiede una qualità ineccepibile mentre i vari diaframmi interni non consentono alle luci parassite di giungere sul piano focale generando fastidiosi riflessi.

 

LUNA E PIANETI

Questo rifrattore è eccellente per chi ama Luna e pianeti. Per anni gli astrofili hanno discusso se in tale genere d’osservazioni fosse più idoneo un catadriottico di lunga focale con almeno 203 mm di diametro oppure un ottimo sistema a rifrazione seppur con un obiettivo di soli 100mm.

Se i miei anni spesi ad osservare Luna e pianeti possono servire a qualcosa,  posso confermare che il TSA 102 si e’ sempre rilevato più utilizzabile rispetto al classico C8 ed in grado di fornire, seppur talvolta con meno informazioni, delle prestazioni di tutto rispetto nell’osservazione del suolo lunare. Con tale strumento ,grazie al fattore “calma” appena citato e ad un’ottima nitidezza sono riuscito, osservando il pianeta Saturno, a percepire la divisione di Cassini anche nelle serate più turbolente dove un Celestron 8, a parità di ingrandimenti, forniva delle immagini più luminose ma anche più “impastate”. Innegabilmente in questo genere di comparazioni esistono altre variabili da considerare, come l’ambientamento termico, la turbolenza locale, gli oculari utilizzati, le vibrazioni indotte dalle differenti montature utilizzate nel corso dei test. Tuttavia, in linea generale, il predominio visuale del Takahashi TSA 102 è percepibile anche dai neofiti, i soprattutto quando si mostra loro qualche stella doppia od un pianeta ostico come Venere. E proprio in questo genere d’osservazioni è stato possibile mostrare la duplicità di stelle doppie più strette del limite di Dawes dell’obiettivo (1.18 secondi d’arco),

Anche osservando dei sistemi stellari multipli relativamente larghi, ma con una luminosità molto sbilanciata tra le componenti il rifrattore ha mostrato la compagna con estrema facilità  a patto di utilizzare dei buoni oculari.
Per chi fa ripresa di domi e rime lunari forse un sistema  Cassegrain di lunga focale con un diametro di  30 cm potrebbe rivelarsi lo strumento più congeniale, dato che in certi casi conta maggiormente la quantità dei dettagli piuttosto che la loro incisione che la qualità ma i visualisti più accaniti non potranno che essere soddisfatti da un rifrattore come quello esaminato

A causa del medio diametro ero alquanto dubbioso della resa su Saturno facendo uso di un visore  binoculare, tuttavia, pur fornendo un’immagine meno luminosa del catadriottico  di 20 cm utilizzato come paragone, si ammirava oltre alla calma delle immagini anche ciò che definisco, in sintesi, con il termine “effetto Voyager”, ossia la sensazione di ammirare un globo ruotante nello spazio e non solo un dischetto bidimensionale.
Giove esibiva colori privi di dominante e le strutture della NEB e della SEB poche ore prima dell’alba erano evidentissime, lo stesso dicasi per la nuova struttura compagna della GMR, vista in tutti e tre le mattine in cui abbiamo provato ad osservarla.
Con degli ottimi oculari Ortoscopici di Abbe prodotti anni qualche anno fa dalla Zeiss, la resa su Venere è stata ottima: in visione diretta sorvegliando il pianeta  dalle tarde ore del pomeriggio sino alla sua scomparsa dietro la linea dell’orizzonte si è appurato come, l’unico residuo cromatico osservato, percepibile unicamente  nella ultima fase della sessione osservativa, fosse imputabile alla rifrazione atmosferica .

 

 

Alcuni particolari del Takahashi TSA 102, a destra, il fuocheggiatore, spesso, bistrattato, si è dimostrato preciso e in grado di sorreggere carichi elevati

 

CIELO PROFONDO

Una delle discussioni più frequenti tra gli astrofili riguarda l’opportunità di spendere grosse somme di denaro per un rifrattore apocromatico di medio diametro anche per l’osservazione del cielo profondo. E’ indubitabile il fatto che in questo campo convenga investire più in centimetri che in qualità, tuttavia l’alto contrasto, l’assenza di luce diffusa e l’estrema puntiformità delle immagini stellari mostrata dai migliori apocromatici, tra cui quello qui considerato, certamente costituirebbe motivo di riflessione anche per gli estimatori dei dobsoniani. E in campo fotografico, naturalmente, gli apocromatici hanno pochi rivali.

 

ulteriori particolari del nuovo Takahashi TSA 102

Tra tanti pregi di questo strumento, ritengo però che vi siano anche un paio di difetti. In primis un tale strumento dovrebbe possedere di serie un sistema di messa a fuoco micrometrico, come ormai anche molti concorrenti  sanno offrire. Ovviamente  la casa giapponese  propone  come optional, l’MEF-1 un kitcomposto da una  micro-manopola che montata su quella di destra, consente una demoltiplica 10:1. Questo accessorio sarebbe davvero il tassello mancante ad un puzzle chiamato “perfezione.” Infine, come del resto tutti i possessori dei prodotti Takahashi sanno, alcuni accessori, come il cercatore oppure la culla, costano per la maggior parte degli astrofili davvero molto.

In sintesi ritengo che il TSA 102 sia uno strumento ideale sia per gli osservatori visuali più esigenti sia per i fotografi del cielo profondo, per i quali il TSA 102 può costituire un punto d’arrivo.

 

Written by

Piergiovanni Salimbeni: è nato nel Febbraio del 1975 a Varese, una piccola provincia del Nord Italia, attualmente vive insieme con la moglie e le figlie Ersilia ed Ester a Cugliate Fabiasco- Valganna, una verde ed umida valle situata sulle Prealpi lombarde e confinante con il territorio svizzero. Si è laureato presso la Università Statale di Milano con una tesi riguardante i danni da inquinamento elettromagnetico. Esperienze editoriali e nel settore astronomico-naturalistico 1997: Autore della rivista NUOVO ORIONE, fonda, nello stesso anno, insieme con il dott.Raffello Lena il GLR GROUP (Geological Lunar Researches Group) un gruppo internazionale di studi sulla geologia lunare. Attualmente il GLR Group, pubblica una rivista on-line , intitolata Selenology Today 2001: Pubblicazione del libro "OSSERVARE LA LUNA" , inizia un ciclo di conferenze sul tema . 2004-2007- Autore della Rivista di Scienze Astronomiche LE STELLE diretta da Margherita Hack e da Corrado Lamberti. 2005- Fonda il portale BINOMANIA, il primo portale italiano dedicato al mondo dei binocoli 2008-2010 fa parte dello Staff Tecnico della Rivista di Scienze Astronomiche, Coelum, collabora con La Rivista della Natura e con la rivista Fotografare 2011-2012: E'responsabile insieme a Raffaello Braga del nuovo portale Astrotest.it ,dedicato al mondo dell'astronomia e dei telescopi. Collabora, nuovamente, con le riviste di Scienze Astronomiche Nuovo Orione e Le Stelle. Si dedica, inoltre, alla fotografia di paesaggio - http://www.landscapephotography.it organizzando mostre, workshop e corsi individuali. Collabora con l'Oasi Lipu Palude Brabbia (Varese) dove organizza spesso eventi e corsi

You may also like...