Recensione del binocolo angolato Miyauchi 20×77 (Exceed BS-71i)

MECCANICA  E SISTEMA DI MESSA A FUOCO

Il binocolo astronomico Miyauchi 20×77 presenta un design molto affascinante,  dalle line morbide e moderne.  E’ uno strumento ottico che si può apprezzare anche installato come oggetto d’arredo durante le notti nuvolose. E’ incredibilmente compatto, tanto da essere quasi comparabile, come ingombro, ai classici binocoli con prismi di porro da 50 -63 mm di diametro.

Fig.1 – Il binocolo Miyauchi 20×77, in primo piano, Vixen Ultima 9×63 a sinistra e Fujinon FMTX 10×50 a destra

 

La messa a fuoco è  individuale ed avviene ruotando la zona nei pressi degli oculari. I movimenti sono fluidi e scorrevoli e tale caratteristica non è venuta meno, neppure osservando a -10 gradi in alta montagna

OTTICA

Obiettivi

Questo binocolo è composto da due doppietti semi-apocromatici, formati da quattro elementi in tre gruppi con  un trattamento multistrato di cui due elementi ED. Sono protetti da due paraluce estraibili e hanno fornito delle ottime prestazioni  con colori saturi e brillanti. Ho notato soltanto un lieve  un debole residuo d’aberrazione cromatica osservando gli astri più luminosi.

Fig.2- Un primo piano sugli obiettivi da 77 mm di diametro

Oculari

Gli oculari (Reversed Kellner) sono angolati a 45 gradi rispetto ai due obiettivi ED di 77mm: questo concede una comoda visione degli oggetti del Cielo Profondo prossimi allo Zenith, senza affaticare il collo e le spalle dell’osservatore. Penso che questo sia il vero “valore aggiunto” rispetto a un classico binocolo come il Fujinon 16×70. Questi accessori sono estraibili, ma non si possono utilizzare i comuni oculari astronomici con barilotto da  31.8mm, poiché occorre necessariamente acquistare  gli oculari espressamente progettati da Miyauchi.

La pupilla d’uscita d 3.85 mm con gli oculari di serie e’ ben sfruttabile anche sotto cieli mediamente inquinati, anche l’estrazione pupillare, di 19mm, e’ buona, Il peso è di 2500 grammi.
I paraluci sono estraibili, l’interno dello scafo ottico è perfettamente annerito ed il sistema di regolazione della distanza interpupillare è comodo e preciso. Ottima la modalità di fissaggio degli oculari.

 

IMPRESSIONI SUL CAMPO

 

Abbiamo anche apprezzato la resa ottica del Miyauchi 20×77 Exceed Binocular, giudizio avvalorato anche da un paio d’amici esperti osservatori di cielo profondo.

Il doppietto ED fornisce immagini davvero molto luminose e puntiformi, anche se per sentito dire, pare che non raggiungano la puntiformità del modello di 60mm di diametro. La disposizione degli oculari, poi è confortevole, similmente a quella del grosso Vixen di 125mm di diametro. Durante alcune serate in alta quota, , osservando  alcune galassie  e la Nebulosa d’Orione, ho notato, come la resa di questo binocolo fosse paragonabile a quella di uno  telescopio con un obiettivo da 120mm di diametro.
Ricordo ancora con piacere la visione quasi fotografica delle Pleiadi e della galassia di Andromeda M31, affiancata dalle sue galassie-satellite NGC 205..  

Fig.3- Miyauchi non consente l’utilizzo dei comuni oculari astronomici, è quindi indispensabile acquistare quelli del costruttore giapponese

Oggetti abbastanza ostici come la Nebulosa del Granchio M1, invece, sono facilmente visibili anche sotto un cielo mediamente inquinato.  E’ oltretutto possibile risolvere molti ammassi stellari, che spesso sono contenuti insieme all’interno del campo fornito da questo binocolo; un esempio fra molti: gli ammassi stellari M46 e M47 nei pressi del Cane Maggiore.

 

PREGI E DIFETTI

Pregi

  • Qualità costruttiva
  •  Angolazione dei prismi perfetta per le osservazioni astronomiche
  •  Possibilità di cambiare gli oculari
  •  Ottima luminosità degli obiettivi
  •  Tenuta del valore nel mercato dell’usato
  •  Compatto  

 

Difetti

  • Non è nitido come il binocolo Miyauchi Saturn II a lunga focale
  •  Non è possibile utilizzare gli oculari astronomici
  •  Piu’ costoso, dei classici binocoli 20×80 di fattura cinese

 

Fig.4 – E’ preferibile utilizzare questo binocolo con un supporto decisamente piu’ robusto. Foto di repertorio

IN SINTESI

Ho apprezzato tantissimo il binocolo Miyauchi 20×77, è un binocolo di alta qualità meccanica, con ottiche, definite ED che svelano solo una traccia di residuo cromatico e con la possibilità di osservare comodamente grazie alla angolazione dei prismi. Non è tra i piu’ economici, ma è senz’altro un prodotto particolare da usare e possedere.

Miyauchi