Pagina 5 di 7

Re: Marte 2020

Inviato: 17/10/2020, 11:14
da vale75
Finalmente, stanotte, un marte con buon seeing (e umidità pazzesca).
Perfettamente visibile l'occhio della solis lacus, calotta polare sud ridotta ai minimi termini con bordo scuro attorno, nebbie chiare ai bordi e per la prima volta (nella mia vita) l'olympus mons.
Visibile come una chiazzetta circolare appena più chiara, distinguibile a tratti , dall'arancione uniforme della regione tharsis.
Mar sirenum ondulato,ma non frastagliato come si vede in foto.
Speriamo in serate di seeing migliore.

Ingrandimenti usati sul 450mm 394x e 567x in binoculare.
Filtro baader neodymium 2", che a parte un leggero effetto contrasto scuro , non aggiungeva niente.

Re: Marte 2020

Inviato: 17/10/2020, 12:45
da maxdrummer61
Ivano: la tua immagine del 15 ottobre mi piace in particolar modo perchè è identica a come vedo i dettagli di Marte con mio rifrattore acro 100/1000 che uso a 250 ingrandimenti ...... 8-) ...... gli albedo markings li vedo leggermente meno contrastati ma la definizione è più o meno quella.
ho già fatto svariati disegni (come pure ne ho fatti di Venere, Giove e Saturno) ma non li posto perchè non ho tempo di fotografarli, passarli sul computer, salvarli e via dicendo....... :shock:

Re: Marte 2020

Inviato: 18/10/2020, 10:29
da Andrea75
Ciao Massimo, ben ritrovato! Ma... dai, almeno un tuo disegno postalo! :pray: ...
... Per conto mio, nonostante abbia ridotto l'attività al lumicino, in un ultimo velleitario sussulto - vedendo il bel cielo di ieri - ho finalmente tirato fuori almeno il 60 mm. Niente visuale, :oops: , ho dedicato alla cosa troppo poco tempo e davvero non ho quasi più possibilità di concentrarmi sull'attività osservativa in senso stretto (troppi problemi condominiali) ma almeno una ripresa decente di questa ultima grande opposizione dovevo averla...
17_10_2020_19_05_TU.jpg
17_10_2020_19_05_TU.jpg (10.66 KiB) Visto 297 volte
Immagine delle 19:05 TU di ieri sera, 17 ottobre; orientamento (circa) raddrizzato - insomma, per capirci: la calotta sud è in basso.
Due cose mi sorprendono: la brillantezza delle nebbie al lembo, che fanno (insieme agli artefatti dati dalla poca risoluzione del 60 mm) un anello chiaro lungo tutto il bordo del pianeta che mi ricorda tanto la "mascheratura" che si usava nelle fotografie analogiche (si indovina bene il cappuccio di nubi a nord di cui parlavamo qualche post fa) e la grande dimensione ed evidenza di Solis Lacus - non lo avevo mai visto prima!
Davvero luminosissima e bianca, sebbene piccola ed allargata dalla diffrazione, la calotta sud. Per quanto ancora la vedremo?

Re: Marte 2020

Inviato: 18/10/2020, 16:22
da Ivano Dal Prete
Andrea75 ha scritto:
18/10/2020, 10:29
Davvero luminosissima e bianca, sebbene piccola ed allargata dalla diffrazione, la calotta sud. Per quanto ancora la vedremo?
Dipende da quanto e' grosso il tuo telescopio :lol:

Re: Marte 2020

Inviato: 18/10/2020, 20:13
da Andrea75
... 8-) ... :dance: ...
... A parte gli scherzi: nella mia ignoranza non ricordo se evaporano del tutto o se ne rimane un residuo più o meno visibile... :think: ...

Re: Marte 2020

Inviato: 19/10/2020, 3:22
da Ivano Dal Prete
Il nucleo della calotta nord rimane sempre, la calotta sud puo' scomparire del tutto per un osservatore terrestre. Cosi' su due piedi non ho in mente la casistica e ho anche poca esperienza personale, perche' mi e' capitato di osservare piu' che altro opposizioni afeliche o intermedie.

Re: Marte 2020

Inviato: 19/10/2020, 14:37
da Ivano Dal Prete
Nel frattempo, posto un'osservazione di ieri notte. Il seeing era solo medio ma abbastanza stabile, ho osservato a 520 anche se non sarebbe stato il caso ma in questo modo penso di aver colto qualche dettaglio che a ingrandimenti inferiori non avrei notato.

Presso il lembo p ho notato all'inizio dell'osservazione un paio di nubi brillanti che coincidono abbastanza con Arsia e Nix Olimpica; la seconda sembrava debordare un po' contro il fondo cielo, ma ovviamente potrebbe trattarsi di un'illusione ottica. Su quello opposto Syrtis Minor stava emergendo dalla foschia mattutina. A ingrandimenti inferiori (350x) e con filtro W80 il limb brightening sembrava abbracciare quasi tutto il disco e saldarsi alla calotta dal lato p. Quest'ultima era piccola ma non un puntino o un dischetto, si notava la forma elissoidale con forse una propaggine sul lato p. Ausonia piu' brillante della media del disco. Ho ripassato un po' il disegno con una tavoletta grafica, per rendere le nubi al lembo mi serviva un bianco piu' bianco di quello del foglio :(

L'immagine che allego e' stata presa velocemente alla fine dell'osservazione, non mostra assolutamente tutte le nubi visibili all'inizio. La mia idea e' che molte si siano dissolte quando Tharsis (che con i suoi vulcani produce un sacco di nubi orografiche) e' ruotato oltre il lembo.

Re: Marte 2020

Inviato: 19/10/2020, 14:38
da Ivano Dal Prete
Devo aver superato il limite di files nel post precedente, metto qui l'immagine digitale, ancora molto sottocampionata ma utile come controllo.

Re: Marte 2020

Inviato: 19/10/2020, 14:48
da Faber
Ciao,
Effettuata osservazione ieri con il mio fido fc 100dl e oculare pentax dcm da 24.5 da 24 mm fino al xp 3.8 mm. Inseguito in altazimutale a mano e osservato alla giapponese, senza diagonale ( ho notato scattering con prisma baader) L’immagine di Ivano da un’idea di quanto osservato con la differenza di molti meno particolari verso sud e di una calotta polare veramente spiccata, benché piccola. Inoltre il colore del pianeta virava molto di più verso l’ocra chiaro e le parti scure erano leggermente più chiare. Parte nord del pianeta avara di particolari. Cielo lattiginoso è veramente umido, come capita a Milano ma con idea che avrei potuto spingere di più con ingrandimenti. Saluti

Re: Marte 2020

Inviato: 19/10/2020, 15:00
da maxdrummer61
provo a inviarvi l'unico disegno che il sito mi permette...........tutti gli altri dice che il file è troppo grande :x
.....si, vedo che l'ha preso; questa è la mia prima osservazionedi Marte di quest'anno, in precedenza il pianeta mi rimaneva occultato (in orari ragionevoli.....) da edifici vicini.
rifrattore acro 100/1000 a 250 ingrandimenti con filtro W11 e seeing IV.......il livello di dettaglio è basso, nei disegni successivi ho fatto (e visto !!) di meglio.

Re: Marte 2020

Inviato: 19/10/2020, 16:27
da Ivano Dal Prete
Ottima esecuzione, speriamo di vederne altri!

Re: Marte 2020

Inviato: 19/10/2020, 16:28
da Ivano Dal Prete
Faber ha scritto:
19/10/2020, 14:48
Inoltre il colore del pianeta virava molto di più verso l’ocra chiaro e le parti scure erano leggermente più chiare. Parte nord del pianeta avara di particolari.
Per me il colore delle macchie di Albedo nell'emisfero sud e' verde scuro. Se non le vedi cosi' OK, e' assodato si tratti di illusione ottica.

Re: Marte 2020

Inviato: 19/10/2020, 17:18
da Andrea75
Ivano Dal Prete ha scritto:
19/10/2020, 16:27
Ottima esecuzione, speriamo di vederne altri!
Mi associo: grazie di aver postato!

Re: Marte 2020

Inviato: 20/10/2020, 8:43
da Zacpi
Marte di ieri sera, ore 21:30/23:30, RC 8".
Per prima cosa, una curiosità:provati diversi ingrandimenti: 180, 235, 325 e d eccezzionalmente 405x; praticamente cambiando oculari e poteri la situazione dei particolari non cambiava per niente, restava sempre uguale al contrario di Giove o Saturno che non permettevano poteri superiori ai 180x.
Probabilmente una caratteristica del pianeta, che ieri permetteva alti ingrandimenti;molto probabile anche un seeing favorevole.
La calotta polare appariva molto più brillante del disegno, di un vivido colore bianco; le zone scure però non sono riuscito a identificarle,sembrava quasi il solis lacus la struttura più a nord vagamente circolare, ma non sono sicuro, troppo evanescente, il contrasto generale era piuttosto basso.
IMG_20201020_081129_hdr.jpg
Purtroppo dopo le 23:30 marcato peggioramento del seeing e fine delle osservazioni.

Re: Marte 2020

Inviato: 20/10/2020, 19:43
da maxdrummer61
non l'ho fatto prima, lo faccio ora......... volevo dire qualcosa a proposito dei colori di Marte: fermo restando che un rifrattore acromatico da 10 cm non dà la migliore "risposta" nella percezione del colore, a me le zone scure appaiono di un grigio mixato con azzurro e verde.......quando il seeing è cattivo mi sembrano ancora più bluastre. i deserti, invece, sono decisamente gialli ma quando la luminosità del pianeta si abbassa (per esempio quando una nube poco densa ci passa davanti) allora prendono un colore arancio-cipria molto insolito....... :shock: ....... comunque: con un filtro arancio W21 i dettagli scuri sono più contrastati che con qualunque altro filtro, quindi la dominante "fredda" di questi albedo markings pare confermata.
anni fa con uno schmidt-cassegrain da 20 cm vedevo il Mare Erythraeum grigio-azzurro, mentre il Mare Acidalium era sicuramente marrone.