Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Mercurio di giorno

Osservazioni del Sole e del Sistema Solare, del cielo profondo, di comete e quant'altro sopra le nostre teste
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7788
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da -SPECOLA-> » 02/06/2020, 12:18

Ivano Dal Prete ha scritto:
31/05/2020, 0:17
(se ti vengono curiosita' su telescopi seicenteschi superstiti, il tipo che sa veramente tutto e' Marvin Bolt. E' un po' fuori di testa ma magari risponde)
Grazie per il suggerimento.
Sì, conosco Bolt di fama, ma non credo che potrei mai contattarlo.
Ivano Dal Prete ha scritto:
31/05/2020, 0:17
Ah, la famosa trovata a cui Della Porta non fece molto caso considerandola una "coglionaria" :lol:
Sì, e nel scriverlo rappresenta in un disegno quella che ad oggi è ritenuta la prima raffigurazione del cannocchiale o telescopio che dir si voglia.
Secondo me una cosa bizzarra del resoconto che fa Giovanni Battista della Porta nella sua lettera di risposta a Federico Cesi datata 28 Agosto 1609, è come apparentemente ignori, o anche soltanto sorvoli, su reali prestazioni ed utilità delle strumento di cui sta discutendo.
Proprio lui che appella ciò di cui vuole rivendicare la priorità di invenzione, in quanto presente nel suo libro "De Refractione Optices" (1593), quale stupidaggine, giocattolo costruito per scopi frivoli (dare la possibilità a dame e cavalieri di spiarsi vicendevolmente mentre amoreggiano...).
Senza poi contare che a dispetto della semplicità di costruzione esposta nel "De Refractione Optices", che il della Porta va rimarcando a Cesi, il suo strumento a fatica avrebbe raggiunto i 2 ingrandimenti, mentre ciò di cui sta discutendo è ben altra cosa, anche come impiego.
Dunque il suo punto di vista secondo me non regge neppure considerando lo strumento di Galileo come mero miglioramento del suo.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7788
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da -SPECOLA-> » 02/06/2020, 12:21

Ivano Dal Prete ha scritto:
31/05/2020, 14:04
Puo' darsi, ma ricordo che nella mia replica il problema era non tanto il potere risolutivo, quanto l'eccessiva luminosita' del pianeta che affogava l'immagine in una macchia indistinta.
Il problema della dispersione della luce conseguente all'aberrazione cromatica ed altri difetti che affliggevano i primi telescopi e per cui l'osservatore era portato a sovrastimare le reali dimensioni di soggetti abbastanza luminosi.
È lo stesso problema con cui in modo particolare dovette combattere Galileo nelle osservazioni delle lune di Giove, in quanto da un lato impediva o comunque rendeva difficoltosa l'individuazione dei satelliti prossimi a Giove e dall'altro falsava le reali distanze tra i satelliti ed il pianeta, rendendo problematico prevederne le posizioni.
Dai documenti galileiani giunti a noi si evince che soltanto a far data dai primi mesi del 1613 (Marzo) Galileo riuscì a ridurre questa luce diffusa dai 3,5 - 4 raggi gioviani dello strumento usato nel "Sidereus Nuncius" per scoprire le Lune di Giove, ai 1,3 raggi gioviani.
Contestualmente in quella data il telescopio di Galileo migliorò la risoluzione nel separare i satelliti tra loro, che si attestò sui 10" o meno, mentre precedentemente due lune vicine tra loro erano fuse in un unico oggetto (Jean Meeus)
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7788
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da -SPECOLA-> » 02/06/2020, 12:43

-SPECOLA-> ha scritto:
02/06/2020, 12:18
Proprio lui che appella ciò di cui vuole rivendicare la priorità di invenzione, in quanto presente nel suo libro "De Refractione Optices" (1593), quale stupidaggine, giocattolo costruito per scopi frivoli (dare la possibilità a dame e cavalieri di spiarsi vicendevolmente mentre amoreggiano...).
E per essere più precisi, ancora prima nel suo volume XX "Magiae Naturalis" (1589).
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7788
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da -SPECOLA-> » 05/06/2020, 23:05

05-06-2020 Ritornato il bel tempo, anche questa sera mi sono dedicato ancora a Mercurio, con il binocolo GHT ED 10x42.
Ore 21:24 - 21:31, Mercurio che brilla alto in cielo, all'incirca nella stessa posizione dove l'ho osservato nei giorni scorsi.
Magnitudine +0,7 ed elogazione dal Sole di 23,6°.
Cielo in annuvolamento, soprattutto sugli orizzonti; fortunatamente dove c'era Mercurio, il cielo è rimasto piuttosto limpido, anche se per un po' il pianeta e scomparso, proprio perché coperto da una nuvola.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1602
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da Ivano Dal Prete » 06/06/2020, 14:26

Io vorrei continuare ad osservare anche con il telescopio e capire se riesco a cogliere qualche dettaglio reale, soprattutto ora che e' in elongazione; purtroppo ho avuto una una settimana di pioggia, forse lunedi' o martedi'...
"I am a historian. Only Trump shocks me."

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7788
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da -SPECOLA-> » 06/06/2020, 14:50

Anche qui meteo inclemente per mettere in campo un telescopio.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1602
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da Ivano Dal Prete » 09/06/2020, 17:27

Ieri ho provato a rintracciarlo di giorno, niente da fare nonostante il cielo limpido. Devo trovare il tempo di rifare la base e montare un cerchio di azimuth, il cellulare e' troppo impreciso e quello di altezza non basta. Volevo riprovare al tramonto ma si e' annuvolato.
"I am a historian. Only Trump shocks me."

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7788
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da -SPECOLA-> » 09/06/2020, 21:25

Qui invece, a parte che sono stato in pratica tutto il giorno in ufficio, da me solo pioggia e nuvole...
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7788
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da -SPECOLA-> » 25/07/2020, 20:10

25-07-2020 ore 11:22 osservazione diurna con il telescopio SC da 8" Meade LX90 GPS LNT di Mercurio, splendente di magnitutine -0.1, sotto forma di una piccola falce (diametro 7.2"), con fase poco meno che mezza (0.47), distante dal Sole 19.8° [W].

Seeing III della scala Atoniadi.

Ore 11:14 - 13:18, osservazione diurna con il telescopio SC da 80" MeadeLX90 GPS LNT di Venere, splendente di magnitutine -4.4, sotto forma di una grossa falce (diametro 29.7"), con fase 0.386, distante dal Sole 44.2° [W] (ore 11:14, luminosissima grossa falce)

Seeing III della scala Atoniadi.

La fase del pianeta è già ben visibile, prima nel monocolo Vortex SOLO 10x36, che ho utilizzato per individuare il pianeta Venere mentre il telescopio stava eseguendo lo stazionbamento autonatico e poi anche nel cercatore del 8x50 del telescopio.

Approfittando del cielo limpido e del seeing medio, ho dato un'occhiata alle seguenti stelle, sempre utilizzando il telescopio catadiottrico da 203 mm di apertura Meade LX90 GPS LNT, a 77x:

-Ore 11:26 => Rigel (Beta Orionis), mv +0.13, benissimo e facilmente visibile all'oculare da 26 mm;

-Ore 11:27 => Betelgeuse (Alfa Orionis) , mv +0.58, benissimo e facilmente visibile all'oculare, della quale si distingue chiaramete la caratteristica tonalità rossastra;

-Ore 11:28 => Bellatrix (Gamma Orionis), mv +1.64, benissimo e facilmente visibile all'oculare;

-Ore 11:34 => Procione (Alfa Canis Minoris), mv +0.34, benissimo e facilmente visibile all'oculare;

-Ore 11:46 => Saiph (Kappa Orionis), mv +2.05, benissimo e facilmente visibile all'oculare;

-Ore 11:52 => Mintaka (Delta Ori), mv +2.23, benissimo e facilmente visibile all'oculare;

-Ore 12:09 => Alnitak (Zeta Ori), mv +2.08, benissimo e facilmente visibile all'oculare;

-Ore 12:11 => Alnilam (Epsilon Orionis), mv +1.69, benissimo e facilmente visibile all'oculare;

-Ore 12:22 => Sirio (Alfa Canis Majoris), mv -1.46, brillantissima e benissimo e molto facilmente visibile all'oculare;

-Ore 12:37 => Arneb (Alpha Leporis), mv +2.84, debole ma ugualmente visibile, anche se non facilmente come le altre;

-Ore 12:53 => Alhena (Gamma Geminorum), mv +1.90, benissimo e facilmente visibile all'oculare;

-Ore 13:04 => Regolo (Alfa Leonis), mv +1.40, benissimo e facilmente visibile all'oculare.

-Ore 13:18 => Sono ritornato a puntare Mercurio e ho chiuso la sessione osservativa diurna, osservando il pianeta più interno del Sistema Solare.

Cielo limpido, con soltanto qualche nuvola a velo di piccole dimensioni, che si dissolve rapidamente e seeing medio (III Antoniadi).
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1602
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da Ivano Dal Prete » 25/07/2020, 21:18

Come, non hai neanche provato a cercare qualche dettaglio di Mercurio? Seeing III non e' male :)
"I am a historian. Only Trump shocks me."

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7788
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da -SPECOLA-> » 26/07/2020, 0:08

Hai ragione, però...
però ero impossibilitato ad utilizzare oculari diversi dal 26 mm. :oops:
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7788
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da -SPECOLA-> » 16/08/2020, 11:14

15/08/2020, ore 13:02 con il catadiottrico SC 8" Meade LX90 GPS a 77x, ho osservato in pieno giorno Mercurio: magnitutine -1.9, diametro 5.0", fase 0.99, distanza dal Sole 2.9° [W] (un luminosissimo piccolo disco, immerso in un cielo molto rischiarato dal Sole).
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1602
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da Ivano Dal Prete » 12/09/2020, 13:00

Avrei una domanda per osservatori di Mercurio esperti. Visto che non ho un GOTO, il mio cercatore (un 6x30) e' inutile, e il campo del mio oculare meno potente troppo ristretto (cira 45'), c'e' qualcosa che posso usare come super-cercatore per trovare Mercurio?

Che so, un 80/400 da battaglia sarebbe sufficiente per staccare Mercurio dal fondo cielo? Il peso non sarebbe un problema, invece che vicino al portaoculari potrei facilmente montarlo sul tubo in corrispondenza del baricentro. Grazie in anticipo :wave:
"I am a historian. Only Trump shocks me."

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7788
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da -SPECOLA-> » 12/09/2020, 15:16

Premesso che non sono un esperto, per conto mio le soluzioni sono due:
-1) Investire la cifra che saresti disposto a destinare per acquistare il super cercatore, per prendere un buon oculare in grado di fornire il più vasto campo possibile con il tuo setup, con un ingrandimento di almeno 60x;
-2) Dotare il tuo setup di un sistema di puntamento, quanto più preciso possibile.
A questo proposito ne andrebbe bene anche uno di tipo passivo, che inoltre avrebbe il vantaggio di poter essere spostato con semplicità anche su altri setup.

In alternativa con una montatura ben stazionata, la difficoltà dell'impresa si riduce di molto.
Io riesco a puntare Mercurio in pieno giorno anche con il KONUS RIGEL 80/1200 e il KONUS VEGA 114/900, che di serie hanno in dotazione una semplicissima montaturta equatoriale, piuttosto spartana.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1959
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Mercurio di giorno

Messaggio da Angelo Cutolo » 13/09/2020, 7:43

Ivano Dal Prete ha scritto:
12/09/2020, 13:00
Che so, un 80/400 da battaglia sarebbe sufficiente per staccare Mercurio dal fondo cielo?
Direi di si, col mio 80/480 ci sono riuscito senza problemi anche in diurno a 16x (con un 30 mm 72°), con il Sole a circa 25° sopra l'orizzonte.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

Rispondi

Torna a “Osservazione e fotografia astronomica”