Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Telescopi, accessori, montature per l'astronomia
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 551
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Samuele » 08/06/2019, 9:19

Circa un paio di mesi fa ho venduto lo SC che negli ultimi anni non utilizzavo più, ed anche a causa dei "sensi di colpa" per l'utilizzo del binocolo per l'osservazione planetaria, ho deciso di acquistare, per l'alta risoluzione, il Cassegrain oggetto di questa discussione, che è prodotto dalla cinese GSO ed è presente da circa un anno nel mercato astronomico.
Inizialmente mi stavo orientando su un Maksutov da 150 (di quelli che Giovanni non perde occasione di osannare) ma poi ho pensato che fosse preferibile l'assenza di lastra correttrice e così mi sono fatto tentare dalla novità.
Lo strumento ha un fuocheggiatore di Crayford che a detta di amici astrofotografi è abbastanza robusto, tre tubi di prolunga da avvitare alla culatta posteriore per adeguare il fuoco agli accessori utilizzati e viti di collimazione sia per il primario che per il secondario.
La prima cosa che ho fatto, dopo l'acquisto, è misurare l'ostruzione della cella del secondario, verificando che è superiore a quanto dichiarato da TS nel suo sito (siamo attorno al 40%).
Poi è iniziato il calvario della collimazione, aggravato dal fatto che in un primo tempo avevo deciso di piazzare il tubo su una equatoriale LXD75 ferma da un decennio.
Ho dovuto capire che lo strumento ha una profondità di fuoco diversa da come ero abituato, nel senso che anche su soggetti distanti 3-400 m la regolazione del fuoco è sensibilmente diversa dall'infinito (roba da dover aggiungere una mezza prolunga)
Per questa ragione mi è stato impossibile utilizzare la stella artificiale che avevo, perché anche ponendola ad un centinaio di metri dallo strumento, con i tre tubi di prolunga ed un diagonale a specchio non si riesce a metterla a fuoco.
Ho acquistato, quindi, un collimatore REEGO, che si è rivelato utile solo per la regolazione del secondario, perché nonostante la regolazione, l'immagine sfuocata di una stella mostrava una forte scollimazione.
Ieri sera, dopo un lungo periodo di pioggia e tempo nuvoloso, ho approfittato di una uscita con amici per trovare la quadra.
Piazzato su un treppiedi con testa fotografica micrometrica ho utilizzato la Polare per regolare anche il primario, e credo di aver fatto un buon lavoro anche se la turbolenza non mi ha consentito di verificare con certezza la collimazione fine ad alti ingrandimenti.
Come va?
Non ne sono certo, perché quando ho terminato, attorno alla mezzanotte, la Luna era scomparsa mentre Giove era ancora basso ed in piena turbolenza.
Al di là delle due bande e di una zona equatoriale molto più scura del resto del pianeta non si percepiva un gran che: si intuivano piccole irregolarità in una delle bande che dovrebbe essere la seb ed un accenno di ntb (usavo il diagonale e quindi non sono sicuro della correttezza delle posizioni).
Per confronto l'immagine non era dissimile da quella che si vedeva a 60x in uno SC da 20 cm presente sul campo.

Avatar utente
Raf584
Buon utente
Messaggi: 6636
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Raf584 » 08/06/2019, 15:08

come si dice in questi casi... ormai è fatta...

a giudicare dalle foto sul sito di TS si vede subito che ha un'ostruzione importante per un 6 pollici, troppo a mio avviso se lo scopo è guardarci i pianeti. Il mio newton da 6 pollici f/5 a un'ostruzione del 33%, ad esempio, ritrovarsi un telescopio a f/12 con un'ostruzione maggiore di un f/5 secondo me ha senso solo se si vuole un campo corretto più ampio di quello di un newton molto aperto, ma per l'alta risoluzione questo non è un fattore fondamentale.

Kappotto ha fatto dei bei disegni di Giove col suo Vixen VMC, anche lui piuttosto ostruito, però quello è un 20 cm.
Samuele ha scritto:
08/06/2019, 9:19
(di quelli che Giovanni non perde occasione di osannare)
ne ha ben donde :lol:
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
Astrotest, strumentazione e osservazione astronomica

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 551
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Samuele » 08/06/2019, 17:29

Raf,
questa è la sorte di tanti che non hanno la fortuna di avere un negozio sotto casa o l'amico rivenditore che magari dia la possibilità di usufruire di un periodo di prova.
Sul sito TS credo sia ancora scritto "ostruzione 33%", ed anche altrove è riportato quel dato: che non sia veritiero l'ho potuto constatare solo dopo l'acquisto, non potendo certo ricavarlo da una foto di catalogo.
Poi mi affascinava e mi affascina l'idea del telescopio solo specchi, ed in effetti ritengo che i Newton non siano per nulla da scartare nel campo planetario.
Vedremo col miglioramento delle condizioni osservative e magari l'affinamento della collimazione.
Nel frattempo potrebbe capitarti di mettere gli occhi su un altro esemplare ed esprimere il tuo parere
In ogni caso, saprò farmene una ragione :thumbup:, anche perché ho sempre l'opzione B del mio binocolo :mrgreen:

Avatar utente
Raf584
Buon utente
Messaggi: 6636
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Raf584 » 08/06/2019, 18:28

Samuele, bastava che chiedessi qui sul forum e, personalmente, ti avrei messo in guardia. Confronta il tubo del cassegrain
cass.jpg
con il Ritchey
rc.jpg
non noti una somiglianza, diciamo così, sospetta ? Hanno usato lo stesso tubo ma forse il cassegrain non aveva bisogno di un secondario e portasecondario così grande che invece è tipico di un astrografo. Anche le razze sono piuttosto spesse, ma queste contribuiscono poco.

Detto questo io non sono tra quelli che stressa il fattore ostruzione più di tanto, come ti dicevo kappotto ha fatto delle belle osservazioni di Giove con un telescopio che nessuno considererebbe "planetario", perché il "manico" ha la sua importanza, spesso più dell'ottica.

Considera invece i vantaggi che presenta quel tubo: un riflettore puro, senza lastre o menischi correttori (questo vuol dire che ha la stessa correzione a tutte le lunghezze d'onda), la messa a fuoco senza traslazione del primario, la collimazione sul secondario e sul fuocheggiatore, il backfocus generoso, l'assenza di lastra che significa acclimatamento più rapido e nessun rischio di condensa, probabilmente anche un'ottica molto buona ma questo dovrai giudicarlo tu. Anche il prezzo è allettante, per chi cerca cerca un buon telescopio trasportabile è davvero molto conveniente, un 15 cm a lenti costa molto di più.

Alla fine, non è detto che sia stato un cattivo acquisto anche se un Maksutov di quel diametro, almeno sulla carta, sarebbe stato preferibile.
Samuele ha scritto:
08/06/2019, 17:29
In ogni caso, saprò farmene una ragione :thumbup:, anche perché ho sempre l'opzione B del mio binocolo :mrgreen:
metti una torretta nel cassegrain e fai un confronto, potrebbe essere interessante, soprattutto nell'osservazione terrestre.
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
Astrotest, strumentazione e osservazione astronomica

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 551
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Samuele » 08/06/2019, 20:53

Sì, le strutture ove sono alloggiati primario e secondario sono probabilmente le stesse, così come identico sembra il supporto a razze del secondario.
Ma se fosse per quest'ultimo l'ostruzione sarebbe del 20% o poco più!
Quello che conta invece è l'ingombro della cella del secondario che nel mio caso misura 58 mm di diametro, mentre nell'RC pare sia di 3" (cioè 76 mm circa - dati agena astro).
Inoltre è diversa la lunghezza dei tubi: 15,4" (39 cm circa) per l'RC, 17,2" (43,7 circa) per il Cass (anche qui dati agena astro)
Ovviamente non ho avuto modo di misurare il primario.
Il fatto che mi è piaciuto della costruzione è che la barra Vixen non poggia sul tubo (come in molti Mak commerciali) ma su appositi supporti delle celle anteriore e posteriore.
Infine, evidenzio che il gruppo del fuocheggiatore si avvita alla culatta posteriore ed è fisso, per cui la coppia di viti presenti su tale culatta credo proprio che agiscano sulla cella del primario e non sul fuocheggiatore.

Avatar utente
Raf584
Buon utente
Messaggi: 6636
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Raf584 » 08/06/2019, 22:47

Dal sito di TS i due tubi da 6" hanno esattamente le stesse misure, anche il portasecondario sembra identico.

Le viti agiscono sul piastrone su cui si innesta il fuocheggiatore.

L'8 pollici mi ingolosisce, stavo pensando a un 20 cm da tenere in montagna e quello potrebbe fare al caso mio invece del solito C8.
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
Astrotest, strumentazione e osservazione astronomica

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1303
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Giovanni Bruno » 09/06/2019, 8:47

Se penso che il mio ex INTES MICRO IM615 da 152/2250mm ad f15, che avevo scambiato con il mio attuale IM603 da 152/1520mm ad f10, è stato su ASTROSELL per mesi a 400€, quello si che ha davvero una bassa ostruzione ed un contrasto altissimo.

Lo scambiai con un il modello IM603 perchè ne faccio un'uso quasi esclusivamente TERRESTRE con la torretta ZEISS ERETTIVA a 45° e poter raggiungere degli ingrandimenti più bassi con l'f 10, mi era più utile per domare la turbolenza diurna.

Dando ragione a RAF, con mia grande sorpresa, le prestazioni del mio attuale IM603 ad f10, sono quasi sostanzialmente identiche al mio ex f15 e comunque invariabilmente, di poco, ma nettissimamente superiori al mio 120ED.

Con implacabile costanza, certi particolari finissimi in terrestre, si vedono nel RUMAK, ma non si vedono nel 120ED.

Non è che sono fissato con l'uso di un RUMAK da 6" per il terrestre, ma semplicemente, nel mio stretto balcone, opero comodamente da seduto con l'IM603, mentre proprio non ho lo spazio fisico per usare il mio 120ED.

La ultra comoda postura di visione terrestre a 45°, porta con se anche una lunghezza fisica più lunga e quindi solo un catadiottrico è davvero comodo sul mio stretto balcone. :thumbup: :wave:

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 551
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Samuele » 09/06/2019, 13:06

Giovanni, che dire..
purtroppo di questi strumenti non se ne trovano più tanti in giro, e dove sembra che vengano venduti (ammesso che siano siti aggiornati) i prezzi sono alti.
Avevo visto un Mak Bresser che mi sembrava valido ma poi ho optato per il Cassegrain per le ragioni che ho scritto.
Quanto all'ostruzione, in realtà c'è anche l'ipotesi che possano avermi consegnato lo strumento sbagliato (cioè l'RC): dovrò verificare il campo inquadrato con un oculare per cercare di risalire alla lunghezza focale :(

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1303
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Giovanni Bruno » 09/06/2019, 18:45

Se per caso ti hanno dato l'RC da 6", che è un f8 ad esclusiva vocazione fotografica ed è pesantemente ostruito, che abbia uno scarso contrasto planetario ci sta tutto ed hai pieno diritto a fartelo sostituite con un vero f12.

Io ho dei ricordi celestiali del mio primo RUMAK INTES, era un MK67 DX da 152/1800mm ad f12 ed aveva una resa planetario straordinaria per un 6" ostruito.

Di lui ne conservo un rispetto religioso.:thumbup: :wave:

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 551
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Samuele » 10/06/2019, 8:17

Ieri ho osservato nuovamente col binocolo e col Cassegrain, verificando che l'ingrandimento (ed i gradi di di campo) corrispondono.
Ho anche avuto conferma da un rivenditore che la misura del secondario è quella da me misurata, cioè 58mm che equivalgono ad un'ostruzione del 38% circa.
Del resto la foto dell'RC da 6" presente sul sito della GSO mostra a confronto un'ostruzione sicuramente più elevata.
Il seeing abbastanza buono mi ha regalato due ulteriori conferme.
In primo luogo che la visione col binocolo è molto appagante: non sarà dettagliata come con un rifrattore di razza di pari diametro ma i dettagli ci sono e sono sempre fruibili nonostante la turbolenza (appena piazzato sul suo treppiede mi ha mostrato la macchia rossa al tramonto)
In secondo luogo che il Cassegrain ha molto da offrire, è abbastanza sensibile al seeing e questo rende difficoltosa la messa a fuoco, ma equipaggiato con un Morpheus da 12,5 mm tirava fuori particolari (biforcazione della seb, festoni scuri nella ez) non visibili nel binocolo.
Certo l'osservazione con un solo occhio è faticosa e bisogna re-imparare a "fotografare" gli istanti di maggiore calma e dettaglio, ma confido che con l'esperienza e magari una migliore collimazione saprò trarne soddisfazioni.

Avatar utente
Raf584
Buon utente
Messaggi: 6636
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Raf584 » 10/06/2019, 16:07

Samuele ha scritto:
10/06/2019, 8:17
Ho anche avuto conferma da un rivenditore che la misura del secondario è quella da me misurata, cioè 58mm che equivalgono ad un'ostruzione del 38% circa.
peccato, è davvero tanto per un Cassegrain. Il mio DK ha un'ostruzione del 30% ed è un f/11.5... potevano fare uno sforzo in più ma forse avevano dei componenti da riutilizzare.
Samuele ha scritto:
10/06/2019, 8:17
Certo l'osservazione con un solo occhio è faticosa
e chi ti obbliga a osservare con un occhio solo ?
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
Astrotest, strumentazione e osservazione astronomica

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 551
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Samuele » 10/06/2019, 17:09

Non credo che la spiegazione sia in una necessità di riciclo (del resto cosa? solo il secondario e la sua cella?) quanto piuttosto nella scelta di rendere lo strumento appetibile anche per i fotografi e quindi munito di un campo corretto più ampio della configurazione classica.
Vorrei far notare che di questo Cassegrain esistono le versioni da 8" e da 10" truss, e sono propenso a credere che anche lì l'ostruzione sia superiore al 33% sbandierata un po' ovunque.
Ma ancora una volta devo sottolineare che solo chi ha buoni contatti con un rivenditore che li abbia in magazzino può saperlo prima di acquistare e magari informare gli altri. :thumbup:
Quanto al resto, lo so: sarebbe preferibile munirsi di una buona torretta.
Ma al momento non è in programma, magari in futuro se l'attuale acquisto si rivela meritevole di un ulteriore investimento..

Avatar utente
Raf584
Buon utente
Messaggi: 6636
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Raf584 » 10/06/2019, 17:28

Samuele ha scritto:
10/06/2019, 17:09
Non credo che la spiegazione sia in una necessità di riciclo (del resto cosa? solo il secondario e la sua cella?) quanto piuttosto nella scelta di rendere lo strumento appetibile anche per i fotografi e quindi munito di un campo corretto più ampio della configurazione classica.
difficile, secondo me, visto che hanno già in catalogo degli astrografi. E' più probabile che avessero componenti da riutilizzare - i tubi sono veramente troppo simili - e una possibilità era quella di usarli per qualcos'altro, tanto per ampliare il catalogo senza dover usare componenti meccanici dedicati e perciò limitando i costi. Ma così hanno dato vita a qualcosa che non è né carne né pesce, non è un vero astrografo né un riflettore per alta risoluzione.
Samuele ha scritto:
10/06/2019, 17:09
magari in futuro se l'attuale acquisto si rivela meritevole di un ulteriore investimento..
non puoi saperlo se non provi... puoi sempre farti prestare una torretta da qualcuno.
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
Astrotest, strumentazione e osservazione astronomica

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 551
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Samuele » 10/06/2019, 19:36

Raf,
effettivamente dell'RC hanno utilizzato il fuocheggiatore, la culatta posteriore con la cella del primario e la parte anteriore con lo spider ed il supporto del secondario, anche il sistema dei diaframmi interni potrebbe essere lo stesso o qualcosa di riadattato, ma sono ragionevolmente certo che il tubo del Cass sia più lungo di qualche cm rispetto all'altro, così come più lunga è la barra con attacco vixen.
Hanno rifatto il secondario e la relativa cella, e forse anche i primari sono diversi, per cui avrebbero potuto tranquillamente allungare il tubo per allungare la focale o ridurre l'ostruzione della nuova cella del secondario (l'RC ha il secondario più grande, come ho già scritto).
Per conferma si potrebbe chiedere a Tecnosky che vende gli stessi strumenti, non marchiati TS ma importati direttamente da GSO

Avatar utente
Raf584
Buon utente
Messaggi: 6636
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: TS-Optics 6" f/12 Cassegrain

Messaggio da Raf584 » 10/06/2019, 19:52

Questo mese devo fare un salto da Tecnosky, se ne ha in casa qualcuno ci do un'occhiata, giusto per vedere.

Adesso mi hai fatto venire la curiosità di provarne uno :lol: però io col tubo nero non lo voglio. Il tuo che colore ha ?
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
Astrotest, strumentazione e osservazione astronomica

Rispondi

Torna a “Strumentazione astronomica”