Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Telescopi, accessori, montature per l'astronomia
Rispondi
Avatar utente
Acronauta
Buon utente
Messaggi: 6898
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da Acronauta »

... cioé il paraluce del secondario incollato storto, un inconveniente che affliggeva anche il mio vecchio ETX e che ho scoperto in uno Skywatcher 127 che ho in casa in questo momento (chissà quanti ce n'è in giro). Non c'è da stupirsi se tentando poi di collimare il tubo in base ai riflessi visti dal portaoculari o frontalmente, non solo non ci si riesce ma si finisce per peggiorare le cose.

In questi casi cè una sola cura: collimare sul cielo, anche se il risultato finale e le prestazioni dello strumento finiranno per dipendere dall'entità del difetto e in particolare dalla frazione del cono di luce proveniente dal primario che viene intercettata dal bordo del paraluce.
Allegati
paraluce.JPG
Avatar utente
Angelo
Buon utente
Messaggi: 71
Iscritto il: 09/03/2012, 12:11

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da Angelo »

Ciao Raf,
così a occhio sembrerebbe anche un effetto visivo dovuto alla colla che sborda in modo irregolare.
Prova a misurare il secondario con il bordo esterno del menisco (ogni 90 °).

Ciao

Takahashi FC-100DL
Carl Zeiss AS 80/1200 1Q (su meccanica NortheK)
Barlow Zeiss Abbe 2X-4X
Planetary ED 5 - 8 - 12mm - APM Ultra Flat Field 18mm - Pentax SMC Ortho 7mm - Vixen Or. 4mm
APM 82 mm 45° ED
Nikon 12x50 SE
Nikon 8x30 E2
Tento 20x60 (1988)

Avatar utente
Acronauta
Buon utente
Messaggi: 6898
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da Acronauta »

Ciao Angelo

non c'è colla che sborda, il paraluce è incollato su un feltro a sua volta incollato sulla macchia alluminata, i fili che si vedono sono quelli del feltro che si sfilaccia. La parte alluminata è perfettamente regolare e concentrica col menisco, è proprio il paraluce a non essere concentrico con la macchia e ad essere anche inclinato perché il feltro non è rigido ma deformabile. Il risultato di tutto questo è che durante la collimazione bisogna guardare la concentricità degli anelli ma ignorare la centralità della macchia scura rispetto a questi.

Sarei quasi tentato di togliere il paraluce, tanto lo strumento è usato e l'ho pagato quattro soldi, al limite finisce in solaio. Avevo un Maksutov Zen/Laborfoto da 18 cm, tempo fa, non aveva il paraluce ma andava bene lo stesso.

Raf
ottaviano fera
Buon utente
Messaggi: 950
Iscritto il: 16/02/2012, 0:20

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da ottaviano fera »

Infatti Raf, proprio sulla base di quanto riferivi nel test del Maktusov Zen Laborfoto, eliminai subito il paraluce (ovviamente un po' decentrato) dal secondario del mio ETX senza alcun problema e forse guadagnando qualcosa in diminuzione dell'ostruzione. L'ETX 90, uno dei primi, va tuttora benissimo (con alcune modifiche meccaniche).
Osservo con: Stabilizzati Canon, Leitz Marseptit 7x50, Leitz Maroctit 8x60, Zeiss Telex 6x24, Zeiss Marineglass 6x30, HUET-BBT-SRPI militari francesi 8x30, HUET 7x50 SGO M.le 1957 7° Vingtiemes Marine Nationale(Porro II), Miyauchi Binon 7x40(ex 50)W, HUET SGO Marine Nazionale mod. 1959 (Abbe Konig) 8x40 11° Vingtiemes (AFOV 88°-190 m. a 1000 m.) e altro;
Celestron C8, Meade ETX 90, Zeiss C 63/840 (Telementor), Vixen 90/1300, Newton 114/900 Toyo Japan rifigurato ZEN.
Avatar utente
Acronauta
Buon utente
Messaggi: 6898
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da Acronauta »

Farò proprio così, Ottaviano, devo solo escogitare un modo per togliere i residui di feltro e colla dalla macchia alluminata senza rovinarla.
Avatar utente
Angelo
Buon utente
Messaggi: 71
Iscritto il: 09/03/2012, 12:11

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da Angelo »

Prova con il cutter per modellismo,fai attenzione perchè è molto tagliente :geek: .

Takahashi FC-100DL
Carl Zeiss AS 80/1200 1Q (su meccanica NortheK)
Barlow Zeiss Abbe 2X-4X
Planetary ED 5 - 8 - 12mm - APM Ultra Flat Field 18mm - Pentax SMC Ortho 7mm - Vixen Or. 4mm
APM 82 mm 45° ED
Nikon 12x50 SE
Nikon 8x30 E2
Tento 20x60 (1988)

Avatar utente
ilRosso
Buon utente
Messaggi: 282
Iscritto il: 16/09/2011, 10:59
Località: Frosinone

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da ilRosso »

Per rimuovere la colla si può provare lo Scollatutto della Loctite, in vendita presso i negozi di bricolage, ferramenta e simili. L'ho provato sia con la cianoacrilica (Attak) che con l'epossidica (Uhu Plus) e con i vecchi attaccatutto di trent'anni fa, e devo dire che funziona egregiamente.
Ernesto Rosso
Traffico con qualche binocolo di vario tipo e ingrandimento: dai 6x dell'Hensoldt Vilaba fino ai 15x del Pentekarem Zeiss, passando per le misure intermedie.
ottaviano fera
Buon utente
Messaggi: 950
Iscritto il: 16/02/2012, 0:20

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da ottaviano fera »

Io proverei con dei cotton fioc inumiditi con trielina, operando esclusivamente sulla zona sporca dall' interno verso l'esterno non alluminato, e cambiandoli dopo ogni piccola asportazione di sporco o colla.
Osservo con: Stabilizzati Canon, Leitz Marseptit 7x50, Leitz Maroctit 8x60, Zeiss Telex 6x24, Zeiss Marineglass 6x30, HUET-BBT-SRPI militari francesi 8x30, HUET 7x50 SGO M.le 1957 7° Vingtiemes Marine Nationale(Porro II), Miyauchi Binon 7x40(ex 50)W, HUET SGO Marine Nazionale mod. 1959 (Abbe Konig) 8x40 11° Vingtiemes (AFOV 88°-190 m. a 1000 m.) e altro;
Celestron C8, Meade ETX 90, Zeiss C 63/840 (Telementor), Vixen 90/1300, Newton 114/900 Toyo Japan rifigurato ZEN.
Avatar utente
Acronauta
Buon utente
Messaggi: 6898
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da Acronauta »

Grazie dei consigli, credo che inizierò con un solvente come il toluene (ne ho in casa di quello per microscopia) se non basta passerò a qualcosa di più energetico.
Avatar utente
piero
Buon utente
Messaggi: 3882
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da piero »

sul mio etx 90 versione spotting, comprato usato 7-8 anni fa, ho dovuto affrontare anch'io questo problema.
Non intendomi molto di telescopi ho cercato prima un po' di informazioni anche direttamente dall'importatore che mi raccontò in effetti che per un certo periodo vi furono molti esemplari con questo difetto, alcuni addirittura con il paraluce che era caduto.
Fui parecchio scoraggiato a staccarlo perchè il timore di tutti era che si potesse staccare l'alluminatura insieme all'adesivo.
Peraltro non mi sembrava che inficiasse la visione e quindi per un bel po' accantonai l'idea, anche se il controllo di collimazione mi dava un'immagine eccentrica ed ovalizzata.
Una sera d'estate dell'anno scorso, colto da cieco furore, mi ritrovai a staccare molto piano il paraluce senza l'ausilio di nulla e venne via tranquillamente senza staccare alcunchè di alluminatura, anzi: benchè avesse una certa resistenza lo strarto adesivo veniva via come una decalcomania su vetro.
A quel punto non ebbi però l'intuizione edi Ottaviano, data la mia scarsa cultura telescopica e nemmeno ci pensai a provarlo così com'era: se l'avevano messo una ragione doveva esserci.
Acquistai quindi in una fornita ferramenta dei nastri biadesivi della TESA costituiti da un materiale morbido spesso un millimetro con in quali confezionai l'incollaggio sulla falsa riga dell'originale, armato di bisturi, occchiali ingranditori e santa pazienza. Il lavoro è risultato perfetto, senza sbavature di materiale adesivo, come pure le concentricità dei cerchi in intra ed extra focale, con un'immagine tonda e centrata.
Raf, se vuoi ti mando l'adesivo così puoi rimediare. Circa lo staccare il paraluce....che dirti...forse sono stato un folle fortunato, forse no.
Certamente fra quanto dice Ottaviano e il fatto che io non abbia notato particolari differenze sembra che l'utilità di questo paraluce sia davvero relativa...o no?
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one.....
Avatar utente
Acronauta
Buon utente
Messaggi: 6898
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da Acronauta »

Ciao Piero, grazie per aver riportato la tua esperienza. La mia intenzione sarebbe di rimuoverr il paraluce definitivamente, però questa mattina, forzando un po' alla base, sono riuscito a far rientrare parzialmente il problema. Questa sera ho controllato la collimazione ed era quasi perfetta, ho osservato Marte a 300x e l'immagine era molto bella. Non so, ci devo pensare, non vorrei rovinare qualcosa.
ottaviano fera
Buon utente
Messaggi: 950
Iscritto il: 16/02/2012, 0:20

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da ottaviano fera »

Il motivo per il quale ritenni di eliminare definitivamente il paraluce, a parte la constatazione di Raf della sua ininfluenza nel Maktusov Zen Laborfoto, fu la considerazione che con il tempo il paraluce, a causa del suo peso pur modesto, per gravità tende inevitabilmente a stirare il collante del biadesivo e quindi a posizionarsi in modo anomalo(decentrato).
Inoltre, considerato che il secondario si trova, anche se di poco, all'interno del tubo, non vedo particolari luci parassite che possano colpirlo.
In definitiva mi sembra che il paraluce sul secondario sia inutile o almeno non determinante nella bontà delle immagini che ho riscontrato immutata, pure in sua assenza.
Osservo con: Stabilizzati Canon, Leitz Marseptit 7x50, Leitz Maroctit 8x60, Zeiss Telex 6x24, Zeiss Marineglass 6x30, HUET-BBT-SRPI militari francesi 8x30, HUET 7x50 SGO M.le 1957 7° Vingtiemes Marine Nationale(Porro II), Miyauchi Binon 7x40(ex 50)W, HUET SGO Marine Nazionale mod. 1959 (Abbe Konig) 8x40 11° Vingtiemes (AFOV 88°-190 m. a 1000 m.) e altro;
Celestron C8, Meade ETX 90, Zeiss C 63/840 (Telementor), Vixen 90/1300, Newton 114/900 Toyo Japan rifigurato ZEN.
Avatar utente
piero
Buon utente
Messaggi: 3882
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da piero »

grazie ottaviano per aver ulteriormente circostanziato il problema; a questo punto se mi mi si divesse ripresentare il problema non ripeterò l'intervento "neurochirurgico" e alla peggio un parlauce esterno tipo anticonensa potrebbe adempiere al medesimo scopo qualora necessario; non ho però l'abitudine di osservare a fianco a un pilone della luce quindi vado tranquillo.......
resta critico forse l'atto dello staccare il paraluce in incollato: sono stati citati dei poco rassicuranti Scollatutto e trielina: sicuri che non mi "sciolgano" l'alluminatura o quanto meno la opacizzino riducendo il potere riflettente?
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one.....
ottaviano fera
Buon utente
Messaggi: 950
Iscritto il: 16/02/2012, 0:20

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da ottaviano fera »

Per quello che ricordo, il paraluce lo staccai delicatamente facendo molta attenzione all'alluminatura, che non riportò alcun minimo danno, in quanto legata al vetro molto più tenacemente della colla del biadesivo.
Usai la sola trielina per togliere i residui di colla, dopo avere avuto conferma dall'amico Plinio Camaiti, che aveva studiato chimica, che la trielina non danneggiava l'alluminatura.
Poi, per completare, lavai il menisco, alluminatura compresa, come si fa con gli specchi alluminati.
Osservo con: Stabilizzati Canon, Leitz Marseptit 7x50, Leitz Maroctit 8x60, Zeiss Telex 6x24, Zeiss Marineglass 6x30, HUET-BBT-SRPI militari francesi 8x30, HUET 7x50 SGO M.le 1957 7° Vingtiemes Marine Nationale(Porro II), Miyauchi Binon 7x40(ex 50)W, HUET SGO Marine Nazionale mod. 1959 (Abbe Konig) 8x40 11° Vingtiemes (AFOV 88°-190 m. a 1000 m.) e altro;
Celestron C8, Meade ETX 90, Zeiss C 63/840 (Telementor), Vixen 90/1300, Newton 114/900 Toyo Japan rifigurato ZEN.
Avatar utente
piero
Buon utente
Messaggi: 3882
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da piero »

direi che con questo hai chiuso il cerchio.... :)
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one.....
Avatar utente
AndreaF
Buon utente
Messaggi: 56
Iscritto il: 31/12/2011, 18:01

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da AndreaF »

Secondo me visto i problemi di centratura di questi piccoli mak, conviene restare su un rifrattore da 100mm per osservazione planetaria.
Vixen70FL Vixen100FL Vixen102M Tal100RS Tal 100R Celestron C8 Orange Celestar C8 Vixen 80 NP F15 Meade 320 80 F11 Zeiss Telementor C63mm. Mizar 80mm F11 Meade SC 2080B SKYWATCHER 80ED 120ED Celestron C9 Skywatcher 100 120 ACR F5 Celestron OmniXlt 100 127SC 150R 150 Newton Skywatcher MC 90 100 127 150 TS Individual 4' F11 Skywatcher Newton 200PDS Bresser 127L acromatico.
Oculari: Ortho Kasai Vixen Baader Planetarium. Televue Ploss Meade Ploss Montature: T- SKy Vixen GP NP Skywatcher EQ3.2 EQ5 Binocoli
Nikon 10x50
Avatar utente
Acronauta
Buon utente
Messaggi: 6898
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da Acronauta »

In linea di principio sono d'accordo con te, però considera che se l'ottica è ben lavorata e riesci ad ottenere una collimazione decente hai uno strumento quasi equivalente a un apo da 100 mm (per certe cose puoi togliere il quasi) ma molto più compatto.
Avatar utente
piero
Buon utente
Messaggi: 3882
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da piero »

ma aldilà di pesi e compatezza questi apo da 100 reggono 250-300x senza essere lunghi come un Antares?
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one.....
Avatar utente
Acronauta
Buon utente
Messaggi: 6898
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da Acronauta »

Certamente, Piero, ma anche qui è meglio stare su rapporti focali non troppo bassi, un ED 100 a f/9 per alta risoluzione è perfetto.
Avatar utente
piero
Buon utente
Messaggi: 3882
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da piero »

buono a sapersi...grazie Raf ;)
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one.....
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 2317
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da Giovanni Bruno »

Ripesco questo vecchio post, letto ora perchè tornato caldo proprio da pochi giorni ed indicato da PIERO con un LINK diretto, per rispondere circa la domanda se non era meglio un APO da 100mm.

Ho avuto tutti gli ED SW dal 80/600mm al 100/900mm ed al 120/900mm, ed ho avuto pure tutti i MAK SW dal 90mm al 180mm.

Dico che il paragone non ha senso, perchè il MAK SW e il CELESTRON da 127mm ha una sua precisa specificità?

Esso è estremamente leggero, compatto e con una discreta potenza ottica ed è pure totalmente APO, nel senso di assenza di cromatismo.

Esso si sceglie soprattutto per la marcata vocazione a viaggiare e ad essere montabile anche su leggerissime montature AZ, per osservazioni mordi e fuggi ed in vacanza.

Perlomeno io adoro il MAK da 127mm perchè sul balcone di casa mia, largo solo 1 metro, ci posso girare intorno abbastanza comodamente, sia di giorno per un favoloso terrestre che di notte per un accettabile planetario di fortuna.

Come pure ci posso montare una torretta binoculare senza il minimo pensiero se mi andrà a fuoco oppure no.

Per l'equivalenza di potenza ottica con un SEMI-APO da 100mm, la mia esperienza sul campo mi dice sostanzialmente di si. :wave:
Avatar utente
Acronauta
Buon utente
Messaggi: 6898
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da Acronauta »

Sono d'accordissimo, non ho mai trovato i mak alternativi ai rifrattori, caso mai complementari infatti ne ho sempre avuti, e ne ho ancora, di entrambe le specie.

Tempo fa ho avuto in casa il 127 SW e il 127 Bresser contemporaneamente al 90/600 tripletto di Tecnosky e al 100ED Skywatcher e devo dire che nell'osservazione della Luna e dei pianeti mi sono sembrati davvero molto simili, ricordo una sera nella quale osservando i dettagli lunari presso il terminatore, con seeing molto buono, non sono riuscito a trovare nessuna differenza tra il 100ED e il Bresser, anzi ho preferito il mak perché era più luminoso.
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 2317
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da Giovanni Bruno »

Caro RAF, come tu mi insegni, siamo come sempre nella confusione tra prestazione di contrasto e prestazione di risoluzione.

Se parliamo di contrasto, su oggetti come GIOVE, prevale l'aspetto contrasto che vede i rifrattori da 100mm leggermente avvantaggiati in generale e se APO in particolare.

Mentre per le prestazioni di risoluzione, il diametro maggiore di un MAK da 127mm si fa sentire rispetto ad un rifrattore da 100mm.

Senza contare la felice trasportabilità e montabilità di un MAK 127, oltre che l'immediato interfacciamento ad una torretta binoculare.

:thumbup: :wave:
alessio855
Buon utente
Messaggi: 52
Iscritto il: 12/03/2020, 19:24

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da alessio855 »

A me si era rotto a budapest all'arrivo in aeroporto con lo zaino samsonite. ... ma studiandomi il principio di costruzione e assemblaggio del makkino "nanerottolo" l'ho riparato e va benissimo,. nel frattempo, lo devo ripulire.. e ricollimare. roba da 10 minuti..

ho svitato il perno centrale e toccando cautamente con detergente non corrosivo, kh7, ho ripulito lo specchio primario,
poi, ho rispettato la filettatura e ho invertito alto e basso e dal basso ho riavittato lo specchio primario e ricollimando il secondario, ho provato l'allineamento con un tetto e va benissimo, nessuna scollimazione.

ho smotato e ri messo a nuovo il mio telescopio rifrattore national geo cannocchiale e pulito internamente ma purtroppo da quando l'ho acquistato, ci sono briciole interne dentro l'oculare ho visto i prismi ben puliti e sono ok,ì.
:thumbup: è un svbony sv 41 assiema al vetusto poveretto cannocchiale 20-60x60 national geo.
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 2317
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Piccoli Maksutov (economici), il solito problema...

Messaggio da Giovanni Bruno »

Tornando all'oggetto di questa discussione, ovvero il paraluce dello specchio secondario dei MAK GREGORY, della loro eccessiva conicità e dimensione in lunghezza e della loro tendenza allo SCOLLAMENTO-SCIVOLAMENTO.

Del tutto fuori dal coro sono i RUMAK INTES ED INTES MICRO, con dei solidi paraluci del secondario in metallo e pure di piccola lunghezza fisica.

Essendo i paraluce integrali con la cella metallica dello specchio secondario, che è un elemento ottico a se stante, non vi è nessun pericolo di scivolamento, ne vi è un eccesso di inutile ostruzione, perché il paraluce è anche molto corto e perfettamente cilindrico. :thumbup: :wave:
Rispondi