JWST (James Webb Space Telescope)

Rispondi
Avatar utente
giodic
Buon utente
Messaggi: 329
Iscritto il: 05/12/2018, 0:40
Località: Roma

JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da giodic »

Una bellissima presentazione interattiva, in italiano, dell'ESA sulla missione JWST il cui lancio c'è stato ieri:
https://indd.adobe.com/view/27234d31-87 ... a2b1700499

Una pietra miliare nella storia dell'astronomia, sperando che tutto vada nel verso giusto... :pray:
Giorgio Di Cesare
Osservo con: Takahashi Mewlon 180 - Takahashi FC-100DZ - Tele Vue TV85 - Vixen FL70s - APM 100/45 ED APO - Miyauchi Saturn II - Zeiss Victory HT 8x42 - Nikon Monarch7 8x30 - KOMZ 6x24 - Daystar Quark Chromosphere - Prisma di Herschel Baader Cool Ceramic
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 2317
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da Giovanni Bruno »

Dopo molti rinvii, questo storico lancio di un mega telescopio spaziale è passato quasi in sordina, a causa della pandemia e delle feste natalizie.

Non posso fare a meno di sorridere al pensiero che per andare ancora oltre gli attuali telescopi istituzionali, sia terrestri che spaziali, si è ancora una volta seguita la via dei telescopi a specchi.

Mentre i sostenitori di LENTI o MORTE, magari possessori di un apetto da 70-100mm, continuano a pontificare sulla enorme superiorità delle lenti rispetto agli specchi.

Direi che gli specchi si sono presi l'ennesima rivincita proprio nel campo più tecnologico e scientifico degli strumenti ottici d'avanguardia.

Premesso che ho molti e qualificati strumenti a lenti APO, hanno però un diametro talmente piccolo da essere destinati all'ovvio uso obbistico, per fare sul serio sulla osservazione di frontiera, ci vuole diametro e solo i vilipesi ma generosamente enormi specchi posso tanto.

Lunga e produttiva vita al nuovo e gigantesco telescopio spaziale. :thumbup: :wave:
Avatar utente
giodic
Buon utente
Messaggi: 329
Iscritto il: 05/12/2018, 0:40
Località: Roma

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da giodic »

Ma che c'entra? :)
Dài, è come se per la scelta della motorizzazione di un'automobile, uno si dovesse basare sul carburante utilizzato in F1... :D
Giorgio Di Cesare
Osservo con: Takahashi Mewlon 180 - Takahashi FC-100DZ - Tele Vue TV85 - Vixen FL70s - APM 100/45 ED APO - Miyauchi Saturn II - Zeiss Victory HT 8x42 - Nikon Monarch7 8x30 - KOMZ 6x24 - Daystar Quark Chromosphere - Prisma di Herschel Baader Cool Ceramic
Avatar utente
piero
Buon utente
Messaggi: 3882
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da piero »

Quanto Potrebbe pesare una lente da 8 metri in vetro ottico? :o :o :lol: :lol:
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one.....
Avatar utente
giodic
Buon utente
Messaggi: 329
Iscritto il: 05/12/2018, 0:40
Località: Roma

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da giodic »

piero ha scritto: 26/12/2021, 19:42 Quanto Potrebbe pesare una lente da 8 metri in vetro ottico? :o :o :lol: :lol:
E soprattutto non si potrebbe nemmeno ripiegare per farla entrare nell'ogiva dell'Ariane 5... :D
Giorgio Di Cesare
Osservo con: Takahashi Mewlon 180 - Takahashi FC-100DZ - Tele Vue TV85 - Vixen FL70s - APM 100/45 ED APO - Miyauchi Saturn II - Zeiss Victory HT 8x42 - Nikon Monarch7 8x30 - KOMZ 6x24 - Daystar Quark Chromosphere - Prisma di Herschel Baader Cool Ceramic
Gonariu
Buon utente
Messaggi: 55
Iscritto il: 28/06/2021, 23:09

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da Gonariu »

E' una domanda alla quale non ci sarà mai risposta, lenti di diametro maggiore di 1 m è assai problematico farle.
Avatar utente
giodic
Buon utente
Messaggi: 329
Iscritto il: 05/12/2018, 0:40
Località: Roma

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da giodic »

Gonariu ha scritto: 26/12/2021, 21:02 E' una domanda alla quale non ci sarà mai risposta, lenti di diametro maggiore di 1 m è assai problematico farle.
Al momento la risposta c'è, ed è quella. Lenti di grosso diametro penso non siano proponibili per questione di costi (qualità del vetro ottico) e tecniche di produzione (difficoltà di lavorazione nella realizzazione di lenti di grosso diametro).

Chissà, però, se il futuro ci riserverà qualche sorpresa in merito... :wave:
Giorgio Di Cesare
Osservo con: Takahashi Mewlon 180 - Takahashi FC-100DZ - Tele Vue TV85 - Vixen FL70s - APM 100/45 ED APO - Miyauchi Saturn II - Zeiss Victory HT 8x42 - Nikon Monarch7 8x30 - KOMZ 6x24 - Daystar Quark Chromosphere - Prisma di Herschel Baader Cool Ceramic
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 2317
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da Giovanni Bruno »

Sia ben chiaro che non ho nulla contro i rifrattori, possiedo un 120ED da una vita e due binocoli CANON, il 12x36 IS II ed un IS 15x50, sostanzialmente APO, oltre al binocolone APM SD APO da 100mm a 45°, oltre a qualche decina di binocoli acromatici.

Mentre attualmente ho solo due strumenti a specchi , un RUMAK da 150mm ed un SCT da 200mm.

La mia nota sulla mia insofferenza verso chi talebanamente giudica ogni specchio una porcheriola e credetemi ve ne sono tantissimi, è dovuta alla assurda pretesa di chi ritiene che un apetto da 66mm può far sfigurare qualsia specchio.

Mentre è del tutto evidente che i rifrattori sono eccellenti, ma fisicamente limitati nel loro stesso essere fisico a superare facilmente certi diametri, mentre gli specchi possono andare più facilmente oltre, come enormi diametri.

Quindi non una preferenza per gli specchi, ma un passarsi pacificamente le consegne, tra i rifrattori e gli specchi, in funzione del diametro e del calcolo economico per produrli. :thumbup: :wave:
Avatar utente
piero
Buon utente
Messaggi: 3882
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da piero »

La mia era ovviamente una battuta, certamente per questi mostri lo specchio è ancora la soluzione vincente specie per la logistica (se non Ricordo male questo è in 3 pezzi ripiegati su se stessi che si apriranno poi a formare un pezzo unico una volta in orbita e fuori dal vettore)
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one.....
Avatar utente
giodic
Buon utente
Messaggi: 329
Iscritto il: 05/12/2018, 0:40
Località: Roma

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da giodic »

piero ha scritto: 27/12/2021, 13:51 La mia era ovviamente una battuta, certamente per questi mostri lo specchio è ancora la soluzione vincente specie per la logistica (se non Ricordo male questo è in 3 pezzi ripiegati su se stessi che si apriranno poi a formare un pezzo unico una volta in orbita e fuori dal vettore)
Oltre al diametro e alla questione della modularità costruttiva, che permette il dispiegamento dello specchio dopo il lancio, c'è un altro punto, fondamentale, a favore di questa soluzione: la correzione geometrica del profilo dello specchio, sia a livello generale che a livello di singolo elemento, tramite attuatori comandati da remoto (da Terra), così da poter correggere, per esempio, la m.a.f. a seconda dello strumento di ripresa adoperato, oppure anche per far fronte ad eventuali difetti ottici che dovessero intervenire in corso d'opera.
Ricordate gli interventi di messa a punto ottica di Hubble? Per JWST sarebbero impossibili, se non con questa soluzione progettuale... :thumbup:
Giorgio Di Cesare
Osservo con: Takahashi Mewlon 180 - Takahashi FC-100DZ - Tele Vue TV85 - Vixen FL70s - APM 100/45 ED APO - Miyauchi Saturn II - Zeiss Victory HT 8x42 - Nikon Monarch7 8x30 - KOMZ 6x24 - Daystar Quark Chromosphere - Prisma di Herschel Baader Cool Ceramic
rigel
Buon utente
Messaggi: 843
Iscritto il: 31/08/2012, 13:44

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da rigel »

Gonariu ha scritto: 26/12/2021, 21:02 E' una domanda alla quale non ci sarà mai risposta, lenti di diametro maggiore di 1 m è assai problematico farle.
Non è solo problematico, non le hanno mai fatte (a parte l'1,25mt di Parigi, MAI entrato in funzione). Il più grande rifrattore al mondo rimane quello di Yerkes, che è proprio 1mt di diametro. Inoltre, se è vero che il peso e la quasi impossibilità di avere lenti senza impurità su quelle dimensioni, sono considerati fortemente limitanti, il problema più grande in assoluto rimane l'assorbimento di luce procurato da tali spessori.....in quello di Yerkes viene valutato all'incirca sul 50%...una quantità enorme di luce persa. E' vero che oggi sarebbero disponibili trattamenti superficiali migliori, ma rimane il fatto che oltre i 40/50cm di diametro nessun rifrattore potrebbe competere con uno specchio di pari valore.
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 935
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da Samuele »

Scusatemi, ma per caso avete dimenticato che il JWST opererà nello spazio dove non c'è gravità né atmosfera e quindi neppure turbolenza?
Al di là della questione pesi, assorbimento luce ecc.., che pure hanno enorme rilevanza nella scelta, resta il fatto che gli specchi non generano diffrazione, cioè - come spesso ricorda qualcuno- sono realmente apocromatici, ed in condizioni di assenza di turbolenza ed assenza di deformazioni dovute alla gravità terrestre restano la scelta più logica e pressoché insostituibile per un telescopio.
È vero che c'è l'ostruzione centrale del secondario ma l'ostruzione non è mai stata un problema per le riprese con tecniche digitali, senza considerare che con quei diametri ha poco senso anche parlare di riduzione del contrasto.
Certo, qui sulla terra e con i diametri di un telescopio amatoriale, il discorso cambia e tutte le altre variabili entrano prepotentemente in gioco :thumbup:
rigel
Buon utente
Messaggi: 843
Iscritto il: 31/08/2012, 13:44

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da rigel »

La questione peso è ovvio che non ha praticamente nessuna influenza nei punti Lagrangiani, ma è assolutamente penalizzante fin che è sulla Terra e si pensa di portarlo fuori dalla sua attrazione......non per niente, quando si parla di basi lunari, il loro scopo principale è di utilizzarle come basi di lancio, avendo la luna una velocità di fuga molto più bassa della Terra. Al momento attuale il peso è la discriminante più grande in qualsiasi progetto spaziale...ogni ettogrammo in più costa milioni di dollari. Sul discorso "apocromaticità", diciamo che non dobbiamo guardare al JW come ad uno dei nostri telescopi, dove cerchiamo la perfezione dell'immagine nel nostro spettro visivo, visto che, da quel che mi risulta, lavorerà quasi esclusivamente nell'infrarosso. Detto questo, come ho scritto prima, la questione riflettore vs. rifrattore, nelle misure oltre i 40/50cm, non si pone proprio, ne sulla Terra ne nello spazio.
Avatar utente
giodic
Buon utente
Messaggi: 329
Iscritto il: 05/12/2018, 0:40
Località: Roma

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da giodic »

Samuele ha scritto: 28/12/2021, 8:46 Scusatemi, ma per caso avete dimenticato che il JWST opererà nello spazio dove non c'è gravità né atmosfera e quindi neppure turbolenza?
Al di là della questione pesi, assorbimento luce ecc.., che pure hanno enorme rilevanza nella scelta, resta il fatto che gli specchi non generano diffrazione, cioè - come spesso ricorda qualcuno- sono realmente apocromatici, ed in condizioni di assenza di turbolenza ed assenza di deformazioni dovute alla gravità terrestre restano la scelta più logica e pressoché insostituibile per un telescopio.
È vero che c'è l'ostruzione centrale del secondario ma l'ostruzione non è mai stata un problema per le riprese con tecniche digitali, senza considerare che con quei diametri ha poco senso anche parlare di riduzione del contrasto.
Certo, qui sulla terra e con i diametri di un telescopio amatoriale, il discorso cambia e tutte le altre variabili entrano prepotentemente in gioco :thumbup:
Penso che la naturale apocromaticità dello specchio sia l'ultimo dei pensieri del progettista di un telescopio di questo genere, visto che la strumentazione di ripresa a bordo del JWST è orientata esclusivamente sulla banda dell'infrarosso (vicino e medio).
Le ragioni della scelta sono ben altre, come ho scritto in precedenza (peso ovviamente, ma soprattutto modularità, controllo da remoto della geometria dello specchio, e rivestimento superficiale dello stesso, con lamina d'oro, per una maggiore efficienza nelle lunghezze d'onda dell'infrarosso...).
In ogni caso, qui si parla di strumenti scientifici di altissimo livello e specializzazione, che nulla hanno a che vedere con gli strumenti amatoriali che adoperiamo noi se non, forse, il nome...
Giorgio Di Cesare
Osservo con: Takahashi Mewlon 180 - Takahashi FC-100DZ - Tele Vue TV85 - Vixen FL70s - APM 100/45 ED APO - Miyauchi Saturn II - Zeiss Victory HT 8x42 - Nikon Monarch7 8x30 - KOMZ 6x24 - Daystar Quark Chromosphere - Prisma di Herschel Baader Cool Ceramic
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 935
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da Samuele »

Sono anch'io convinto che le ragioni indicate (peso, modularità, controllo remoto, rivestimento superficiale, ecc...) siano state predominanti nella progettazione dello strumento: quello che ho evidenziato era in risposta alle questioni dibattute nel corso della discussione, fermo restando che non mi risulta che nell'infrarosso non valga il principio della diffrazione :wave:
rigel
Buon utente
Messaggi: 843
Iscritto il: 31/08/2012, 13:44

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da rigel »

La questione è diversa......se lo strumento che "legge" il piano focale è sensibile solamente nell'infrarosso, le altre lunghezze d'onda possono andare dove vogliono......detto questo, il problema non si pone proprio vista la assoluta inutilità e impossibilità di portare un rifrattore nello spazio.
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 935
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da Samuele »

P.S. Mi sono accorto di aver commesso un errore nei miei commenti postati sopra: il fenomeno per cui la luce si scompone nelle sue frequenze quando passa da un mezzo fisico ad un altro (cioè attraverso le lenti) si chiama "rifrazione" non "diffrazione" che è altra proprietà delle onde luminose :oops:
Avatar utente
giodic
Buon utente
Messaggi: 329
Iscritto il: 05/12/2018, 0:40
Località: Roma

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da giodic »

Ma voi ce li vedete i progettisti del JWST che litigano perché uno vorrebbe uno strumento binoculare a rifrazione, con lenti alla fluorite/lantanio/murano, e gli altri invece lo vogliono a riflessione, ma non sanno mettersi d'accordo su schema ottico Newton/Cassegrain/Specchiodellemiebrame e rapporto focale? :lol:

Personalmente, che il JWST sia uno strumento a lenti, specchi o legno trattato col coppale, interessa meno di niente... :D la cosa che mi affascina è la tecnologia che c'è dietro un'impresa di questo genere e, soprattutto, i dati scientifici che saprà raccogliere (incrociando le dita, sempre che tutto vada per il verso giusto)... :thumbup:
Giorgio Di Cesare
Osservo con: Takahashi Mewlon 180 - Takahashi FC-100DZ - Tele Vue TV85 - Vixen FL70s - APM 100/45 ED APO - Miyauchi Saturn II - Zeiss Victory HT 8x42 - Nikon Monarch7 8x30 - KOMZ 6x24 - Daystar Quark Chromosphere - Prisma di Herschel Baader Cool Ceramic
Antonello66
Buon utente
Messaggi: 247
Iscritto il: 16/05/2021, 14:43

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da Antonello66 »

@giodic secondo me, alla fine, si scoprirà che è un Takahashi :D
Avatar utente
giodic
Buon utente
Messaggi: 329
Iscritto il: 05/12/2018, 0:40
Località: Roma

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da giodic »

Antonello66 ha scritto: 30/12/2021, 19:48 @giodic secondo me, alla fine, si scoprirà che è un Takahashi :D
:lol:
Infatti... e per non farmi cogliere impreparato i Taka li ho sia a specchi che a lenti... :dance:
Giorgio Di Cesare
Osservo con: Takahashi Mewlon 180 - Takahashi FC-100DZ - Tele Vue TV85 - Vixen FL70s - APM 100/45 ED APO - Miyauchi Saturn II - Zeiss Victory HT 8x42 - Nikon Monarch7 8x30 - KOMZ 6x24 - Daystar Quark Chromosphere - Prisma di Herschel Baader Cool Ceramic
Avatar utente
giodic
Buon utente
Messaggi: 329
Iscritto il: 05/12/2018, 0:40
Località: Roma

Re: JWST (James Webb Space Telescope)

Messaggio da giodic »

Il JWST in viaggio verso L2, ripreso da un amatore dalla Repubblica Ceca! :o

https://spaceweathergallery.com/indiv_u ... _id=180993

https://www.youtube.com/watch?v=MQtuOewNJF0

E, per riallacciare il post a quelli precedenti, date un'occhiata ai dati di ripresa di queste fantastiche immagini, in particolare al telescopio usato... :lol:
Giorgio Di Cesare
Osservo con: Takahashi Mewlon 180 - Takahashi FC-100DZ - Tele Vue TV85 - Vixen FL70s - APM 100/45 ED APO - Miyauchi Saturn II - Zeiss Victory HT 8x42 - Nikon Monarch7 8x30 - KOMZ 6x24 - Daystar Quark Chromosphere - Prisma di Herschel Baader Cool Ceramic
Rispondi