Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Giove e Luna alle 9 di mattina. 24-07-2011

Rispondi
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 9068
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Giove e Luna alle 9 di mattina. 24-07-2011

Messaggio da piergiovanni » 08/05/2012, 17:58

Questa mattina non avevo voglia di andare in spiaggia, oltretutto mia figlia e mia moglie dormivano ancora beatamente..

Ricordandomi delle osservazioni "gioviane" che Raf Braga sta facendo in quel di Madonna di Campiglio, inforco il Bushnell STABI 10x32 e cerco Giovebche si trova appena sotto la luna.

Si vede alla perfezione un dischetto! Devo ammettere che questo Bushnell, che è un Fujinon travestito con in più l'opzione panning, è una solida roccia, anche quando lo si utilizza in barca. Impermeabile, con vari gradi di stabilizzazione..etc etc. Avremo modo di discuterne su Binomania.it

Dopo un po' di osservazione lunare con il binocolo decido di "tirar fuori" l'ETX 125 per vedere cosa è possibile ottenere. Il cielo è terso, c'è stato un forte temporale questa notte, ma il seeing mattutino non è dei migliori.

Cerco nel Red Dot il pianeta, ma non si vede, mi aiuto con il binocolo e con qualche nuvola di passaggio ed in poco tempo, trovo , grazie ad un vecchio Ploss Celestron di 40mm il pianeta: è un piccolo dischetto che mostra due tenui bande.

Inizio a sperimentare e giocare con vari oculari
1) Baader Genuine Ortho 18mm, circa 190X . nota la Neb e la Seb. il disco è molto chiaro, il contrasto del pianeta buono ma non eccellente

2) Aggiungo un filtro SKY GLOW, è il filtro per le osservazioni diurne, percepisco, a tratti qualche dettaglio nelle bande temperate. il contrasto fra bordo del disco e cielo è migliorato.

3) Provo a utilizzare un filtro verde 53A. i 125mm dell'ETX non sono sufficienti: immagine buia.
4) Provo con Baader Genuine Ortho 12.5mm. A parte un maggior aumento delle dimensioni del disco gioviano, percepisco i medesimi dettagli. Turbolenza diurna eccessiva. Nulla a che fare con le osservazioni all'ALBA.

Concludo con un bel 25mm Super Ploss TAL che ritengo un eccellente oculare, ed è molto affascinante, a tratti, vedere i gabbiani che volano nello stesso campo del pianeta, una visione irreale che di notte non si riesce ad apprezzare.


Passo alla luna. Mi concentro sulla zona di Gassendi e sulla zona di Aristarcus.

Riprovo con lo stesso setup usato per Giove, ma alla fine propendo per il visore binoculare, con filtro Sky GLow e due oculari da 25mm. In vacanza ho portato un Tal da 25mm ed un Celestron Xcel. In questo genere di visioni, il TAL possiede un contrasto decisamente superiore.

La facilità di osservare dettagli anche in pieno giorno, ore 10,00, con il visore è incredibile. In visione monoculare noto solo pochissimi dettagli in Gassendi, con il visore le strutture interne sono "disegnate". Ovviamente non è possibile reggere alti ingrandimenti, tuttavia, come "colazione" domenicale, mi ritengo soddisfatto.

Devo ammettere che la decisione di portare l'ETX 125 con la Vixen Porta si è rilevata molto, molto azzeccata. Ingombro minimo, buone soddisfazioni su luna, pianeti e stelle doppie.

Cari saluti a tutti

Piergiovanni
Allegati
meadeetx.jpg
Piergiovanni Salimbeni
Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it
Fotografie di paesaggio
www.piergiovannisalimbeni.com.it

Autore delle riviste: Itinerari e Luoghi, Nautica, Armi Magazine

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7479
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Giove e Luna alle 9 di mattina. 24-07-2011

Messaggio da -SPECOLA-> » 08/05/2012, 20:13

Cit. http://snipurl.com/23f9co7
postato da 50X il 24/07/2011 15:19
Ciao Piergiovanni,
questa mattina l'ho passata a provare degli apparati in banda radioamatoriale, standomene beatamente in ascolto all'aperto, con lo sguardo quasi sempre rivolto verso la Luna, ben visibile alta, in un cielo molto terso (complice l'acquazzone della notte appena trascorsa).
Rientrato in casa verso le 12:20, accendo il computer e come di consueto vado a vedere se ci sono novità su BINOMANIA/ASTRO TEST/e il tuo BLOG.
Leggo velocemente il tuo post e mi decido a cimentarmi anch'io in questo tipo di osservazione planetaria diurna (peraltro non di rado da me effettuata, soprattutto sui pianeti interni, Venere e Mercurio), ecco così che già alle 12:30 Giove brilla sotto forma di un bel dischetto nel binocolo TENTO 7X50.
Vista la facilità della "preda", rivolgo verso il pianeta d'apprima il binocolo ZOOM 8-20X50 TECHNO (il disco è davvero evidentissimo!) e subito dopo il TECHNO DeLuxe 8X30, nel quale l'oggetto è pure perfettamente percepibile, senza alcuna difficoltà, pur essendo pieno giorno.
Per un bel po' rimango ad osservare anche la Luna con i tre binocoli, sebbene senza stativo non riesca ad andare oltre alla visione dei dettagli più facili.
Alle 13:25 inquadro Giove nel telescopio rifrattore TECHNO 50/630; operazione resa abbastanza semplice dall'uso di un oculare D24.5 HM25 (CIRCLE T, TOWA JAPAN).
Posto il pianeta nel centro del campo, sostituisco l'oculare con quello di serie dello strumento (f 12.5 = 50X) e mi dedico all'osservazione vera e propria.
Il campo inquadrato è chiaro, c'è turbolenza atmosferica e il pianeta non risulta molto ben distaccato dal fondo cielo.
La NEB e la più sbiadita SEB sono comunque ben visibili (declinanti, come pure l'ovale del disco di Giove, che si appresta a tramontare).
Vorrei passare ad altri ingrandimenti/oculari, però la comparsa in cielo di numerose nuvole a velo e l'avvicinarsi lento ma inesorabile del pianeta verso la sommità degli alberi del Monte Diviso, che caratterizza buona parte dell'orizzonte occidentale, osservando qui dall'osservatorio, mi fanno desistere.
E' un vero peccato, in quanto precedentemente alla lettura del BLOG, la zona di cielo dove campeggiavano la Luna e Giove era perfettamente sgombra da nuvole e ostacoli.

Cieli sereni.

Fabrizio Ferrario
--
-SPECOLA->
Ecco,
questa sì che si può considerare un vera e propria "capsula del tempo". ;)
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7479
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Giove e Luna alle 9 di mattina. 24-07-2011

Messaggio da -SPECOLA-> » 25/07/2012, 16:30

È già passato un anno.
Come vola il tempo! :!:
Se la Luna oggi è visibile alla sera, Giove resta sempre visibile ancora di giorno, in compagnia di Venere.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

Rispondi

Torna a “ARCHIVIO DEL VECCHIO BLOG DI BINOMANIA”