Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Il mondo dei telescopi terrestri e della tecnica del digiscoping. Inserite qui le vostre immagini e i vostri video!
Rispondi
Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 2277
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Angelo Cutolo »

Riporto le primissime impressioni dal 3D "Reportage Valtellina 2022: amici, pizzoccheri, tanti binocoli e qualche novità" relativo allo spottino (soprattominato "Scricciolo") in oggetto.
Angelo Cutolo ha scritto: 09/08/2022, 13:32Mi è arrivato questa mattina lo scricciolo (me lo sono fatto consegnare sul luogo di lavoro), quindi l'ho provato molto velocemente.
Relativamente alle primissime impressioni, direi sorprendente.
Pesa effettivamente niente (sembra finto), l'ho poggiato sullo stipite della finestra per le prime prove e ho notato subito che ha campo praticamente piano (sfoca appena appena dopo ben oltre il 90% del campo), immagine molto pulita e cromatismo veramente limitato, a 20x lo devi veramente andare a cercare, nonostante abbia puntato una canna fumaria in acciaio illuminata dal Sole, aumenta un po diventando più percepibile all'aumentare degli ingrandimenti. Ma anche se si tratta di un'occhiatina veloce direi che la metà centrale del campo non ha quasi colori a nessun ingrandimento, ho messo l'occhio in altri spotting definiti ED che non davano un'immagine a livello di questo scricciolo.
Bello lo scafo con effetto carta vetrata (veramente molto ruvido), hai una presa sicura anche senza la classica gomma godronata o a buccia d'arancia (e così non si dovrebbe rischiare che diventi appiccicaticcia come "altre" plastiche :twisted: ), grazie al peso a 20x la versione dritta si può usare discretamente a mano libera per qualche decina di secondi, basta considerare che il Vortex Solo 8x36 RT pesa circa 300 g ed è lungo la metà di questo, se tanto mi da tanto, sul monopiede dovrei riuscire ad utilizzarlo almeno fino a 30x senza problemi.
Veramente soddisfatto, quando farò le prime prove serie, apro un 3D ad hoc.
Come dicevo, quando ritirai il pacco, questo era cosi leggero che pensavo mi avessero tirato il "pacco", ma alla fine il conquibus c'era.
Kowa 502 a.jpg

Oggi ho fatto le prime prove per la verifica dei dati di targa (come mio solito).
Rispetto a ieri, oggi sono riuscito a metterlo su un solido treppiede per valutare meglio la bontà ottica e sostanzialmente confermo quanto detto, campo piano fino al bordo (scappa qualcosina solo nell'ultimo 5% del campo), veramente poco cromatismo, ma se gli si "tira il collo" questo viene fuori e aumenta con l'ingrandimento, ma per quello che costa, se fosse stato un "cinese", ci sarebbe stampigliato un "ED" grosso come tutto il corpo prismi, comunque ne parlerò successivamente descrivando, in che occasioni e in che quantità viene fuori; relativamente alle distorsioni, rilevo una distorsione a cuscinetto non eccessiva, ma percepibile (vedi immagine del campanile).

Inizio col dire che Kowa con i dati di targa è abbastanza preciso, le dimensioni sono rispettate, come la lunghezza di 252 mm e il peso di 420 g (senza tappi).
Kowa 502 b.jpg
Kowa 502 c.jpg

Monto il Celestron NeXYZ e col cellofono ho verificato gli ingrandimenti (il campo l'ho verificato come sempre ad occhio con l'ausilio della CTC 1:2000) che sono sostanzialmente quanto promesso, la seconda immagine mostra gli ingrandimenti effettivi al minimo (20x) al massimo (40x) e alle due tacche intermedie che sono segnate tra i due estremi.
Kowa 502 e.jpg
Kowa 502 f.jpg

Dopo le "misure" di rito, l'ho montato sul monopiede munito di manfrotto 325rc2 (tutto 1.100 g), così da testarne l'utilizzabilità, ebbene l'immagine rimane discretamente ferma fino a circa 30X (seconda tacca intermedia), tengo la mano sx sopra il corpo prismi, con l'anulare che controlla la monopola del fuoco (molto fluida e precisa), con la dx impugno la "cloche", in questo modo riesco a gestire e direzionare con precisione lo "scricciolo". A circa 35x si deve stare un po più attenti allargare un po le gambe e stabilizzare bene il corpo, ma per osservazioni limitate (uno, max due minuti) va bene, mentre al massimo (40x), solo qualche decina di secondi prima che l'immagine cominci ad ondeggiare.
A proposito della manopola del fuoco, questa non avendo riferimenti, non sono riuscito a calcolare con precisione il numero di giri per passare dalla minima distanza di messa a fuoco (anche questa confermata, pari a circa 2,5 m), ad infinito (e a fine corsa), ripeterò la misura appicando un bollino adesivo di carta sulla "testa" della manopola, e provvederò a segnare dei riferimenti.
Kowa 502 d.jpg

Lo spottino è dato come IPX6 e riempito d'azoto, impermeabilità ancora non testata (magari volesse piovere!!!), nella serata di ieri ho dato una veloce (ma veramente veloce) occhiata alla Luna e il bordino colorato è davvero molto fine, con una particolarità, a 20x il bordino era giallino, gradatamente passato al verdolino andando verso i 30x, che poi è diventato indaco a 40x; una cosa un po particolare, ma mi riprometto di fare un test sul cielo degno di questo nome, più avanti.

Ultima chicca (per oggi), ho scoperto che la filettatura frontale, quella dell'anello di blocco dell'obiettivo e compatibile con la filettatura dei filtri fotografici da 55 mm.



Alla prossima puntata. :wave:
Ultima modifica di Angelo Cutolo il 11/08/2022, 12:56, modificato 2 volte in totale.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; William Optics 22x70 apo; Vixen Ultima 8x56; Nikon Action EX 16x50; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25; Orion 2x54.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 8646
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da -SPECOLA-> »

Interessante disanima; grazie Angelo. :thumbup:
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVII). http://www.specola.altervista.org/
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 2406
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Giovanni Bruno »

Davvero uno scricciolo come peso, siamo a livello di un binocolo 8x30 di quelli molto leggeri.

Più che esaustiva la prova sul campanile ai vari ingrandimenti, a 40x si vede moltissimo di più che a 20x, il che giustifica l'uso di questo spottingscope zoom. :thumbup: :wave:
Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 2277
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Angelo Cutolo »

Ieri sera tra una nuvola e l'altra ho fatto anche la prova sul cielo, ma prima di questo, esaurisco velocemente la questione cromatismo diurno.
Sostanzialmente il "colore" spunta fuori, non tanto dove ci sono alti contrasti, ma dove c'è tanta luce, stiamo parlando comunque di un 50 mm com P.U. da 2,5 a 1,25 mm quindi la luce è quella che è (e in ogni caso l'obiettivo è trasparentissimo, più o meno a livello delle lenti del canoncino 10x30). Qundi ad esempio sui rami stagliati sul cielo, il cromatismo si nota poco, e ancora meno dai 30 ai 40x, proprio perché l'immagine si scurisce, mentre ad esempio sui fascioni bianchi del campanile (quello che uso come target dell'immagine al precedente post) illuminati dal sole, la cosa è più visibile, come anche i vari grattacieli, in questo il target più "bastardo" è stato il traliccio della torre RAI con i suoi bianchissimi ripetitori, lì il colore si percepisce subito, diventando evidente tra i 35 e i 40x appena fuori dall'asse ottico.
RAI.jpg

Ieri sera c'era una bella luna gibbosa, ma anche nuvolaglia, sono comunque riuscito a fare una foto, sempre a ingrandimento min., max. e quelli intermedi individuati dalle due tacche; innanzitutto l'ingrandimento calcolato col metodo del "campanile" e sostanzialmente confermato dalle dimensioni dei dischi lunarti, a meno di qualche decimale siamo a 19,9x ► 25,5x ► 31,2x ► 40,1x.
Confermata anche quella particolarità, descritta nel precedente post, il bordino colorato sulla Luna cambiava colore dal giallino, passando per il verde tenue e fino al blu indaco, salendo dai 20x e fino ai 40x (anche se non come percepito in visuale, qualcosa si vede anche dalle immagini).
Le seguenti immagini sono un crop al 100% così come le ha sfornate il cellofono, io ho solo impostato i 100 iso (il mio J3 2017 non mi permette molte regolazioni) e lasciato l'esposizione in automatico, nessuna PP.
Kowa 502 g.jpg
Kowa 502 h.jpg
Kowa 502 i.jpg
Kowa 502 l.jpg

Ho anche scattato due immagini molto sovraesposte per far notare il campo inquadrato dallo scricciolo a 20 e 40x, che sostanzialmente conferma i dati di targa (le due immagini sono in scala tra loro).
Kowa 502 m.jpg
Kowa 502 n.jpg
L'obiettivo ha veramente un'ottima incisione, il terzo centrale del campo è un rasoio (si vede anche dalle immagini della Luna), oltre si "ammorbidisce" in maniera molto leggera, nel senso che l'immagine rimane più che buona, ma non è più un rasoio (ho usato il gruppo di craterini Bullialdus, che sono ben scalati in dimensioni, per i vari ingrandimenti).
Ho anche puntato il doppio ammasso nel Perseo e a 20/25x era davvero caruccio, salendo dai 30x e oltre, si "spegneva la luce" e i colori delle stelle diventavano via via meno saturi, ad esempio le prime a perdere il loro colore sono quelle tre o quattro stelline rosse in Chi Per.

Nuvolaglia e velature, non mi hanno permesso di dare un'occhiatina a Saturno (Giove ancora troppo basso e orizzonte fetente), ma i pianeti (Saturno, Giove, Marte e Venere) saranno i miei prossimi obiettivi, mentre nei prossimi giorni vedo di fare un'uscita "naturalistica", a piedi, così da saggiarne fattivamente la portabilità.
Grazie al fatto che gli si riesce a collegare la classica filettatura da 55 mm dei filtri fotografici, riuscirò a provarlo anche sul Sole, infatti sto facendo un filtro in AS usando lo chassis di un filtro fotografico da 52 mm che collegherò a un anello step-down 55-52 mm (tutta roba trovata nel cassetto delle rimanenze).

A proposito di filtri, per le osservazioni diurne in piena luce, pensate possa essere utile uno di quei filtri di protezione UV?



Alla prossima.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; William Optics 22x70 apo; Vixen Ultima 8x56; Nikon Action EX 16x50; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25; Orion 2x54.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.
Avatar utente
piero
Buon utente
Messaggi: 3951
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da piero »

ti stai divertendo eh? circa l'UV, mah non credo sia così utile come protezione perché la lente è già abbastanza incassata quindi in caso di urti difficile che si danneggi; introdurresti solo un'ulteriore passaggio aria-vetro e per mantenere l'incisione che ha il piccoletto il filtro dovrebbe essere di buona qualità. Semmai, visto che stai giocando alla grande, potresti forse divertirti con un polarizzatore.
Io me lo godrei così com'è, ho la versione angolata come sai e lo utilizzo sia libero su appoggio di fortuna, su monopiede oppure su un manfrotto pixi da tavolo che peraltro va benissimo anche su roccia o sullo zaino.

ADDENDUM PER I TIRATORI: segnalo questo strumento anche per chi pratica il tiro: si vedono i buchi del 223 rem a 200 m, a 100 m anche il 22lr, ma non di più infatti per distanze maggiori con il 223 ho il kowa 664
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one.....
Giovanni Castaldini
Buon utente
Messaggi: 173
Iscritto il: 06/05/2021, 13:00

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Giovanni Castaldini »

Più che dei filtri trovo utile un paraluce in gomma retraibile diametro 55 da tenere fisso sull'obiettivo e da estendere alla bisogna.
Non so come si comporta con luce laterale, ma in tutti i modi aiuta.
Io ce l'ho sul mio Zeiss Dialyt 18-45 x 65 e lo trovo pratico e non invasivo.
Almeno sarà una protezione ulteriore sulla lente frontale.
👍🖐️🇮🇹
Se lo viene a sapere mia moglie, mi uccide.
I magnifici quattro:
Zeiss Victory 7x42 T* FL
Zeiss Dialyt 7x42 BGA T*
Zeiss Dialyt 18-45 x 65
Zeiss Victory Pocket 8x20 B T*
Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 2277
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Angelo Cutolo »

Luce laterale veramente poca, anche tenendo la Luna poco fuori dal campo, d'altronde come dice Piero, l'obiettivo è discretamente incassato.

@Piero
Grazie, ok niente filtri (tranne quello solare).Comunque si, mi ci sto divertendo, una simile "potenza" in soli 4 etti ti invoglia ad usarlo; ho recuperato dallo stanzino una piccola borsa termica (con tracolla) a posta per le borracce da 1 L (quelle in plastica tipo "bineron)" e lo scricciolo ci stà perfettamente.

Quando andrò alle cave, magari faccio la prova dello splash, visto il peso non mi stupirei se galleggiasse. :mrgreen:
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; William Optics 22x70 apo; Vixen Ultima 8x56; Nikon Action EX 16x50; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25; Orion 2x54.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.
Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 2277
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Angelo Cutolo »

Ok completato il filtrino con l'AS, come detto, avevo un po di rimanenze (montatura filtro e anelli step-up/down) di un altro progetto, appena ho tempo lo provo sul Sole, al momento (a vedere il sito SOHO) ci sono delle macchiette da piccole a molto piccole, giuste per mettere alla prova lo scricciolo.
Kowa 502 m.JPG
Kowa 502 n.JPG
Kowa 502 o.JPG
Kowa 502 p.JPG
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; William Optics 22x70 apo; Vixen Ultima 8x56; Nikon Action EX 16x50; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25; Orion 2x54.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.
Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 2277
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Angelo Cutolo »

Fatta anche la prova sul Sole, difficile fare digiscoping col Sole, troppa troppa luce, ma due fotine sono riuscito a tirarle fuori, una a 20x e una a 40x.
Immagine sempre in scala tra loro, impostazione 100 iso ed esposizione lasciata al cellofono, curato il fuoco meglio che potevo, nessuna PP ad esclusione di una semplice riduzione di luminosità.
Kowa 502 q.JPG
Kowa 502 r.jpg
Lo scricciolo ha una buona definizione, bene o male le macchiette si vedevano tutte, in visuale meglio di quanto testimoniato dalle immagini allegate, qui il bordino colorato però si fa vedere in maniera più "decisa" rispetto al bordo lunare, qui si vede anche un po di luce diffusa, non so quanto dovuto ad eventuali imperfezioni/ondulazioni del filtro, o quanto a riflessioni tra lente dell'obiettivo e la superficie riflettente interna del filtro.


Ho anche verificato il numero di giri del pomello del focheggiatore, decisamente non ha un fuoco "veloce", ma meglio così, dopo i 30x questo diventa un pregio.
Comunque dalla minima distanza di fuoco ad infinito, ci vogliono circa 2 giri + 340° (1.060° totali), per arrivare a fine corsa dopo l'infinito ci vogliono ulteriori 120°.


Mi manca il test "naturalistico".
Alla prossima.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; William Optics 22x70 apo; Vixen Ultima 8x56; Nikon Action EX 16x50; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25; Orion 2x54.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.
Giovanni Castaldini
Buon utente
Messaggi: 173
Iscritto il: 06/05/2021, 13:00

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Giovanni Castaldini »

Che dire ?
Fai bene a testarlo in tutte le condizioni, più per uno sfizio o divertimento personale, penso, non tanto per pura utilità; sono strumenti, come il mio Minox, nati per usi un po' più "terrestri".
Sta di fatto che per il prezzo regalano soddisfazioni ben maggiori.
La tragedia è che per migliorare abbastanza bisogna spendere tre volte abbastanza e questo ci danneggia nel portafogli.
Comunque un cinquantino base come il mio o come il tuo sono impagabili in termini di portabilità, affidabilità e resa più che discreta. Soldi ben spesi !!
Chi quante volte lascia a casa un cannocchiale da 1,5 /1,8 kg perché troppo pesante od ingombrante?
Credo in tanti, quindi alla fine chi si "accontenta" gode.
Poi il modello dritto è, secondo me, il più pronto e rapido strumento per puntare ed osservare.
👍🖐️🇮🇹
Se lo viene a sapere mia moglie, mi uccide.
I magnifici quattro:
Zeiss Victory 7x42 T* FL
Zeiss Dialyt 7x42 BGA T*
Zeiss Dialyt 18-45 x 65
Zeiss Victory Pocket 8x20 B T*
Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 2277
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Angelo Cutolo »

Come hai immaginato lo scricciolo lo utilizzerò essenzialmente in terrestre, per quando avrò bisogno di "potenza" da poter mettere nello zaino o nel marsupio.
Però mi piace provarli in tutte le condizioni possibili e il cielo penso sia uno dei banchi più probanti per un'ottica, ad esempio anche per il nikon action 16x50, ho fatto un'estesa prova sul cielo, da quella volta non l'ho praticamente più puntato verso l'alto, idem per il WO 22x70 (sul cielo gli preferisco il Vx 30x80) se non per qualche puntata veloce sulla Luna.

Relativamente alla tipologia, putroppo non ho molta scelta, il mio cervello riesce a processare bene il brandeggio e il puntamento delle tipologie dritta e a 90°, mentre con quella a 45° vado in confusione ed è già tanto che non abbia troppe difficoltà col puntamento di target terrestri fissi, se dovessi puntare aerei, uccelli o qualsiasi altra cosa che non abbia riferimenti "fermi", per me sarebbe quasi un andare a casaccio.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; William Optics 22x70 apo; Vixen Ultima 8x56; Nikon Action EX 16x50; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25; Orion 2x54.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.
Giovanni Castaldini
Buon utente
Messaggi: 173
Iscritto il: 06/05/2021, 13:00

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Giovanni Castaldini »

Per il cielo l'angolato su treppiede fa il suo, ma nell'osservazione terrestre a mano libera o con appoggio di fortuna anch'io prediligo il cannocchiale dritto.
Io possiedo anche una via di mezzo per portabilità, leggerezza e qualità ottica che è quel mulo indistruttibile dello Zeiss Dialyt 18-45 x 65 e ti assicuro che nell'osservazione itinerante è imbattibile sotto tutti gli aspetti.
Anche se il soggetto fa una breve apparizione in volo, in un attimo lo hai già inquadrato.
👍🖐️🇮🇹
Se lo viene a sapere mia moglie, mi uccide.
I magnifici quattro:
Zeiss Victory 7x42 T* FL
Zeiss Dialyt 7x42 BGA T*
Zeiss Dialyt 18-45 x 65
Zeiss Victory Pocket 8x20 B T*
Avatar utente
Marco Franceschetti
Buon utente
Messaggi: 288
Iscritto il: 16/06/2017, 23:30
Località: padova

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Marco Franceschetti »

Grazie per la tue impressioni Angelo! Certo che anche tu sai come metterli alla frusta gli strumenti...!!
Comunque mi era salita una scimmia dopo aver provato il TSN-501 di Piero, adesso è qui che scalpita manco fosse sotto un banano! 🍌🙈🙉🙊😂
人のふり見て我がふり直せ
Hito no furi mite waga furi naose
Guarda gli errori degli altri e correggi i tuoi.
Negozio sul mercatino di Binomania:
https://www.binomania.it/mercatino/vend ... ceschetti/
Osservo con: Swarovski NL 8x42, Zeiss FL 7x42, Nikon EII 8x30 Anniversary, Nikon EDG 8x42, Leica Ultravid 8x32 HD Plus, Steiner Commander 7x50c, Zeiss Dialyt 6x42 Skipper, Swarovski SLC 15x56 W B, Docter 7x40 B GA, Celestron C8 e altri.
Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 2277
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Angelo Cutolo »

Piccolo aggiornamento "naturalistico".

Ieri sono stato sul Ticino (zona Abbiategrasso), con lo spottino che mi sta comodamente nel tascone del gillet da pescatore, mentre il monopiede parzialmente esteso, con il puntale metallico estratto l'ho usato come bastone da trekking, in piena luce non ci sono particolari problemi, il colore del piumaggio rimane abbastanza fedele se si escludono dei bordini colorati (magenta-arancio e indaco chiaro) invero abbastanza fini, sul piumaggio chiaro o bianco. Da seduti (su un tronco) la visione con monopiede è ancora più stabile e sono riuscito ad andare anche a 40x con una immagine discretamente ferma, puntavo volatili posati su delle rocce sull'altra sponda del fiume a un'80ina di metri di distanza.

Come detto in precedenza aumentando l'ingrandimento si va facilmente in debito di luce e se questo contribuisce a ridurre il (comunque poco) cromatismo dopo i 30x, rende difficoltosa l'osservazione tra le fronde all'ombra, obbligando a calare l'ingrandimento per "illuminare" un po la scena; in queste condizioni meglio rimanere sotto i 30x.
Come consigliato da Piero, mi sono procurato un polarizzatore "fotografico" da 52 mm di media qualità (niente roba "professionale" ma nemmeno robette da pochi €) e devo dire che riuscire ad osservare sotto il pelo dell'acqua un po di flora fluviale e qualche pescioilino è stato veramente divertente.

Ho fatto (disgraziatamente) anche la prova splash-proof confermando la sua tenuta all'acqua e ho verificato inoltre l'efficienza del loro trattamento "repellente", le lenti si puliscono facilmente senza lasciare aloni, dopo aver tolto il grosso (è andato sull'obiettivo un po di fango), basta bagnare il dito e passarlo sulla lente, poi un'altra botta di panno e ritorna lindo.

Ultima cosa, lo spottino anche a 20x è oggettivamente (almeno per me) poco pratico per seguire le evoluzioni dei volatili in cielo (in questo caso è meglio tenuto a mano che sul monopiede), ma è un eccellente complemento (come "identificatore" di fauna e flora) al classico binocolo 8x42 (il mio vecchio vortex DB 8x42 prima serie) che avevo al collo.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; William Optics 22x70 apo; Vixen Ultima 8x56; Nikon Action EX 16x50; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25; Orion 2x54.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.
Avatar utente
piero
Buon utente
Messaggi: 3951
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da piero »

:) :thumbup: :thumbup: :thumbup:
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one.....
Sigfrido
Messaggi: 20
Iscritto il: 19/08/2022, 8:10
Località: Pontremoli

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Sigfrido »

Angelo, quando hai tempo facci avere qualche informazione su come va' nell' osservazione del cielo, pianeti e Luna a parte.
Grazie e complimenti per il bell' oggettino.
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 8646
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da -SPECOLA-> »

Considerando l'abilità di taluni osservatori, in barba al diametro dell'obiettivo, dovrebbe essere comunque uno strumento interessante anche sui pianeti.
D'altronde Guido Ruggieri ha disegnato i pianeti anche osservandoli con piccoli telescopi, come è possibile vedere qui:

Immagine
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVII). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 2277
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Angelo Cutolo »

Sul cielo tranne che per le prove l'ho usato veramente poco, si tratta sempre di 50 mm e per il cielo ho ben altre scelte.
Comunque oltre a Sole e Luna su cui ho già detto, ho puntato il minimo sindacale, Saturno, Giove, il doppio nel Perseo e le Pleiadi, per il resto sono intrippatissimo col polarizzatore, dove sto puntando qualsiasi canale, cava, roggia o pozzanghera per osservare sotto il pelo dell'acqua. :mrgreen:
  • Saturno: a 20X visibile solo la "palla da rugby" (col 22x70 ad esempio già vedevo le "anse"), a 30X si comincia a capire la differenza tra disco e anello, visibili a tratti le anse (è anche vero che l'inclinazione degli anelli sta diminuendo sempre più), il colore rimane un giallo tenue a tinta unita (nessuna variazione di tonalità), a 40X anse ben visibili e anello istantaneamente riconoscibile dal disco, ma si comincia a perdere colore, va da capire se è bianco per la poca luce o per via che i "coni" dei miei occhi sono al limite con una luminosità del genere (comunque Titano sempre visibile).
  • Giove: a 20X palletta bianca con uno sbuffo indaco da una parte e arancio carico dall'altra, i medicei facilmente visibili, a 30X cala la luce e anche il cromatismo, sembra di scorgere una delle due bande (probabilmente la NEB), ma rimane il dubbio, ovviamente lune sempre visibili, a 40X il dubbio scompare, la luminosità si abbassa a sufficienza da farmi scorgere la NEB senza particolari incertezze, come un filo più scuro sulla palletta bianca.
  • h e chi Per (doppio ammasso): riporto quanto scritto nei post precedenti «Ho anche puntato il doppio ammasso nel Perseo e a 20/25x era davvero caruccio, salendo dai 30x e oltre, si "spegneva la luce" e i colori delle stelle diventavano via via meno saturi, ad esempio le prime a perdere il loro colore sono quelle tre o quattro stelline rosse in Chi Per.»
  • Pleiadi: carucce a 20X, mantengono ancora il loro colore blu, a 30X cominciano a slavarsi (sul cielo la luce finisce subito), mentre a 40X oltre a stare "strettine" nel campo, il loro colore lo si intuisce solo (aiuta sfocare un pelino).
Per il cielo questo è quanto, va bene se non si ha altro, ma se si avessero "alternative", questo non sarebbe probabilmente la mia prima scelta.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; William Optics 22x70 apo; Vixen Ultima 8x56; Nikon Action EX 16x50; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25; Orion 2x54.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.
Sigfrido
Messaggi: 20
Iscritto il: 19/08/2022, 8:10
Località: Pontremoli

Re: Kowa TSN-502 - Prime impressioni.

Messaggio da Sigfrido »

Grazie Angelo,
report osservativo molto interessante , come lo e' altrettanto questo simpatico e leggerissimo spotting.
Rispondi