Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Il mondo dei telescopi terrestri e della tecnica del digiscoping. Inserite qui le vostre immagini e i vostri video!
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7251
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da -SPECOLA-> » 27/08/2018, 23:16

Ciao Andrea,

il tuo cannocchiale russo Tourist 3 è un 20x50.
Come ti trovi con la gestione a mano e la sua pupilla d'uscita?
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

piero
Buon utente
Messaggi: 3255
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da piero » 27/08/2018, 23:44

Andrew 83 ha scritto:
27/08/2018, 20:56
Buona sera Piero e grazie per la cortese risposta. In linea di massima mi consigli x ingrandimenti circa 10-20 (zoom) una lente da 50mm? Ti viene in mente qualcosa da potermi consigliare? Possibilmente piuttosto economico (purché decente) e dritto.
qualcuno ne conosco, ma dipende cosa intendi per economico e decente: decidi quanto vuoi/puoi spendere, fai una ricerca su cosa c'è sul mercato ( perché nessuno di noi può avere nella testa il database di tutte le produzioni per ordine di prezzo: esiste un oceano di roba), sfruttando anche binomania, fai una rosa di quei 3-4 modelli e poi lì si può poi discutere quale potrebbe essere quello più adatto. Di quelli che conosco ottimi sono gli opticron, nikon, vixen, minolta, tanto per fare qualche nome.
Circa la seconda domanda: sì, te lo confermo e ripeto, a 20 X con un 30 MM l'immagine è troppo scura! non è tanto un discorso di valore assoluto di pupilla d'uscita perché in astronomia si usano anche pupille più piccole, però in astronomia i soggetti sono sorgenti molto luminose, come puntare un binocolo su un faro lontano, mentre nel terrestre si tratta di oggetti che riflettono la luce con le varie lunghezze d'onda a seconda dei colori; come puntare un telescopio a 200x su una montagna: non vedi praticamente nulla (con buona pace delle correnti termiche) perché all'aumentare dell'ingrandimento si riduce la luminosità. Prova a immaginare un classico binocolo 8x30 che diventi un 20x30: nessuno produce un simile "aggeggio".
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Andrew 83
Buon utente
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/07/2018, 20:05

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da Andrew 83 » 28/08/2018, 7:37

-SPECOLA-> ha scritto:
27/08/2018, 23:16
Ciao Andrea,

il tuo cannocchiale russo Tourist 3 è un 20x50.
Come ti trovi con la gestione a mano e la sua pupilla d'uscita?
Buon giorno, con la pupilla d uscita del tourist 3 mi trovo molto bene, l occhio non si stanca facilmente e non ho problemi a parte il fatto che devo togliere gli occhiali. A mano lo gestisco bene finché si tratta di qualche secondo perché poi si stanca la spalla del braccio che tiene la parte piu lontana del cannocchiale e inizio a tremare però, con un minimo di appoggio me la cavo bene.

Andrew 83
Buon utente
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/07/2018, 20:05

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da Andrew 83 » 28/08/2018, 7:39

piero ha scritto:
27/08/2018, 23:44
Andrew 83 ha scritto:
27/08/2018, 20:56
Buona sera Piero e grazie per la cortese risposta. In linea di massima mi consigli x ingrandimenti circa 10-20 (zoom) una lente da 50mm? Ti viene in mente qualcosa da potermi consigliare? Possibilmente piuttosto economico (purché decente) e dritto.
qualcuno ne conosco, ma dipende cosa intendi per economico e decente: decidi quanto vuoi/puoi spendere, fai una ricerca su cosa c'è sul mercato ( perché nessuno di noi può avere nella testa il database di tutte le produzioni per ordine di prezzo: esiste un oceano di roba), sfruttando anche binomania, fai una rosa di quei 3-4 modelli e poi lì si può poi discutere quale potrebbe essere quello più adatto. Di quelli che conosco ottimi sono gli opticron, nikon, vixen, minolta, tanto per fare qualche nome.
Circa la seconda domanda: sì, te lo confermo e ripeto, a 20 X con un 30 MM l'immagine è troppo scura! non è tanto un discorso di valore assoluto di pupilla d'uscita perché in astronomia si usano anche pupille più piccole, però in astronomia i soggetti sono sorgenti molto luminose, come puntare un binocolo su un faro lontano, mentre nel terrestre si tratta di oggetti che riflettono la luce con le varie lunghezze d'onda a seconda dei colori; come puntare un telescopio a 200x su una montagna: non vedi praticamente nulla (con buona pace delle correnti termiche) perché all'aumentare dell'ingrandimento si riduce la luminosità. Prova a immaginare un classico binocolo 8x30 che diventi un 20x30: nessuno produce un simile "aggeggio".
Buon giorno. Certo, hai perfettamente ragione. Non so come scremare i prodotti su binomania cmq cercherò di fare una piccola lista. Stasera provvedo, buona giornata e grazie

Andrew 83
Buon utente
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/07/2018, 20:05

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da Andrew 83 » 28/08/2018, 8:40

Nel frattempo.... c'è uno strumento che mi ispira da parecchio, sembra avere le caratteristiche che mi interessano, costa poco e credo possa essere niente male. Parlo del russo zt8-24x40m. Che ne pensate?

piero
Buon utente
Messaggi: 3255
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da piero » 28/08/2018, 9:07

mai sentito, non lo conosco
relativamente alla ricerca sulla home page di binomania c'è la funzione cerca, la voce "come navigare in questo sito", e l'archivio recensione articoli sulla colonna di dx e vai a cercare se ci sono dei 50 mm, poi hai i marchi che ti ho indicato a cui se ne possono aggiungere altri tipo celestron, vortex, pentax, hawke, bushnell, si va sui rispettivi siti, si vede se c'è un 50 mm, poi vai a vedere quanto costa e via così; oppure banalmente scrivi su Google spotting scope da 50 mm.....insomma, una normale ricerca su internet.....
Ultima modifica di piero il 28/08/2018, 9:20, modificato 2 volte in totale.
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Andrew 83
Buon utente
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/07/2018, 20:05

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da Andrew 83 » 28/08/2018, 9:15

Ok ok, stasera provvedo e torno con una scrematura. Grazie mille

piero
Buon utente
Messaggi: 3255
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da piero » 28/08/2018, 9:17

ti ho aggiunto qualche altro marchio
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Andrew 83
Buon utente
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/07/2018, 20:05

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da Andrew 83 » 28/08/2018, 9:27

Si visto visto, grazie

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7251
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da -SPECOLA-> » 28/08/2018, 13:08

Andrew 83 ha scritto:
28/08/2018, 8:40
Ciao Andrea,

il cannocchiale russo zt8-24x40m lo vende anche Adriano Lolli.
Personalmente lo ritengo migliore dell'OMEGON HANDYSCOPE 10-20x30 che hai menzionato, perché ha un'apertura maggiore.
Di contro però già richiuso, risulta lungo il doppio rispetto all'OMEGON.
Se non si tratta di una prova economica per sondare il terreno (per intenderci come il mio suggerimento del NIKULA ZOOM, 10-30X25), sono d'accordo con Piero, di puntare a qualcosa che abbia più di 30 mm di obiettivo.
Anche questo strumento però se usato a mano sarà fisicamente stancante e impossibile da sfruttare a fondo.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

Andrew 83
Buon utente
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/07/2018, 20:05

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da Andrew 83 » 28/08/2018, 14:10

Grazie specola. Purtroppo il sig Lolli non ce l ha più disponibile. Le marche che mi consigliava piero ancora non le ho sondate ma mi sembra di capire che si parla di prodotti da qualche centinaia di euro. Se cosi fosse potrei scegliere tra due opzioni. La prima è prendere lo zt8-24x40m che tutto sommato è leggero e compatto secondo me e posso sia usarlo a mano (a bassi ingrandimenti) sia con cavalletto per indrandimenti piu alti.
La seconda opzione puo essere usare il tourist 3 per ingrandimenti medi, usare quando posso l acuter 20-60x80 per osservaz da postazione fissa e a questo punto prendere un vortex solo come super compatto da avere appresso. Diciamo che zt8-24x40 andrebbe ad accorpare quello che farebbe un vortex solo e il tourist 3. Porto in giro quello e sono a posto. Non so se il mio ragionamento può avere senso.

piero
Buon utente
Messaggi: 3255
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da piero » 28/08/2018, 19:18

tutto può andar bene quando risponde a specifiche personali esigenze, però forse non ho capito bene : tu quindi hai già un 20x50 e ne vuoi un 'altro? anche la somma da spendere è quindi al di sotto dei 100 euro? siamo sicuri che valga la pena avere 3 strumenti da 100 euro che non uno da 300 e quindi vedere tutto quello che hai per prendere poi un unico buon strumento valido per tutti gli usi?
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Andrew 83
Buon utente
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/07/2018, 20:05

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da Andrew 83 » 28/08/2018, 19:30

Dunque, io posseggo un tourist 3 (20x50) e un acuter nature close 20-60x80. Mi mancherebbe un qualcosa di piu compatto da portare in giro e usare tranquillamente anche a mano libera. Quindi si tratta di capire se prendere un monocolo "vortex solo" e quindi adoperare il monocolo o il tourist a seconda del momento oppure uno strumento che possa "inglobare" i due (quindi con zoom da circa 8 a circa 20).

Andrew 83
Buon utente
Messaggi: 85
Iscritto il: 29/07/2018, 20:05

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da Andrew 83 » 28/08/2018, 19:43

Per le mie esigenze lo strumento che praticamente non mi serve al momento è acuter 20-60x80, è nuovissimo ma faccio fatica a venderlo. Mi piace come strumento ma non ho occasioni di usarlo perche cmq non è leggero e compatto e non si può prescindere da un buon treppiede, ecco perche vorrei uno spotting zoom da 8 a 20x circa così lo posso sia usare a mano libera sia con un appoggio per ingrandimenti maggiori. Quando ho acquistato l acuter ne sapevo troppo poco e non mi sono reso conto del discorso peso- dimensioni- treppiede.

piero
Buon utente
Messaggi: 3255
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: MINI MAK VS SPOTTING SCOPE

Messaggio da piero » 28/08/2018, 20:58

spendendo quanto?
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Rispondi

Torna a “SPOTTING SCOPES, DIGISCOPING, TELEMETRI E VISORI NOTTURNI”