Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Il Sard annebbiato.

Avatar utente
Enotria
Buon utente
Messaggi: 1990
Iscritto il: 07/06/2012, 7:43
Località: Ferrara
Contatta:

Il Sard annebbiato.

Messaggio da Enotria »

Premetto che ho già un minimo di pratica di ottica e di meccanica, fatta in diversi anni di riparazioni sui microscopi.

Incuriosito dal vostro argomento preferito, i binocoli, ho voluto acquistarne uno a poco prezzo per fare qualche prova di riparazione.

La scelta è caduta su un vecchio binocolo di buona qualità, un Sard 7x50, già dichiarato dal venditore con un canale annebbiato, in questo modo l'ho pagato pochi Euro pur essendo in ottime condizioni e completo della sua custodia in pelle.

Effettivamente, mentre il canale sinistro è pulito, quello destro è annebbiato, resta ora da vedere il da farsi.

Ho aperto senza problemi lo scafo ed estratto il gruppo oculare - prismi.
Gruppo oculare prismi di destra.
Gruppo oculare prismi di destra.
A questo punto mi sono fermato dopo aver visto la posizione dei prismi.
Sono appoggiati l'uno all'altro, il dubbio è ora se sono solo appoggiati o se sono anche incollati fra loro.
Non so se qualcuno di voi ha smontato questo tipo di binocolo ed è in grado di darmi indicazioni al riguardo.

L'altro punto riguarda il modo con cui sono fissati: sul telaio portante vi sono 4 viti per ciascun prisma, nella foto le frecce identificano due di queste viti, le altre sono parzialmente coperte.

Immagino che svitarle vorrà dire dover poi ricollimare l'ottica, anche se applicherò tutti gli accorgimenti per identificare la esatta posizione attuale di montaggio.

A questo punto io mi fermo e conto nei vostri suggerimenti sul come procedere.

Ricordo che suggerimenti tipo "lascia perdere, chiudi tutto" non sono validi, il binocolo è stato acquistato apposta per essere smontato in ogni sua parte !
Ultima modifica di Enotria il 15/07/2012, 11:22, modificato 1 volta in totale.
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

:clap: il binocolo migliore in assoluto, è quello che hai con te nel momento in cui ti serve. :clap:

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7949
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Il Sand annebbiato.

Messaggio da -SPECOLA-> »

Non ho mai smontato un Sard e non ho nessuna esperienza diretta si questo binocolo, per questo ti rimando ai consigli che eventualmente ti darà chi lo ha fatto o conosce bene quello strumento.
L'unico consiglio che posso darti io, è di correggere il topic del thread, affinchè ottenga la giusta visibilità.
Sicuramente Sard "tira" di più di Sand. ;)
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
Enotria
Buon utente
Messaggi: 1990
Iscritto il: 07/06/2012, 7:43
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Il Sard annebbiato.

Messaggio da Enotria »

:oops: :oops: :oops: Hoops ! :oops: :oops: :oops:
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

:clap: il binocolo migliore in assoluto, è quello che hai con te nel momento in cui ti serve. :clap:

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)
Avatar utente
AlessioM
Buon utente
Messaggi: 1024
Iscritto il: 09/03/2012, 13:21
Località: Sulcis
Contatta:

Re: Il Sard annebbiato.

Messaggio da AlessioM »

Io non l'ho mai smontato ma posso dirti che ho pulito il mio binocolo Kern perche' i prismi avevano della muffa, e percio ' credo che ce l'abbia anche il tuo. Io i prismi non li ho smontati ma con un cotton fioc imbevuto di acqua distillata ho provveduto a pulirli .Il mio consiglio e di non smontare i prismi ma se fa' puliscili nella sua sede per bene. Scusa ma non ti so dire altro,perche' non ho molta esperienza ma siccome son riuscito a smontare un binocolo molto ostico che e' il Kern militare ho provato a darti un consiglio.
Il mio sito: http://www.carbonia2meteo.altervista.org/ Stazione meteo Davis vantage pro 2
Avatar utente
Enotria
Buon utente
Messaggi: 1990
Iscritto il: 07/06/2012, 7:43
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Il Sard annebbiato.

Messaggio da Enotria »

AlessioM ha scritto: . . . Io i prismi non li ho smontati ma con un cotton fioc imbevuto di acqua distillata ho provveduto a pulirli .Il mio consiglio e di non smontare i prismi ma se fa' puliscili nella sua sede per bene. . . . .

Hai perfettamente ragione Alessio ed è la prima cosa che ho fatto.
Solo che è migliorato di ben poco ed invece vedo ad occhio che fra i due prismi vi è una bella macchia opaca.

Ora vedi, se i due prismi sono solo accostati, potrei togliere il primario e pulire così entrambe le superfici, ma, se come credo, i due prismi sono stati messi in posizione e fissati con una goccia di adesivo, devo smontare l'intero blocco, tentare di rammollire il collante, separare, riposizionare a 90°, ecc.

In tal caso, tutto dipende da che adesivo hanno utilizzato, se fosse il buon vecchio Balsamo del Canadà, sarebbe facile, ma se è un adesivo sintetico, è tutta da giocare.

Per ora sto cercando di documentarmi prima di procedere, in particolare sto cercando di capire quali adesivi vengono usati nei binocoli e come si possono rimuovere.

Con tanti auguri :roll:
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

:clap: il binocolo migliore in assoluto, è quello che hai con te nel momento in cui ti serve. :clap:

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)
Avatar utente
AlessioM
Buon utente
Messaggi: 1024
Iscritto il: 09/03/2012, 13:21
Località: Sulcis
Contatta:

Re: Il Sard annebbiato.

Messaggio da AlessioM »

Un prisma del Kern s e tolto da solo con una po di sforzo e posso dirti che era attaccato con delle fascette adesive perche' come credo quello che ferma tutto e' la moletta a pressione che spinge il prisma in giu con pressione. Quindi prova a spostarlo un po con le mani dolcemente e vedrai che piano piano riuscirai a toglierlo. Nell'eventualita' che riuscissi a toglierlo pulisci solo quel prisma con l'alone,mentre gl'altri lasciali stare. Poi stai attento a rimettere il prisma nella sua sede per bene perche' puo' sembrare che la posizione sia giusta ma non potrebbe essere cosi. Per le viti ti consiglio di mettere un segno per verificare la posizione e conta anche i giri che compie la vite. Buona fortuna.
Il mio sito: http://www.carbonia2meteo.altervista.org/ Stazione meteo Davis vantage pro 2
ottaviano fera
Buon utente
Messaggi: 980
Iscritto il: 16/02/2012, 0:20

Re: Il Sard annebbiato.

Messaggio da ottaviano fera »

Per quanto ho letto dai tuoi post ritengo che sei perfettamente in grado di smontare i prismi e risistemarli nel miglior modo.
Per riportare il binocolo al suo splendore tutto ciò che è sporco o opaco va smontato, pulito e rimontato.
Non ho sperienza del Sard ma un Porro è sempre recuperabile con ottimi risultati.
Prima di smontare un prisma bisogna prendere dei segni di riferimento tra le superfici non ottiche (satinate) e la parte fissa su cui appoggia il prisma.
Le superfici del prisma come quelle delle lenti le pulisco con panno in microfibra leggermente imbevuto di Vetril (flacone azzurro non spray) ripassando poi con il panno in microfibra asciutto, finchè, alitando sulle superfici ottiche non permangono aloni.
Penso che i prismi non siano incollati ma anche se lo fossero, l'incollaggio si può ripristinare con il balsamo e in ogni caso anche se non si incollano di nuovo non succede nulla, vi è solo una trascurabilissima perdita di luminosità per il passaggio vetro/aria/vetro in più.
Sono certo che con la tua esperienza multiforme farai un ottimo lavoro.
Osservo con: Stabilizzati Canon, Leitz Marseptit 7x50, Leitz Maroctit 8x60, Zeiss Telex 6x24, Zeiss Marineglass 6x30, HUET-BBT-SRPI militari francesi 8x30, HUET 7x50 SGO M.le 1957 7° Vingtiemes Marine Nationale(Porro II), Miyauchi Binon 7x40(ex 50)W, HUET SGO Marine Nazionale mod. 1959 (Abbe Konig) 8x40 11° Vingtiemes (AFOV 88°-190 m. a 1000 m.) e altro;
Celestron C8, Meade ETX 90, Zeiss C 63/840 (Telementor), Vixen 90/1300, Newton 114/900 Toyo Japan rifigurato ZEN.
Avatar utente
Atomix58
Buon utente
Messaggi: 305
Iscritto il: 23/11/2011, 21:00
Località: Sant'Agata, Romagna

Re: Il Sard annebbiato.

Messaggio da Atomix58 »

Ciao Andrea, come ti ha detto anche Ottaviano, non scoraggiarti hai esperienza più che sufficiente per lavorare su quell'ottica. Le 2 viti che hai evidenziato con le frecce, servono per registrare l'angolo tra i due prismi, che deve essere perfettamente di 90°, non svitarle tanto ho visto che hai già tolto la piattina di ritegno superiore, per cui il prisma dovrebbe sfilarsi facilmente...... Ovviamente segnalo con una matita, sul lato satinato, come ha già detto Ottaviano e puliscilo seguendo poi la stessa procedura su tutti gli altri. Dalla foto del castelletto vedo già che i prismi non sono incollati ma spaziati in aria (porro 1, ndr) In questa costruzione, tipicamente americana, a volte la collimazioe si ottiene muovendo leggermente il castelletto nella sua sede sullo scafo del binocolo, in queso caso i fori passanti delle viti di ritegno, sono appositamente "asolati" cioè più grandi del diametro del corpo filettato della vite, per cui si "gioca" su questo spazio (un metodo non molto pratico) in altri casi, e penso anche in questo, il castelletto viene assicurato allo scafo con le viti che hanno un alloggiamento obbligato e la collimazione si ottiene con il più pratico sistema degli "anelli eccentrici" presenti nelle celle degli obbiettivi anteriori. Per lavorare sugli anelli eccentrici però occorrono particolari chiavi chiamate "optical spanner wrench" qui puoi vedere come sono fatte:
http://www.adrianololli.com/articolo.asp?ID=3657
Esistono sia a punta che a lama piatta (quest'ultime fanno al tuo caso)
Come avrai già intuito, con gli anelli eccentrici si sposta l'asse ottico delle lenti degli obbiettivi, di una quantità sufficiente alla collimazione.
Con molta pazienza e qualche accorgimento, anche ad "occhio" si possono ottenere risultati appena accettabili, ma se si vuole fare un lavoro serio è necessario uno strumento: il collimatore (immagino tu lo sappia già) che tramite traguardazione, ti permette di calibrare alla perfezione la tua ottica......... ma a questo punto ti occorre un corso vero e proprio, per cui chiamo in soccorso Carlo Rossi :) :)
Ultima modifica di Atomix58 il 16/07/2012, 17:45, modificato 1 volta in totale.
Daniele Ricci Mingani

Sempre a caccia del binocolo perfetto.....
Avatar utente
Enotria
Buon utente
Messaggi: 1990
Iscritto il: 07/06/2012, 7:43
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Il Sard annebbiato.

Messaggio da Enotria »

@Ottaviano
@Atomix

Molte grazie sia per la fiducia, sia per i suggerimenti.

Stando così le cose, la prossima settimana dovrei essere tranquillo e prendermi il tempo di andarci dietro.
Non c'è nulla di più antipatico del ritrovarmi con un oggetto totalmente smontato sulla scrivania, contemporaneamente un amico che mi porta il suo microscopio da allineare ed ha anche fretta e, magari, la moglie che mi chiama perché la scopa elettrica non vuole più andare e lei deve finir di pulire. :twisted:

Per il corso di collimazione avete perfettamente ragione, infatti Carlo ha già da tempo il mio nominativo e la mia prenotazione per il primo corso disponibile. Sono faccende che studiarle è essenziale, ma farle assieme ad un esperto è molto meglio.

Nel frattempo ho trovato una pubblicazione "Repairing & Adjusting Binoculars" della Alii Service Notes che, nonostante sia in inglese, è molto lineare e chiara nelle spiegazioni. Peccato solo che essendo delle fotocopie passate in pdf, le immagini siano spesso un po' impastate e si perdano i particolari minuti. Ma sempre meglio che niente ! :lol:

Un grazie a tutti quanti
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

:clap: il binocolo migliore in assoluto, è quello che hai con te nel momento in cui ti serve. :clap:

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)
Avatar utente
Enotria
Buon utente
Messaggi: 1990
Iscritto il: 07/06/2012, 7:43
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Il Sard annebbiato.

Messaggio da Enotria »

Riporto queste ultime note solo per chiudere felicemente il post e come indicazione in caso altri abbiano lo stesso mio problema da affrontare.


Questa mattina ho steso un bel foglione di carta pulito sulla scrivania ed, approfittando che i nipotini sono in vacanza e che non aspettavo visite, mi sono dedicato a sistemare lo Sard.
IMG_3007.jpg
Aperto il guscio, con la matita ho fatto un paio di riferimenti sulla base del prisma, poi ho allentato del tutto le due viti che sono indicate dalla freccia nella mia prima foto. Ho invece lasciato intatte come riferimento le altre due sull'altro lato del prisma, in modo da poter contare su di un allineamento di base intatto.

Effettivamente confermo che la mia paura era infondata, il prisma non è incollato, anzi, si è lasciato rimuovere con facilità, mettendo in evidenza quello che avevo già intravisto: le due superfici contrapposte erano abbondantemente offuscate da un deposito di smog a forma di corona circolare.
Una bella lavata con Vetril diluito, quindi risciacquo in acqua distillata ed infine il controllo con la classica alitata: la superficie ora era stabilmente lucida e trasparente.

Solo per mia curiosità, ho voluto fare una prova: vedere quale margine di errore vi era nel montaggio del prisma ed in che modo e con quale entità l'errore si sarebbe manifestato.
Ho rimesso al suo posto il prisma, ma lasciandolo leggermente spostato rispetto alla sua posizione originale.
Una volta rimontato il tutto mi sono trovato con una collimazione da paura: alto a destra di mezzo campo, roba che a guardarci ci voleva solo Martin Feldman, avete presente Igor, in Frankestein Junior ?

Riaperto di nuovo, messo in sede per bene il prisma, ho richiuso tutto stringendo allo stesso modo le tre viti per assicurare una buona battuta: avevo già notato che stringendole in modo inuguale, si aveva di nuovo un errore di collimazione.

Questa volta tutto era in ordine, la visione era perfetta, quindi ho messo un po' di grasso filante nello scorrimento degli oculari ed ho dichiarato terminate le ostilità nei confronti del mio povero Sard.

Volontariamente non ho voluto ammorbidire il movimento a compasso per la distanza pupillare, per la verità piuttosto duro, perché lo preferisco così, piuttosto che molliccio e che si modifica con un minimo sforzo.

Infine, un po' di lucido da scarpe nero sulla custodia, una energica spazzolata ed il nostro Sard 7x50 è pronto per farsi un altro mezzo secolo di bei panorami.
MVC-818F.JPG
Un grazie a tutti per gli aiuti ed il sostegno
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

:clap: il binocolo migliore in assoluto, è quello che hai con te nel momento in cui ti serve. :clap:

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)
ottaviano fera
Buon utente
Messaggi: 980
Iscritto il: 16/02/2012, 0:20

Re: Il Sard annebbiato.

Messaggio da ottaviano fera »

Gran bel binocolo e gran bella soddisfazione per te! Riportare un binocolo alla sua originaria trasparenza o quasi ha un che di umanamente prodigioso.....
Osservo con: Stabilizzati Canon, Leitz Marseptit 7x50, Leitz Maroctit 8x60, Zeiss Telex 6x24, Zeiss Marineglass 6x30, HUET-BBT-SRPI militari francesi 8x30, HUET 7x50 SGO M.le 1957 7° Vingtiemes Marine Nationale(Porro II), Miyauchi Binon 7x40(ex 50)W, HUET SGO Marine Nazionale mod. 1959 (Abbe Konig) 8x40 11° Vingtiemes (AFOV 88°-190 m. a 1000 m.) e altro;
Celestron C8, Meade ETX 90, Zeiss C 63/840 (Telementor), Vixen 90/1300, Newton 114/900 Toyo Japan rifigurato ZEN.
Avatar utente
CARLO ROSSI
Buon utente
Messaggi: 1354
Iscritto il: 16/09/2011, 11:25

Re: Il Sard annebbiato.

Messaggio da CARLO ROSSI »

........... peccato che questi "ricondizionamenti", che riportano alla ritrovata funzionalità mobili, dipinti, binocoli, eccetera, NON FUNZIONANO con tutti gli "eccetera"...... :lol: :lol: :lol: :lol:
abramo giusto
Buon utente
Messaggi: 2758
Iscritto il: 23/11/2011, 22:48

Re: Il Sard annebbiato.

Messaggio da abramo giusto »

Un bel mitico ci sta propio..... Bravo il nostro maestro !!! ;)
Abramo
Hensoldt dialyt..qualcuno!! Hans Hensoldt jagd e nox..Minox family bd 10x44 br,bd 8-14x40 br ed, Scope MD62 ED..Sard 7x50.. Nedelta 7x50..Switf Audubon...Polifemo Celestron C5
http://www.centrometeolombardo.com/cont ... e=Stazioni
Avatar utente
Born to... Zeiss
Buon utente
Messaggi: 4885
Iscritto il: 29/10/2011, 16:56
Località: Padova

Re: Il Sard annebbiato.

Messaggio da Born to... Zeiss »

Ottimo risultato e bellissimo binocolo...i miei complimenti ;)
Claudio Todesco

Il cielo...la natura...sono concetti semplici...per chi ha il vizio di sognare.
Avatar utente
AlessioM
Buon utente
Messaggi: 1024
Iscritto il: 09/03/2012, 13:21
Località: Sulcis
Contatta:

Re: Il Sard annebbiato.

Messaggio da AlessioM »

Bravo Andrea, ci sei riuscito ; proprio come me per l'ostico Kern
Il mio sito: http://www.carbonia2meteo.altervista.org/ Stazione meteo Davis vantage pro 2
Rispondi

Torna a “BINOCOLI VINTAGE”