Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Sezione dedicata agli appassionati di strumenti a lente, antichi e moderni, detti anche "cannocchiali astronomici": costruzione, modifica, prestazioni, accessori, confronti ecc.
Avatar utente
Kappotto
Buon utente
Messaggi: 1230
Iscritto il: 18/03/2012, 11:25
Località: Milano
Contatta:

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da Kappotto » 20/04/2019, 9:44

Panta Rei, tutto scorre, diceva Eraclito.
Dell’Eterno Ritorno invece ci parlava Nietzsche.

Erano eruditi, la sapevano lunga...

E così, dopo due anni di telescopi Boiler, gli SC, ho sentito il bisogno di tornare alla bellezza della semplicità di due lenti e un oculare, anche per colpa di Pier che ha aperto questa sezione...

Ebbene sì, ci son cascato e son tornato all’Apone. Devo ammetterlo, son sceso un po’ di classe. Due anni fa avevo un Fs128, il Telescopio Rifrattore per antonomasia. Ma era troppo aristocratico per un piccolo anarchico socialista piccolo borghese come me. Così ora ho portato a casa un, non propriamente, proletario skywatcher. Proletario non nel prezzo, ma nel rapporto prezzo/sostanza.

Di sostanza nel 150ed ieri sera ne ho vista tanta. Con due amici, Andrea e Stefano, ci siamo messi nel prato del parco con il mio 150 e il 127 acro di Andrea.

Oggetti osservati stelle doppie, luna, un ammasso.

Il 150ed mostrava sulle doppie una bella puntiformità e almeno due anelli di rifrazione. La visione era davvero Bella. Sulla luna il cromatismo anche se poco, c’è, ma è ininfluente sulla resa. Contrasto altissimo, dominante calda, poca luce diffusa.
Ad inizio serata per venti minuti la figura di rifrazione ha mostrato un po’ di ragnatela. Quando è andato in temperatura, le immagini a fuoco erano davvero belle, come non ne vedevo da anni.

Il telescopio è grande, pesante. Sulla vixen gp servono due contrappesi da 5 e 3,5 chili. Pur con il treppiede baader aht, lo smorzamento delle vibrazioni si attesta a due secondi. Tutto peró si sopporta per la bellezza della visione.


Non dalle ricchezze ma dalle virtù nasce la bellezza, diceva Socrate. Il 150ed di virtù ne ha tante. Il telescopio dona visioni molto belle. A questo punto aspetto con impazienza i pianeti!

Cieli sereni,

Kapp
kappellate Astronomiche!
Dobson 16,5", Meade SC 10", Tal100r
e una marea di ocularacci...

Francesco T
Buon utente
Messaggi: 93
Iscritto il: 21/02/2019, 21:59

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da Francesco T » 20/04/2019, 11:43

Congratulazioni!!
Ottima scelta, rifrattore estremamente interessante :clap:

Domanda d'obbligo :

A memoria, differenze a livello di qualità d'immagine col Takahashi per quello che hai potuto vedere fin'ora sulla Luna?

Avatar utente
Kappotto
Buon utente
Messaggi: 1230
Iscritto il: 18/03/2012, 11:25
Località: Milano
Contatta:

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da Kappotto » 20/04/2019, 11:54

Il nero del takahashi dopo il terminatore non c’è. Il focheggiatore è nettamente meglio lo skywatcher. Vedró come va su giove.
kappellate Astronomiche!
Dobson 16,5", Meade SC 10", Tal100r
e una marea di ocularacci...

Avatar utente
Re Vega
Buon utente
Messaggi: 910
Iscritto il: 15/09/2011, 10:50
Località: varese

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da Re Vega » 20/04/2019, 21:01

2 secondi per smorzare le vibrazioni non mi pare niente male 👍
Strumenti:
Zeiss AS 150 f/15 e D&G 152 f/15 (intubazione Fumagalli); Taka FS128; S.W. 120ED; Pentax 75 EDHF
Set oculari Zeiss Abbe I; TMB supermono 6 e 8 mm; Taka LE 5 mm e Abbe 12,5 mm; Barlow Zeiss 2x
Fujinon 7x50 Mariner; Zeiss Dodecarem.

“Se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone oppresse e amare quelle che opprimono.” - Malcom X. 

Avatar utente
Re Vega
Buon utente
Messaggi: 910
Iscritto il: 15/09/2011, 10:50
Località: varese

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da Re Vega » 20/04/2019, 21:02

Congratulazioni per il tuo nuovo rifrattore
Strumenti:
Zeiss AS 150 f/15 e D&G 152 f/15 (intubazione Fumagalli); Taka FS128; S.W. 120ED; Pentax 75 EDHF
Set oculari Zeiss Abbe I; TMB supermono 6 e 8 mm; Taka LE 5 mm e Abbe 12,5 mm; Barlow Zeiss 2x
Fujinon 7x50 Mariner; Zeiss Dodecarem.

“Se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone oppresse e amare quelle che opprimono.” - Malcom X. 

Avatar utente
vincenzo
Buon utente
Messaggi: 1172
Iscritto il: 16/09/2011, 20:07
Località: opera

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da vincenzo » 21/04/2019, 0:00

Bel colpo Vincenzo!

Lo porterai in MIRASOLE?
Pratico il "voyeurismo ed il feticismo" con tante (lenti) e confesso la mia passione per le "mature" (lenti) ...

Avatar utente
Kappotto
Buon utente
Messaggi: 1230
Iscritto il: 18/03/2012, 11:25
Località: Milano
Contatta:

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da Kappotto » 21/04/2019, 8:54

Alla prima occasione volentieri!

Ora devo passare da artesky a ritirare la “valigetta”: sembra una cassa da morto :o
kappellate Astronomiche!
Dobson 16,5", Meade SC 10", Tal100r
e una marea di ocularacci...

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1245
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da Giovanni Bruno » 23/04/2019, 8:37

l'APO SW 1150/1200ED sulla VIXEN GP e solo 2 secondi di vibrazioni ?, ma che razza di cavallettone ci hai messo sotto?

Io ricordo ancora come un incubo le infinite vibrazioni del mio ex VIXEN 102M, un ACRO 102/1000mm su una GP ed il suo stramaledetto cavallettino ectoplasmatico in alluminio di serie.

Sotto il mio appartamento abita un mio amico astrofilo, che ha la stessa GP + cavallettino in alluminio ed su cui ci monta un superbo TAKA FS 102 da 102/800mm.

Nonostante la focale di soli 800mm, anche il suo TAKA patisce delle lunghe vibrazioni.

Ecco perche ti chiedo cosa ci hai messo sotto la GP. :thumbup: :wave:

Avatar utente
Kappotto
Buon utente
Messaggi: 1230
Iscritto il: 18/03/2012, 11:25
Località: Milano
Contatta:

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da Kappotto » 23/04/2019, 13:26

E' il baader aht, veramente una roccia!

https://www.unitronitalia.com/schede/Ba ... de_AHT.pdf
kappellate Astronomiche!
Dobson 16,5", Meade SC 10", Tal100r
e una marea di ocularacci...

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1245
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da Giovanni Bruno » 23/04/2019, 14:14

Grazie della risposta, davvero un signor cavallettone.

Mi chiedo come si compoterebbe la mia IOPTRON IEQ45 PRO settata AZ, con sotto il cavallettone BAADER e con sopra il 150ED SW. :thumbup: :wave: :thumbup: :wave:

209103lh
Messaggi: 6
Iscritto il: 07/01/2016, 17:27

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da 209103lh » 25/04/2019, 1:10

Grazie della bella recensione ! Questo ED non ha ancora un suo correttore/riduttore dedicato per ora , ci sarà da divertirsi a vedere le prime foto deep e planetarie che sfornerà ! Comunque è uno strumento abbastanza impegnativo da gestire

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1245
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da Giovanni Bruno » 25/04/2019, 7:26

Io sto facendo degli sforzi disperati per non cedere alla tentazione di prenderlo, a causa del suo peso e del suo enorme ingombro, aggravato dal paraluce fisso, che porta diritto alla famosa valigiona tipo cassa da morto, così efficacemente e scherzosamente descritta da KAPPOTTO. :thumbup:

Ma i 150mm SEMI-APO, sono una sirena di un fascino terribilmente forte, ingigantito dal prezzo più che allettante.

Solo la più che certa inusabilità sul mio piccolo BALCONE, profondo solo 1m, mi da una mano a resistere.

Mentre il sapere che KAPPOTTO monta il bestione su una VIXEN GP, sia pure vitamizzata con il super cavallettone BAADER AHT, fa invece da potenziatore dei miei desideri.

Sembrerà strano, anzi, a dirla tutta, lo è, ma il mio ultimissimo acquisto, il più che plebeo SW 80ED BD, preso usato a pachi euro e che mi ha profondamente soddisfatto per le sue ottime ed inattese prestazioni, ha ravvivato in me l'interesse ed il rispetto per il marchio SKYWATCHER.

Tale rinnovato interesse, si riverbera con grande forza circa il desiderio dell'abbordabilissimo 150ED SW. :thumbup: :wave:

Francesco T
Buon utente
Messaggi: 93
Iscritto il: 21/02/2019, 21:59

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da Francesco T » 25/04/2019, 8:13

Dai.. Un 150 f8 non è un ingombro ENORME :lol: ;)

Piuttosto Vincenzo.. Ti andasse una mattina di fare una levataccia e raccontarci com'è Giove nel bestiolo.. :dance:

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7150
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da -SPECOLA-> » 25/04/2019, 12:05

Se le dimensioni della valigia di trasporto di questo Sky-Watcher 150 ED hanno il rapporto lunghezza/larghezza simile a questo, l'aspetto non è poi così tanto tendente al lugubre; imho.

Anche se in postazione lo uso su NEQ6 PRO SYNSCAN, il mio ACRO cinese 152/1219 di serie è dotato di montatura EQ5 (che per altro trovo sia utilizzabilissima con setup di questo tipo) e confermo che riguardo alla stabilità concorre più il treppiede, che la montatura in sè.

Immagine

Il tempo di smorzamento delle vibrazioni però dipende anche dalla forza del colpo che si assesta al telescopio e dal suo bilanciamento.

Un balcone da 1 m di larghezza in effetti mette a disposizione uno spazio un po' sacrificato per un rifrattore 6" F/8.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1245
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Recensione del rifrattore Sky-Watcher 150 ED

Messaggio da Giovanni Bruno » 26/04/2019, 9:19

Sarei molto interessato e curioso di una recensione comparativa tra il 150ED da 150/1200mm SW e l'APM ED APO FPL-53 + LANTANUM da 140/980mm.

Insomma vedere se un f7 con due vetri più pregiati e di soli 140mm di apertura, sui pianeti riesce a pareggiare con un f8 da 150mm e con un vetro ED ancora ignoto.

Per la mia sacrificata logistica e per il mio portafogli, l'APM ED APO da 140/980mm rappresenta il limite di ingombro massimo che posso tollerare.

Anche la mia mania di avere una certa rocciosità di servizio, meglio sarebbe servita da un APM da 140/980mm per la mia stessa IOPTRON IEQ45 DUAL PRO, perche 220mm di lunghezza in meno e qualche Kg in meno, dovrebbero essere meglio sorretti.

Come già scritto altrove, un test puramente centrato sulla questione graniticità di un ACRO CELESTRON da 150/1200mm, montato sulla mia IEQ45, mi diede un responso molto negativo alla voce graniticità, perlomeno per il mio personalissimo standard di giudizio.

Ormai sono abituato alla graniticità del mio C11 CPC HD ed anche il mio leggero 120ED sulla IOPTRON IEQ45, mi risulta solo sufficiente, ma non esaltante.

Per correttezza e lo scrivo per quello alla fine, io su tutti i miei telescopi, ci monto sempre una grossa torretta binoculare DENKEMEYER + i due necessari oculari, la qual cosa mette tutte le montature sotto un ben maggiore stress. :thumbup: :wave:

Rispondi

Torna a “L'osservazione del cielo coi telescopi rifrattori”