Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

binocoli moderni, binocoli vintage, binocoli classici, binocoli militari, binocoli compatti, binocoli giganti ed altro ancora. Questo settore è dedicato totalmente agli appassionati del binocolo a 360°
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 9163
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da piergiovanni » 07/12/2018, 8:56

Buona sera, dopo averlo pubblicato sto ricevendo innumerevoli segnalazioni, anche dai Social.
A questo punto pare un problema diffuso.
Cambiare il materiale organico?

https://www.binomania.it/usura-del-rive ... i-lettori/
Piergiovanni Salimbeni
Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it
Iscrivetevi al nuovo canale Youtube! https://www.youtube.com/user/forumbinomania/
Fotografie di paesaggio
www.piergiovannisalimbeni.com.it

Autore delle riviste: Itinerari e Luoghi, Nautica, Armi Magazine

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7757
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da -SPECOLA-> » 07/12/2018, 10:58

Un aspetto da non sottovalutare è l'ossidazione delle parti metalliche e l'aggressione delle parti in gomma e plastica che può derivare dalla reazione fra le esalazioni e/o residui dei solventi utilizzati negli adesvi e nei materiali del rivestimento interno delle custodie e nel trattamento di concia, quando in presenza di questo tipo di trattamernto (anche delle cinghie a tracolla e quindi non soltanto dell'astuccio).

Se non ricordo male, Daniele Atomix58 tempo fa mi aveva segnalato che in merito a questo argomento specifico, esiste proprio un interessante articolo dello storico collezionista FanTao.

A scopo cautelativo e di prevenzione, io consiglio di evitare per quanto possibile di riporre i binocoli con la tracolla attorcigliata attorno e di arieggiare spesso, non soltanto i binocoli, ma anche i relativi astucci /custodie, cogliendo l'occasione per effettuare nel contempo un'ispezione visiva, che male mai fa.
Soprattutto se a cadenza regolare e in periodi non troppo lontani gli uni dagli altri.

Se invece le foto che corredano le segnalazioni di questa discussione, riguardano SOLTANTO l'uso, escludendo lo stoccaggio del binocolo, personalmente io credo che si tratti di un problema di materiale e per questo circoscritto soltanto a certi lotti di produzione.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1948
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da Angelo Cutolo » 07/12/2018, 16:28

Urca cosa non bella.
Però non ho capito una cosa, nell'articolo si legge (cit.)...
«Purtroppo durante il 2018 ho ricevuto le lamentele di alcuni lettori che hanno avuto problemi con il rivestimento in gomma dei binocoli giapponesi. Su alcuni esemplari, infatti, si sfalda, rovinandosi dopo qualche mese di utilizzo».
(il grassetto sottolineato è mio).
Quindi se è qualcosa che è avvenuto dopo qualche mese, la riparazione non dovrebbe essere passata in garanzia? Se si, perché quel preventivo di riparazione "oneroso" relativo al sig Piran? C'è forse qualche clausola "scritta in piccolo" nella garanzia, semplice errore dell'assistenza Canon che ha presunto l'uso improprio da parte del cliente od altro?

La cosa mi interessa particolarmente avendo anche io un Canon (anche se ormai son quasi tre anni e non ha palesato fortunatamente un simile problema).
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 9163
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da piergiovanni » 07/12/2018, 16:41

Ciao.Ho generalizzato perche' il rivestimento si e'usurato in modi e tempi differenti da soggetto a soggetto.Il servizio di assistenza diCanon Italia parla di normale degrado del rivestimento composto da materiale organico.Sta di fatto che ad esempio un lettore possiede un Nikon EDG acquistato prima del suo Canon 10x30 che non presenta simili problemi.Ritengo personalmente che dovrebbero impegnarsi per trovare un nuovo materiale per il rivestimento di questi eccellenti binocoli.

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk

Piergiovanni Salimbeni
Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it
Iscrivetevi al nuovo canale Youtube! https://www.youtube.com/user/forumbinomania/
Fotografie di paesaggio
www.piergiovannisalimbeni.com.it

Autore delle riviste: Itinerari e Luoghi, Nautica, Armi Magazine

Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1948
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da Angelo Cutolo » 07/12/2018, 17:15

Ok quindi se il degrado si manifesta prima della scadenza della garanzia, la riparazione avviene gratuaitamente (eventuale spedizione a parte), giusto?
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

ottaviano fera
Buon utente
Messaggi: 980
Iscritto il: 16/02/2012, 0:20

Re: Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da ottaviano fera » 28/05/2019, 11:17

Per quanto riguarda il degrado di parti del rivestimento riscontrato in molti binocoli Canon stabilizzati, confermo che lo spiacevole evento ha riguardato anche tre dei miei esemplari, ovvero il 10x42, il 15x50 e il 12x36 i.s.II.
Il degrado però non si verifica nei rivestimenti in gomma bensì nella vernice morbida e “vellutata” che ricopre quasi tutto il binocolo nei 10x30 e 12x36, i gruppi oculari/prismi nei 15x50 e 18x50, e, nel 10x42, la superficie del contenitore pile, i gruppi oculari/prismi e due listelli sulla superficie superiore del binocolo .
Poiché le superfici che mostrano il precoce degrado e l’ammorbidimento della suddetta vernice, che diventa simile a gomma molle e appiccicosa, sono quelle che vengono toccate con maggiore frequenza dalle dita delle mani, ritengo che la causa del degrado sia l’assorbimento del sudore delle dita da parte della vernice che, quindi, con il passare del tempo, cambia consistenza .
Poiché nei due primi esemplari che ho acquistato nel 2001/2002, ovvero il 10x30 e il 18x50, tale spiacevole fenomeno non si è verificato, è evidente che la Canon ha, successivamente, cambiato tipo di rivestimento, con le spiacevoli conseguenze in questione.
Io ho sperimentato, cronologicamente, due soluzioni.
1) Asportare con un raschietto e tanta pazienza la vernice gommosa incriminata togliendo i residui con solventi e/o carta abrasiva e poi riverniciare. Tale lavoro è noioso e impegnativo soprattutto sui 10x30 e 12x36 perché riguarda tutta la superficie dei binocoli, mentre sul 10x42 e soprattutto sul 15x50 e 18x50 la superficie interessata è minore.
2) Ricoprire le superfici interessate, degradate o meno, mediante Attak nella confezione Easy Brush, quella con il pennellino. L’ Attak (etilcianoacrilato) si applica in pochi minuti), solidifica rapidamente e, successivamente, isola la vernice sottostante dal contatto con le mani. Eventualmente si possono fare due applicazioni e comunque è meglio asportare previamente eventuali piccole zone particolarmente degradate in cui la vernice diventata molle e appiccicosa ha un discreto spessore. Io l’ho eseguito all’aperto, sul mio balcone e senza dare troppa importanza all’estetica ma soltanto alla funzionalità.
Ho praticato la soluzione n. 1 sul 15x50, successivamente ho “pensato” e praticato sul 10x42 e sul 12x36 la soluzione n. 2 molto più rapida e facile da eseguire, e, credo, alla portata di tutti.
Ovviamente nell’uso del prodotto bisogna attenersi attentamente alle istruzioni del fabbricante e applicare l’Attak (che sebbene in libera vendita dappertutto è pur sempre un prodotto chimico) con attenzione, all’aperto o in ambiente ventilato per evitare bruciore agli occhi o altre irritazioni e incollaggi della pelle, effettuando il lavoro anche eventualmente in più riprese
Il risultato dal punto di vista estetico dipende un po’ dall’abilità dell’operatore e, anche se può lasciare un po’ a desiderare soprattutto nei modd. 10x30 e 12x36, consente comunque l’impiego del binocolo e non la sua costosa sostituzione.
Sia la sostituzione che l’altrettanto costosa riparazione mi sembrano del tutto inutili perché se la Canon non è ritornata all’impiego del primo rivestimento e continua ad usare la vernice incriminata, il fenomeno negativo è destinato a ripetersi.
Purtroppo i rivestimenti dei binocoli hanno anche in passato avuto vicende alterne. Per esempio nei Leitz anni 50 e 60 i primi rivestimenti erano eterni come testimonia il mio Leitz Marseptit 7x50 del 53 mentre in quelli successivi il rivestimento con materiale diverso dopo un certo n. di anni diventava rigido e fragile (depolimerizzazione?) andando in frantumi con la semplice pressione delle dita e mettendo a nudo il metallo. Lo stesso è accaduto con molti Hensoldt. Anche su questi binocoli l’applicazione di una pellicola di Attak può “consolidare” il rivestimento diventato rigido, evitando che si fratturi in tanti pezzi.
Osservo con: Stabilizzati Canon, Leitz Marseptit 7x50, Leitz Maroctit 8x60, Zeiss Telex 6x24, Zeiss Marineglass 6x30, HUET-BBT-SRPI militari francesi 8x30, HUET 7x50 SGO M.le 1957 7° Vingtiemes Marine Nationale(Porro II), Miyauchi Binon 7x40(ex 50)W, HUET SGO Marine Nazionale mod. 1959 (Abbe Konig) 8x40 11° Vingtiemes (AFOV 88°-190 m. a 1000 m.) e altro;
Celestron C8, Meade ETX 90, Zeiss C 63/840 (Telementor), Vixen 90/1300, Newton 114/900 Toyo Japan rifigurato ZEN.

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7757
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da -SPECOLA-> » 28/05/2019, 12:57

Conosco casi di deterioramento di binocoli lasciati a riposare per anni in confezione originale (alcuni praticamente inusati), dentro armadi e cassetti, per cui credo che il problema non derivi propriamente dal contatto con le mani dell'utilizzatore (cosa che comunque può contribuire ad accelerare l'insorgenza del problema).

Per quanto riguarda l'adesivo istantaneo monocomponente Super Attak, l’ingrediente principale è il cianoacrilato, una resina acrilica che reagisce formando strette catene tra i materiali da incollare quando entra in contatto con l’umidità presente sulle superfici e che è soggetto a blooming (effetto che si riduce notevolmente, anche se non scompare del tutto, nelle apposite versioni del prodotto, denominate ANTI ALONE), per cui personalmente sconsiglio caldamente di utilizzarlo là dove nei paraggi ci sia del vetro.

Intendendo procedere applicando un rivestimento, credo (non ho mai provato) che sarebbe meno pericoloso per le ottiche, trattare le parti dello scafo con un plastificatore spray acrilico trasparente.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/

ottaviano fera
Buon utente
Messaggi: 980
Iscritto il: 16/02/2012, 0:20

Re: Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da ottaviano fera » 28/05/2019, 15:09

Un plastificatore spray della Boston lo avevo usato sul 12x36 ma la pellicola, troppo sottile, era durata poco, a parte la necessità e l'impegno di coprire con il nastro adesivo dei carrozzieri tutte le parti non interessate al trattamento, considerata l'invadenza dello spray.
Il trattamento con Attak in confezione Easy Brush invece è più consistente e sta durando.
Il trattamento va effettuato sulle superfici ricoperte dalla vernice gommosa e non certamente sulle lenti degli obiettivi o degli oculari, che comunque sono lontane quanto basta dalle superfici trattate per non subire l'effetto blooming, che a me, infatti, non si è assolutamente verificato.
L'effetto blooming si verifica quando l'Attak viene posto a contatto delle lenti o dei prismi oppure a pochi mm dagli stessi in ambiente chiuso.
Per maggiore tranquillità gli oculari si possono coprire con i tappi in dotazione.
Per quanto riguarda gli obiettivi quelli del 10x42 si possono coprire con i tappi in dotazione, quelli del 15x50 e del 18x50 sono lontanissimi dalle superfici trattate.
Quelli del 10x30 e del 12x36 si possono coprire con sagome di cartone, plastica o altro fermate con semplice nastro adesivo.
Io, per i miei binocoli, non ho coperto nè gli oculari nè gli obiettivi data la lontananza degli stessi dalle superfici trattate.
In ogni caso un po' di blooming (alone) si asporta con uno o più cotton fioc imbevuti di trielina o benzina rettificata, che non danneggiano neanche il trattamento antiriflesso.
Ovviamente le soluzioni economiche "fai da te" non sono obbligatorie per nessuno.
Osservo con: Stabilizzati Canon, Leitz Marseptit 7x50, Leitz Maroctit 8x60, Zeiss Telex 6x24, Zeiss Marineglass 6x30, HUET-BBT-SRPI militari francesi 8x30, HUET 7x50 SGO M.le 1957 7° Vingtiemes Marine Nationale(Porro II), Miyauchi Binon 7x40(ex 50)W, HUET SGO Marine Nazionale mod. 1959 (Abbe Konig) 8x40 11° Vingtiemes (AFOV 88°-190 m. a 1000 m.) e altro;
Celestron C8, Meade ETX 90, Zeiss C 63/840 (Telementor), Vixen 90/1300, Newton 114/900 Toyo Japan rifigurato ZEN.

ottaviano fera
Buon utente
Messaggi: 980
Iscritto il: 16/02/2012, 0:20

Re: Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da ottaviano fera » 28/05/2019, 15:44

Preciso che se si osservano le foto delle superfici degradate è evidente che il degrado è maggiore nelle parti sulle quali, durante l'uso, vengono premute le dita o altre parti della mano, il cui sudore innesca un processo pernicioso (ma la colpa è della vernice gommosa, inadeguata).
Come ho già riferito a proposito dei Leitz e degli Hensoldt vintage il degrado dei rivestimenti era invece dovuto al semplice invecchiamento che ne modificava la struttura.
Allego le foto dei binocoli da me trattati. Nella foto 3 e nelle prime due a sinistra c'è anche il 18x50 acquistato nel 2002 e che si è mantenuto perfetto (come il 10x30 acquistato nel 2001).
Allegati
18x50 15x50 b.jpeg
18x50 15x50.jpeg
18x50.jpeg
12x36 b.jpeg
12x36.jpeg
10x42b.jpeg
10x42.jpeg
Osservo con: Stabilizzati Canon, Leitz Marseptit 7x50, Leitz Maroctit 8x60, Zeiss Telex 6x24, Zeiss Marineglass 6x30, HUET-BBT-SRPI militari francesi 8x30, HUET 7x50 SGO M.le 1957 7° Vingtiemes Marine Nationale(Porro II), Miyauchi Binon 7x40(ex 50)W, HUET SGO Marine Nazionale mod. 1959 (Abbe Konig) 8x40 11° Vingtiemes (AFOV 88°-190 m. a 1000 m.) e altro;
Celestron C8, Meade ETX 90, Zeiss C 63/840 (Telementor), Vixen 90/1300, Newton 114/900 Toyo Japan rifigurato ZEN.

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7757
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da -SPECOLA-> » 28/05/2019, 20:27

Per esperienza lavorativa su produzioni di serie, anche in ambiente controllato, mi sento di dire che gli effetti del blooming non si fanno sentire soltanto nei pressi dell'area di applicazione del cianoacrilato (e parlo di prodotto specifico ad alone ridotto) e che ogni interstizio anche piccolo, può essere una vera e propria porta aperta per un'evidente alonatura delle superfici a contatto del prodotto o in presenza delle sue esalazioni.

La trielina è fuori commercio e per pulire ottiche trattate non l'ho mai utilizzata, idem per altri solventi simili; avendo sempre preferito rivolgermi per la pulizia a prodotti per uso specifico in campo ottico.
A questo proposito quindi non ho esperienza diretta sulla tenuta dei trattamenti antiriflesso ma il mio consiglio è comunque quello di non rischiare.

Per quanto riguarda i prodotti plastificanti, ne esistono anche di fluidi, che quindi si possono applicare con le stesse modalità del Super Attak in confezione Easy Brush.

Personalmente comunque, io ho sempre risolto il problema dell'appiccicaticcio utilizzando del talco, che ha funzionato sempre benissimo; non mi sono mai dovuto spingere oltre.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1948
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da Angelo Cutolo » 28/05/2019, 21:49

Però il problema principale (a quanto dice Ottaviano) e che canon si ostina ad usare un rivestimento e/o una vernice non adeguata ed è cosa che da una casa del genere trovo per nulla seria.
Io ho il 10x30 is II dal gennaio del 2016 e al momento non mostra ancora questo problema, ma la preoccupazione rimane, poiché ne faccio un uso intenso stà pochissimo tempo chiuso nella sua custodia, forse è per questo che non si è ancora manifestato il problema, ma fino a quanto durerà?

Fin quando non avrò chiare indicazioni sulla risoluzione del problema da parte di canon, per quanto siano otticamente ottimi, ci penserò sù tre volte prima di scegliere canon per un upgrade, soprattutto considerato che attualmente vi sono discrete alternative.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

ottaviano fera
Buon utente
Messaggi: 980
Iscritto il: 16/02/2012, 0:20

Re: Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da ottaviano fera » 28/05/2019, 23:27

Dai preventivi e dalle risposte di Canon non risulta alcuna ammissione circa l'utilizzo di un prodotto difettoso, per cui non è dato sapere se, in segreto, Canon sia corsa ai ripari a partire da una certa data. Io mi auguro che ciò sia avvenuto ma in mancanza di notizie o ammissioni ufficiali, il prodotto difettoso potrebbe ancora essere utilizzato. Tale comportamento non appare trasparente né ammissibile.
Però i binocoli difettosi nel rivestimento ci sono e io, per i miei, ho cercato delle soluzioni. La migliore è risultata quella descritta, che richiede poco tempo e non particolari abilità, ha un costo irrisorio di pochi euro, e non ha manifestato controindicazioni. Ho pertanto ritenuto di portarla a conoscenza di quanti sono incappati nel problema e che, in piena autonomia, decideranno cosa fare.
Osservo con: Stabilizzati Canon, Leitz Marseptit 7x50, Leitz Maroctit 8x60, Zeiss Telex 6x24, Zeiss Marineglass 6x30, HUET-BBT-SRPI militari francesi 8x30, HUET 7x50 SGO M.le 1957 7° Vingtiemes Marine Nationale(Porro II), Miyauchi Binon 7x40(ex 50)W, HUET SGO Marine Nazionale mod. 1959 (Abbe Konig) 8x40 11° Vingtiemes (AFOV 88°-190 m. a 1000 m.) e altro;
Celestron C8, Meade ETX 90, Zeiss C 63/840 (Telementor), Vixen 90/1300, Newton 114/900 Toyo Japan rifigurato ZEN.

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7757
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da -SPECOLA-> » 29/05/2019, 12:51

Da quello che ho potuto constatare in tutti i campi, più il materiale rimane all'aria aperta lontano da altri materiali sintetici e meno il problema si palesa.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Westley
Buon utente
Messaggi: 220
Iscritto il: 11/02/2014, 19:49
Località: Perugia

Re: Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da Westley » 29/05/2019, 14:04

ottaviano fera ha scritto:
28/05/2019, 23:27
Dai preventivi e dalle risposte di Canon non risulta alcuna ammissione circa l'utilizzo di un prodotto difettoso, per cui non è dato sapere se, in segreto, Canon sia corsa ai ripari a partire da una certa data. Io mi auguro che ciò sia avvenuto ma in mancanza di notizie o ammissioni ufficiali, il prodotto difettoso potrebbe ancora essere utilizzato. Tale comportamento non appare trasparente né ammissibile.
Però i binocoli difettosi nel rivestimento ci sono e io, per i miei, ho cercato delle soluzioni. La migliore è risultata quella descritta, che richiede poco tempo e non particolari abilità, ha un costo irrisorio di pochi euro, e non ha manifestato controindicazioni. Ho pertanto ritenuto di portarla a conoscenza di quanti sono incappati nel problema e che, in piena autonomia, decideranno cosa fare.
Il mio esemplare( 8 2016) non presenta per ora tali fenomeni. Ho contattato l'assistenza per altro, ma francamente ho provveduto con il fai da te.(grave in un binocolo nuovo con un anno di vita poco più).Speriamo che almeno il problema del rivestimento sia risolto.
Francesco
Osservo con:
Vixen Foresta 7x50 wcf - Docter Navidoc 7x50 - IOR 7X40 - Carl Zeiss Dialyt 7x42 BGA T*P* - Leitz Trinovid 7x42 B - Canon 12x36 IS III - Nikon SE 8x32 Cf - GHT 8x30 Mil - Vixen Sg 6.5x32 Ed

Konus Spot 15-45x65 - "made in russia" 20-30x50.

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 630
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Usura del rivestimento dei binocoli Canon? Le lamentele dei lettori

Messaggio da Samuele » 30/05/2019, 8:45

Non ricordo dove, ma forse su Facebook, ho letto di qualcuno che ha risolto il problema utilizzando un prodotto in commercio che serve per intervenire sulle plastiche interne di alcune autovetture (per esperienza diretta anche quelle del gruppo Volkswagen) che dopo qualche anno diventano appiccicose allo stesso modo dei Canon.
Spero di riuscire a trovare quel post per recuperare il nome del prodotto.

Rispondi

Torna a “BINOCOLI”