Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Nikon WX

binocoli moderni, binocoli vintage, binocoli classici, binocoli militari, binocoli compatti, binocoli giganti ed altro ancora. Questo settore è dedicato totalmente agli appassionati del binocolo a 360°
piero
Buon utente
Messaggi: 3545
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Nikon WX

Messaggio da piero »

la sensazione è proprio quella, Fabrizio, poi con quel campo, come osservava Abramo di persona, è davvero un altro modo di vedere le cose....ma a che prezzo ragazzi....in tutti i sensi perché oltre al costo ti becchi 2,5 kg di binocolo per un 7-10x; neanche i militari super-resistenti pesano così tanto
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....
enrico
Messaggi: 6
Iscritto il: 14/09/2014, 20:38

Re: Nikon WX

Messaggio da enrico »

sono Enrico e uno di quelli Unici che hanno avuto la fortuna di posare gli occhi dentro quella meraviglia di WX da mai più dimenticare !!
anch'io sono convinto che il 10 x è superiore a 7 x sotto tutti i punti di vista saluti a tutti
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7949
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Nikon WX

Messaggio da -SPECOLA-> »

Benissimo,
grazie per i riscontri. :thumbup:
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/
PiVo
Messaggi: 33
Iscritto il: 11/04/2019, 19:06

Re: Nikon WX

Messaggio da PiVo »

Grazie anche da parte mia. :wave:
Paolo
Avatar utente
tonyrigo
Buon utente
Messaggi: 118
Iscritto il: 27/12/2016, 20:29

Re: Nikon WX

Messaggio da tonyrigo »

Se hanno quelli WX tutti questi problemi di vibrazione, come sembra dalle prove sul campo, chissà perchè non li hanno stabilizzati.

NIKON ha un'ottima tecnologia a riguardo con il suo 14X40 che uso da alcuni anni con grande soddisfazione.
abramo giusto
Buon utente
Messaggi: 2758
Iscritto il: 23/11/2011, 22:48

Re: Nikon WX

Messaggio da abramo giusto »

Vibrazione..??
Hanno voluto creare una F1, il climatizzatore lasciamolo alle supercar
Abramo
Hensoldt dialyt..qualcuno!! Hans Hensoldt jagd e nox..Minox family bd 10x44 br,bd 8-14x40 br ed, Scope MD62 ED..Sard 7x50.. Nedelta 7x50..Switf Audubon...Polifemo Celestron C5
http://www.centrometeolombardo.com/cont ... e=Stazioni
PiVo
Messaggi: 33
Iscritto il: 11/04/2019, 19:06

Re: Nikon WX

Messaggio da PiVo »

Ciao a tutti.
Qualche mese fa avevo iniziato questa discussione per avere qualche notizia in più sul il binocolo Nikon WX. Sono stato subito terribilmente attratto da questo strumento sin dal momento in cui ho saputo della sua uscita. Ne sono stati prodotti pochi e solo altrettanti pochi fortunati avevano avuto la possibilità di testarli.
A fine Maggio scorso, dopo un pò di “giri” in rete e la collaborazione di un amico, ho avuto la possibilità di acquistarne uno (un 10x50 mm per la precisione). Purtroppo (sia per il costo maggiorato, che per una mia naturale avversione verso qualsivoglia serie limitata) si trattava di un 100th anniversary edition. Il prezzo era un pò più basso di quello di listino ma comunque sempre “super mega”. Ecco che, a causa di un momento di insana follia (non trovo espressione migliore per giustificare la cosa), ho deciso di acquistare il binocolo. Ancora me ne dolgo.
Orami sono passati più di 4 mesi da quando mi è arrivato e ho passato tutto il tempo libero possibile con lui. Prevalentemente di giorno, molto meno di notte. Il mio interesse primario è sempre stato astronomico, ma nell’ultimo anno ho sempre più apprezzato l’osservazione naturalistica e di paesaggio che è diventata ora la mia principale passione.
Tutto questo per esprimere una breve e assai poco tecnica opinione sul WX (amo osservare e pure tanto, ma non sono un “tecnico” nè tanto meno un “esperto”, quindi le mie impressioni sono unicamente di natura discorsiva e chiaramente obiettabili).
Devo ahimè dire che sono deluso. Quanto? Abbastanza. Purtroppo, nonostante l’enorme investimento e le enormi aspettative (evidentemente troppo alte) devo dire che non ripeterei mai più l’acquisto. È dura ammetterlo, ma è così.
Perché? Tralasciando come già detto più volte il costo e il rapporto qualità/prezzo (non classificabile data la cifra assurdamente alta del Nikon) quello che mi ha negativamente impressionato è il confronto con i due altri binocoli in mio possesso: lo splendido Swarovski EL 10x50 (usato e strausato da almeno 5 anni) e l’umile ma eccellente Opticron DBA VHD+ 8x42.
Ebbene, la differenza tra il WX e lo Swarovski è a mio modo di vedere praticamente nulla. Ovviamente non mi riferisco al campo visivo, sia reale che apparente, ma alle impressioni puramente visive: luminosità, aberrazione cromatica, distorsioni di campo-curvatura, coma, astigmatismo, ecc. È ovvio che i 9 gradi di campo reale e i 76 gradi di campo apparente secondo Nikon (90 secondo le classiche formule) siano nettamente superiori nel WX ma, considerando la mera resa ottica, non sono riuscito quasi mai a individuare differenze clamorose tra i due. Stessa brillantezza, stesso senso di tridimensionalità ed immersivitá, stessa qualità d’immagine. Il tutto però (nello Swarovski) a un prezzo, sempre altissimo, ma nettamente più basso del Nikon, e con un’ergonomia abnormemente migliore e un peso in confronto quasi “piuma”... Per non dire poi dell’ottima figura che pure fa l’Optricon nei confronti del WX. Certo, un’altra categoria, non evidentemente “elitaria”, ma sempre dignitoso e con un prezzo irrisorio al suo confronto (e per giunta made in Japan anche lui).
I due elementi imbattibili nel WX sono certamente la mostruosa luminosità e il campo visivo gigantesco (soprattutto l’apparente). Ma nel complesso, a mio personalissimo parere, anche un mostro di questo tipo non vale il confronto con lo Swarovski. La maneggevolezza e le caratteristiche meccaniche-ergonomiche di quest’ ultimo sono a mio avviso imbattibili. Osservare con il WX vuol dire tenere tra le mani un mattone di oltre 2.5 kg (lo sapevo, ma provarlo nella realtá è un’altra cosa che leggere le specifiche su un sito internet), avere quindi immediato mal di braccia sino all’esauriemento dopo pochi minuti, oltre a un terribile mal d’occhi (non mi stancherò mai di imprecarie contro chi ha progettato le conchiglie degli oculari, evidentemente in casa Nikon qualcuno ha seri problemi di conformazione facciale. Non mi spiego altrimenti una soluzione così palesemente scomoda... E santo cielo, un pò di gomma morbida perchè non usarla? Senza dimenticare che estraendo i paraluce anche solo di uno scatto l’immagine vignetta paurosamente.) E poi la doppia messa a fuoco indipendente non brilla per comodità, ma questo è davvero il meno. Infine, il supporto in dotazione per il treppiedi. Mah, non l’ho mai usato davvero, o meglio, ci ho rinunciato dopo poco, ma quando ci ho provato il binocolo ballava come se fosse su un dondolo. Personalmente amo troppo l’osservazione a mano libera ma mi sa che dovrò, dato il peso, trovare un soluzione migliore per un treppiedi.
Ultima delusione (strettamente privata): considerando i miei personalissimi gusti (amo sempre più l’osservazione di paesaggio ad ampio campo, più ne ho meglio mi sento...) rimpiango ancora la decisione di aver acquistato il 10x50 anziche il 7x50. Ancora mi sogno i quasi 2 gradi di campo reale in più che avrei potuto gustare. Errore imperdonabile.
Cosa posso aggiungere a questo punto: so bene che costruire uno strumento con queste caratteristiche richieda sforzi ingegnestici enormi oltre a compromessi evidenti. Tutta questa tecnica costruttiva esita inevitabilmente in un prezzo super. Chi compra questo strumento compra il top e proprio questo era quello che cercavo. Purtroppo la mia esperienza mi ha fatto capire ancora una volta di più che avere un qualità visiva un filo inferiore (forse...) ma una usabilitá nettamente migliore, alla fine è decisamente vincente su un esercizio di tecnica costruttiva come il WX che francamente non mi ha emozionato. Proprio così, non mi ha dato quello che cercavo: un’emozione. Questo è il mio vero problema con questo strumento. Un oggetto dalle caratteristiche superiori sì, ma senza quel ”quid” emozionale che doveva giustificarne l’extra esborso economico.
Ovviamente questo è solo un mio personalissimo parere. Frutto di oltre 4 mesi di osservazione, certo, ma pur sempre un parere di un semplice amatore e quindi ampiamente fallibile e discutibile.
Continuerò a testarlo nei prossimi mesi, a questo punto specialmente nell’ osservazione astronomica, in modo da avere un’idea completa del prodotto (l’esperienza accumulata in questo campo osservativo è stata sinora troppo breve ed intermittente per giudicare). Vedremo. Spero che un pò di delusione possa passare col tempo (sperando pure di dimenticare il momento in cui ho staccato l’assegno...).
Un saluto a tutti
Paolo
PiVo
Messaggi: 33
Iscritto il: 11/04/2019, 19:06

Re: Nikon WX

Messaggio da PiVo »

Qualche foto...
Allegati
IMG_5.jpg
IMG_4.jpg
IMG_3.jpg
IMG_2 .jpg
IMG_1.jpg
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 678
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Nikon WX

Messaggio da Samuele »

Quello che scrivi è comprensibile.
A mio avviso il WX è un po' come certi orologi affascinanti, perché muniti di meccanica molto sofisticata, ma che costano come un appartamento e magari non possano assere tenuti al polso per più di qualche ora al mese in quanto troppo delicati.
Il "piacere" di quel binocolo sembra essere più mentale che pratico, e mi sembra stia per lo più nel compiacimento per la sua progettazione ed ingegnerizzazione oltre che per il possesso di un oggetto così esclusivo.
Un mero oggetto da collezione, quindi, che nulla ha a che fare con il senso pratico che tu esprimi.
Del resto, il fatto che Nikon lo abbia prodotto solo in serie limitata conferma che sapeva bene di non poterlo proporre come strumento da campo.
piero
Buon utente
Messaggi: 3545
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Nikon WX

Messaggio da piero »

più semplicemente non è uno strumento assimilabile a una comune quotidianità come lo Swarovski o l'opticron citati (eccellenti strumenti ma con un razionale di base completamente diverso e distante 1000 miglia dal wx), non fosse altro che per l'uso praticamente obbligato del cavalletto con soli 7x
ricordo quando facevo fotosub che un amico facoltoso si dotò di una costosa nikon F5 scafandrata confidando che pagando il massimo avrebbe ottenuto foto da urlo: in realtà da amatore occasionale qual'era non fece altro che complicarsi la vita; pur con tutto ciò era proprio con quella attrezzatura che i grandi fotosub lavoravano.
Insomma, come dice un vecchio detto: per molti ma non per tutti.
E se non ti piace non devi certo fartelo piacere per forza solo per il costo, tanto più se come dici non noti differenze con lo swaro.
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1687
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Nikon WX

Messaggio da Giovanni Bruno »

Un simile mostro da 2,5Kg, avendo assolutamente bisogno di un cavalletto, entra in diretta concorrenza con un angolato APO ED FPL-53 da 70/400mm a 45° ad oculari intercambiabili e dal costo irrisorio al confronto e con una usabilità e montabilità nettamente più efficiente.

Il recensore ha giustamente fatto notare che il 10x è nettamente più godibile del 7x,
Perchè è proprio un più alto ingrandimento che esalta l'immersione nella scena e la lettura di più fini particolari.

Se il soggetto è piccolo, in un campo sterminato, fatalmente perde in leggibilità.

Da cui, per esempio, un binocolo APO da 70/400mm, se equipaggiato con due oculari da 24mm/68°,tipo i PANOPTIC, darebbe 16x ed un campo reale di 4°,25.

Un campo reale da 4°,25 per me è già qualcosa di quasi sterminato se l'interesse è quello di avvicinarsi al soggetto.

Inoltre, se un ulteriore mega campo apparente fosse la priorità, su un 40/700 angolato a 45° e ad oculari liberamente intercambiabili, si possono montare degli oculari ultra-iper mega grandangolari da 82°--100°--120°.

Maneggio binocoli e binocoloni da ormai mezzo secolo, ma io ho sempre tratto la massima soddisfazione con un ingrandimento sostenuto, attraverso un campo apparente medio-alto di 68°-72°.

Gia gli oculari UWA da 82° mi hanno sempre dato più problemi che vantaggi a causa della ridottissima EP

Parere strettissimamente personale. :thumbup: :wave:
piero
Buon utente
Messaggi: 3545
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Nikon WX

Messaggio da piero »

condivido i tuoi gusti Giovanni, ma va detto che qui si entra nel mondo dei gusti e sensibilità personali; anch'io per i binocoloni astronomici prediligo un ca intorno ai 70° eppure Stevedet è entusiasta dei UW da oltre 80° sul suo Nexus: l'uno meglio dell'altro? forse no, solo preferibile e basta
il WX si può apprezzare per quello che è, ma può anche non piacere: è stato giustamente paragonato a formula 1, ma pur scendendo su un piano più accessibile: è innegabile che una Ferrari è un estremismo di tecnica e ingegneria di ineguagliabile fattura, però a me non piace. Un patek philippe da 250 mila euro può essere assimilato semplicemente a un orologio? probabilmente no ( a proposito amici astrofili, sapevate che la patek Philippe produce un orologio che si chiama Celestial con la via lattea riprodotta che si muove sulle 4 stagioni, tutto rigorosamente meccanico fatto a mano?? eccolo: https://www.astrua.com/it/patek-philipp ... if-astrua- ) ; quanti astrofili spenderebbero 2000 euro in un binocolone? pochi certamente; per un rifrattore prestigioso? come no! ma anche di più.... e così via
così vanno le cose e quindi bisogna comprendere e rispettare gusti, aspettative e inclinazioni di tutti
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1687
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Nikon WX

Messaggio da Giovanni Bruno »

Caro PIERO, proprio in rispetto dei gusti personali, ho messo come ultima frase:

Parere strettissimamente personale.

Più rispettoso di così.

Inoltre sono intervenuto solo dopo che il proprietario del NIKON WX ha espresso con lodevole sincerità, sia i plus che i punti deboli del suo prestigiosissimo binocolo. :thumbup: :wave:
piero
Buon utente
Messaggi: 3545
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Nikon WX

Messaggio da piero »

tranquillo Giovanni, le mie erano considerazioni generali senza alcun appunto nei tuoi confronti :wave:
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....
Avatar utente
codarossa
Buon utente
Messaggi: 153
Iscritto il: 15/01/2014, 10:08

Re: Nikon WX

Messaggio da codarossa »

Ho avuto la fortuna di poter utilizzare il Nikon WX sia nella versione a 7 ingrandimenti sia nella versione a 10 ingrandimenti. Inoltre ho avuto anche la doppia fortuna di poterli comparare con binocoli aventi i medesimi ingrandimenti e larghezza di campo. Credo che questo sia il punto, questi binocoli forniscono un campo di visione ultra-grandangolare e quindi andrebbero confrontati con binocoli che forniscono prestazioni altrettanto estreme per quanto riguarda il campo di vista. I Nikon WX rappresentano quasi un unicum nella storia dell'ottica. Se si analizza quanto costruito ad oggi, si hanno i seguenti modelli:

- Nikon WX 7x50 a 10 gradi di campo
- Bausch&Lomb Mark 41 7x50 a 10 gradi di campo (anno 1943)
- Nikon WX 10x50 a 9 gradi di campo
- SRPI 10x60 a 8.8 gradi di campo (anni cinquanta del secolo scorso), mi si perdonera' il fatto che la pupilla di entrata e' di 60 mm ed il campo di vista leggermente inferiore, ma e' il modello che piu' si avvicina per prestazioni al Nikon WX.

Lode quindi a Nikon che dopo 60 anni di storia dell'ottica e' riuscita a costruire dei binocoli ultra-grandangolari con simili prestazioni.

ciao a tutti da codarossa
Alessio (utente codarossa nel forum)


Tutti stiamo sulla terra, ma qualcuno di noi guarda le stelle.
Rispondi

Torna a “BINOCOLI”