Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

binocoli moderni, binocoli vintage, binocoli classici, binocoli militari, binocoli compatti, binocoli giganti ed altro ancora. Questo settore è dedicato totalmente agli appassionati del binocolo a 360°
Rispondi
Faber
Buon utente
Messaggi: 794
Iscritto il: 16/06/2012, 17:34

Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da Faber » 05/03/2018, 11:20

Ciao a tutti,

come da consiglio di Piero, intendo con questo post raccogliere le esperienze che i vari utenti hanno avuto con le varie combinazioni di oculari.
Penso che le nostre esperienze possano essere di aiuto a chi è interessato all'acquisto di queste tipologie di binocoli.
Parto con le mie esperienze (naturalmente parziali) e consiglio ai potenziali altri utenti di specificare il modello del binocolo:
  • - Binocolo APO APM 100 a 45°
  • - Prismi da 28 mm


Oculari provati in diurno:
  • - Pentax XW di focali 20, 10 e 5 mm
  • - APM UF 18 mm
  • - Meade Super plossl 3000 da 40 mm
Tutti gli oculari menzionati vanno a fuoco con il binocolo in questione e non vignettano almeno al mio occhio.
I pentax XW mi garantiscono una visione rilassata, neutra dal punto di vista cromatico, sebbene occorra posizionare molto attentamente gli occhi. Consiglio, con questi oculari, di smontare la parte superiore delle conchiglie e di usare i famosi modelli a fetta di salame, acquistabili ovunque.
Gli oculari da 18 mm, invece, hanno un campo leggermente più ridotto rispetto ai Pentax, ma sfruttano molto bene le ottiche del binocolo.
Gli oculari da plossl da 40 mm sono veramente godibili anche se portano la pupilla d'uscita ai limiti fisici delle possbilità dell'occhio umano, ma penso che durante il crepuscolo possano essere ben sfruttabili.

Mi riservo di provare altri oculari e di effettuare delle prove notturne per verificare meglio le aberrazioni sui campi stellari.
Piccola nota: si fa un gran parlare dei riflessi fantasmi con l'uso dei prismi da 25 o ancora peggio da 28 mm. Io forse sono di bocca buona, ma non ho provato grandi fastidi nel mio binocolo. Esistono e non lo nego, ma non sono così fastidiosi per la mia personale esperienza.
Saluti a tutti.
Fabio Bergamin

Osservo con binocolo:
Kowa XD 8.5x44
Osservo con telescopio:
Telescopi Takahashi e oculari (Pesanti e leggeri...)
Osservo con microscopio
Leitz SM-LUX

piero
Buon utente
Messaggi: 3273
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da piero » 05/03/2018, 13:25

eccellente resa sul cielo con i TV panoptic 19 mm; non ricordo la resa dei 18 mm in dotazione che forse ho provato solo sul 120; sarebbe interessante capirne la differenza tra i due nel senso se il gioco vale la candela, dato il costo dei TV
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

bifo
Buon utente
Messaggi: 199
Iscritto il: 18/09/2011, 18:47

Re: Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da bifo » 05/03/2018, 17:45

Sposto il mio post nella raccolta.....se può essere utile... ben felice.... dimenticavo apm 100apo45° fs. 25mm
Ciao...provo a dire la mia personale opinione sugl'oculari che possiedo , presi e utilizzati prevalentemente sul terrestre.
premetto che secondo mè.... sul terrestre un'immaggine appagante ottenibile solo in fortunate occasioni non dovrebbe quasi mai eccedere oltre 60/70x... poi subentrano fattori di turbolenze e quant'altro....a proposito gli oculari degli spotting anche più rinomati non superano tale valore.
-1 coppia: prototipi zeiss 25 mm , sono dei ploss rovesciati, i miei tuttofare eccezzionali dei veri rasoi.
-2 coppia: panoptic 19mm molto comodi, luminosi e corretti a centro campo,però non forniscono un campo totalmente piatto anzi ai bordi sempre intesi sul terrestre disturbo di distorsioni a bordo campo .....non posso fare il paragone chiesto da Piero in quanto possedendo già i panoptic non ho ritirato i 18mm di apm
-3 coppia: swarovsky 15,4mm 65° eccezzionali, purtroppo fuori produzione e introvabili specialmente in coppia,molto confortevoli e compatti ,caricano leggermente come fedeltà di colore ,che nel terrestre aiuta sempre a attenuare le foschie, hanno uno schema unico di swarovsky vanno ha fuoco da poche decine di metri e usando tutta l'escursione del focheggiatore arrivano al pelo all'infinito, con una messa a fuoco micrometrica e una buonissima profondità di campo.
-4 coppia: pentax xf 12 mm 60° oculari costruiti per gli spotting per uso terrestre (l'ho avuto) sull'apm non sono malvagi anzi con loro ho visto la mia miglior luna.
-ho altre coppie economiche appena acquisite da 6mm e 9mm tsswm 66° presi per il planetario di cui ho poco interesse ,non ho ancora avuto modo di testarli.
elio
swarovski EL 8.5X42-nikon EDG 7x42-nikon 12x50SE-nikon 8x30EII- leica 8x20 BCA- meopta8x32B1 - kowa gen.8x33- zeiss 7x50 bga- raptor 6.5x32 -zeiss jena 8x32b - nikon 7x35EI-huet 8X30- karl schmidt 7x35 11°-komz 8x30mil-hensoldt 9x63-hensoldt 7x63-sard 7x50-


apm 100ed apo - oberwerk 70 bt ed - kowa 883+ext 1.6-

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 551
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da Samuele » 05/03/2018, 18:27

Seguo a ruota con la mia esperienza.
- binocolo APM 100 ED APO a 45º
- apertura libera dei prismi 23 mm


Premetto che sin'ora non mi è capitato di trovare oculari che non andassero a fuoco col mio binocolo, ed oltre quelli che dirò l'ho testato con: Pentax XL 14mm, Telvue Radian 10 mm, Meade Superploss 10mm e 25mm, vari ortoscopici da 4-5 e 6 mm, Pentax XW 3,5mm, tutti oculari singoli da me posseduti (qualcuno venduto) o prestatimi.

Oculari utilizzati in coppia per osservazioni astronomiche:

- Baader Morpheus 12,5mm e 9mm
- SWA 20 mm 70º
- TS Planetary HR 5mm
- TMB Planetary II 4mm (cinesi)
- Aspheric 4mm 62º (supereconomici cinesi)
- Tecnosky Planetary ED 3,2mm

Inoltre ho utilizzato brevemente per osservazioni al crepuscolo ed astronomiche i Vixen LVW 22mm ed i TeleVue Delos 10mm.

I Morpheus sono in assoluto i miei preferiti: oltre all'eccellente contrasto, nitidezza, trasparenza, ortoscopicità e resa cromatica hanno l'effetto di proiettare la scena fuori dallo strumento come se davanti agli occhi si aprisse una finestra. Ad esssere pignoli c'è un accenno di curvatura di campo (nel 12,5mm) con l'estremo 5% con qualche deterioramento, ma, a parte il fatto che i 76º sono troppo per osservarli tutti senza girare lo sguardo, si tratta di poca roba che nulla toglie alla fantastica resa del resto.
Di giorno questi oculari generano un alone arancio al bordo campo che è difficile far sparire (bisognerebbe tenere gli occhi in una posizione ben precisa) e francamente trovo fastidioso anche se si conferma l'eccellente resa, soprattutto cromatica, del resto.
L'oculare da 20mm SWA in dotazione col binocolo, lo trovo onesto, senza grandi pretese e forse un po' scuro, ma tutto sommato fa bene il suo lavoro a parte che non ha la filettatura per i filtri e questo è per me un grosso handicap.
Di giorno una buona resa con anche qui un filino di bordo colorato.
Gli HR o TMB II hanno una correzione geometrica molto buona con un contrasto ed una nitidezza discretamente buoni. In alcune posizioni generano un'immagine fantasma del pianeta osservato.
Gli Aspheric lavorano bene solo nei pressi del centro campo con un contrasto e una nitidezza davvero molto buoni. Purtroppo il campo utilizzabile è piccolo, dopo di che compare molta aberrazione cromatica, che però è utile per osservare i pianeti bassi sull'orizzonte e compensare in qualche modo l'aberrazione atmosferica.
I Planetary ED sono quelli che lavorano peggio col mio binocolo, restituendo un'immagine impastata e poco fruibile, non so se per limiti dello strumento o perchè lavorano male con focali spinte (provati col Pentax 75 f 6,7, mi è sembrato andassero molto meglio).
Infine i Vixen LVW ed i Delos mi sono sembrati ottimi oculari, forse meno trasparenti dei Morpheus e senza l'effetto proiezione. Con la focale 22mm il cielo diventava troppo chiaro per i miei gusti.

Avatar utente
LorenzoB
Buon utente
Messaggi: 106
Iscritto il: 23/09/2016, 18:31
Località: Palermo

Re: Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da LorenzoB » 05/03/2018, 18:44

Io ho un APM APO 100mm 90° preso in estate 2017.
Riporto la mia esperienza personale, da non esperto, in uso astronomico.

Con gli oculari di serie, una coppia di FF 18mm 65° mi trovo molto bene, visione della Luna molto dettagliata e ricca di contrasti, Giove si intravedono le bande principali. Saturno si notano gli anelli ma necessitano maggiori ingrandimenti per percepire ulteriori dettagli. Galassie M81 e M82 incredibili sotto cielo scuro, si staccano dal fondo che è un piacere. Per le stelle si vedono i loro colori naturali (almeno così mi è parso), molto puntiformi. Puntando su Mizar si nota la sua compagna. Nebulosa della Laguna, sotto cielo scuro, pare dipinta con chiaro scuri.

Ho anche una coppia di oculari Tecnosky Planetary ED 5mm, ma li ritengo eccessivi per questo binocolo, almeno per uso da città, ancora non li ho provati lontano dai centri abitati. L'immagine è troppo soggetta a turbolenza, è un continuo tremore e difficilmente sono risuscito ad ottenere una messa a fuoco "semi decente". La Luna, in quei pochi istanti di bassa turbolenza, è molto bella, si notano le montagne e le ombre proiettate da esse, grazie alla visione binoculare si nota la tridimensionalità dell'immagine. Per quanto riguarda Giove non sono riuscito ad avere una visione, per me, accettabile. Impossibile mettere a fuoco a causa della turbolenza. Ho provato in due serate distinte ma nulla da fare. Non si percepiva alcun dettaglio mentre con gli FF da 18mm ho notato le bande principali. Puntando in terrestre una torre a circa 7Km da me potevo vedere tranquillamente persone e volti. Ovvio anche in questo caso la turbolenza era forte. Per ora non ho fatto altre prove.

Avatar utente
stevedet
Buon utente
Messaggi: 828
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da stevedet » 06/03/2018, 1:39

Nessuno di voi ha provato i Tecnosky uwan 16mm 82°? Sul mio Nexus si comportano molto bene e dunque penso che su questi nuovi Apm dovrebbe essere ancora meglio. Certo, le stelle non si vedono puntiformi fino al bordo, però l'immersione nella scena data dagli 82° io la trovo fantastica e la resa a centro campo è molto buona.
Unico difetto: gli originali paraluce gommati hanno un diametro importante, che potrebbe creare difficoltà se non si ha una distanza interpupillare molto ampia. Sui miei li ho tolti.

Faber
Buon utente
Messaggi: 794
Iscritto il: 16/06/2012, 17:34

Re: Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da Faber » 06/03/2018, 9:24

Ciao Stevedet. Io li ho provati sul mio ex binocolo binocolo Vixen bt81 e li trovavo molto immersivi. Tuttavia anche io provavo molto fastidio a causa di quei paraluce. Mi riservo di provarli sul Apm Apo appena possibile. La focale di 16 mm era tra le più usabili sul mio ex Vixen, sia in diurno che sul cielo stellato.
Fabio Bergamin

Osservo con binocolo:
Kowa XD 8.5x44
Osservo con telescopio:
Telescopi Takahashi e oculari (Pesanti e leggeri...)
Osservo con microscopio
Leitz SM-LUX

Avatar utente
stevedet
Buon utente
Messaggi: 828
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da stevedet » 06/03/2018, 11:58

Ciao Faber, io ce li ho praticamente incollati sul mio Nexus (APM 23-41x100) da tanto mi soddisfano. Come ho già scritto, le "gomme" originali dei paraluce le ho eliminate, perché intralciavano troppo (malgrado abbia il naso piccolo). Per non lasciare i paraluce nudi e non rifiniti li ho fasciati con due anelli ricavati da una camera d'aria di mountain bike. Allego foto, ma immagino che i tanti puristi presenti in questo forum inorridiranno schifati. :lol:
oculari.jpg

Avatar utente
LorenzoB
Buon utente
Messaggi: 106
Iscritto il: 23/09/2016, 18:31
Località: Palermo

Re: Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da LorenzoB » 11/04/2018, 8:06

Buon giorno ragazzi, per non aprire una nuova discussione su alcune domande in riferimento ad alcuni oculari per i binocoli APM, mi allaccio a questa discussione, spero di non aver fatto male.

Io ho un binocolo APM 100mm 90° APO per uso esclusivamente astronomico, e come già scritto in precedenza, oltre gli oculari di serie (una coppia di FF 18mm 65° 30x), che mi hanno entusiasmato parecchio, ho anche una coppia di Tecnosky ED Planetray 5mm (110x sicuramente poco sfruttabili), che non mi entusiasmano per nulla, troppa turbolenza ed immensa difficoltà di messa a fuoco, immagini impastate.
Volevo prendere una via di mezzo di qualità migliore dei Tecnosky ma con ingrandimento inferiore, per un uso più generico ma anche per godere di Luna e pianeti, anche se so che non è lo scopo più adatto per un binocolo, ma perché non approfittarne visto la qualità delle ottiche?
Pensavo a degli Explore Scientific 82° da 6,7mm (che genererebbero un ingrandimento di 82x) o 8,8mm (62x).

Il mio dubbio è che se spingo troppo con gli ingrandimenti rischio che la visione diventi una turbolenza perenne (come i Tecnosky 5mm) compromettendone l’uso effettivo ridotto a pochissime serate. Poco ingrandimento non mi farebbe godere dei fini dettagli su Luna e pianeti che non nascondo mi piacerebbe osservare nei limiti permessi dallo strumento.
Del resto per la visione a largo campo gli oculari di serie mi vanno più che bene.

Fra Explore Scientific 82° 6,7mm e 8,8mm quale mi consigliereste come miglior rapporto ingradimento/qualità visiva?
A costi simili accetto anche consigli per altre marche.
Grazie a tutti per il vostro aiuto.

Avatar utente
stevedet
Buon utente
Messaggi: 828
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da stevedet » 11/04/2018, 10:21

Personalmente opterei per gli oculari da 8,8mm. Avresti la sicurezza di utilizzarli con profitto sempre.
Permettimi un mio commento personale. Quello che proprio non riesco a capire è questo: parli di dettagli fini su Luna e pianeti; ma perdonami, hai un C8, sfrutta quello per i dettagli fini!
Questa moda di comprare i binocoli per poi utilizzarli come telescopi (con risultati secondo me sempre modesti) non la capirò mai.

Avatar utente
LorenzoB
Buon utente
Messaggi: 106
Iscritto il: 23/09/2016, 18:31
Località: Palermo

Re: Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da LorenzoB » 11/04/2018, 12:07

Giusta osservazione, ma la praticità di un binocolo, seppur di grosse dimensioni, non è paragonabile a quella del telescopio, che per questi motivi uso poco. La visione binoculare è veramente appagante per me.
Chiaramente i limiti di un doppio rifrattore da 100mm, seppur APO, sono ben evidenti rispetto ad un riflettore da 203mm.
Il mio sogno sarebbe una casetta in alta montagna dove lasciare sempre montato il telescopio, ma da casa mia in città, e con il poco spazio che ho, ogni volta che termino di usare il telescopio passa una mezzora abbondante a smontare e imballare tutto, per non parlare del montare allineare e assestare le ottiche :cry:

Si pensavo pure io per 8,8mm per i motivi da te spiegati, una via di mezzo.... anche se quel 6,7 mi attira :shifty:

Avatar utente
stevedet
Buon utente
Messaggi: 828
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da stevedet » 11/04/2018, 14:42

Il tuo C8 dotato di torretta ed utilizzato sulla montatura del binocolo diventa altrettanto pratico da gestire ed anche solo con gli oculari da 18mm già in tuo possesso, otterresti un binocolone di potenza sicuramente più performante dell'APM 100ED ad ingrandimenti superiori a 100x. Ma qui mi fermo per non sporcare il topic di Faber. :thumbup:

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1303
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da Giovanni Bruno » 12/04/2018, 14:25

STEVEDET, dovresti però spiegare come fa un SCT a specchi da 204mm di diametro a patire meno la turbolenza, rispetto ad un BI-RIFRATTORE-APO da 100mm, usato agli stessi ingrandimenti.

Se mi parli di maggiore luce e maggiore risoluzione del SCT da 8", concordo pienamente, ma se parliamo di maggiore capacità di sopportare lo stesso cattivo SEEING a pari ingrandimento sulla LUNA, non ti seguo più, anzi, è vero esattamente il contrario.

Oltre a vari binocoloni , APO e RUMAK blasonati, ho anche un MEADE LX90 ACF da 8" ed un CELESTRON C11 CPC HD, ebbene è proprio il più grosso diametro del ACF da 8" e del C11 CPC HD da 11" che patiscono di più un cattivo seeing, tutto secondo tradizione. :thumbup: :wave:

Avatar utente
stevedet
Buon utente
Messaggi: 828
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da stevedet » 12/04/2018, 22:10

Ciao Giovanni, il mio ragionamento è nato dopo aver letto questa frase di LorenzoB e soprattutto dopo aver letto che in firma ha un telescopio C8, altrimenti non mi sarei permesso.
LorenzoB ha scritto:Poco ingrandimento non mi farebbe godere dei fini dettagli su Luna e pianeti che non nascondo mi piacerebbe osservare nei limiti permessi dallo strumento.
Mi sono chiesto, ma che senso ha cercare fini dettagli planetari a 80-110x andando a forzare un binocolone da 100mm f/5 quando hai in casa un tele da 200mm f/10 che quegli ingrandimenti te li da con la manetta del gas appena aperta, con oculari che già hai e con una capacità risolutiva superiore? Oltretutto, il C8 è molto compatto e dunque facilmente utilizzabile anche sulla montatura del binocolo, a quegli ingrandimenti.

Sul discorso seeing hai ragione, più il diametro cresce e più aumenta anche la sensibilità al seeing. E' come avere tanti cavalli, ma andare su una strada sdrucciolevole, dove alla fine anche una Ferrari è costretta ad andare veloce come una Panda.
In tal senso, è corretto dire che le prestazioni di un tele più grande si appiattiscono a quelle di uno più piccolo, ma non certamente che diventino peggiori.

Concludo dicendo che io il C8 non ce l'ho, però ho un dobson di 30cm ed in passato ne ho avuto uno da 25cm. In entrambi i casi, non solo l'osservazione della Luna (che è sempre molto generosa con qualsiasi tele) ma anche quella di un pianeta sicuramente meno tollerante alle turbolenze come Giove, non è mai stato un problema a "soli" 80-110X (soli per quei diametri) anche in presenza di seeing cattivo. Solo pompando di più cominciano a nascere i problemi.

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1303
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Binocoli APM: Raccolta dati su uso oculari

Messaggio da Giovanni Bruno » 12/04/2018, 22:41

Anche io sono intervenuto solo perchè il limite riscontrato da LORENZO era quello di non aver potuto godere i 100x sul suo APM ED APO a causa di un pessimo seeing.

Io prima di prendere l'APM ED APO FPL-53, avevo avuto in prova L'IBS alias APM SEMI-APO da 100mm su cui i PLANETARY ED da 5mm/60° performavano molto bene a oltre 100x, figuriamoci su un APO come l'APM ED APO da 100mm, sebbene solo FPL-51 .

Il fatto è che l'osservazione terrestre ad alto ingrandimento è fattibile solo in precise circostanze, tipo una brezza da NORD opure NORD OVEST e poco prima del tramonto.

Perlomeno dalla mia postazione di IVREA, all'imbocco della valle d'AOSTA, se la brezza è da SUD nemmeno mi ci metto ad osservare, nemmeno a 20x, tanto so già che sarà un disastro, ma quando la brezza è da NORD e NORD OVEST, posso osservare anche a 150x poco prima del tramonto ed a 60x per tutto il giorno se quella brezza è costante.

Sono piccoli trucchi appresi sperimentando sul campo.

Sul cielo, anche li comanda il seeing, ma ad esempio sulla LUNA è bene scegliere una LUNA che sia altissima in cielo in meridiano, mentre se si guarda la LUNA, come qualsiasi pianeta, che sia basso sull'orizzonte, i risultati saranno sempre scadenti. :thumbup: :wave:

Rispondi

Torna a “BINOCOLI”