Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Collante schifezza, perché delaminazione

Descrizioni, prove, caratteristiche tecniche e modalità di utilizzo dei microscopi di ieri e di oggi e dei loro accessori
Rispondi
3nzo
Buon utente
Messaggi: 641
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Collante schifezza, perché delaminazione

Messaggio da 3nzo » 06/11/2020, 18:51

Tempo fa mi chiedevo perché gli obbiettivi da microscopio vanno spesso incontro a delaminazione. Ora c'è una parziale risposta, è stato usato un collante che non è balsamo del Canada.
Avevo in un cassetto un obbiettivo fortemente delaminato, tanto che avevo avuto il rimborso di quanto pagato, e, dopo l'esperienza di incollaggio dei vetrini con balsamo e dopo aver verificato che scaldati sulla piastra a 70° il balsamo si ammorbidiva e si potevano addirittura fare scorrere senza pericolo di bolle, ho pensato di tentare il riscaldamento dei componenti dell'obiettivo in questione.
Risultato fallimentare. Dal barilotto è uscito uno strano collante che tolto dalla piastra si è indurito rapidamente; sembra resina epossidica, ma non è perché schiacciato si sfarina, però sul vetro non si toglie nemmeno con lo xilolo.
Mi chiedo cosa sia, avete qualche idea? La lente è del 1976 ed è strano che i russi usassero qualcosa di "più tecnologico" già a quei tempi.
Per ora ho immerso il doppietto in alcool sperando di pulire la lente e per avere una idea di come toglierlo. Se reagisce solo al calore è impossibile pulire la lente.
Allegati
collante.jpg

3nzo
Buon utente
Messaggi: 641
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Collante schifezza, perché delaminazione

Messaggio da 3nzo » 07/11/2020, 10:53

Aggiungo una precisazione. Mi sono accorto che ora le due lenti ballano dentro il barilotto e si è creato un certo spazio fra le due, per questo era uscita tutta quella roba. Ipotizzo che non si trattava di un semplice incollaggio, ma forse di uno strato spesso di un qualcosa che aveva funzione di lente in plastica. Non so darmi spiegazione.
Qualcuno ha esperienza in proposito?

Avatar utente
500paolo
Buon utente
Messaggi: 1299
Iscritto il: 29/01/2014, 15:10
Località: Prov. Teramo

Re: Collante schifezza, perché delaminazione

Messaggio da 500paolo » 07/11/2020, 14:28

Poteva forse essere una sorta di distanziatore di materiale plastico che tu hai sciolto con l'alta temperatura?

3nzo
Buon utente
Messaggi: 641
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Collante schifezza, perché delaminazione

Messaggio da 3nzo » 07/11/2020, 16:42

E' possibile, ormai è perduto, ma l'avevo messo in conto.
Questo succede quando non si conosce quello su cui si interviene.
Peccato che l'ho buttato, ma era un materiale strano, estremamente adesivo sul vetro, tanto che ce ne sono tracce, a caldo faceva fili come una colla e a secco schiacciandolo si sbriciolava facilmente.

Avatar utente
500paolo
Buon utente
Messaggi: 1299
Iscritto il: 29/01/2014, 15:10
Località: Prov. Teramo

Re: Collante schifezza, perché delaminazione

Messaggio da 500paolo » 07/11/2020, 19:04

I Lomo otticamente non sono male, ma i materiali utilizzati sono raffazzonati e assemblati peggio, se poi ci metti che anche i loro "campioni" Zeiss hanno dei difetti congeniti...

Altra ipotesi potrebbe essere qualche fluido infiltrato che si sia solidificato in quel modo, quindi non si trattava di delaminazione ma di materiale estraneo depositato fra le lenti.

Avatar utente
Toniclimb
Buon utente
Messaggi: 462
Iscritto il: 05/12/2016, 16:46
Località: Roma

Re: Collante schifezza, perché delaminazione

Messaggio da Toniclimb » 07/11/2020, 20:32

Quel collante non dovrebbe essere resina epossidica, vanno di solito almeno fino a 150 ° e sono termoindurenti. A 70 manco si smuovono

3nzo
Buon utente
Messaggi: 641
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Collante schifezza, perché delaminazione

Messaggio da 3nzo » 07/11/2020, 21:00

Infatti solo l'aspetto esterno è da resina epossidica. Così tanta sostanza infiltrata sembra impossibile. Potrebbe essere un distanziatore di plastica, ma sarebbe meglio un anello o una rondella. Un distanziatore variabile deformabile a caldo nemmeno perché lo spazio per le lenti sembra fisso, allora potrebbe essere un collante distanziatore fra le lenti, cioè un incollaggio a spessore. In tal caso dovrebbe essere una sostanza con determinato indice di rifrazione, ma è tutto molto strano e mi sembra impossibile che nel 1976 i russi utilizzassero già materiali non convenzionali. Resto basito :o

Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 1021
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Collante schifezza, perché delaminazione

Messaggio da Guido Gherlenda » 12/11/2020, 0:44

Di che ottica si tratta?
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E

3nzo
Buon utente
Messaggi: 641
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Collante schifezza, perché delaminazione

Messaggio da 3nzo » 13/11/2020, 21:52

Si trattava di un'ottica interessante, ma come collezione perché forse non l'avrei mai sfruttata. Si trattava di un 60x AN 1,25, immersione in olio e collare di correzione per un layer di gelatina da 0 a 0,25, immagino mm. Avrei potuto usarlo con il collare settato su 0, senza gelatina.
E' invece meno raro il 90x AN 1,25, sempre olio-gelatina. Se ne trovano e si vendono invece a caro prezzo, nuovi da fondo di magazzino, da parte di una ditta tedesca ex distributore Lomo, dei 20x credo AN 0,8 senza collare, ma adatti a strati di gelatina da 0 a 0,4.
Ho fatto una ricerca parecchio tempo fa e ho visto un articolo che non ho letto allora, ma del quale ho perso il link, dove si indicava la procedura per approntare vetrini con uno strato di gelatina controllato, di un certo spessore, non come i vetrini trattati in gelatina per immersione e lasciati poi sgocciolare, quindi con strato sottile.
Mi chiedo come possa influire sulla resa ottica uno strato di gelatina che sta sotto l'oggetto da osservare, a meno che ci si riferisca a situazione diversa.

Rispondi

Torna a “Microscopi e tecnica microscopica”