Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Apertometro economico fai da te

Principi di funzionamento, manutenzione, modifica e autocostruzione dei microscopi e dei loro accessori
patta
Messaggi: 38
Iscritto il: 15/05/2020, 23:41

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da patta »

Guido Gherlenda ha scritto: 31/10/2020, 14:10 Potrei proporre uno scambio: un disegno in cambio di un pezzo in PMMA lavorato ;)
Ci sto! stasera però dormo. Che bello avere in casa una fresa!

Enzo,
Si la scala l'ho disegnata un pò male, il valore nominale (tipo, NA esattamente 1,3) è all'inizio della tacca. Nell'articolo la tacca sarà centrata invece, e come dici tu, dovrebberro corrispondere sulla mezzeria. Credevo che nel mio modo fosse più preciso valutare la NA. Ma poi sotto l'obiettivo viene tutto piccolo deformato e sfuocato, per cui il mio accorgimento non funziona.
1-2 notti e lo sistemo. Per ora incolla la scala Cheshire originale che è più elegante. Se il centro della tacca Cheshire corrisponde all'inizio della mia, vuol dire che son calibrate uguale. Se son diverse... vuol dire che ho sbagliato i seni & coseni
Allegati
PSX_20201031_233749.jpg
Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 1028
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da Guido Gherlenda »

Dormi tranquillo... nel frattempo mi sono preso la briga di approfondire la questione , uno sforzo tremendo per le mie meningi, le ho approntato un semplice programma per calcolarmi la scala per un apertometro a mezzo cilindo sia per l'immersione che per i dry, volendo avere un po' di precisione sarebbe da farne con dimensioni diverse con un range limitato, non credo che alla fine abbiano un'utilità però sono quegli oggetti che mi attirano e diventano un esercizio, il sistema per illuminare la scala sembra funzionare.

P.S. Non è detto che sia sempre bello avere una cnc a casa, me l'ero costruita io per diletto ma negli ultimi tre anni è accesa dalla mattina alla sera per lavoro, quando c'è fretta sabato e domenica non esistono...

Se gli altri partecipanti a questa discussione desiderano dei pezzi è meglio che mi avvertano subito se lo spessore richiesto è il 20mm, non ne ho moltissimo, per altri spessori non ne ho proprio e quindi il problema non si pone, dovrò ordinarlo comunque.
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E
3nzo
Buon utente
Messaggi: 654
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da 3nzo »

Per Patta. Secondo me, dimmi se sbaglio, la linea curva dell'apertometro sull'articolo è disegnata così per farla apparire dritta, ma quello che conta è l'intersezione sull'asse e qui deve esserci coincidenza. Ora non so se facendo la linea sottile questa deve corrispondere con la mezzeria di quella spessa dell'articolo o, proprio perché sottile, devono corrispondere i bordo anteriori, cioè verso il centro, io mi sarei aspettato questo.
Non ho potuto però confrontare i risultati delle sue scale perché non ho due vetri su cui incollarle, a meno che il poggiarci semplicemente sopra il vetro non sia sufficiente, visto l'esiguo spessore d'aria e l'imprecisione del tutto, compreso l'indice di rifrazione. Ce ne pensi?

Per Guido. A me farebbe molto comodo un blocco di spessore 20mm per fare l'apertometro di Abbe, come il disegnino di Patta, ma penso sarebbe un lavoretto un po' troppo impegnativo con il taglio a cerchio e la superficie a 45°, e giustamente sarebbe da pagare.
Il discorso è, considerato l'indice di rifrazione del materiale, che diametro dovrebbe avere e come dovrebbe essere posizionato il piano a 45° e il punto di mira che penso debba puntare a metà della faccia verticale.
Secondo me, il punto di mira dell'obiettivo dovrebbe stare sul diametro e la faccia inclinata centata con questo cioè a 20*1,41/2mm oltre e sotto il diametro.
Alternativa, blocco rettangolare con faccia a 45°. Forse in questo non serve altro perché le scale sulle facce verrebbero disegnate di conseguenza. Empiricamente traccerei gli angoli con un goniometro e poi i tratti in verticale da trasformare in seguito in aperture, in base all'indice di rifrazione che ora non conosco. Sbaglio? Mi affido ai più esperti.
Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 1028
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da Guido Gherlenda »

Non c'è nessun problema a tagliarlo con qualsiasi forma, l'unico dubbio è la faccia a 45°: facendola di ripresa vine quasi a specchio e basterebbe poco per lucidarla mentre facemdola in contemporanea al taglio sarebbe più precisa ma la superfice avrebbe lei segni di fresa.
Non farei l'apertometro grande come gli originali ma con dimensioni un po' maggiori a beneficio della precisione visti i nostri sistemi di stampa del regolo, come lavorazione è banale, non credo più di 15 minuti tra disegno e cam, poi la fresa lavora in solitudine...


Attendo istruzioni e ribasisco che al massimo le spese di spedizione, se fosse un lavoro dovrei applicare un costo orario dignitoso e non avrebbe senso, se fosse, come infatti lo è, un passatempo è già molto non rimetterci, nel caso è un baratto: io non mi spremo le meningi e voi non sudate, mi sembra più che vantaggioso per me.
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E
3nzo
Buon utente
Messaggi: 654
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da 3nzo »

Sei troppo tecnico :) Che significa facendola di ripresa? E poi tra disegno e cam?
Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 1028
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da Guido Gherlenda »

Ripresa: una o più lavorazioni vengono eseguite successivamente alla prima e non necessariente con la stessa macchina, lo smusso a 45°nel nostro caso, riposizionando il pezzo non si ottiene la stessa precisione del fare tutto in un sol passaggio, nel caso specifico non ho un utensile con il tagliente a 45° lungo quanto basta per fare lo smusso in una sola passata quindi se si opta per la lavorazione completa in una sola fase lo smusso verrà fatto da una fresa molto piccola (diametro 3 o 4mm nel mio caso) che farà i passaggi necessari per la lavorazione inclinata, rimarranno dei piccoli segni che comunque non sarà difficile eliminare.

La sequenza per mandare alla cnc il lavoro parte da un disegno (CAD), 2 o 3D a seconda dei casi, il quale viene trasmesso ad un programma, molti sono integrati nel CAD, che si occupa di fare i percorsi degli utensili con un linguaggio comprensibile alla cnc, di solito Gcode, tutto qui.
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E
patta
Messaggi: 38
Iscritto il: 15/05/2020, 23:41

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da patta »

Oggi niente apertometri per me, domani controllo, invece sono finalmente riuscito a prendere questa immagine... ne sono fierissimo.
Provate da indovinare cos'è!.
Indizio: ispirata dagli.... apertometri
Allegati
Sciach!
Sciach!
3nzo
Buon utente
Messaggi: 654
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da 3nzo »

Per Patta: :?:
Per Guido: ma la cnc cosa è? La fresatrice? Da quanto dici, forse converrebbe fare tutto in un passaggio lasciando un po' più di materiale che verrà asportato nella lucidatura. Credo che convenga rimanere su un diametro di 11- 12 cnn massimo. La superficie del cilindro si puo lasciare opaca e l'unica parte lucida dovrebbe essere il piano a 45°. Si può fare?
Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 1028
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da Guido Gherlenda »

CNC sta per Computerized Numerical Control, in pratica è una macchina con gli assi (la mia ne ha tre ma le più evolute arrivano a 7) comandati da un sistema computerizzato che seguono dei percorsi stabiliti.

L'immagine è solo d'esempio, la mia pur se autocostruita è decisamente più seria sia come dimensioni che come struttura:
milling-cnc-machines-for-jewelry-cutting.jpg
Sicuramente si può fare, la superfice da ludidare può avere un sovrametallo (nel caso di materiale plastico non ho idea di come lo chiamino) di 0.1mm che verrà eliminato son la ludidatura.

L'unica cosa che non si puà fare contemporaneamente è il punto dove focalizzare l'ottica che, se non erro, è dalla parte opposta alla lavorazione, in questi casi si fa una sagoma con il punto in questione e lo si riporta sul lato corretto, il margine d'errore è sicuramente inferiore al decimo.
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E
3nzo
Buon utente
Messaggi: 654
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da 3nzo »

Guido Gherlenda ha scritto: 02/11/2020, 0:07 L'unica cosa che non si puà fare contemporaneamente è il punto dove focalizzare l'ottica che, se non erro, è dalla parte opposta alla lavorazione, in questi casi si fa una sagoma con il punto in questione e lo si riporta sul lato corretto, il margine d'errore è sicuramente inferiore al decimo.
La lastra non è già lucida sulle due facce? Altrimenti basta lucidare una un'area circolare a cavallo del diametro, penso 1cm sia più che sufficiente.
Potrebbe essere un'alternativa realizzare la superficie a 45° con un taglio e dopo lucidata si taglia il semicercio partendo dal diametro posto in corrispondenza della proiezione sul piano superiore della metà della superficie inclinata ? Oppure questa procedura porterebbe a maggiori errori?
Penso inoltre che se si pone sul lato superiore una scala radiale che arrivi fino al bordo, cade tutto il problema della centratura ecc.
Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 1028
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da Guido Gherlenda »

Si, le facce sono lucide, bisogna solo riportare sul lato inferiore (rispetto alla posizione sul banco della fresa) il centro, non è sicuramente un problema.
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E
3nzo
Buon utente
Messaggi: 654
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da 3nzo »

Il centro della semicerchio dovrebbe coincidere con la proiezione del centro della faccia inclinata.
Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 1028
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da Guido Gherlenda »

Il centro della semicerchio dovrebbe coincidere con la proiezione del centro della faccia inclinata.
Si che se non sbaglio è anche il centro del semicerchio.
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E
3nzo
Buon utente
Messaggi: 654
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da 3nzo »

Ho fatto un disegnino su come la vedo, dimmi se sbaglio.
Allegati
schizzo.jpg
Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 1028
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da Guido Gherlenda »

Perfetto, se mi confermate che il diametro di 100/120mm va bene io procederei, chi ne vuole uno per cortesia me lo confermi e mi mandi in MP un indirizzo. Grazie a tutti per l'ottimo spunto.

Non volendo essere proprio il più ignorante del gruppo e copiare pari pari i dati che gentilmente avete fornito ho dato fondo ai miei 4 neuroni e ne è saltato fuori un modello discreto, dovrò mettere un'illuminazione interna per renderlo pratico ma sembra funzionare, la lucidatura non è poi così complicata.

Apertometro3-4-lr.jpg
apertometro-toplr.jpg
C'è da dire che probabilmente non ho superato l'esame di ottica, funziona bene sino a a.n. 1 poi i valori si discostano un po' troppo da quelli nominali, evidentemente c'è qualcosa da rivedere, comunque questa è un'immagine, le due pareti riflettono fastidiosamente la scala...
mezzocilindrolr.jpg
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E
Rispondi

Torna a “Ottica, meccanica, manutenzione e riparazione del microscopio”