Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Sangue in campo oscuro

Fotografie, filmati e descrizioni del micromondo animato e inanimato
Avatar utente
Toniclimb
Buon utente
Messaggi: 503
Iscritto il: 05/12/2016, 16:46
Località: Roma

Re: Sangue in campo oscuro

Messaggio da Toniclimb »

Così a occhio mi sa che ha prfocale a 35 mm :think: :think:
3nzo
Buon utente
Messaggi: 706
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Sangue in campo oscuro

Messaggio da 3nzo »

Tornando al discorso del sangue, di solito, per distinguere e contare componenti, si esamina con uno striscio e di conseguenza senza vetrino. Per questo vanno bene le ottiche Lomo previste per uso a secco senza vetrino. Ricordo un 40x e un 60x D=0 per luminescenza che dovrebbero essere adatte allo scopo. In olio vetrino o no non fa differenza perciò c'è l'imbarazzo della scelta.
Quanto al metodo, il campo scuro, su oggetti grandi, da quello che ho visto, mette in risalto soprattutto l'involucro esterno, i colori non si evidenziano.
Esprimo dei dubbi, sebbene non sia ematologo, sulla trovata del Frankenstein di turno. I microrganismi nel sangue non ci devono essere e tanto meno i batteri, salvo casi di parassitosi.
Avatar utente
vale75
Buon utente
Messaggi: 564
Iscritto il: 07/05/2012, 18:56

Re: Sangue in campo oscuro

Messaggio da vale75 »

Ma quindi dovrei immergere l'obiettivo direttamente nel sangue? :shock:
No perché quando si secca diventa pure impossibile riutilizzare vetrino+lamella ,si incollano come ci fosse l'attack!
Zacpi
Buon utente
Messaggi: 104
Iscritto il: 06/11/2019, 10:50

Re: Sangue in campo oscuro

Messaggio da Zacpi »

Non è questa la tecnica corretta, i sostenitori dell'osservazione del sangue ' in vivo ' usano il campo oscuro ma anche un qualche anticoagulante che mantiene il sangue fluido, altrimenti non sarebbe possibile osservare la motilità dei granulociti e gli eventuali batteri se dovessero essere presenti; il tutto ad alti ingrandimenti con obbiettivi a immersione con la classica goccia d'olio anche dal lato condensatore.
Non viene eseguito lo striscio ed è presente il vetrino.
3nzo
Buon utente
Messaggi: 706
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Sangue in campo oscuro

Messaggio da 3nzo »

vale75 ha scritto: 29/01/2021, 20:30 Ma quindi dovrei immergere l'obiettivo direttamente nel sangue? :shock:
No perché quando si secca diventa pure impossibile riutilizzare vetrino+lamella ,si incollano come ci fosse l'attack!
Si fa lo striscio, sai come, cioè non spalmando il sangue, ma tirandolo dietro il vetrino per capillarità poi chiaramente si secca subito e si osserva senza vetrino in aria. Così i componenti del sangue sono ben osservabili, le emazie non restano impilate. Se si deve usare un obiettivo a immersione si mette l'olio senza vetrino. Gli strisci si possono conservare, però ho notato, col tempo, forse perché ho omesso un fissaggio, i leucociti si raggrinzano. Mi devo documentare su fissaggio e colorazioni.
Avatar utente
vale75
Buon utente
Messaggi: 564
Iscritto il: 07/05/2012, 18:56

Re: Sangue in campo oscuro

Messaggio da vale75 »

Proverò a seguire il tuo consiglio.
Grazie!
3nzo
Buon utente
Messaggi: 706
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Sangue in campo oscuro

Messaggio da 3nzo »

Questo è uno dei tanti articoli che spiega come si fa
https://www.my-personaltrainer.it/salut ... angue.html
Poi
https://it.wikipedia.org/wiki/Striscio_su_vetrino
Ma anche senza colorazione si distinguono bene i componenti.
Rispondi

Torna a “La natura attraverso il microscopio”