Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Vorticelle

Fotografie, filmati e descrizioni del micromondo animato e inanimato
3nzo
Buon utente
Messaggi: 575
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Vorticelle

Messaggio da 3nzo » 08/06/2020, 23:36

Ecco la foto. Con la telecamera e l'ulteriore ingrandimento la profondità di campo è minima. E' un fotogramma di un filmato registrato a 10x1,1x10x2,47x=272x, illuminazione obliqua con OI-14.
Allegati
vorticelle.jpg

Dunadan
Buon utente
Messaggi: 950
Iscritto il: 09/02/2015, 21:51

Re: Vorticelle

Messaggio da Dunadan » 09/06/2020, 11:04

Finalmente qualcuno che posta qualche foto!

Bell'effetto tridimensionale! :clap: :clap:
Il mio blog di microscopia ottica ed elettronica: https://nidhoggmicroscopy.wordpress.com/

3nzo
Buon utente
Messaggi: 575
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Vorticelle

Messaggio da 3nzo » 09/06/2020, 13:40

Merito dell'OI-14, in qualche caso è migliore del contrasto di fase. Sono convinto che per risoluzione al limite lo supera.
Ecco la famosa A. Pellucida con Lomo 90x/1.3 con glicerina e acqua sotto il vetrino (tubo dritto).
Se ingrandisci l'immagine si intravedono (o si immaginano?) i dot
Gli anelli sono riflessi interni del condensatore portato al limite, ma con a.n. 1,4 forse riesce a tirare fuori 1,3 anche con l'acqua.
Allegati
Aphi1.jpg

Dunadan
Buon utente
Messaggi: 950
Iscritto il: 09/02/2015, 21:51

Re: Vorticelle

Messaggio da Dunadan » 09/06/2020, 16:56

Peccato per quei cerchi concentrici, ma perchè non usi l'olio?
Il mio blog di microscopia ottica ed elettronica: https://nidhoggmicroscopy.wordpress.com/

TECAMEBA
Buon utente
Messaggi: 278
Iscritto il: 22/05/2014, 16:48
Località: Montecatini Terme
Contatta:

Re: Vorticelle

Messaggio da TECAMEBA » 09/06/2020, 18:31

Buone immagini....complimenti!! :clap: :clap: :clap:

3nzo
Buon utente
Messaggi: 575
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Vorticelle

Messaggio da 3nzo » 09/06/2020, 22:04

Quei cerchI sono catadiottriche del condensatore OI-14 quando usato con luce molto obliqua e diaframma chiuso al limite del campo. Puoi vedere che alcuni punti di oggetti microscopici che formano delle centriche.
Non uso l'olio perché scomodo a pulire. Non posso tenerlo sull'ottica perché lo uso molto saltuariamente e alla fine si impasterebbe con la polvere e magari righerei la lente. Si pulisce con il ROR, ma in un caso ha peggiorato lo stato del trattamento antiriflesso, in verità già in parte compromesso.
Ho scattato altre immagini della diatomea ma attraverso la testa trioculare e con l'optovar a 2,5x, l'immagine è meno buona (dipende anche dal vetrino diverso), ma valida come risoluzione. Ho scattato due foto, una con olio e glicerina sotto il vetrino, l'altra con glicerina e acqua sotto il vetrino e la differenza mi sembra minima.
Quello invece che mi ha colpito è che con una a.n. di 1,23 non si risolvono le strie della Pellicida. Quel 0,07 in più è indispensabile, quasi non ci credo.

3nzo
Buon utente
Messaggi: 575
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Vorticelle

Messaggio da 3nzo » 10/06/2020, 13:55

Ecco il confronto. Prima glicerina con acqua sul condensatore e poi olio e glicerina sul condensatore. A parte l'illuminazione, ingrandendo le immagini sono quasi uguali e praticamente simili a quella inviata prima fatta col tubo dritto, nonostante eventuali effetti negativi dei prismi e del sistema di variazione dell'ingrandimento tipo optovar.
(Cliccare sulle immagini per vedere le strie e poi cliccare ancora per ingrandire)
Allegati
APellGlicerina.jpg
APellOlio.jpg

Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 990
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Vorticelle

Messaggio da Guido Gherlenda » 10/06/2020, 23:39

Non credo sia l'apertura numerica che impedisca la visione delle strie della Pellucida, si dovrebbero vedere anche con aperture di gran lunga inferiori, più probabile che il liquido diverso da quanto previsto dal progetto incida sulla risoluzione, almeno questa è la mia personalissima opinione. A titolo di curiosità posto una prova di tre ottiche 90-100x fatta diversi anni fa, nella seconda colonna una porzione di Pellucida.
Neo_Lomo_Acro2LR.jpg
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E

3nzo
Buon utente
Messaggi: 575
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Vorticelle

Messaggio da 3nzo » 11/06/2020, 0:21

Grazie per l'interessante intervento e complimenti per le foto.
Con tutti i limiti delle mie foto, mi è sembrato che l'obiettivo Lomo Apo 90x/1.3 risolva le righe abbastanza sia con l'olio che con la glicerina, sebbene abbia in indice di rifrazione un po' più basso.
Ho tentato varie volte di risolverle con l'Apo70x/1.23 immersione in acqua, credevo senza successo, finché il tuo post non mi ha fatto riguardare con più attenzione vecchie foto. Eccone una fatta col 70 Apo, dove ingrandendo si intravvedono le strie.
Non so se la difficoltà è determinata dagli indici di rifrazione troppo lontani, quello dell'acqua e quello del montante delle diatomee il cui indice è più alto di quello del vetro o dalla distanza delle diatomee dal coprioggetto o cosa altro.
Cosa mi consiglieresti per migliorare i risultati?
Allegati
20190804-C70x73a.jpg

Dunadan
Buon utente
Messaggi: 950
Iscritto il: 09/02/2015, 21:51

Re: Vorticelle

Messaggio da Dunadan » 11/06/2020, 0:24

Usa l'olio, l'acqua NON è un'alternativa.....
Il mio blog di microscopia ottica ed elettronica: https://nidhoggmicroscopy.wordpress.com/

Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 990
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Vorticelle

Messaggio da Guido Gherlenda » 11/06/2020, 0:45

Usa l'olio, l'acqua NON è un'alternativa.....
Sicuramente questo è indispensabile per il Lomo 90x 1.3 però il 70x in effetti è un water, io userei solo acqua che ha l'indice di rifrazione per il quale l'ottica è progettata, sia sul condensatore che sul coprioggetto.

Difficile dar consigli, io uso uno Zeiss photomicroscope con il condensatore acromatico aplanatico da 1.4 alzato al massimo, luce obliqua, filtro o led monocromatico blu e indispensabili i polarizzatori, fotocamera Canon Eos 500d con oculare da proiezione Leitz Periplan 10x 18.

L'illuminazione deve arrivare sulla diatomea con un angolo di 90° rispetto la disposizione delle strie e anche la coppia di polarizzatori deve poter ruotare sino a trovare l'angolo di maggio efficacia.

Mi sembra che la foto del 70x sia affetta da micromosso o messa a fuoco imprecisa, usi telecamera o reflex?

Di seguito un'immagine scattata con un'ottica simile al lomo 70x, lo Zeiss Neofluar Plan 63x 1.25
Grazie per i complimenti, sono un dilettante quindi i miei suggerimenti sono da prendere con le pinze.
neo63x.jpg
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E

3nzo
Buon utente
Messaggi: 575
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Vorticelle

Messaggio da 3nzo » 11/06/2020, 8:01

Grazie per i consigli, ma scusa se approfitto di che ha più esperienza.
Il mio obiettivo è ottenere con il Lomo Apo 70x/1.23 W una immagine come la tua del Neofluar perché una volta ci sono riuscito.
Nella mia immagine ho usato una telecamera da 5 MP, la messa a fuoco era molto critica, esasperata dall'ulteriore ingrandimento di quasi 2,5x da parte della lente del tubo della telecamera che è da 0,5x. Alcune parti vanno a fuoco e altre no, forse la diatomea non è piana. L'illuminazione obliqua è a 90°, ma con un polarizzatore a 90° o con due non ho ottenuto di meglio.
Con un solo polarizzatore sotto il condensatore lo posso ruotare, ma se metto due polarizzatori, con il secondo attaccato alla testa trioculare, questo va avvitato e non può ruotare.
Tu hai un microscopio molto versatile, cosa mi consigli con un microscopio normale?

Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 990
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Vorticelle

Messaggio da Guido Gherlenda » 11/06/2020, 15:56

Presumo 90° rispetto alle strie e non all'asse della diatomea. I polarizzatori devono essere due, incrociati prossimi all'estinzione, prova a mettere quello fisso nella testa con posizioni diverse, lasciandolo svitato di un quarto di giro e ruotare quello sotto. Probabilmente non è piana o montata leggermente obliqua, poco male, metti a fuoco solo una parte.
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E

3nzo
Buon utente
Messaggi: 575
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Vorticelle

Messaggio da 3nzo » 11/06/2020, 16:12

Grazie, proverò per valutare se c'è un vantaggio.

3nzo
Buon utente
Messaggi: 575
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Vorticelle

Messaggio da 3nzo » 13/06/2020, 17:15

Ho fatto le prove, un po' alla svelta :) con l'obbiettivo Apo 70x/1.23 WI, sia con un solo polarizatore, che con due incrociati. C'è una leggerissima differenza, forse dipende dal fatto che l'obbiettivo è tirato al massimo, forse da quelle catadiottiche circolari che confondono l'immagine.
A proposito, pensavo dipendessero dal condensatore, ma forse non è così perché si ripresentano anche con un altro condensatore con trattamento antiriflesso.
Con questa termino di dedicare, o perdere, tempo con l'A. Pellucida, anche se l'esperienza non è stata inutile. Ho ad esempio riscontrato che con un secondo vetrino di Kemps, in 70x in questione non riesce a mettere a fuoco. Il fuoco migliora fino quando la lente tocca il coprioggetti, ma non raggiunge il fuoco. Penso che quei vetrini non vengano più realizzati con cura e deve esserci uno spessore eccessivo di montante. Ricordo che quel vetrino non andava a fuoco nemmeno con immersione in olio, una sòla.
Abbiare pietà, allego le immagini.
Tutte riprese con 2,5x su optovar. La prima senza polarizzatori, la seconda con un polarizzatore, la terza con due incrociati e la quarta con due incrociati, ma condensatore aplanatico e acromatico, con trattamento antiriflesso che mantiene le catadiottiche (si presentano con massima luce obliqua e diaframma chiuso a 6).
Allegati
Apo70xLumx2,5_20200613-125420-674.jpg
Apo70xLumx2,5+1Po_20200613-130253-897.jpg
Apo70xLumx2,5+2Pol_20200613-143011-275.jpg
Apo70xLumx2,5+2PolKON-1K_20200613-144459-703.jpg

Rispondi

Torna a “La natura attraverso il microscopio”