Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Osservazioni del Sole e del Sistema Solare, del cielo profondo, di comete e quant'altro sopra le nostre teste
piero
Buon utente
Messaggi: 3427
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da piero » 04/01/2020, 15:57

Fabio, se una riflessione vien fuori da questo topic è che gli strumenti adatti li abbiamo tutti. E' il cielo che ci manca sempre di più...
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7563
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da -SPECOLA-> » 04/01/2020, 21:10

In effetti fino ai primi anni '90, da casa riuscivo a percepire M51 al binocolo TENTO БПЦ2 7x50...
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 594
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da Samuele » 04/01/2020, 21:23

È perché fino ai primi anni '90 sulla terra c'erano 2 miliardi di persone in meno di oggi, cioè all'incirca 1/4 in meno degli attuali abitanti.
Se idealmente riuscissi ad eliminare 1/4 dei tuoi vicini di casa, con annessi agi e suppellettili inutili, ivi compresa la quantità e qualità d'illuminazione che fa tanto scenografia e sensazione di sicurezza, ritroveresti altrettanto idealmente quella condizione di cielo oggi oramai così rara.

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7563
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da -SPECOLA-> » 04/01/2020, 21:37

Hai ragione...
:(
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1461
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da Ivano Dal Prete » 04/01/2020, 22:14

Finalmente qualcuno riesce a osservare, complimenti e interessante report! Purtroppo il profondo cielo per me e' roba da due volte l'anno, quando vado in Vermont e se riesco a fare un salto all'osservatorio del Monte Baldo in estate quando sono da mia madre.
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

piero
Buon utente
Messaggi: 3427
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da piero » 05/01/2020, 0:30

Caro Ivano, purtroppo osservazioni così in un anno ormai le conto sulle dita di una mano monca.
se penso a com'era il cielo e cosa riuscivo a osservare solo 10 anni fa...... E parliamo solo di 10 anni, non 100.
Purtroppo le prospettive in tal senso dalle mie parti non sono incoraggianti e temo andrà sempre peggio circa l'IL e questa non è una mia pessimistica posizione personale ma frutto di molte cose imparate in una conferenza sul tema presso l'osservatorio della mia città.
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1487
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da Giovanni Bruno » 05/01/2020, 9:45

Si baratta cieli superbi con buoni strumenti, questo potrebbe essere un inutile annuncio che farei volentieri ed ancor più volentieri terrei fede all'annuncio.

Non 10 anni fa, ma solo 30 anni fa, da ANDRATE ( TO), con i suoi soli 850m di altezza e ben affacciato sulla pianura padana nord-occidentale, si vedevano benissimo molti ammassi aperti compatti, ad occhio nudo, che spiccavano imperiosi da un cielo nerissimo. :thumbup: :wave:

Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1932
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da Angelo Cutolo » 05/01/2020, 11:40

Piero, stessa cosa da me a Sovere (bergamasco), baita circa 600 m di quota costone verso sud-ovest, nel 1984 (anno della prima luce del Barile) si superava agevolmente la mag 6,5 mentre ora si arriva a stento a 6 e solo nelle giornate di föhn.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1461
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da Ivano Dal Prete » 05/01/2020, 14:12

Giovanni Bruno ha scritto:
05/01/2020, 9:45
Si baratta cieli superbi con buoni strumenti.
E' un cattivo affare, lascia perdere :wave:
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
vale75
Buon utente
Messaggi: 471
Iscritto il: 07/05/2012, 18:56
Località: Ravenna

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da vale75 » 05/01/2020, 20:28

Nel 1998 da casa mia col 114 vedevo distintamente M13 appena appena granuloso.
Adesso col 450mm, una chiazza indistinta appena visibile.
Al fumaiolo circa 10 anni fa era sqm 21.3, l'ultima volta ad ottobre 21.05.
Mentre il mio solito posto in collina da lustri, non supera neanche più 20.8. :x
Binocoli: Miyauchi 100 - Minox 15x58 -
Minox 8x44
Telescopi: Ariete/Giacometti 18" -
Orion xt 10" - Lunt 35mm deluxe
Microscopio: Zeiss Standard 14
Contatore G-M: Ludlum M3

Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 9099
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da piergiovanni » 05/01/2020, 21:17

Ciao Piero, sono veramente molto contento per te.
Al telefono noi due parliamo spesso delle condizioni del cielo e di quanto l'inquinamento luminoso sia peggiorato negli ultimi anni. Avevo notato anche un certo tuo sconforto che stava sfociando in un minimalismo , sin troppo minimalista per te :)
Per questo motivo spero tanto che quella bella serata abbia rinvigorito in te la passione per il deep sky!
Piergiovanni
Piergiovanni Salimbeni
Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it
Iscrivetevi al nuovo canale Youtube! https://www.youtube.com/user/forumbinomania/
Fotografie di paesaggio
www.piergiovannisalimbeni.com.it

Autore delle riviste: Itinerari e Luoghi, Nautica, Armi Magazine

piero
Buon utente
Messaggi: 3427
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da piero » 06/01/2020, 1:07

ciao pier, grazie:wave:
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 594
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da Samuele » 25/01/2020, 9:31

Ho pensato di postare in questa discussione, anziché aprirne un'altra, perché avantieri (23.1.20) ho bissato l'esperienza di Piero sotto un cielo degno di nota (sqm 21.69 allo zenith), buio e trasparente come non vedevo da tempo.
Il mio obiettivo principale era la testa di cavallo che ho tentato con tutte le accoppiate oculari (20-13 e 9 mm) filtri (uhc-DGM/NPB e h-beta-OPTOLONG) a mia disposizione.
La Fiamma (ngc 2024) era visibile con tutti gli oculari, meglio senza filtri, anche se non così netta e stagliata come ricordavo di averla vista in una delle mie prime osservazioni con l'APM 100.
Identica esperienza per l'Elmo di Thor (ngc 2359) sempre visibile a qualunque ingrandimento, con e senza filtri, e con un flebile accenno alle corna con i 20mm+uhc (il ricordo della mia prima osservazione di qualche anno fa è di un immagine più completa e definita, se non sbaglio con i 20mm in dotazione che giovedì non avevo con me perché sostituiti dagli ES 68º di pari focale)
Quanto alla testa di Cavallo, dopo tutti i tentativi, quello che sono sicuro di aver visto, con la conferma di un amico visualista presente, è il filamento più luminoso della ic434 con i 20mm+uhc, osservazione davvero al limite perché appena percettibile.
Dell'ombra scura della testa non saprei dire perché al di là della suggestione di qualche istante, sicuramente era necessaria una condizione osservativa leggermente migliore che forse è stata impedita dal passaggio di nuvole nelle 2 ore in cui Orione sarebbe stato più alto nel cielo, od anche dal fatto che il sito scelto per la serata non schermava le luci dei borghi a valle né quelle di paesi/impianti lontani, al contrario di altro sito poco istante che è più umido ma completamente circondato da monti e dove sono avvenute le osservazioni precedenti da me citate.
La Testa di Strega (ic2118) ho trovato essere una nebulosa "presente" anche senza filtri, perché passandoci sopra si nota una certa nebulosità della zona con diminuzione delle stelle visibili. I contorni invece non sono netti e si confondono col fondo cielo; tuttavia con i soliti 20mm+uhc ho colto l'ansa della parte superiore della nebulosa, quella verso beta eri che entrava nel campo dell'oculare.
Poi, per non farla troppo lunga, si vedeva bene la Gabbiano (ic2177) con un accenno della adiacente rcw2, spettacolare la Rosetta (ngc2238) quasi fotografica nei 20mm+uhc soprattutto nella parte superiore verso 13 mon, e con mia grande sorpresa ho osservato anche la parte più luminosa della Fleming Star nebula (ic 405), per intenderci quella con all'interno la stella AE aur.
Questi oggetti mi hanno appagato davvero tanto, e messo in secondo piano le altre osservazioni, sia pur piacevoli, fatte nel resto della serata.

piero
Buon utente
Messaggi: 3427
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da piero » 26/01/2020, 12:14

Samuele, mi sembra comunque tu abbia condotto un'eccellente osservazione e il rilievo sulla testa di cavallo per quanto minimale possa apparire a me sembra già un successo
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 594
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: osservazione (degna di tale nome) del 30/12/19

Messaggio da Samuele » 26/01/2020, 22:06

Sono d'accordo Piero,
una di quelle serate che lasciano il segno e mettono voglia di continuare e riprovarci. :thumbup:

Rispondi

Torna a “Osservazione e fotografia astronomica”