Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Venere 2020

Osservazioni del Sole e del Sistema Solare, del cielo profondo, di comete e quant'altro sopra le nostre teste
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1429
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Venere 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete » 22/03/2020, 15:34

Ah, ecco! Che 'gnurant :cry: Qual e' il riferimento, the big Y? In che lunghezze d'onda, UV [edit: OK ho visto che e' UV]? E per strati inferiori? Daniele Gasparri anni stava provando a cavare un periodo di rotazione nel rosso o infrarosso, ne e' venuto fuori niente?
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
Raf584
Buon utente
Messaggi: 6811
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Venere 2020

Messaggio da Raf584 » 22/03/2020, 16:06

Funziona esattamente come per Giove, il sistema II è basato su un periodo convenzionale di rotazione. Non so nulla di Gasparri, ha smesso molti anni fa di collaborare con la defunta sezione pianeti.
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini solari e planetarie, test strumentali e articoli di tecnica astronomica

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1429
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Venere 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete » 23/03/2020, 6:34

Oggi sono uscito ad osservare verso le 2:30pm locali, con un seeing cosi' Fantozziano che mi sono messo a fare lavori nel backyard sperando che nel frattempo migliorasse. In effetti, un'oretta dopo era almeno stimabile (tra IV e V, direi). Il disegno che allego e' pure una ciofeca, eseguito in luce verde W58 che rimane il miglior compromesso, almeno in queste condizioni.

Nonstante tutto, notevole l'ampia zona brillante tra il lembo e il centro del disco illuminato, che si presentava come due lobi separati da un tratto di banda scura all'equatore verso il lembo (piu' esteso il lobo S). Risaltava particolarmente con il filtro giallo w15, mentre con il w58 era meglio visibile la banda. Forse era solo piu' denso e smorzava un po' la luminosita' eccessiva dei lobi brillanti. Niente di tutto cio' era visibile con il W80, che invece mostrava (o faceva intuire) le solite tenui bande e chiaroscuri che ho disegnato in queste settimane.

Verso la fine dell'osservazione il seeing e' diventato un po' meno peggio, il che ha permesso di confermare i dettagli riportati nei disegni che altrimenti sarebbero stati molto piu' schematici. L'ora in pratica e' quella di fine osservazione, e devo dire che forse la maschera delle intensita' (fatta per ultima) e' piu' accurata del disegno vero e proprio.

Ah, una cosa che si notava e' la concavita' del terminatore, gia' visibilmente piu' pronunciata rispetto a ieri. Non ho fatto stime di intensita' o di fase, ma ho preso qualche appunto sull'effetto di diversi filtri (riporto dal modulo):

"w80A: delicate, low contrast details.
w58: great compromise for bad seeing: less turbulence, collars, good overall contrast
w15: bright regions
w38: good for dark shadings at the terminator, not much else"
Allegati
20200322_2040_dalp.JPG
20200322_2040_dalp_int.JPG
20200322_2040_dalp_int.JPG (85.13 KiB) Visto 466 volte
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
Vdellavecchia
Messaggi: 17
Iscritto il: 25/02/2020, 15:19
Località: Aversa

Re: Venere 2020

Messaggio da Vdellavecchia » 23/03/2020, 7:48

Ivano Dal Prete ha scritto:
22/03/2020, 15:34
Ah, ecco! Che 'gnurant :cry: Qual e' il riferimento, the big Y? In che lunghezze d'onda, UV [edit: OK ho visto che e' UV]?
Dal manuale online di WinJupos: "System II of Venus has a retrograde rotation of -85.7142857°/d [cioè pari a 4.2 g]and refers to the upper atmosphere visible in UV light. System I, on the other hand, is bound to the solid surface of Venus. Zero meridians of both Systems coincide at J2000 [all'equinozio del 2000] ".

Peraltro il periodo di rotazione delle nubi superiori non è costante, e misurazioni recenti della sonda Venus Express hanno trovato valori del 5% inferiori. A me meno che WinJupos non si sia aggiornato, questo potrebbe portare a rendere imprecisa la derotazione con Venere, che infatti a me non dà risultati convicenti.
Qui da me il tempo resterà nuvoloso fino al week end, fortuna che ci sono le vostre osservazioni da leggere nel frattempo.

Avatar utente
Raf584
Buon utente
Messaggi: 6811
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Venere 2020

Messaggio da Raf584 » 23/03/2020, 12:22

Secondo me la derotazione non serve, ho fatto qualche conto sia sulla carta sia sulle immagini di Luciano nell'altro forum e in un'ora le nubi ruotano per meno di un secondo d'arco apparente, su un filmato di pochi minuti è uno spostamento irrilevante. Niente di paragonabile a Giove dove lo spostamento dei dettagli si nota da un minuto all'altro.
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini solari e planetarie, test strumentali e articoli di tecnica astronomica

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1429
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Venere 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete » 23/03/2020, 14:27

Vdellavecchia ha scritto:
23/03/2020, 7:48
Dal manuale online di WinJupos: "System II of Venus has a retrograde rotation of -85.7142857°/d [cioè pari a 4.2 g]and refers to the upper atmosphere visible in UV light. System I, on the other hand, is bound to the solid surface of Venus. Zero meridians of both Systems coincide at J2000 [all'equinozio del 2000] ".
Grazie della dritta, io sto cercando di tener duro con le osservazioni (che ho dovuto lasciar perdere per anni) ma non ho modo di leggere e tenermi aggiornato. Com'era facilmente prevedibile, il telelavoro con figlio a casa da scuola, corsi da trasferire online, piani di studio da riconfigurare e studenti che mandano 100 emails al giorno perche' vogliono il 6 politico e' molto peggio di prima.

Comunque ho trovato quest'articolo recente, di cui ho letto finora solo il "Plain language summary" :) con contributi dell'inossidabile Sanchez-Lavega e "images from amateur astronomers" (fondamentali, a quel che capisco, per colmare gli enormi gaps fra una sonda e l'altra).

Peralta, J., Iwagami, N., Sánchez‐Lavega, A., Lee, Y. J., Hueso, R., Narita, M., et al. ( 2019). Morphology and dynamics of Venus's middle clouds with Akatsuki/IR1. Geophysical Research Letters, 46, 2399– 2407. https://doi.org/10.1029/2018GL081670

Plain Language Summary
The atmosphere Venus is surprisingly fast with velocities 60 times faster than the solid globe of Venus. This atmospheric phenomenon is called superrotation and its mechanisms are yet unexplained for the scientists. The Japanese space mission Akatsuki from the Japan Aerospace Exploration Agency arrived at Venus in December 2015 to try to unveil this mystery. Among its instruments, the camera IR1 was prepared to observe the middle clouds of Venus (50–55 km over the surface), which are the most unknown and hardest to observe since they normally exhibit very low contrast in the images. Thanks to the images from the camera IR1, we have observed with high spatial resolution the middle clouds of Venus along the first year of observations of Akatsuki, discovering that they exhibit higher contrasts than expected and a wide variety of cloud patterns unrelated to what we observe at the top of the clouds (70 km above the surface). Finally, the motions of the middle clouds obtained through the combination of images from Akatsuki, amateur observers and the past mission Venus Express, have allowed to reconstruct a composite of the winds of Venus along 10 years, unveiling that the superrotation may be subject to long‐term variabilities unreported before
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
Raf584
Buon utente
Messaggi: 6811
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Venere 2020

Messaggio da Raf584 » 23/03/2020, 14:41

Sì, è da anni che fanno uso di immagini amatoriali per colmare i buchi tra una missione e l'altra. Per questo papiro

https://iopscience.iop.org/article/10.3 ... /1/L7/meta

hanno usato anche immagini UAI (di Olivetti, Gasparri e mie) che infatti sono citate nei ringraziamenti. Vorrei segnalare comunque anche i reports scritti da Albino Carbognani quand'era coordinatore UAI, veramente ben fatti e ricchi di dati, non ho visto niente di nemmeno lontanamente paragonabile né dall'ALPO né dalla BAA.
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini solari e planetarie, test strumentali e articoli di tecnica astronomica

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1429
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Venere 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete » 23/03/2020, 15:35

Gasparri ha tentato la carriera da divulgatore, adesso sta facendo un dottorato in astronomia all'ESO. Incurante delle coronarie di noi poveri mortali, continua a postare sulla sua pagina Facebook foto della Via Lattea che fa ombra.

Dall'articolo che hai linkato, interessanti considerazioni sulla variabilita' dell'aspetto telescopico di Venere:

"During the April–June period [2015], the morphology of the upper cloud showed an irregular and chaotic texture with a well-developed equatorial dark belt (afternoon hemisphere), whereas during October–December the dynamical regime was dominated by planetary-scale waves (Y-horizontal, C-reversed, and ψ-horizontal features) formed by long streaks, and banding suggesting more stable conditions."

Non ho ben capito in quali condizioni ci troveremmo attualmente, forse un mix o una fase di transizione? :? Mi pare si vedano sia "chaotic texture" che "banding", ultimamente forse anche un accenno di banda equatoriale (in visuale e con pessimo seeing, quindi forse non vuol dire niente).

E per essere sicuro: in visione telescopica un pianeta 'normale' dovrebbe ruotare da dx verso sx (lato "p" a sx). La rotazione di Venere e' retrograda, pero' quella dell'atmosfera e' contro-retrograda, per cui il lato "p" dovrebbe essere come per tutti gli altri pianeti, giusto?

Adesso basta, torno a lavorare.
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
Raf584
Buon utente
Messaggi: 6811
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Venere 2020

Messaggio da Raf584 » 23/03/2020, 18:19

La rotazione dell'atmosfera è retrograda, da sx a dx nella visione telescopica.
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini solari e planetarie, test strumentali e articoli di tecnica astronomica

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1429
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Venere 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete » 23/03/2020, 18:55

OK, quindi retrograda in assoluto, non rispetto alla superficie.
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
Vdellavecchia
Messaggi: 17
Iscritto il: 25/02/2020, 15:19
Località: Aversa

Re: Venere 2020

Messaggio da Vdellavecchia » 24/03/2020, 21:13

Su fb un appassionato fa notare che in una ripresa di Venere del 16 marzo scorso, in IR, compare una estesa struttura latitudinale, che è stata ripresa da più di un imager (vedere ad esempio su Alpo Japan http://alpo-j.sakura.ne.jp/indexE.htm l immagine di Naryzhniy, DK 16") il che sfavorisce l'ipotesi di artefatto.
Raf, secondo te può essere una reale feature atmosferica?

Avatar utente
Raf584
Buon utente
Messaggi: 6811
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Venere 2020

Messaggio da Raf584 » 24/03/2020, 22:41

ah, chi può dirlo ? potrebbe essere un artefatto perché nell'immagine di Naryzhniy ha un aspetto un po' troppo geometrico, però è noto che nell'atmosfera superiore di Venere si sviluppano delle mega onde atmosferiche di cui ho letto ad esempio qui e qui, chissà che non abbiano catturato proprio una di quelle strutture ?

se fosse così ragione di più per darci dentro coi filtri IR, io devo ancora inaugurare il mio ProPlanet...
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini solari e planetarie, test strumentali e articoli di tecnica astronomica

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1429
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Venere 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete » 25/03/2020, 3:16

Raf584 ha scritto:
24/03/2020, 22:41
potrebbe essere un artefatto perché nell'immagine di Naryzhniy ha un aspetto un po' troppo geometrico, però è noto che nell'atmosfera superiore di Venere si sviluppano delle mega onde atmosferiche di cui ho letto ad esempio qui e qui, chissà che non abbiano catturato proprio una di quelle strutture ?
Se ti riferisci a questo, per me non ha minimamente l'aria di un artefatto. Tra l'altro ce l'hanno tutte le immagini di quel giorno. Immagini CCD ne ho fatte poche, pero' ne ho analizzate un sacco. Impressionante come l'onda latitudinale nel secondo link che hai postato sia totalmente invisibile in UV.
Allegati
20200316_dole.jpg
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1429
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Venere 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete » 25/03/2020, 3:57

Osservazione di stasera, finita dopo il tramonto. Le previsioni davano seein buono nel primo pomeriggio, ma avevo lezione (virtuale). Anche cosi' il seeing e' stato migliore del solito, anche se e' peggiorato in fretta, ma ho potuto usare 335x anziche' i soliti 220x. La fase mi e' sembrata piu' o meno la stessa, circa 48% con filtri 80A, 23A, 58 e 15, ma piu' un 46% con il 38A. Cuspide N sempre in evidenza, nettamente piu' della S che si nota appena.

Disegno con filtro verde W58. Non e' venuto male, ma l'ho fotografato con lampada da tavolo e ha perso un sacco di sfumature. Ho avuto forse le migliori vedute della calotta e collare S che mi siano capitate finora; devo dire che mi sono apparsi molto piu' simili alle immagini digitali delle mie osservazioni precedenti fatte con seeing peggiori. Vale a dire, collare piu' rettilineo e non doppio come l'ho ritratto spesso. Forse davvero uno sdoppiamento dovuto alla turbolenza? :think: La sezione dove il collare si collega al terminatore curvando verso S pero' l'ho vista abbastanza chiaramente, le darei almeo un c o anche un b.

Per il resto, aspetto a bande che ancora non riesco a rendere in modo soddisfacente. Tutte quelle segnate nel disegno avevano contrasto estremamente tenue, a parte i collari.
Allegati
20200324_2217_dalp.JPG
20200324_2217_dalp_int.JPG
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
Vdellavecchia
Messaggi: 17
Iscritto il: 25/02/2020, 15:19
Località: Aversa

Re: Venere 2020

Messaggio da Vdellavecchia » 25/03/2020, 7:38

Sono riuscito a ricostruire la vicenda, almeno in parte. E' Manos Kardasis (C14) ad aver lanciato l'alert in un report del 21 marzo scorso su ALPO J. (v. allegato, dove c'è anche un'altra ripresa con un C11 del giorno 16). A giudicare dalla fase, che è abbastanza integra, la sua immagine non dovrebbe aver subito un processing pesante, è vero anche che nello stesso giorno le riprese di validi imager nostrani (Sedrani, Olivetti) non mostrano nulla e che la sua ripresa non ha una dinamica eccezionale. Però il fatto di aver ripreso una struttura a 5 giorni di distanza potrebbe essere consistente con il periodo di rotazione delle nubi a bassa quota! Se è così, dovrebbe ricomparire domani.
Allegati
90528688_3129036380442646_8912011591071825920_o.jpg
v200321i1.jpg

Rispondi

Torna a “Osservazione e fotografia astronomica”