Microscopi Lomo, revolver obiettivi intercambiabile?

Principi di funzionamento, manutenzione, modifica e autocostruzione dei microscopi e dei loro accessori
Avatar utente
500paolo
Buon utente
Messaggi: 954
Iscritto il: 29/01/2014, 15:10
Località: Prov. Teramo

Re: Microscopi Lomo, revolver obiettivi intercambiabile?

Messaggio da 500paolo » 06/10/2018, 7:48

Io la trovo molto precisa perche' se non devi usare l'altra mano per inseguire col traslatore qualche ciliato che scorrazza, con due si mette a fuoco velocemente e con precisione.
Invece la praticità e' inferiore quando devi usare sia la messa a fuoco grossolana e quella fine, devi spostare gli arti in 3 punti diversi, traslatore, macro e fine, una via di mezzo ce l'ho su un Cbs che ha due ruote alla base una per la messa a fuoco fine e una per quella grossolana, sono entrambe sensibili e utilizzabili con una mano e ripristinano sia la praticità che la velocità nelle operazioni, e' un peccato perche' e' un modello antico privo di illuminazione evoluta, ma di costruzione molto solida come il biolam e facile da modificare e da applicare pezzi di marchi diversi, fin ora e' stato il telaio per tutti i miei esperimenti...:

Spero di non traumatizzarti, non c'e' la funzione spoiler sul forum, quindi se guardi i link non inorridire! :lol:

Testa trina Leitz, revolver a 6 posti Nikon...

https://photos.app.goo.gl/PVT2T6ReQ1Q2pVAc9

Quì adattato per farci funzionare degli obiettivi "strani" Nikon a infinito non standard (la serie sc era fatta a posta per le scuole e aveva tanti artefatti sia ottici che meccanici per scoraggiare i furti) che avevo acquistato per quattro soldi inconsapevole pero' del motivo del loro costo, agli inizi ero proprio ingenuo e inesperto. C'e' anche il tubo per illuminazione verticale Vickers:

https://drive.google.com/folderview?id= ... sp=sharing

No parlo quì: viewtopic.php?f=84&t=4975&p=56658&hilit ... ein#p50065
:wave:

3nzo
Messaggi: 35
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Microscopi Lomo, revolver obiettivi intercambiabile?

Messaggio da 3nzo » 09/10/2018, 21:04

Scusa il ritardo, ma non sono abituato al forum e mi sono dimenticato di leggerlo.
Intanto ti faccio i complimenti per la tua abilità ottica e meccanica.
Quanto a me, non ho letto il forum anche perché ero occupato a realizzare un illuminatore led. Ho realizzato un supporto con tubi di alluminio ler montare un led da 3W nella stessa posizione del filamento della maledetta lampada russa a 8V, per l'illuminatore separato OI-19, poi ne ho fatto un altro con un led da 5W 7,5V, ma il problema che non ho risolto e sul quale forse mi potrai aiutare è il regolatore di luminosità. Dopo infruttuosi tentativi, ho realizzato una modifica all'alimentatore russo, mettendo all'uscita un ponte, un condensatore e una resistenza da 5,5 ohm limitatrice, ma mi sembra che il reostato dell'illuminatore originale non vari molto la luminosità. Non lo ho amcora provato sul microscopio.
Vedo che hai usato il led da 10W, lo avevo comperato anche io, ma lo avevo scartato perché è fatto da una matrice di 9 led, punti luminosi, e ho pensato che non avrebbe dato una illuminazione uniforme. Tu che lo hai in uso, cosa mi sai dire?
Cordiali saluti.

Avatar utente
500paolo
Buon utente
Messaggi: 954
Iscritto il: 29/01/2014, 15:10
Località: Prov. Teramo

Re: Microscopi Lomo, revolver obiettivi intercambiabile?

Messaggio da 500paolo » 10/10/2018, 6:57

Quì ne abbiamo parlato:

viewtopic.php?f=85&t=9218&hilit=led+cor ... one#p94125
viewtopic.php?f=85&t=7955&p=80708&hilit ... nte#p80569
viewtopic.php?f=85&t=5400#p54744

Io ho sempre usato l' LM317 regolando la tensione, lo alimentavo con una sorgente che non superava la tensione di lavoro del led, quindi calcolavo e testavo le resistenze per ottenere il range migliore di luminosità del led e dotavo tale integrato di un generoso dissipatore, ma non te lo consiglio piu', 1 perche' ora come vedi gli alimentatori regolabili sia in tensione che corrente costano una miseria:
https://www.ebay.it/sch/i.html?_from=R4 ... _PrefLoc=2
2 perche' se parli di alimentare i led in tensione molti storcono il muso e io non li voglio sentire piu'.

Ti consiglio comunque quelli dotati di display così tieni sotto controllo i parametri e sopratutto di prenderne uno o piu' di uno che abbia un buon range di tensione e corrente, io ora uso questo: https://www.ebay.it/itm/RD-DP50V15A-DPS ... SwBUpbPlDK il modello 0-50V 0-15A ma a te non serve così esagerato.

:wave:

3nzo
Messaggi: 35
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Microscopi Lomo, revolver obiettivi intercambiabile?

Messaggio da 3nzo » 10/10/2018, 12:41

Grazie per le info. Ho visto il semplice circuito con l'integrato LM317 e proverò a realizzarlo. Molto bello il dimmer che hai preso tu, ma forse per me è troppo potente perché potrei arrivare al massimo a 10W. In effetti 10 W era il mio obiettivo, ma ho ripiegato su 5 W perché, come ho detto, quello da 10 sembra una matrice di led e penso possa dare una luce non uniforme. Che esperienza hai in proposito?
Comunque cercherò di valutare qualche prodotto del fornitore del DPS5015 perché avere una indicazione sull'uscita è comodo. C'è un motivo nella scelta del DPS 5015?

Avatar utente
500paolo
Buon utente
Messaggi: 954
Iscritto il: 29/01/2014, 15:10
Località: Prov. Teramo

Re: Microscopi Lomo, revolver obiettivi intercambiabile?

Messaggio da 500paolo » 10/10/2018, 14:03

Ciao, di quel modello ce ne sono diverse versioni: https://www.ebay.it/itm/Adjustable-Powe ... Td24oEf4qg

Vedi nel menu' a tendina i vari codici e sull'immagine che ti appare puoi leggere i range, quindi scrivendo il codice che ti interessa sulla ricerca ebay puoi trovarlo da diversi venditori anche nell'EU.

Ho preso il modello dps5015 perche' volevo sostituire la lampada HBO nel micro a epifluorescenza con super led tipo l'XPH70 e oltre, dove si necessitano tensioni e correnti piu' alte del normale quindi mi volevo tenere largo, poi alla fine ho messo direttamente un led UV da 10w senza piu' utilizzare i filtri di eccitazione.
Guarda un po': https://www.ebay.it/itm/Fit-DP50V5A-DPS ... zxY0b2gjzQ c'e' anche un contenitore dedicato, io me lo sono fatto da solo...

Quella della matrice di led e' uno spauracchio che spaventa molti, in realta' anche una lampadina non e' una sorgente puntiforme perche' ha un filamento che si estende nello spazio.
Quindi se non hai un'illuminazione Koheler ma una critica, ti basta un vetrino smerigliato o frosted, messo a 1cm di distanza dalla matrice che ti uniformi il fascio di luce, inoltre molti microscopi con Koheler comunque hanno dentro un elemento smerigliato, che sia una lente o che sia un vetrino perche' comunque conviene uniformare il fascio.
:wave:

3nzo
Messaggi: 35
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Microscopi Lomo, revolver obiettivi intercambiabile?

Messaggio da 3nzo » 10/10/2018, 15:44

Grazie ancora. Penso che, ad abbondare, prenderò il modelloDPS3005, max 32V, 5A, anche se ora mi bastano in uscita 7,5V 1A. Poi se provo il 10W potrebbe servire 12V e circa 1A. Cosa riserverà il futuro?
Il problema della uniformità mi interessa perché avendo un vecchio illuminatore esterno russo, vorrei tentare l'illuminazione secondo Kohler. Con la lampada in dotazione si notava un campo illuminato non uniforme per le spire del filamento. Non esiste un diodo singolo da 10W?
Ora mi metto all'opera per abbozzare un regolatore fatto in casa con l'integrato LM317, poi, quando e se ruscirò ad usare il microscopio, dovrò chiedere qualcosa di pratico sull'uso e sui preparati.

Avatar utente
500paolo
Buon utente
Messaggi: 954
Iscritto il: 29/01/2014, 15:10
Località: Prov. Teramo

Re: Microscopi Lomo, revolver obiettivi intercambiabile?

Messaggio da 500paolo » 10/10/2018, 19:08

Fino a 3w diciamo che siamo alla singola giunzione, poi da 5w in poi sono multi giunzione ma sono talmente vicine che il problema non lo vedo. Per il Lomo esiste un illuminatore Koheler ma l'ho visto di rado e te lo fanno pagare, io non ne vedo i benefici con i led, poteva avere senso con le lampadine a filamento dove la luce veniva irradiata a 360° o 180°, ma nei led l'emissione e' gia' concentrata, su 2 micro ho il Koheler ma non lo uso proprio perche' non vedo alcun miglioramento rispetto a mettere il condensatore alla massima altezza, poi col cdf non lo puoi usare, col campo oscuro non lo puoi usare...insomma a me non serve.

Hai provato a mettere sul tuo illuminatore o sul porta filtri alla base del condensatore un dischetto satinato? (Ci sono due porta filtri sul condensatore, su uno ci va la lente biconvessa da usare per allargare il cono di luce quando usi ingrandimenti deboli come il 4x, e l'altro apposta a questo scopo) Il lomo dovrebbe avere 2 filtri a corredo, uno blu e uno neutro entrambi satinati perche' ha l'illuminazione critica di default. Se noti che montando uno di questi filtri la luminosita' si abbassa di parecchio significa che la lampadina non produce sufficiente intensità luminosa (ecco i 10w che usavo io, specie poi se ti piace il campo oscuro...).

Hai mai visto questi? 4022lumen, 32W, 4800mA (6V), 2400mA (12V):
https://www.ebay.it/itm/Cree-XHP70-cool ... 1438.l2649

oppure:
https://www.ebay.it/itm/NEW-Cree-XHP50- ... 1438.l2649

Ecco a cosa ti servirebbe un alimentatore maggiorato...e non ti dico che dissipatore ci vuole per il led in questione, l' XPH50 invece e' meno potente, 19w ma anche lui a dissipazione non scherza.
Come vedi dal chip sono 4 led, ma sono così vicini che col vetrino satinato li vedi come un unico led.

Se invece non vuoi usare dissipatori mostruosi puoi ripiegare sui cob rotondi che scaldano molto meno:
https://www.ebay.it/itm/20W-30W-50W-Hig ... k:110:pf:0
Ci vogliono però 30-34V di alimentazione e sempre col vetrino satinato vedi un'unica area uniforme, in questo caso vanno meglio per il campo oscuro rispetto al chip stretto.

Beh, per ora e' tutto.

:wave:

3nzo
Messaggi: 35
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Microscopi Lomo, revolver obiettivi intercambiabile?

Messaggio da 3nzo » 10/10/2018, 23:03

Mooolto interessante. Grazie.

3nzo
Messaggi: 35
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Microscopi Lomo, revolver obiettivi intercambiabile?

Messaggio da 3nzo » 15/10/2018, 11:22

500paolo ha scritto:
10/10/2018, 6:57

Ti consiglio comunque quelli dotati di display così tieni sotto controllo i parametri e sopratutto di prenderne uno o piu' di uno che abbia un buon range di tensione e corrente, io ora uso questo: https://www.ebay.it/itm/RD-DP50V15A-DPS ... SwBUpbPlDK il modello 0-50V 0-15A ma a te non serve così esagerato.

:wave:
Scusa se ti disturbo, ma sembra che tu sia l'unico riferimento per un principiante come me.
Dopo aver bruciato un led, sono dell'idea di comprare anche io un alimentatore simile al tuo, ma un po' meno potente, il DPS3005 e vorrei capire se funziona come sarebbe comodo a me. In particolare, vorrei sapere se è possibile con la manopola variare la corrente (e la luminosità del led) in modo continuo.
Altro problema è l'interfaccia con la rete elettrica. Pensavo a un trasformatore da 160VA 220/28-30V ponte e condensatore che porterebbe la continua a 40V, ma non ho trovato il trasformatore. Tu come hai risolto?
Grazie.

Avatar utente
500paolo
Buon utente
Messaggi: 954
Iscritto il: 29/01/2014, 15:10
Località: Prov. Teramo

Re: Microscopi Lomo, revolver obiettivi intercambiabile?

Messaggio da 500paolo » 15/10/2018, 12:31

Cominciamo un lungo discorso... :lol:
La serie dps che ho anch'io e che ti consiglio, IMHO e' di una flessibilità impareggiabile per questi motivi:

Quando lo alimenti non da' subito corrente, ma aspetta che tu gli dia il via.
Ha un display che ti indica i valori di corrente e tensione che hai settato e quando dai lo start ti visualizza anche quelli che sta erogando compreso il valore in watt. :o
Se lo spegni e lo riaccendi, i valori impostati rimangono memorizzati e basta ridare lo start.

Io il mio l'ho spremuto fino a 35V 3A per un led cob e non ha fatto una piega per oltre 1ora, certo il picco e' di 15A ma mi sono tenuto largo di proposito.

I settaggi si fanno così:
DSCF0599_copia.jpg
Per la tensione premi il tasto "freccia su/V" e premi la manopola come se fosse un tasto per muoverti tra i decimi,unità, decine & co. e la ruoti sul numero da impostare,
Stessa cosa per i mA/A, ma premendo "freccia giu'/A", i valori li leggi sul display nella prima riga dove vedi scritto "set", per esempio nella foto ho impostato: 7.00V 1.20 ovvero 7volt e 1,20ampere e mi servono per un led UV 10w a 395nm (fluorescenza), alla fine premi il tasto sotto la manopola denominato "on/off" e l'alimentatore inizia a erogare quanto hai impostato.
In teoria col tasto centrale "set" puoi impostare delle memorie ma io non l'ho mai utilizzato.
Per alimentarlo mi sono tenuto un po' piu' basso, se ci fai caso l'ultima riga del display ti indica la tensione in ingresso "v-in: 46,86V" in teoria accetta fino a 60v ma e' meglio non arrivarci, sono sempre cinesi e a quel prezzo...
Questi sono i due alimentatori:
DSCF0598_copia.jpg
Le scatole sono quelle da elettricisti per impianti esterni con tubi in pvc, in ognuno ho messo una ventola sfruttando un secondario dei trasformatori con il suo ponte di graetz e un condensatorino da 1000uF, sul modello mio di dps c'e' gia' installata la sua ventolina ma ne ho dovuta aggiungere una che produce lo scambio d'aria all'interno della scatola altrimenti gira sempre la stessa aria sempre piu' calda. Per la ripresa c'e' anche un foro con grata e spugnetta sia per l'estetica che per evitare che entri polvere.

Il trasformatore dell'alimentatore dps e' quello di un aplificatore hifi degli anni 80, ho separati i secondari che erano saldati per un capo per avere i classici -40 _0 _+40 e li ho messi i parallelo per avere 40v ma con il doppio della corrente. I condensatori sono sempre quelli dell'amplificatore hifi messi in paralleli anche questi, stessa cosa il ponte di diodi.

L'altro alimentatore, invece, fa uso di trasformatori lamellari che si usavano nei faretti tanto in voga nei controsoffitti degli anni 80, ognuno di questi fornisce 11v che raddrizzati arrivano a 13,70V, mettendone piu' di uno in serie arrivi alla tensione che ti serve, sono compatti e erogano 4A, credo siano molto flessibili per costruire degli alimentatore anche perchè sono a servizio continuo, ovvero possono erogare i loro 4A sempre senza surriscaldarsi...

Nota cosa ho scritto in grassetto sopra, se il trasformatore non lo trovi (in genere quelli che erogano intorno ai 30/40/50V sono quelli degli amplificatori HiFi) lo puoi "assemblare" tu.
Ultima nota: con 30Vac quando li raddrizzi e li filtri con un condensatore (1000uF x ogni ampere) ottieni circa 37.5Vdc non 40Vdc.
:wave:

3nzo
Messaggi: 35
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Microscopi Lomo, revolver obiettivi intercambiabile?

Messaggio da 3nzo » 15/10/2018, 13:42

Grazie i toi consigli sono sempre preziosi.

Rispondi

Torna a “Ottica, meccanica, manutenzione e riparazione del microscopio”