Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Obiettivi C.Z. jena su Axioskop

Principi di funzionamento, manutenzione, modifica e autocostruzione dei microscopi e dei loro accessori
Rispondi
Avatar utente
Nergal27
Messaggi: 22
Iscritto il: 20/02/2016, 10:26

Obiettivi C.Z. jena su Axioskop

Messaggio da Nergal27 » 23/12/2018, 15:17

Buongiorno a tutti! :D
E' molto tempo che non scrivo sul forum, volevo condividere con voi un imprevisto che ho riscontrato utilizzando alcuni obiettivi C.Z.Jena sull'Axioskop; sono obiettivi ad infinito con filettatura M19.

Mi sono reso purtroppo conto che con due di loro (planapo 100x-1.35 ed il planachromat 100x - 1.30 E) non riesco a trovare il punto di fuoco, anche portando a contatto la lente frontale con il coprioggetto non è sufficiente, dovrei scendere di più. Ho provato sia a secco, sia con l'olio solo fra obiettivo e coprioggetto che in omogenea. Niente da fare.

Con un altro planachromat della stessa serie sempre 100x - 1.30 riesco a trovare il fuoco, ma veramente quasi a contatto con il coprioggetto ed in immersione omogenea. Su questo obiettivo vedo che non è riporatata la lettera "E" che ho sul precedente.

Ovviamente, noto che con il planapo il punto di fuoco è ancor più critico da raggiungere, nel senso che se avessi dello spazio disponibile dovrei scendere di più per trovare il punto giusto, mentre sul planachromat manca meno.

Dimenticavo di specificare che ho usato il vetrino di Kemp.


Ora, non saprei proprio a cosa pensare, una cosa che mi viene alla mente è che essendo M19 ho utilizzato un adattatore ad RMS, che ha una certa altezza e quindi aumenta la distanza obiettivo-lente di tubo, potrebbe influire?

Su altri obiettivi di minor ingrandimento, come il 40x neofluar, il 50x C.Z Jena ed il 90X apo Zeiss non trovo problemi di fuoco.

Grazie in anticipo e buona giornata a tutti :thumbup: :wave:

Avatar utente
500paolo
Buon utente
Messaggi: 975
Iscritto il: 29/01/2014, 15:10
Località: Prov. Teramo

Re: Obiettivi C.Z. jena su Axioskop

Messaggio da 500paolo » 23/12/2018, 18:54

Quelli M19 potrebbero essere metallografici o petrografici e andrebbero senza copri vetrino, non hai altre serigrafie su questi obiettivi come un inf/0 ? :wave:

Avatar utente
Enotria
Buon utente
Messaggi: 1971
Iscritto il: 07/06/2012, 7:43
Località: Ferrara
Contatta:

Re: Obiettivi C.Z. jena su Axioskop

Messaggio da Enotria » 23/12/2018, 20:12

.


Certamente l'inserimento di adattatori RMS su ottiche già al limite delle loro prestazioni crea problemi gravi, come nel tuo caso la impossibilità della messa a fuoco.

Utilizzare gli obiettivi per infinito M19 può essere interessante sia per la ottima qualità sia per il basso costo, ma non devi modificare la distanza parfocale inserendo degli adattatori.

Se vuoi modificarli per usarli sul Axio io uso un sistema piuttosto semplice: elimino il vecchio filetto M19 e aggiungo un filetto nuovo RMS.


La prima operazione è tornire via il filetto M19, proteggendo le lenti con carta da carrozziere.
1.JPG


Poi recuperi il filetto RMS da un tappo per revolver tagliandolo via.
2.JPG


A questo punto infili l'anello con il filetto RMS nell'obiettivo tornito e fissi con una goccia di cianocrilico.
3.JPG


Non scandalizzatevi per l'uso di un filetto in plastica, sono ottimi, certo non vanno stretti con una cagna da idraulico.

In questo modo i parametri ottico meccanici dell'obiettivo non vengono modificati ed è possibile utilizzarli sui microscopi "normali".


:wave:
Andrea

URL: http://spazioinwind.libero.it/andrea_bosi/index.htm

:clap: il binocolo migliore in assoluto, è quello che hai con te nel momento in cui ti serve. :clap:

Ogni oggetto ha la sua storia,
. . . io non vendo oggetti,
. . . . . . io racconto storie. (Enotria)

Avatar utente
Nergal27
Messaggi: 22
Iscritto il: 20/02/2016, 10:26

Re: Obiettivi C.Z. jena su Axioskop

Messaggio da Nergal27 » 25/12/2018, 19:26

Eccomi qua, reduce dall'imponente tavolata festiva :D

Ciao Paolo, mi sa che hai centrato il problema! Il palnapo riporta proprio la scritta inf/0, dove quel "/0" starà per la distanza di lavoro minima e senza coprioggetto, suppongo. Non so come ho potuto, ma non ci avevo proprio badato! :oops:
Ed infatti anche l'altro planachromat che "non va a fuoco" è sempre un inf/0.

Ciao Andrea, la tua spiegazione è stata comunque molto interessante ed ho proceduto nella sua applicazione! Credo che la risposta al mio imprevisto stia appunto nelle caratteristiche costruttive dell'obbiettivo (inf/0 e non inf/0.17). In ogni modo ho deciso di procedere allo stesso con quanto mostrato da te, dovessi utilizzarlo un domani per quanto progettato avrò già l'rms, dovessi invece tentare di venderlo sarà un problema in meno per l'acquirente e magari mi aiuta anche a piazzarlo più facilmente.

Allego una foto in tornitura, ed una a fine modifica


20181224_151013.jpg
20181225_173950.jpg


Ora, chiedo a voi un ulteriore parere/consiglio. Premetto di essermi aggiudicato l'Axio in asta ad un prezzo decisamente basso (ad aggiungere lo sconto ebay di 100 euro utilizzato), corredato di due paln-neofluar il 10x ed il 40x, ed il 4x plan achro. Ho già un condensatore per contrasto di fase con apertura ad 1.4 Zeiss. Ora, volendo osservare per lo più alghe e diatomee è necessario avere un paio di obiettivi da aggiungere con maggiore ingrandimento. E qui puntavo sui C.Z.Jena, concretamente perchè 800-1200 euro per uno Zeiss plan neofluar o per un planapo ad infinito purtroppo non me li posso permettere; sarebbero circa 2000 euro per degli obiettivi si spera buoni e validi.

Detto ciò, con quella cifra e/o vendendo l'Axio e gli obiettivi a corredo credo di poter trovare qualcosa di più datato sempre in casa Zeiss, ma certamente comunque valido e solido! Vedi un Photomicroscope o un Universal, con un mercato usato più accessibile oltre che vasto.

Il punto è quindi il seguente, banalmente, sapete suggerirmi qualche soluzione per avere degli obiettivi ad infinito di buona qualità senza dover incenerire un paio di stipendi?

Grazie ancora, e buon Natale ;) :wave:

Avatar utente
500paolo
Buon utente
Messaggi: 975
Iscritto il: 29/01/2014, 15:10
Località: Prov. Teramo

Re: Obiettivi C.Z. jena su Axioskop

Messaggio da 500paolo » 25/12/2018, 20:29

E si, inf/0 e' proprio senza copri oggetto...se infatti guardi l'obiettivo messo in foto da @Enotria leggi inf/- che significa invece indifferente alla presenza o meno del copri oggetto.

Agli inizi mi ero fissato con la planarità anche a discapito della correzione cromatica, insomma preferivo un obiettivo il piu' planare possibile fregandomene dell'apertura numerica, potevo invece trovare ottimi apo o fluorite allo stesso prezzo. Ora ho si un 10x e un 25x plan apo zeiss, ma solo perche' ho fatto l'affare, tutti gli altri sono solo apo o fluorite.

Ti posso consigliare quello che consigliavano a me alle prime armi: se non devi fotografare o lavorare con slide citologici, puoi tranquillamente fare a meno della planarità e risparmiare soldini.

Aggiungo che per ottenere la planarità l'ottica si complica con aggiunta di lenti creando nuovi ostacoli alla luminosita' e favorendo riflessi. Quindi gia' la qualità di un apo ti costa la minima distanza dal composto sotto il copri vetrino (qualche detrito ti impedisce la messa a fuoco e ti costringe anche a limitare la quantita' di materiale "vegetale" sul vetrino), mettici pure quanto scritto prima...In fondo se ci osservi materiale non piatto e quindi non costituito da sezioni fatte con un discreto microtomo, puoi anche rinunciare a una planarità che noteresti solo quando inquadri uno strato di batteri.

I super planari achro che ho, continuo ad usarli quando so che la risoluzione e' sufficiente per il soggetto ma sopratutto quando voglio farcire il vetrino con abbondante materiale "verdeggiante" per assicurami grande quantità di vita in esso contenuto e ho quindi bisogno di una distanza di lavoro maggiore.

Questa rimane la mia opinione, fatti consigliare anche da altri sul forum, piu' campane ascolti piu' avrai indizi per scegliere.

Avatar utente
Nergal27
Messaggi: 22
Iscritto il: 20/02/2016, 10:26

Re: Obiettivi C.Z. jena su Axioskop

Messaggio da Nergal27 » 25/12/2018, 21:44

Per quella che è la mia limitata esperienza posso affermare che con gli obiettivi alla fluorite mi sono trovato molto molto bene. Da un paio di anni utilizzo un Leitz Dialux (venduto da Andrea) che lavora egregiamente con il 40x1.30, il 63x1.30 ed il 100x1.32 tutti fluorite. Colori ottimi, distanza di lavoro buona, veramente validi e comodi. Per questo motivo mi sarebbe piaciuto restare sui Neofluar Zeiss ad infinito sull'Axio, c'è solo il prezzo un pò alto da affrontare.


Per gli acromatici, sono più accessibili e vedo aperture numeriche inferiori. Conforntando sul Leitz i due 40x che ho, uno planacromatico ed uno alla fluorite di elevata a.n. è evidente che il primo sia comodo, rapido e che mi conceda appunto più materiale sotto il vetrino, è anche vero che prendersi "la briga" di usare l'olio e guradare dentro alla fluorite porta ad un'immagine nettamente più dettagliata, oltre che luminosa.


Sui planapo, non ne ho mai avuto uno (ad eccezione di quello che non riesco ad usare :? ), sarei naturalmente curioso di averne uno da provare per bene per fare un minimo di esperienza diretta ed avere quindi un'idea concreta delle potenzialità e dei limiti. Ciò non è obbligatorio ovviamente, è solo nei miei immaginari :D

Da qui il ragionamento: ne vale davvero la pena di restare su un micro che lavora ad infinito? Se passassi ad obiettivi più grandi e recenti (come Zeiss con attacco M27) magari si, inteso che forse ci sarebbe una migliora ottica-qualitativa oggettiva ed evidente. in realtà resterei sempre in RMS, probabilmente sarebbero obiettivi un poco più recenti, ma non nettamente meglio performanti, ad un prezzo di acquisto 4 o 5 volte superiore.

Cosa ne dite?

:wave:

Rispondi

Torna a “Ottica, meccanica, manutenzione e riparazione del microscopio”