Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Sezione dedicata agli appassionati di strumenti a lente, antichi e moderni, detti anche "cannocchiali astronomici": costruzione, modifica, prestazioni, accessori, confronti ecc.
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7147
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da -SPECOLA-> » 15/03/2019, 13:58

vincenzo ha scritto:
15/03/2019, 9:44
L'SGM non può essere relegato sotto un chiosco con una protezione spartana e senza poterlo sfruttare liberamente e intensamente, sarà sperabilmente quindi, in cupola,
Questo è un chiaro esempio di quel "contorno" che ho menzionato in altre discussioni riguardanti i telescopi rifrattori a lunga focale.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Raf584
Amministratore
Messaggi: 6413
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da Raf584 » 15/03/2019, 14:14

vincenzo ha scritto:
15/03/2019, 9:44
all'umile mio cinesone 150/1200 (ora purtroppo venduto)
stai scherzando... quello con la cella collimabile ? dimmi che non è lui
vincenzo ha scritto:
14/03/2019, 23:22
Beh, anche il "mio" SGM e' a due sezioni, oltretutto la sezione che regge l'obiettivo e' in profilato. L'ho collimato una sola volta, dopo la pulizia (un anno fa circa) e nonostante I ripetuti viaggi carrellati sul terreno sconnesso del pratone della Abbazia, non ha mai perso la collimazione.
se il SGM dovesse trovare una collocazione definitiva e fissa io rifarei l'intubazione, almeno per motivi estetici, magari riutilizzando il suo tubo originario ;)

comunque, a proposito di tubi sezionati, questo qui sotto è il Merz-Repsold, hai voglia di quanti pezzi è composto...
Allegati
merz2.jpg
merz1.jpg
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
Astrotest, strumentazione e osservazione astronomica

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7147
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da -SPECOLA-> » 15/03/2019, 14:27

Ciao Raffaello,

anch'io sono d'accordo con te.
Pure io rifarei l'intubazione, riportandolo alla conformazione del suo tubo originario.
Raf584 ha scritto:
15/03/2019, 14:14
comunque, a proposito di tubi sezionati, questo qui sotto è il Merz-Repsold, hai voglia di quanti pezzi è composto...
Sì, certamente.
Ma tutte quelle sezioni sono servite per costruire il tubo e non per renderlo trasportabile in itinere in un incessante ciclo di smonta e rimonta.
La precisione dell'una e dell'altra soluzione è diversa, se si vuole mantenere lo stesso risultato del tubo fatto finito e non da smontare e rimontare ad ogni occasione.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Raf584
Amministratore
Messaggi: 6413
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da Raf584 » 15/03/2019, 14:33

Scusa Specola, devi costruirti anche tu un cannocchialone come quello di Francesco o di Federico e hai bisogno di sapere quale soluzione adottare ? perché altrimenti non vedo lo scopo di continuare a rimestare su questa cosa. Le risposte che cerchi ti sono già state date, basta leggere.
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
Astrotest, strumentazione e osservazione astronomica

Avatar utente
vincenzo
Buon utente
Messaggi: 1172
Iscritto il: 16/09/2011, 20:07
Località: opera

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da vincenzo » 15/03/2019, 14:39

Si Raf, ho venduto, pentendomene il cinesone CR6 collimabile. Una azione veramente sciocca.

Il tubo del De Mottoni originale in legno, con la sua colonna e montatura Zeiss, resteranno fissi e immobili nel museo. Per diverse motivazioni, pesa circa40 kg solo il tubo senza ottica, non posso e non voglio privare il museo di uno dei pezzi piu Importanti.
Pratico il "voyeurismo ed il feticismo" con tante (lenti) e confesso la mia passione per le "mature" (lenti) ...

Avatar utente
Raf584
Amministratore
Messaggi: 6413
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da Raf584 » 15/03/2019, 14:57

Vincenzo, come faccio a non darti ragione ? E' stata una proprio sciocchezza... Ma è colpa mia, per impegni vari non ho più potuto frequentare il gruppo - ma mi riprometto di rimediare al più presto - se avessi avuto sentore di questa cosa lo avrei acquistato immediatamente e vi avrei imposto di tenerlo in abbazia pena la fustigazione. Che peccato.
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
Astrotest, strumentazione e osservazione astronomica

Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1801
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da Angelo Cutolo » 15/03/2019, 15:54

vincenzo ha scritto:
15/03/2019, 9:44
L'SGM non può essere relegato sotto un chiosco con una protezione spartana e senza poterlo sfruttare liberamente e intensamente, sarà sperabilmente quindi, in cupola, in un giardino operese e l'osservatorio, sarà si dedicato alla divulgazione ma secondo serate ben prestabilite e sopratutto lo avremo a disposizione tutta la notte e tutte le notti (cosa oggi non possibile in Abbazia) solo allora, potremo fare delle serie e proficue osservazioni e comparazioni.
Speriamo che questo sogno si avveri, io intanto sto già sognando, questa è una delle bozze che vi sottoporrò domani in abazzia.
Allegati
Specola SGM.jpg
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

Avatar utente
vincenzo
Buon utente
Messaggi: 1172
Iscritto il: 16/09/2011, 20:07
Località: opera

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da vincenzo » 15/03/2019, 16:36

@ Raf, vedi che ho ragione, non sei consapevole del ruolo carismatico che hai... Sono tot ok con te, per colpa TUA, ho venduto il cinesone !!!
;)

@Angelo, :o :shock: :o
a domani !
Pratico il "voyeurismo ed il feticismo" con tante (lenti) e confesso la mia passione per le "mature" (lenti) ...

Avatar utente
stevedet
Buon utente
Messaggi: 827
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da stevedet » 15/03/2019, 16:44

Piccolo OT: @vincenzo ti ho mandato un breve mp qualche giorno fa, ma forse non te ne sei accorto.

Avatar utente
vincenzo
Buon utente
Messaggi: 1172
Iscritto il: 16/09/2011, 20:07
Località: opera

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da vincenzo » 15/03/2019, 16:57

stevedet ha scritto:
15/03/2019, 16:44
Piccolo OT: @vincenzo ti ho mandato un breve mp qualche giorno fa, ma forse non te ne sei accorto.
caro Steve, scusa ma proprio non mi ero accorto del tuo msg, scusami.
rispondo, sebbene un pochino enigmaticamente da qui e mi scuso.
sono tot ok con te ma bene, anzi benissimo è stato fatto da chi ha mostrato maturità e consapevolezza vs chi cercava solo a prososopica belligeranza... ;)
Pratico il "voyeurismo ed il feticismo" con tante (lenti) e confesso la mia passione per le "mature" (lenti) ...

Avatar utente
stevedet
Buon utente
Messaggi: 827
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da stevedet » 15/03/2019, 17:08

Sì, penso che tu abbia ragione. :wave:
CHIUSO OT.

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7147
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da -SPECOLA-> » 15/03/2019, 22:31

@ Raf584

Mera precisazione; tutto qui.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Re Vega
Buon utente
Messaggi: 909
Iscritto il: 15/09/2011, 10:50
Località: varese

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da Re Vega » 18/03/2019, 9:55

@ Angelo; che bello!!! 👏👏👏
Complimenti
Strumenti:
Zeiss AS 150 f/15 e D&G 152 f/15 (intubazione Fumagalli); Taka FS128; S.W. 120ED; Pentax 75 EDHF
Set oculari Zeiss Abbe I; TMB supermono 6 e 8 mm; Taka LE 5 mm e Abbe 12,5 mm; Barlow Zeiss 2x
Fujinon 7x50 Mariner; Zeiss Dodecarem.

“Se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone oppresse e amare quelle che opprimono.” - Malcom X. 

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1244
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da Giovanni Bruno » 18/03/2019, 10:21

Per RAF e VINCENZO, avrei la possibilità di acquistare un CELESTRON C6 BREVI MANO nella mia città, veramente ho già avuto modo di testarlo in terrestre, con poca soddisfazione.

Forse mi scoraggiai nel constatare che nonostante la IEQ45 PRO settata AZ, il C6 vibrava ellegramente durante la messa a fuoco.

Ma sentendone parlare da voi due, con toni di grande rispetto, forse ho fatto male a non provarlo anche sul cielo.

Tranne fare la verifica con il CHESIRE ed una finissima collimazione, cosa altro si può fare per aumentarne la resa ottica? :thumbup: :wave:

Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 8918
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: SAN GIORGIO MORAIS, rifrattore 190/2850. La vera e definitiva storia

Messaggio da piergiovanni » 18/03/2019, 11:44

Mandalo a rifigurare da Giacometti...
Piergiovanni Salimbeni
Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it

Autore delle riviste: Itinerari e Luoghi, Nautica, Nuovo Orione, Cacciare a Palla, Armi e tiro




Osservo con: Zeiss Victory SF 8x42, Zeiss Harpya 95, Fuji TS 12x28, Fujinon 16x70, Docter Aspectem 40X ED 80-500, Kowa Highlander Prominar, Takahashi FS128, Celestron 8, Meade Etx 90

Rispondi

Torna a “L'osservazione del cielo coi telescopi rifrattori”