Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Sezione dedicata agli appassionati di strumenti a lente, antichi e moderni, detti anche "cannocchiali astronomici": costruzione, modifica, prestazioni, accessori, confronti ecc.
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 8889
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da piergiovanni » 14/04/2019, 13:14

Buona domenica a tutti. Circa due settimane fa ho ricevuto da Giuliano Monti di Tecnosky un esemplare del rifrattore acromatico a lungo fuoco 150 mm F/15 con intubazione a due sezioni.
L'obiettivo è un BARRIDE 154/2250 con apertura libera di 150 mm.
Pubblico qui di seguito le caratteristiche tecniche estrapolate dal sito ufficiale: https://www.barride-optics.com/html/Ast ... s_639.html

Air-spaced design
Surface Quality
(not worse) 60-40 scratch & dig
Surface Accuracy
(not worse) λ/4 P-V at 632.8nm
Coating
All surfaces are with fully multilayer Broadband coating
Housing
Precise

Per ora sono riuscito a montarlo e a piazzarlo sulla mia NEQ6 con treppiede Berlebach e Kit di "rinforzo" della Geoptik.
Il montaggio è possibile anche per una persona. Si avvitano le due sezioni, poi si avvita il tubo di prolunga con focheggiatore, l'ottica e il paraluce.
Ora ho semplicemente tolto l'ottica - che custodisco nel mio studio - e ho piazzato il tubone al piano di sotto sopra un grosso tavolo. Per tale motivo il montaggio avviene in pochi minuti. Se mi decidessi a fare una colonna fissa in giardino non avrei piu' problemi.

Purtroppo questa mattina non ho potuto fare molti test; giusto il tempo di osservare la macchia solare 2738 e poi, purtroppo, il cielo si è coperto. Ora sta piovendo e le previsioni non sono di certo ottimistiche.
Se qualcuno fra voi avrà voglia di discuterne, sono qui per rispondere alle vostre domande, altrimenti mi trasferirò' un'altra volta su CN dove apprezzano maggiormente questo genere di telescopi :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: :twisted:
Allegati
IMG-20190414-WA0020-648x1152.jpeg
IMG-20190414-WA0011-648x1152.jpeg
IMG-20190414-WA0009-648x1152.jpeg
DSC_0659-648x1152.JPG
Piergiovanni Salimbeni
Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it

Autore delle riviste: Itinerari e Luoghi, Nautica, Nuovo Orione, Cacciare a Palla, Armi e tiro




Osservo con: Zeiss Victory SF 8x42, Zeiss Harpya 95, Fuji TS 12x28, Fujinon 16x70, Docter Aspectem 40X ED 80-500, Kowa Highlander Prominar, Takahashi FS128, Celestron 8, Meade Etx 90

giodic
Messaggi: 38
Iscritto il: 05/12/2018, 0:40

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da giodic » 14/04/2019, 13:21

Prima domanda che mi viene in mente (ce ne sarebbero molte altre a dire la verità, ma cominciamo con questa): con tutti quei pezzi da montare e smontare, la collimazione?
Giorgio Di Cesare

Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 8889
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da piergiovanni » 14/04/2019, 14:24

Ciao, grazie per l'attenzione.
In linea di massima non sono la persona più' indicata per dare risposta alla tua domanda, ritengo che Francesco, Federico o Vincenzo abbiano molta più' esperienza di me, riguardo l'utilizzo di questi rifrattori.
Una mia opinione, pero', la posso scrivere: un rifrattore F/15 è poco propenso a facili scollimazioni, come ad esempio un Newton aperto a F/4.
Federico , ad esempio, utilizza la stessa intubazione, per le sue ottiche ZEISS AS 150 e D&G 150. Le avrà montate un indefinibile numero di volte- ed ha mai evidenziato con la "CESIRA :mrgreen: " una scollimazione. Non ho ancora avuto molte possibilità di divertirmi con la intubazione di Giuliano, tuttavia, un paio di volte l'ho smontato in casa ed ha sempre passato il test del Cheshire. Il doppietto acromatico è molto facile da gestire, risente poco della scollimazione e eventualmente si collima in pochi minuti.
C'è anche da considerare che -non essendo ancora mio- preferisco togliere l'ottica per limitare eventuali danni accidentali. Tuttavia Francesco ti potrà confermare che è solito lasciare piazzato i suoi leviatani anche sotto la pioggia, con qualche piccolo accorgimento che penso, ti confermerà senza remore.
Un'altra sensazione te la posso confermare: ho osservato il sole con nuvole di passaggio, vento e tuoni che stavano preannunciando un temporale (arrivato dopo pochi minuti). Or bene a circa 100X l'immagine solare era ben leggibile, si notava sempre un po' di turbolenza, ma dissimile nella percezione dei dettagli fini, rispetto a quella che percepisco nel mio seppur ottimo Takahashi FS128. Penso che tale caratteristiche inizino a evidenziarsi ben oltre gli F10 e sopra almeno i cinque pollici. Sono convinto che molte persone che hanno un po' di giardino, come me e i miei amici, potrebbero con una spesa tutto sommato modesta entrare nel mondo delle ottiche a lunga focale, godendo delle loro stupende caratteristiche.
Oggi, ad esempio, pensavo che, facendo costruire da un muratore una colonna in cemento,ove tenere sempre piazzata una testa G11 usata, potrei ambire a un doppietto da 8" con intubazione leggera, riuscendo anche a montarlo in brevissimo tempo. Basta solo avere un po' di spazio dove custodire il tubone. In ogni modo questo F15 di Giuliano si riesce a montare da soli su una montatura senza bisogno di aiuti o scalette.
Piergiovanni Salimbeni
Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it

Autore delle riviste: Itinerari e Luoghi, Nautica, Nuovo Orione, Cacciare a Palla, Armi e tiro




Osservo con: Zeiss Victory SF 8x42, Zeiss Harpya 95, Fuji TS 12x28, Fujinon 16x70, Docter Aspectem 40X ED 80-500, Kowa Highlander Prominar, Takahashi FS128, Celestron 8, Meade Etx 90

Avatar utente
Re Vega
Buon utente
Messaggi: 907
Iscritto il: 15/09/2011, 10:50
Località: varese

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Re Vega » 14/04/2019, 15:14

Ciao Pier, finalmente vedo il pupo montato a far bella mostra di se.
È decisamente bello e l’accoppiata con la eq6 non sembra essere affatto forzata, almeno per quel che posso vedere dalle foto.
Come si comporta con le vibrazioni in fase di messa a fuoco?
Ricorda che hai sempre l’opzione di riporlo in verticale, occupando davvero poco spazio.
Presto faremo un side by side con i miei 6”😉
Strumenti:
Zeiss AS 150 f/15 e D&G 152 f/15 (intubazione Fumagalli); Taka FS128; S.W. 120ED; Pentax 75 EDHF
Set oculari Zeiss Abbe I; TMB supermono 6 e 8 mm; Taka LE 5 mm e Abbe 12,5 mm; Barlow Zeiss 2x
Fujinon 7x50 Mariner; Zeiss Dodecarem.

“Se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone oppresse e amare quelle che opprimono.” - Malcom X. 

Avatar utente
Re Vega
Buon utente
Messaggi: 907
Iscritto il: 15/09/2011, 10:50
Località: varese

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Re Vega » 14/04/2019, 15:19

giodic ha scritto:
14/04/2019, 13:21
Prima domanda che mi viene in mente (ce ne sarebbero molte altre a dire la verità, ma cominciamo con questa): con tutti quei pezzi da montare e smontare, la collimazione?
ciao, aiutami a capire, quali sono tutti quei pezzi?
Io vedo un normale telescopio, sorretto da una normalissima e commercialissima montatura..... al limite un po’ più lungo di quanto si sia abituati a vedere di solito, ma non vedo davvero dove stia il problema.
Strumenti:
Zeiss AS 150 f/15 e D&G 152 f/15 (intubazione Fumagalli); Taka FS128; S.W. 120ED; Pentax 75 EDHF
Set oculari Zeiss Abbe I; TMB supermono 6 e 8 mm; Taka LE 5 mm e Abbe 12,5 mm; Barlow Zeiss 2x
Fujinon 7x50 Mariner; Zeiss Dodecarem.

“Se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone oppresse e amare quelle che opprimono.” - Malcom X. 

Avatar utente
Re Vega
Buon utente
Messaggi: 907
Iscritto il: 15/09/2011, 10:50
Località: varese

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Re Vega » 14/04/2019, 15:25

Il primo upgrade che mi viene in mente è l’asticella con pesino scorrevole
Strumenti:
Zeiss AS 150 f/15 e D&G 152 f/15 (intubazione Fumagalli); Taka FS128; S.W. 120ED; Pentax 75 EDHF
Set oculari Zeiss Abbe I; TMB supermono 6 e 8 mm; Taka LE 5 mm e Abbe 12,5 mm; Barlow Zeiss 2x
Fujinon 7x50 Mariner; Zeiss Dodecarem.

“Se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone oppresse e amare quelle che opprimono.” - Malcom X. 

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7102
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da -SPECOLA-> » 14/04/2019, 16:15

Ciao Piergiovanni,

se la soluzione basata su una colonna fissa sempre piazzata è perseguibile, allora secondo me faresti bene ad ambire a un doppietto da 8" con intubazione leggera, perché in quel caso avresti più risoluzione a disposizione, quando il seeing lo consenterà.

Più che in cemento (non so se la zona sia sottoposta a vincoli PAESAGGISTICI/URBANISTICI), secondo sarebbe meglio orientarsi ad una classica e più discreta colonna in metallo, dotata di razze (che inoltre sarebbe più versatile, in quanto la si potrebbe all'occorrenza liberare dal pavimento al quale verrebbe fissata).

Posizionato il tutto in un punto il più riparato dalle luci artificiali e più panoramico e aperto possibile, rispetto all'orizzonnte che si può vedere da lì, otterresti un buon osservatorio con un buon setup.
Imho.

Per custodire il tubone va benissimo la soluzione di Re Vega, ma riuscendo a rendere il tutto capace di poter stare costantemente all'aperto, potresti anche pensare di custodire in casa soltanto l'obiettivo in cella, visto che la collimazione come hai scritto risulta rocciosa in molti casi di questo tipo.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIII). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 511
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Samuele » 14/04/2019, 16:22

Scusate la domanda un po' "eretica", ma considerando la maggiore semplicità nel lavorare un obiettivo a f15, a nessuno è mai venuto in mente di realizzare un'ottica simile con lente ED?
Teoricamente potrebbe costare meno di un analogo di metà lunghezza focale, ma non ho idea di come potrebbe giovarsene l'osservazione.

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7102
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da -SPECOLA-> » 14/04/2019, 16:28

Ciao Samuele,

nell'altra discussione ad hoc è già stato scritto che non sarebbe la stessa cosa.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIII). http://www.specola.altervista.org/

Francesco T
Buon utente
Messaggi: 80
Iscritto il: 21/02/2019, 21:59

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Francesco T » 14/04/2019, 16:55

Samuele ha scritto:
14/04/2019, 16:22
Scusate la domanda un po' "eretica", ma considerando la maggiore semplicità nel lavorare un obiettivo a f15, a nessuno è mai venuto in mente di realizzare un'ottica simile con lente ED?
Teoricamente potrebbe costare meno di un analogo di metà lunghezza focale, ma non ho idea di come potrebbe giovarsene l'osservazione.





Caro Samuele

Ebbene sì. qualcuno ci aveva pensato e dici assai bene, sarebbe anche più facile da lavorare rispetto ad un tripletto a corta focale.
Ad f15 poco invero negli anni è stato proposto. Anni fa una ditta Svizzera, la AOK aveva commercializzato un 150 f15 ma pochi altri si sono lanciati nel progetto di un Fpl51 oltre f 10-11.

Qui in Italia io il Direttore ( Vincenzo Rizza) ed altri eretici amici stiamo in questi giorni per imbarcarci nell'avventura di commissionare alcuni 6" in Fpl51 a lungo fuoco, f 15 ed oltre.

Alle caratteristiche intrinseche di forza dei lungo fuoco quali maggiore tridimensionalità dell'immagine, insensibilità alla turbolenza, profondità di fuoco, comfort maggiore durante l'osservazione grazie all'utilizzo di oculari a lunga focale, maggiore controllo dello sferocromatismo, andrebbe ad aggiungersi una correzione della cromatica imbattibile, superiore a quella dei migliori tripletti ad f 6-7.

Commercialmente si trova ben poco purtroppo: Qualche anno fa vennero prodotti 22 esemplari di stupendi Apocromatici da 130 mm ad f12 gli Apomax, e qualche piccola azienda aveva lanciato dei 3-4" ad f10-12 non oltre. In questo momento si possono trovare dei 3-4" cinesi so called Apo ad f11-12 e una ditta tedesca, la AOM Astro Optik Manufaktur produce un 160 f10 ed altri gioiellini in fpl51 da 4" sempre ad f10-11, non oltre. Nel forum si è parlato alcuni giorni fa di un 4" ED F10 Long Perg.

Le colonne d'Ercole si supererebbero proprio andando ad f 15-20 ove i vantaggi sovracitati delle lunghe focali andrebbero ad amplificarsi.
Ultima modifica di Francesco T il 14/04/2019, 17:11, modificato 2 volte in totale.

Francesco T
Buon utente
Messaggi: 80
Iscritto il: 21/02/2019, 21:59

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Francesco T » 14/04/2019, 17:06

Re Vega ha scritto:
14/04/2019, 15:19
giodic ha scritto:
14/04/2019, 13:21
Prima domanda che mi viene in mente (ce ne sarebbero molte altre a dire la verità, ma cominciamo con questa): con tutti quei pezzi da montare e smontare, la collimazione?
ciao, aiutami a capire, quali sono tutti quei pezzi?
Io vedo un normale telescopio, sorretto da una normalissima e commercialissima montatura..... al limite un po’ più lungo di quanto si sia abituati a vedere di solito, ma non vedo davvero dove stia il problema.

Infatti.
Nessun problema, anzi, il fatto che il tubo sia in due sezioni fa si che il rischio di avere flessioni sia scongiurato anche con un tubo di pochi mm di spessore ; se si smonta e si rimonta.. un minuto all'oculare di collimazione e via.

Complimenti Pier
Il tutto è molto armonioso e la cornice fa da ciliegina sulla torta, semplicemente bellissimo. :clap:
Ultima modifica di Francesco T il 14/04/2019, 17:14, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7102
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da -SPECOLA-> » 14/04/2019, 17:12

Ciao Francesco,

nessuna ottica è insensibile agli effetti del seeing; nemmeno se a lunghissima focale.
Anche perché è l'apertura dell'obiettivo che conta in questo caso (> Diametro dell'obiettivo = > Sensibilità alla TURBOLENZA ATMOSFERICA).
Questo dice la fisica.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIII). http://www.specola.altervista.org/

Francesco T
Buon utente
Messaggi: 80
Iscritto il: 21/02/2019, 21:59

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Francesco T » 14/04/2019, 17:26

-SPECOLA-> ha scritto:
14/04/2019, 17:12
Ciao Francesco,

nessuna ottica è insensibile agli effetti del seeing; nemmeno se a lunghissima focale.
Anche perché è l'apertura dell'obiettivo che conta in questo caso (> Diametro dell'obiettivo = > Sensibilità alla TURBOLENZA ATMOSFERICA).
Questo dice la fisica.


Assolutamente vero.
Infatti nemmeno un rifrattore a lungo - lunghissimo fuoco riesce ad essere completamente insensibile alla turbolenza.

Il vantaggio è che può essere meno sensibile.

Damiano
Messaggi: 14
Iscritto il: 28/02/2019, 8:38

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Damiano » 14/04/2019, 18:48

Ciao a tutti bellissimo setup nel giardino di Salimbeni .Avendo un giardino sarebbe la mia scelta obbligata .Non avrei dubbi rifrattore lungo fuoco tutta la vita. Ottima la scelta della divisione dei tubi utilizzando un filetto di precisione che se fatto con le tolleranze dovute non può temere nessun disassamento...spero un giorno di venire a Monfestino per darci un occhiata dentro a questi favolosi tubi .

giodic
Messaggi: 38
Iscritto il: 05/12/2018, 0:40

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da giodic » 14/04/2019, 19:43

Re Vega ha scritto:
14/04/2019, 15:19
ciao, aiutami a capire, quali sono tutti quei pezzi?
Io vedo un normale telescopio, sorretto da una normalissima e commercialissima montatura..... al limite un po’ più lungo di quanto si sia abituati a vedere di solito, ma non vedo davvero dove stia il problema.
Ciao. I "pezzi" sono quelli nominati da Piergiovanni (che ringrazio per la risposta). Non mi pare di aver parlato di problemi...
Giorgio Di Cesare

Rispondi

Torna a “L'osservazione del cielo coi telescopi rifrattori”