Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Sezione dedicata agli appassionati di strumenti a lente, antichi e moderni, detti anche "cannocchiali astronomici": costruzione, modifica, prestazioni, accessori, confronti ecc.
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 8866
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da piergiovanni » 17/04/2019, 10:15

Sarebbe bello se Specola venisse a trovarci durante una NLT per saggiare con mano i pregi dei lunga focale. :thumbup:
Piergiovanni Salimbeni
Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it

Autore delle riviste: Itinerari e Luoghi, Nuovo Orione

www.astronomianews.it
www.itinerarieluoghi.it


Osservo con: Zeiss Victory SF 8x42, Zeiss Harpya 95, Fuji TS 12x28, Fujinon 16x70, Docter Aspectem 40X ED 80-500, Kowa Highlander Prominar, Takahashi FS128, Celestron 8.

Avatar utente
vincenzo
Buon utente
Messaggi: 1167
Iscritto il: 16/09/2011, 20:07
Località: opera

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da vincenzo » 17/04/2019, 10:28

Si Pier, e poi lo lo leghiamo alla colonna del SGM e lo torturiamo dilatandole l'occhio col divaricatore apposito obbligandolo a osservare in tutti i miei LT e quelli di Fede, del Principe ed i tuoi, facendogli recitare il mantra dei lunghifuochisti a piedi nudi su un letto di oculari H Zeiss vintage 24,5 affilati come rasoi :D

Ciao Fabrizio ;)
Pratico il "voyeurismo ed il feticismo" con tante (lenti) e confesso la mia passione per le "mature" (lenti) ...

Avatar utente
vincenzo
Buon utente
Messaggi: 1167
Iscritto il: 16/09/2011, 20:07
Località: opera

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da vincenzo » 17/04/2019, 10:40

dilatandogli vs dilatandole...
Pratico il "voyeurismo ed il feticismo" con tante (lenti) e confesso la mia passione per le "mature" (lenti) ...

Avatar utente
Raf584
Amministratore
Messaggi: 6367
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Raf584 » 17/04/2019, 10:42

piergiovanni ha scritto:
17/04/2019, 6:59
Chi vorrà credere "al potere dei Lunghi Fuoco" lo fara', chi non li apprezza, leggera' altro.
sagge parole... e chi vuol esser lieto sia...
ForMa_55 ha scritto:
17/04/2019, 8:54
Gli spot che avevo messo credevo che fossero sufficientemente chiari per come la intendo io nei riguardi della turbolenza.
per me sono chiarissimi, grazie Maurizio. Ti segnalo questa pagina

http://www.fpi-protostar.com/bgreer/seeing.htm

l'estensore assimila l'effetto della turbolenza a uno spostamento del punto di fuoco, spostamento che sarebbe a sua volta proporzionale al rapporto focale, quindi secondo lui a parità di apertura siccome lo spostamento è più grande all'aumentare del rapporto focale, non può essere la profondità di fuoco il motivo per cui un rifrattore lungo è meno sensibile alla turbolenza di uno corto.

Però non considera lo spiattellamento della macchia col defocus, come hai fatto tu, e inoltre le sue conclusioni -
punti da a) a f) - sono proprio campate per aria.
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
Astrotest, strumentazione e osservazione astronomica

Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1771
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Angelo Cutolo » 17/04/2019, 12:29

ForMa_55 ha scritto:
17/04/2019, 8:54
Quindi, secondo me, il più ampio intervallo di defocus di un lungo “rapporto focale”, meglio sopporta un piccolo spostamento di lunghezza d'onda per il semplice fatto che rimane ancora circoscritta dentro al disco di airy.
Questo non vuol dire che la turbolenza sia eliminata, ma semplicemente è meglio tollerata dal lungo “rapporto focale”.
La cosa torna anche a me, anche con diametri piu piccoli, come riportai qualche tempo fà (in neretto la parte "pregnante"):
Angelo Cutolo ha scritto:
27/02/2019, 13:20
A parità (o quasi 192x vs 175x e 240x vs 233x) d'ingrandimento il tremolio che vedo nel Nano lo vedo anche nel Milo, la differenza è che nel corto devo ritoccare il fuoco piu spesso rispetto al lungo, forse è da quello che deriva l'impressione di maggiore stabilità dell'immagine di quest'ultimo, impressione che istintualmente ho avuto anche io, ma facendoci attenzione e passando piu volte da un oculare all'altro, come ho già detto, con seeing medio-scarso come trema la stellina in uno così trema nell'altro, idem con la Luna, non mi è sembrato di scorgere differenze sostanziali di microdettaglio.
*** *** ***

Pier, continuo con le domande sul rifrattorone (che ancora non trovo sul sito Tecnosky).
Questa è la montatura su cui eventualmente lo piazzerei:

P4170083.JPG
P4170084.JPG
P4170085.JPG

Ho ripreso le misure e il diametro interno degli anelli è di 21 cm (infatti ricordavo male, 23 cm è il diametro del "binario" sul newton per permettere la rotazione), quindi mi serve qualche altro dato (armati di metro :mrgreen: ), oltre al diametro del tubo, mi servirebbe la lunghezza totale dello strumento operativo (quindi dall'ingresso del portaoculari alla fine del paraluce) e se riesci il baricentro dello strumento (anche approssimativamente).
Grazie. ;)
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

Avatar utente
Raf584
Amministratore
Messaggi: 6367
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Raf584 » 17/04/2019, 12:42

Angelo Cutolo ha scritto:
15/04/2019, 13:13
disalluminare il primario dell'Obice per farlo diventare un newton "solare"
dovrai rifargli il tubo sostituendolo con un traliccio
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
Astrotest, strumentazione e osservazione astronomica

Avatar utente
Kappotto
Buon utente
Messaggi: 1229
Iscritto il: 18/03/2012, 11:25
Località: Milano
Contatta:

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Kappotto » 17/04/2019, 12:47

Angelo, ma quanto è alta?
Secondo me rischi di osservare sdraiato per terra.
kappellate Astronomiche!
Dobson 16,5", Meade SC 10", Tal100r
e una marea di ocularacci...

Francesco T
Buon utente
Messaggi: 74
Iscritto il: 21/02/2019, 21:59

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Francesco T » 17/04/2019, 12:59

Eventualmente Angelo potresti pensare di aggiungere un'asta con un bel contrappeso da 2-3 Kg posto nei pressi del focatore, di modo da poter spostare "in su" il rifrattore di una ventina di cm.

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7091
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da -SPECOLA-> » 17/04/2019, 20:19

ForMa_55 ha scritto:
17/04/2019, 8:54
tu continui a parlare solo di lunghezza focale, ma io penso che al risultato percepito concorre il “rapporto focale” dello strumento.
Gli spot che avevo messo credevo che fossero sufficientemente chiari per come la intendo io nei riguardi della turbolenza.
Ciao Maurizio,

io rispondo in termini di focale semplicemernte perché leggo di telescopi rifrattori a lungo fuoco che in virtù della loro lunghezza vantano ("senza se e senza ma") la prerogativa di essere insensibili alla turbolenza:
viewtopic.php?f=199&t=10444#p105711 ; tutto qui.

Riguardo ai diagrammi che hai postato, come tutti gli interventi pubblicati sul forum, li ho letti con piacere e ho anche risposto:
viewtopic.php?f=199&t=10444&start=15#p105731

Per quanto mi riguarda quanto scritto inquadra una mera questione di messa a fuoco, non di telescopi rifrattori a lungo fuoco che sono insensibili alla turbolenza.

L'eventuale diagramma di un telescopio barlowato, quanto sarebbe differente rispetto a quelli che hai già documentato?

Inoltre, come sta emergendo sempre più, non si può non considerare che c'è anche chi riesce a cogliere il benefico effetto della lunghezza focale di un telescopio rifrattore, pure con diametri < 150 mm e lunghezze focali < F/15.

Insomma, parrebbe proprio un argomento piuttosto variegato, oltre che complesso.

Comunque sia,
secondo me sarebbe meglio continuare la discussione là dove é nata, piuttosto che disperdere gli interventi in vari thread diversi; se ne guadagnerebbe in organicità dei contenuti, oltre che nella più facile rintracciabilità delle informazioni.
Imho.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIII). http://www.specola.altervista.org/

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1233
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Giovanni Bruno » 18/04/2019, 9:00

Nel mio piccolissimo, ho avuto vari rifrattorini APO da 80mm e con vari rapporti focali, uno APO TRIPLET FPL-53 ad f6, un APODUBLET FPL-51 ad f7 e l'attuale SW 80ED APO DUBLET FPL-53 ad f7,5.

Ebbene, il super plebeo SW 80ED BD, intubato davvero molto poveramente ed a mio avviso incompletamente, è quello che mi sta dando le maggiori prestazioni in termini di risoluzione e contrasto.

Atenzione, tutti e tre sempre usati in terrestre di potenza, preferibilmente per osservazioni architettoniche a grandi distanze, tipo 5Km.

Faccio notare che nella mia vasta strumentazione l'80ED BD è semplicemente un microbo, ma che vi devo dire, solo lui mi ha fatto rimangiare la scarsa opinione che avevo di un 80mm alla voce risoluzione.

Solleticato da questo buon risultato, ed in rispetto alla logica sperimentale sul campo, potrei provare con un ACRO SW da 70/900mm ad f12,85, per testare seriamente le virtù di un lungo fuoco, senza portarmi in casa oggetti mastodontici, che non saprei nemmeno dove tenere.

Cosa ne pensate? :thumbup: :wave:

Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1771
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Angelo Cutolo » 18/04/2019, 11:56

Avevo scritto ieri una risposta ma è sparita... :shock:

Vabbè riassumo.
Raf584 ha scritto:
17/04/2019, 12:42
Angelo Cutolo ha scritto:
15/04/2019, 13:13
disalluminare il primario dell'Obice per farlo diventare un newton "solare"
dovrai rifargli il tubo sostituendolo con un traliccio
L'idea era di cambiare il solo fondello con uno forato (un anello in pratica) per dare uno sfogo al fondo dello specchio, se veramente fosse necessario cambiare intubazione non ne varrebbe la pena e lascerei tutto così com'è.
Kappotto ha scritto:
17/04/2019, 12:47
Angelo, ma quanto è alta?
Secondo me rischi di osservare sdraiato per terra.
Ho il tuo stesso dubbio (la montatura è alta 125 cm) per questo ho chiesto a Pier tutte queste misure, se il peso non è troppo sull'obiettivo adotterei la soluzione di Francesco, aggiungendo un bel volante (come quello sul SGM) massiccio per spostare il baricentro indietro e "alzare" il focheggiatore (mi basterebbe fosse ad almeno 60 cm da terra per utilizzare utilmente la seuta da pescatore), ma per questo aspetto le misure da Piergiovanni.

Il problema principale di questi tuboni è che necessitano di una signora montatura (leggi, costosa), io ho una montatura EQ vintage che non ha problemi di portata e se il tecnosky in oggetto stesse veramente sui 1.500 €, avrei veramente la possibilità di farmi un "lungo" di discreto diametro a uno stipendio, in caso contrario ovviamente mollerei il colpo.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

Avatar utente
Kappotto
Buon utente
Messaggi: 1229
Iscritto il: 18/03/2012, 11:25
Località: Milano
Contatta:

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Kappotto » 18/04/2019, 12:24

Il voltante tipo quello che ha il SGM da chi lo faresti fare?
kappellate Astronomiche!
Dobson 16,5", Meade SC 10", Tal100r
e una marea di ocularacci...

Avatar utente
Raf584
Amministratore
Messaggi: 6367
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Raf584 » 18/04/2019, 13:20

Angelo Cutolo ha scritto:
18/04/2019, 11:56
Avevo scritto ieri una risposta ma è sparita... :shock:
sì, ti stavo rispondendo quando c'è stata una disconnessione e poi alla riconnessione il messaggio non c'era più, forse un problema sul server del forum.

Ti avevo scritto che il tuo obice non è utilizzabile in solare senza cambiargli il tubo, nemmeno aprendo uno sfogo in basso, anzi è peggio.
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
Astrotest, strumentazione e osservazione astronomica

Francesco T
Buon utente
Messaggi: 74
Iscritto il: 21/02/2019, 21:59

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Francesco T » 18/04/2019, 13:59

Giovanni Bruno ha scritto:
18/04/2019, 9:00

Solleticato da questo buon risultato, ed in rispetto alla logica sperimentale sul campo, potrei provare con un ACRO SW da 70/900mm ad f12,85, per testare seriamente le virtù di un lungo fuoco, senza portarmi in casa oggetti mastodontici, che non saprei nemmeno dove tenere.

Cosa ne pensate? :thumbup: :wave:


..Che è un'ottima idea Giovanni !

Potresti dato che ci sei azzardare una focale un pelo più lunga. Su ebay.de spesso si trovano dei Vixen 80-1200, pesano veramente poco.

Avatar utente
Dob
Buon utente
Messaggi: 432
Iscritto il: 21/05/2012, 16:12

Re: Rifrattore Tecnosky 150 F /15 con ottiche BARRIDE. Prime impressioni

Messaggio da Dob » 18/04/2019, 17:38

Buongiorno a tutti
leggendovi mi veniva da pensare: è così "eretico" pensare a un lungo fuoco piegato ?

Visto che si è disposti ad accettare, per la comodità di osservazione, un diagonale (presumo rigorosamente a prisma ), perchè non accettarne un altro ? (anche se in realtà sarebbero 2 specchi piani ....lo so , lo so... state inorridendo :D ).

L'ingombro si dimezzerebbe come nei vecchi Polarex Unitron di una volta ma, al contrario di questi, si potrebbe progettare addirittura la "piegatura" del cono ottico in modo da avere un fuoco laterale "stile Newton" come il famoso 20cm f/20 piegato di Gunther Nemec.

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/ ... _Nemec.jpg

Il massimo della comodità, a mio avviso, si avrebbe però con un fuoco Nasmyth mettendo poi il rifrattorone in una montatura altazimutale: l'oculare verrebbe sull'asse di altezza e starebbe sempre lì, indipendentemente da dove punta il tubo ottico.

Un progettino in tal senso lo avevo fatto qualche anno fa , ma non so se mai lo realizzerò (mi piacerebbe però...)

Rispondi

Torna a “L'osservazione del cielo coi telescopi rifrattori”