Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Il mondo dei telescopi terrestri e della tecnica del digiscoping. Inserite qui le vostre immagini e i vostri video!
Rispondi
1978daniele
Messaggi: 15
Iscritto il: 19/03/2019, 14:33

Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Messaggio da 1978daniele » 14/08/2019, 17:00

Salve, ho intenzione di comprarmi uno Swarovski ATS 80... sono indeciso però se optare per il 20-60x o per il 25-50x W
L'utilizzo sarebbe prevalentemente in escursioni in montagna (Alto Adige e Valle d'Aosta), osservazioni di mammiferi e talvolta anche di uccelli (chiaramente tutto con un cavalletto).
Solitamente preferisco ingrandimenti maggiori, quindi sarei propenso verso il 20-60x, però vorrei avere qualche parere di gente più esperta di me. Ci sono veramente grandi differenze? Di che tipo?
Inoltre vi chiedo se sia preferibile il modello ATS o STS, angolare o dritto? Quali le differenze di utilizzo?
Grazie a tutti per le eventuali risposte

Avatar utente
Andrea
Buon utente
Messaggi: 853
Iscritto il: 16/09/2011, 11:39
Località: Bisuschio (Varese)

Re: Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Messaggio da Andrea » 14/08/2019, 21:07

Io ho possesuto un ATM 65 HD e avevo il 25-50x e ti devo dire che a 25x (ingrandimento che usavo il 90% del tempo) il campo visivo era parecchio più ampio. A paragone, il 20-60x a 20x era un buco di serratura.

Andrea
Swarovski SwaroVision 10x42 (un ORGASMO!), Hawke Frontier ED 8x43 (il mulo per le uscite rischiose), Meopta Meostar B1 8x32, Swarovski BTX 85 mm.

piero
Buon utente
Messaggi: 3273
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Messaggio da piero » 15/08/2019, 22:47

soprattutto perché usato in montagna, in ragione delle termiche, starei sul 25-50x in quanto sulle lunghe distanze ti troverai già a utilizzare 50 x molto raramente; inoltre l'ampio campo visivo offre sicuramente una maggior godibilità della visione. Diritto o angolato , dipende, è un problema mai risolto e fonte di eterne discussioni, ma in sostanza dipende dalle esigenze: il diritto consente un puntamento più rapido immediato su avvistamenti di fauna terrestre anche su appoggi di fortuna come lo zaino, oppure per osservazioni verso il basso; diciamo che è un po' più di "azione", inoltre è più facilmente trasportabile nelle tasche esterne (alcuni zaini da caccia sono addirittura predisposti); l'angolato è nettamente più adatto all'avifauna oppure per più lunghe osservazioni in momenti di pausa o arrivato alla metà e utilizzando sempre il cavalletto; è più svantaggioso se osservi verso il basso.
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

1978daniele
Messaggi: 15
Iscritto il: 19/03/2019, 14:33

Re: Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Messaggio da 1978daniele » 16/08/2019, 23:15

Grazie per le vostre risposte... nessun altro sà consigliarmi?

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7275
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Messaggio da -SPECOLA-> » 17/08/2019, 12:54

Ciao 1978daniele,

provo a dire anch'io la mia.

Causa turbolenza,
di giorno in montagna secondo me l'ingrandimento ottimale sulle lunghe distanze è collocabile intorno ai 30x; in questo caso dunque l'oculare da prendere in considerazione sarebbe il 30x W.

Tra il 25-50x W e il 20-60x, l'oculare SWAROCLEAN 30x W è quello più leggero e con maggiore estrazione pupillare (20 mm contro i 17 mm del 25-50x W e del 20-60x).

Personalmente considero che un setup veramente completo e funzionale, non debba rinunciare al proprio range di funzionamento e per questo se la stessa tua scelta fosse a mio carico, non esiterei a prendere in considerazione subito soltanto lo SWAROCLEAN 20-60x.
Questo oculare è l'unico dei tre di cui sopra, che è in grado di mettere il tuo cannocchiale terrestre ATS 80 nelle condizioni di essere utilizzato esprimendo tutte le sue potenzialità di progetto.
Infatti offre un range di ingrandimenti maggiore e pupille d'uscita meno selettive, che estendono l'utilizzo anche al di fuori del pieno giorno.

Io osservo senza occhiali, per cui non avrei problemi a sfruttare l'intero campo dell'oculare, però in effetti la pupilla d'uscita di 17 mm potrebbe penalizzare chi osseva inforcando occhiali un po' spessi.

Io considero ogni acquisto (qualunque esso sia), come un investimento, per cui non posso non tenere in considerazione che se fino ad oggi ne ho sempre fatto a meno, più in là con gli anni invece, probabilmente il mio treno ottico comprenderà anche un un bel paio di occhiali interposti tra i miei occhi e gli oculari di uno strumento ottico.

Bene,
fatta questa doverosa premessa e riallacciandomi al discorso che ho esposto in apertura, cioè al fatto che personalmente considero un setup come veramente completo e funzionale, SOLO quando posto nella condizione "standalone" di poter esprimere TUTTE le proprie potenzialità da progetto, venendo ora allo SWAROCLEAN 25-50x W per conto mio, il motivo per cui io non lo prenderei in considerazione è insita nel fatto che al di là del maggiore campo visivo, in realtà non aggiungerebbe molto alle prestazioni dello spotting scope in sè.
Insomma, aumenterebbe soltanto la godibilita e di conseguenza versatilità del setup, per cui in questo tipo di contesto, lo vedrei come un qualcosa da aggiungere SOLTANTO dopo essere passati prima dalla situazione standalone ATS 80 + 20-60x.
Usare PRIMA, o peggio ancora SOLTANTO lo SWAROCLEAN 25-50x W, per me avrebbe poco senso, in quanto si rivelerebbe un collo di bottiglia che strozzerebbe e limiterebbe, senza alcun reale motivo, nè beneficio, le piene prestazioni e potenzialità dello strumento.

IMHO.

Facendo un esempio automobilistico, un'automobile per funzionare ha bisogno del carburante; poco importa se con un certo tipo di carburante più costoso, la stessa potrà rivelarsi un po' più confortevole nell'uso diurno in montagna, perché di suo un'automobile può servire anche su altri tragitti e non soltanto di giorno.

Queste sono le mie considerazioni.

Il 25-50x W mette a disposizione un campo visivo maggiore rispetto al 20-60x, pesa di più e costa di più, però con 17 mm di estrazione pupillare le prestazioni di questo oculare saranno sempre a portata dell'osservatore di turno?
Inoltre un oculare zoom sarà sempre un compromesso rispetto ad uno fisso, per cui in quanto tale, io preferisco rinunciare alla versatilità, piuttosto che a parte delle prestazioni di progetto del cannocchiale e per questo come detto partirei subito scegliendo il 20-60x.

ATS 80 + 20-60x = NECESSARIO, INDISPENSABILE.

25-50x W = Complemento al NECESSARIO ma NON indispensabile.

Mi auguro di essere riuscito a spiegare in modo comprensibile e motivato il concetto.

Riguardo alla scelta fra dritto o angolato, Piero ha già risposto esaurientemente e di più credo che non si possa aggiungere.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

1978daniele
Messaggi: 15
Iscritto il: 19/03/2019, 14:33

Re: Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Messaggio da 1978daniele » 17/08/2019, 14:01

I miei complimenti (oltre che ringraziamenti) per la completa e competente risposta... dai pareri sparsi sul web mi sembrava di capire che il 25-50w avesse le preferenze degli esperti (anche per via di una migliore qualità visiva, oltre che per avere una visione meno stancante)... il fatto oculare-occhiali non l’avevo considerato, ma quindi;
- con il 25-50w ci sono dei problemi con chi porta gli occhiali
- con il 20-60 questi problemi non esistono?
Pure io non porto gli occhiali adesso... ma mi avvicino più alla talpa che all’aquila, quindi :-)

1978daniele
Messaggi: 15
Iscritto il: 19/03/2019, 14:33

Re: Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Messaggio da 1978daniele » 17/08/2019, 16:05

Aggiungo domanda a domanda, e me ne scuso se sono troppo noioso... ma ritengo importanti i consigli di gente più esperta di me, a fronte di una spesa del genere...
Mi consigliate di prendere la "conchiglia oculare contro la luce laterale"? E' utile o superflua?

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7275
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Messaggio da -SPECOLA-> » 18/08/2019, 1:03

Ciao 1978daniele,

preciso che io non sono un esperto, bensì un semplice appassionato che ha un po' di esperienza con ottiche proprie e non e a cui piace rimanere aggiornato.

Di pareri sul web se ne trovano tanti e non di rado a volte dicono tutto e il contrario di tutto (a questo proposito val la pena sottolineare, per esempio, che SWAROVSKI, che è la casa madre, DICHIARA NELLE SPECIFICHE, che il suo ATS80 con l'oculare 25-50x presenta una trasmissione luce dell'intero prodotto pari all'85%, mentre con l'oculare 20-60x dell'86%).

Io non osservo con occhiali da vista, per cui alle tue domande posso rispondere soltanto in generale e non nello specifico.
Riguardo all'estrazione pupillare c'è poi da tener presente anche che alcune case (come per esempio VORTEX), la indicano precisandola per l'ingrandimento minimo e per quello massimo dell'oculare zoom.
Di solito l'estrazione maggiore la si ottiene al minimo ingrandimento.
SWAROVSKI forse riferisce il dato alla media, oppure direttamente al caso peggiore, ovvero all'ingrandimento maggiore; io però questo non lo so.
Inforcando degli occhiali, è possibile che ci siano dei problemi a riuscire a cogliere l'intero campo visivo tutto in una volta.
Più la montatura sarà a basso profilo e le lenti sottili e meno il problema verrà evidenziato, in quanto comunque gli occhi arriveranno sufficientemente vicino all'oculare.
Comunque sia, a parità di estrazione pupillare (SWAROVSKI dichiara 17 mm sia per il 25-50W, che per il 20-60), la condizione peggiore si verificherà con l'oculare con campo maggiore.

Ti suggerisco di dare un'occhiata a questa discussione su BirdForum:

https://www.birdforum.net/showthread.php?t=340291

Personalmente condivido le criticità oggettive che vengono attribuite all'oculare 25-50W e le preferenze riservate al 20-60x, le quali corrispondono a quel che ho già scritto e che deriva da ciò che ho colto io quando ho utilizzato il tuo stesso setup.
Attenzione che quello spotting scope io l'ho usato in alcune occasioni; non l'ho di certo testato.

Trattandosi di questioni soggettive, per fugare qualsiasi dubbio bisognerebbe verificare ogni aspetto, prima di procedere all'acquisto (che in questo caso è anche piuttosto impegnativo, economicamente parlando).

Sarebbe bello potersi confrontare con altri possessori dello stesso setup; magari qualcuno di essi, casomai si trovasse a passare di qui e leggere, potrebbe intervenire riportando la sua esperienza.

In merito all'altra domanda circa la "conchiglia oculare contro la luce laterale", per quanto mi riguarda trovo questo accessorio utile, in quanto spesso all''alba e al tramonto mi è capitato di dover schermare fastidiose infiltrazioni di luce provenienti da un lato.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

1978daniele
Messaggi: 15
Iscritto il: 19/03/2019, 14:33

Re: Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Messaggio da 1978daniele » 18/08/2019, 1:52

Rinnovo il ringraziamento :clap: sperando che altri fruitori del sito possano portare la loro esperienza e i loro consigli

Avatar utente
Andrea
Buon utente
Messaggi: 853
Iscritto il: 16/09/2011, 11:39
Località: Bisuschio (Varese)

Re: Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Messaggio da Andrea » 18/08/2019, 17:45

1978daniele, di dove sei? Il consiglio che posso darti é di andare a provare lo strumento da un rivenditore. Se sei zona Monza Brianza c'è Artesky che é molto fornito, altrimenti in zona Modena c'è Staroptics. A questi livelli le preferenze sono molto soggettive. A me il 20-60x non é mai piaciuto per l'effetto "buco di serratura" a bassi ingrandimenti, per altri é "indispensabile". Io ora mi trovo benissimo con un 30x fisso (BTX), ma mi sono convinto solo dopo che l'ho potuto provare e paragonare di persona con altri strumenti e configurazioni in negozio.


Andrea
Swarovski SwaroVision 10x42 (un ORGASMO!), Hawke Frontier ED 8x43 (il mulo per le uscite rischiose), Meopta Meostar B1 8x32, Swarovski BTX 85 mm.

1978daniele
Messaggi: 15
Iscritto il: 19/03/2019, 14:33

Re: Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Messaggio da 1978daniele » 19/08/2019, 1:28

Sono di Livorno... beh, certamente provarli di persona sarebbe la cosa migliore, ma qua in zona non c'è granchè...

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7275
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Messaggio da -SPECOLA-> » 19/08/2019, 12:55

Ciao Andrea,
complimenti per la disponibilità! :clap:

Quoto quanto hai scritto in merito alla necessità di una prova per fugare qualsiasi dubbio. :thumbup:

Approfitto della tua esperienza per farti alcune domande, le cui risposte potrebbero essere di aiuto a 1978daniele e a chi legge, per capire meglio alcuni aspetti delle questioni oggetto di questa discussione.

A parte il campo minore del 20-60x, che al limite potrebbe rivelarsi un fattore determinante ai fini della percezione di un più ridotto comfort dell'osservazione, a tuo giudizio l'oculare 25-50x W vede meglio e di più?

Osservando qualcosa con il tuo setup ATS80 25-50x W, non ti è mai capitato di desiderare qualche ingrandimento in più, per essere in grado di riconoscere il soggetto inquadrato?

Idem con il 30x fisso (BTX)?

Osservi con o senza occhiali?

Come reputi l'estrazione pupillare degli oculari 20-60x e 25-50x W?
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Andrea
Buon utente
Messaggi: 853
Iscritto il: 16/09/2011, 11:39
Località: Bisuschio (Varese)

Re: Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Messaggio da Andrea » 19/08/2019, 18:46

Ciao, il paragone tra il 25-50x e il 20-60x l'ho fatto brevemente con cannocchiali Swarovski di alcuni amici e l'ho fatto DOPO aver acqusitato il mio (ex) ATM 65 HD.
Dopo aver fatto dei brevi paragoni tra la mia strumentazione e la loro, non mi é mai venuta voglia di possedere il 20-60x per il semplice motivo che, usando l'oculare sempre al minimo degli ingrandimenti, la maggior "panoramicitá" dell'immagine ha valso molto si più di eventuali (da me comunque non notate) minori prestazioni in altre proprietà (trasmissione luminosa, nitidezza etc..).
Raramente ho sentito il bisogno di un maggior ingrandimento, anzi, per un certo periodo ho addirittura pensato di vendere il 25-50x per il 30x fisso (appunto perché usavo poco la zoom del 25-50x).
Porto gli occhiali (sono miope ed astigmatico, circa -4 diottrie) e non ho mai avuto problemi né con il 25-50x né con il BTX (il quale ha delle bellissime conchiglie con il bordo ribassato). Non ho problemi nemmeno con il mio EL 10x42 SV a visualizzare l'intero campo visivo.

L'unico strumento che mi ha dato qualche problema in tal senso é stato il bellissimo Leica Ultravid 8x32 HD, venduto proprio per tal motivo.

Andrea
Swarovski SwaroVision 10x42 (un ORGASMO!), Hawke Frontier ED 8x43 (il mulo per le uscite rischiose), Meopta Meostar B1 8x32, Swarovski BTX 85 mm.

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7275
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Swarovski ATS80 20-60x o 25-50x W

Messaggio da -SPECOLA-> » 19/08/2019, 22:05

Ciao Andrea,
ti ringrazio per aver condiviso i dati.
Un'esperienza reale è sempre un valore aggiunto e per questo ben gradita e utile.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

Rispondi

Torna a “SPOTTING SCOPES, DIGISCOPING, TELEMETRI E VISORI NOTTURNI”