Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Caratteristiche tecniche di grandi rifrattori professionali

Sezione dedicata agli appassionati di strumenti a lente, antichi e moderni, detti anche "cannocchiali astronomici": costruzione, modifica, prestazioni, accessori, confronti ecc.
ToolMayNARD
Buon utente
Messaggi: 252
Iscritto il: 25/11/2011, 19:22

Re: Caratteristiche tecniche di grandi rifrattori professionali

Messaggio da ToolMayNARD » 08/11/2019, 13:51

Rick ha scritto:
06/11/2019, 15:54
Siamo sul mezzo milione di euro solo per l'ottica, più il tubo, la montatura e l'osservatorio.

L'intubazione è truss, il tubo sarà lungo più di 6 metri. Possibile che non si riesca a scoprire il proprietario?

https://www.apm-telescopes.de/en/telesc ... 0-cnc.html
Fabio Rubeo, socio di Officina Stellare.

Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1850
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Caratteristiche tecniche di grandi rifrattori professionali

Messaggio da Angelo Cutolo » 08/11/2019, 15:28

Allora l'intubazione se la farà in casa (e probabilmente anche la montataura). :mrgreen:
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

elettrico
Buon utente
Messaggi: 99
Iscritto il: 17/09/2011, 18:28

Re: Caratteristiche tecniche di grandi rifrattori professionali

Messaggio da elettrico » 08/11/2019, 22:44

elettrico ha scritto:
06/11/2019, 18:47
Rick ha scritto:
06/11/2019, 15:54
... Possibile che non si riesca a scoprire il proprietario?
Alcuni anni fa, su una rivista di astronomia (forse Il cielo o Coelum Astronomia) c'era una pubblicità di non ricordo cosa che menzionava l'arrivo di questo tripletto, e ricordo che uno dei committenti era un certo dottor xxx* del centro Italia.

Alberto
* le x non è censura, ma non ricordo proprio il nome... :oops:
Trovata... "Coelum" n. 129 giugno 2009 pag 75
Le caratteristiche dello strumento sono
diametro 510mm, focale 6500 mm, tripletto super ED, tubo in composito
idea e coordinamento Dott. Fabio Rubeo
progettazione ottica Dott. Massimo Riccardi
realizzazione LZOS e Utopia Ottica
previsione prima luce dicembre 2011
sito osservativo SARUB Abruzzo
La ditta è (era ?) Sator Astronomia

Alberto

Avatar utente
ForMa_55
Buon utente
Messaggi: 228
Iscritto il: 03/08/2012, 11:29
Località: Carpi (MO)

Re: Caratteristiche tecniche di grandi rifrattori professionali

Messaggio da ForMa_55 » 09/11/2019, 20:35

elettrico ha scritto:
08/11/2019, 22:44
elettrico ha scritto:
06/11/2019, 18:47
Rick ha scritto:
06/11/2019, 15:54
... Possibile che non si riesca a scoprire il proprietario?
Alcuni anni fa, su una rivista di astronomia (forse Il cielo o Coelum Astronomia) c'era una pubblicità di non ricordo cosa che menzionava l'arrivo di questo tripletto, e ricordo che uno dei committenti era un certo dottor xxx* del centro Italia.

Alberto
* le x non è censura, ma non ricordo proprio il nome... :oops:
Trovata... "Coelum" n. 129 giugno 2009 pag 75
Le caratteristiche dello strumento sono
diametro 510mm, focale 6500 mm, tripletto super ED, tubo in composito
idea e coordinamento Dott. Fabio Rubeo
progettazione ottica Dott. Massimo Riccardi
realizzazione LZOS e Utopia Ottica
previsione prima luce dicembre 2011
sito osservativo SARUB Abruzzo
La ditta è (era ?) Sator Astronomia

Alberto
mi chiedo come mai un tale strumento se è entrato in funzione non sia stato reso pubblico.
Ho conosciuto Massimo Riccardi ai primi star party di Ostellato: bravo progettista, io uso il suo programma.
Mi sembra di ricordare che questo progetto partì per il fatto che in russia esisteva una piastra di KZFS1 o equivalente delle dimensioni giuste per poter fare il rifrattore da 510mm.
tripletto apo 155 f. 7 a contatto su losmandy g11
oculari clave': 5,6,8,12,16,20,25,35,45, pentax xl: 21-10.5-5.2, radian 3mm
zoom: vixen 8-24 e hyperion 8-24. erfle 40mm, wide scan II 30mm, leica 14mm wa
barlow baader FFC, prisma di Herschel 2"
canon 550d con zoom: 18-135 EF-S IS, 100-400L IS USM

Rispondi

Torna a “L'osservazione del cielo coi telescopi rifrattori”