Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

I craterini di Plato, la storia infinita

Osservazioni del Sole e del Sistema Solare, del cielo profondo, di comete e quant'altro sopra le nostre teste
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1182
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: I craterini di Plato, la storia infinita

Messaggio da Ivano Dal Prete » 08/12/2019, 13:42

Stasera sono riuscito di nuovo ad osservare la Luna dopo un periodo di brutto tempo; le previsioni davano seeing 2 in una scala da 1 (pessimo) a 5 (ottimo), ma a 50 gradi altezza e' tutta un'altra vita rispetto a Giove e Saturno. L'immagine era tremolante ma limpida e incisa una volta trovata la messa a fuoco, ho osservato con il plossl da 5mm a 335x e anche con l'8mm + barlow a 440. Sto usando questo thread come generico per la Luna, amministratori liberi di spostarlo.

Ero fermamente intenzionato a fare qualche disegno, ma i soggetti che avevo preso di mira inizialmente (tipo Gassendi) erano indisegnabili, troppi dettagli e troppo fini. Alla ricerca di un soggetto "facile" mi sono imbattuto prima in Keplero che mostrava interessanti terrazzamenti, poi in Encke. Complice immagino l'illuminazione (81.6%) il fondo del cratere sembrava molto diverso dalla maggior parte delle immagini e disegni, attraversato da una sorta di Y rovesciata (in visione telescopica). Encke N sul bordo era nettamente piu' cospicuo del craterino senza nome piu' o meno delle stesse dimensioni all'interno, molto piu' evidente di solito nelle foto e disegni che ho visto in rete. Ho provato a disegnarlo ma niente, tecnica totalmente sbagliata e troppi dettagli.

Alla fine mi sono spostato su uno dei miei soggetti preferiti, il picco che si staglia sul lembo a S di Newton. E' lo stesso designato con M1 in quest'immagine, ovviamente non con gli stessi dettagli ma sempre molto interessante https://www.flickr.com/photos/gpvarney/44842640671
Qualcuno lo conosce meglio? 9 anni fa :o lo avevo disegnato al rifrattore da 25, illuminazione leggermente diversa, e purtroppo pure la mano. Lo schizzo che ho fatto non lo pubblico nemmeno. Mi ci devo applicare.
Allegati
Moon hills_small.jpg
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1182
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: I craterini di Plato, la storia infinita

Messaggio da Ivano Dal Prete » 08/12/2019, 14:12

p.s. quest'immagine forse rende meglio: http://meteomauritius.altervista.org/ga ... .jpeg.html

Nell'immagine di Varney, se notate leggermente a dx del picco M1 si nota uno "smudge" di luce, chiaramente un'altra cima appena illuminata. Ieri sera si notava lo stesso dettaglio, ma piu' evidente.
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1182
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: I craterini di Plato, la storia infinita

Messaggio da Ivano Dal Prete » 08/12/2019, 14:13

p.p.s. Ma non si puo' fare in modo che quando si clicca su un link si apre un'altra finestra, cosi' non si abbandona il sito?
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
Raf584
Buon utente
Messaggi: 6636
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: I craterini di Plato, la storia infinita

Messaggio da Raf584 » 09/12/2019, 13:57

Bel disegnino, le zone di librazione interessano molto anche me, hanno un loro fascino particolare e presentano anche, a volte, una sfida per l'identificazione corretta. L'atlante del Rukl riporta queste zone in tavole dedicate.

Usi qualche atlante ?
Ivano Dal Prete ha scritto:
08/12/2019, 14:13
p.p.s. Ma non si puo' fare in modo che quando si clicca su un link si apre un'altra finestra, cosi' non si abbandona il sito?
non saprei, bisognerebbe sentire il webmaster
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
Astrotest, strumentazione e osservazione astronomica

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1182
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: I craterini di Plato, la storia infinita

Messaggio da Ivano Dal Prete » 09/12/2019, 16:37

Il mio Rukl non ha le tavole con le zone di librazione, non so perche'. E' una versione in francese acquistata alla Maison de l'Astronomie quando vivevo a Parigi.

Uso molto anche il virtual Moon Atlas, soprattutto perche' il mio telescopio mostra un sacco di dettagli che il Rukl non riporta. Anche quello pero' non e' particolarmente utile con le zone al lembo. Lo schizzo che ho postato mi piace da un punto di vista impressionistico, ma le proporzioni non sono particolarmente accurate. Credo di averlo fatto direttamente all'oculare. Manca l'affascinante e spettrale (in tutti i sensi) alone violetto tipico del Clark :P
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
Raf584
Buon utente
Messaggi: 6636
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: I craterini di Plato, la storia infinita

Messaggio da Raf584 » 09/12/2019, 18:55

Non mi piacciono gli atlanti per PC, all'oculare uso il Rukl oppure l'Hatfield, di quest'ultimo esiste sia la versione mirror - per chi usa i diagonali standard - sia quella telescopica rovesciata. Altrimenti c'è LunarMap HD per smartphone... ;)

Del Rukl sono uscite svariate edizioni, l'ultima in ordine di tempo è stata quella della Sky, le precedenti effettivamente non avevano le zone di librazione.

bazzicavo anch'io la Maison quando ero spesso a Parigi per lavoro, ma aveva prezzi poco amichevoli.
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini del Sole
Astrotest, strumentazione e osservazione astronomica

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1182
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: I craterini di Plato, la storia infinita

Messaggio da Ivano Dal Prete » 09/12/2019, 20:15

Raf584 ha scritto:
09/12/2019, 18:55
Non mi piacciono gli atlanti per PC, all'oculare uso il Rukl oppure l'Hatfield
All'oculare uso anch'io il Rukl, mi piacerebbe di piu' se le mappe fossero in visione invertita. Virtual Atlas a tavolino.
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1182
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: I craterini di Plato, la storia infinita

Messaggio da Ivano Dal Prete » 16/12/2019, 14:34

Persistendo il cattivo tempo e pianeti/Luna in ore scomode, mi sono incaponito a cercare di capire cosa fossero esattamente i picchi al lembo che avevo osservato una settimana fa. Con l'aiuto del Virtual Moon Atlas, mappe topografiche e... GoogleMoon (ebbene si; chi altro ti fa osservare un certo punto della Luna sotto diverse angolazioni, anche se non divese illuminazioni, e ti da' l'altimetria semplicemente passandoci sopra con il mouse?) penso di aver ristretto le possibilita' a due picchi sui 2700-2800 metri che fanno parte della cinta di un cratere non meglio nominato a W di Newton C. Sono indicati con M1 e M2 nelle immagini allegate, che ho tratto dal Virtual Moon Atlas e dal link riportato sopra. Il quadrato rosso isola un craterino sul bordo di Newton G che ho usato come riferimento.

Tra l'altro, mi sono reso conto che quei due picchi non sono quelli che avevo disegnato al Clark nove anni fa; questi si trovano piu' a W, nel mio schizzo a quanto pare ho amplificato la pendenza e la "valle" tra i due picchi (inesperienza con il soggetto + condizioni di illuminazione e librazione leggermente diverse immagino). Fondamentale per l'identificazione aver segnalato chiaramente la direzione di Moretus nel disegno originale.

Ivano
Allegati
peaks2.jpg
peaks1.jpg
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1182
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: I craterini di Plato, la storia infinita

Messaggio da Ivano Dal Prete » 16/12/2019, 18:17

Aggiornamento: nel post sopra il picco "M1" per me era soltanto "Montagna 1", ma nell'immagine di Varney che ho linkato in precedenza l'autore lo identifica come il picco effettivamente denominato "M1" in questa lista di cime che godono di luce quasi eterna: https://en.wikipedia.org/wiki/Peak_of_eternal_light. Sara' per quello che lo vedo sempre quando osservo questa zona :D

Immagino che abbia ragione Varney, in effetti si trova proprio lungo la linea di mira e appare decisamente oltre la regione di Newton, ma non ho idea se la curvatura lunare permetterebbe effettivamente di vederlo cosi' alto con questa librazione. M1 e' alto circa 4500 metri e fa parte della cinta di Malapert, vicino ce n'e' un'altro appen un po' piu' basso (M1-B). I due picchi che avevo indicato in precedenza sono ridesignati nell'immagine allegata come Peak A e B, il primo circa 2500 metri e il secondo sui 2700. Quello che era M1 ma in realta' dovrebbe essere M2 (adesso Peak A in questa immagine), ha anche stampato sulle pendici un craterino che sembra coincidere. Ma se e' cosi', che fine ha fatto Peak B che dovrebbe essere anche piu' alto di Peak A? :think:

Quanto al disegno del 2010, credo proprio si tratti dei contrafforti SW di Simpelius B, che raggiungono i 3300 metri vale a dire 1 km. piu' della cinta NE che in teoria li dovrebbe mascherare. (ovviamente il meridiano 0 passa da quelle parti, per cui per evitare di fare casino uso le direzioni celesti).

Immagine fatta con GoogleMoon, nell'assunto che i suoi dati altrimetrici siano (almeno grossomodo) accurati.

OK, adesso che mi sono (quasi) cavato questa ossessione torno a lavorare. Se c'e' qualche Moon nerd ogni input e' apprezzato! :wave:
Allegati
Update.jpg
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1182
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: I craterini di Plato, la storia infinita

Messaggio da Ivano Dal Prete » 16/12/2019, 20:59

p.s. Il sito della sezione Luna UAI ha una fantastica immagine della zona a S di Newton ripresa in condizioni di librazione molto meno radenti: http://luna.uai.it/images/Fig.3a_mau.jpg :shock:
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7323
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: I craterini di Plato, la storia infinita

Messaggio da -SPECOLA-> » 16/12/2019, 21:58

Caspita! :o
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXIV). http://www.specola.altervista.org/

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1182
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: I craterini di Plato, la storia infinita

Messaggio da Ivano Dal Prete » 07/01/2020, 5:49

Tornato a casa dopo le vacanze di Natale passate in Italia, ho tirato fuori il newton da 25 per osservare di nuovo la Luna. Seeing molto scadente purtroppo, nonostante sia rimasta tutto il tempo sopra i 60 gradi di altezza. Ho passato lo stesso un'oretta a conoscere meglio Herschel, vasto cratere diroccato steso in direzione W-E al bordo S del Mare Frigoris, prima con il plossl 5mm a 335x, poi a 218x con il Televue da 8mm che dava nettamente la visione migliore.

Piuttosto interessante il fondo, diviso in una zona W dall'aspetto a "grattugia" che occupa circa 2/5 del cratere, una parte centrale meno accidentata e la zona E (piu' o meno 1/4 del totale) paragonabile a un mare. Notevole la transizione tra le due ultime aree, apparentemente una cresta o una scarpata che percorre il fondo in direzione N-S andando a lambire Herschel K. Domani magari posto anche uno schizzo.
"Consider the impact your proposed telescope could have on your life. Talk to your spouse, your kids, and your friends. Does it fit the way you live? If you have doubts, reduce the planned aperture by one third and repeat this step."
(Kriege and Berry, "The Dobsonian Telescope")

"I am a historian. Nothing shocks me."

Rispondi

Torna a “Osservazione e fotografia astronomica”