Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

diaframma regolabile sui binocoli

binocoli moderni, binocoli vintage, binocoli classici, binocoli militari, binocoli compatti, binocoli giganti ed altro ancora. Questo settore è dedicato totalmente agli appassionati del binocolo a 360°
haldol
Messaggi: 9
Iscritto il: 03/03/2014, 7:30

diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da haldol » 10/01/2020, 13:58

chiedo agli esperti se un diaframma regolabile, come gli obiettivi delle macchine fotografiche, possa essere utile sui binocoli. A mio parere chiudendo il diaframma in condizioni di buona luce si avrebbe migliore nitidezza e profondità di fuoco, lo si aprirebbe invece in condizioni di scarsa luce

piero
Buon utente
Messaggi: 3447
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da piero » 10/01/2020, 21:15

Ciao Serenase.... ;)
io sono convinto di sì ; era un cosa che mi ero prefigurato già circa un 15ina di anni fa e di cui ne avevo parlato con Piergiovanni in una pseudo-intervista agli esordi di Binomania (Pier ricordi?); credo sarebbe utile soprattutto su binocoloni dagli 80 mm in su
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1528
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da Giovanni Bruno » 11/01/2020, 10:15

Ho posseduto molte decine di BINOCOLONI da 70mm a 100mm ed invariabilmente ho sempre fatto tutta una serie di diaframmi in semplice cartoncino compatto per ogni singolo binocolo posseduto.

Con un grosso diametro ed in modo particolare con ottiche ACRO ad f4 ed in pieno giorno, diaframmare significa ridurre la TURBOLENZA ed il CROMATISMO ed aumentare la PROFONDITA' di fuoco.

Tutti vantaggi notevoli.
Mentre si utilizzerà la piena apertura per il terrestre con cielo nuvoloso e per un uso astronomico deep sky. :thumbup: :wave:

Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1945
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da Angelo Cutolo » 11/01/2020, 12:36

piero ha scritto:
10/01/2020, 21:15
io sono convinto di sì ; era un cosa che mi ero prefigurato già circa un 15ina di anni fa e di cui ne avevo parlato con Piergiovanni in una pseudo-intervista agli esordi di Binomania (Pier ricordi?); credo sarebbe utile soprattutto su binocoloni dagli 80 mm in su
La cosa mi interessa Piero. Considerato che quando c'è molta luce, ci pensa la nostra pupilla a "diaframmare" lo strumento, ritieni che PU inferiori ai 2 mm (+ o - il minimo diametro di una pupilla umana) possano essere utile in certe occasioni?
E in quali occasioni sarebbero utili?

Se mi dai le casistiche e le PU utili (sempre + o -), nel caso potrei fare qualche prova con diaframmi fissi sul 30x80.
Grazie.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

piero
Buon utente
Messaggi: 3447
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da piero » 12/01/2020, 11:30

Ciao Angelo,
in realtà era solo un'idea, non suffragata da verifiche quantitative. Il tutto partiva da un domanda postami da Piergiovanni quando ancora nemmeno esisteva il nexus che recitava "qual è il tuo binocolo immaginario ideale?"; fra le varie caratteristiche che avevo fantasticato (alcune divenute poi realtà negli anni, come l'impiego degli zoom) c'era anche la possibilità di un diaframma variabile, analogamente agli obiettivi fotografici, selettivamente per binocoli di ampio diametro e corta focale (nella testa avevo i miya da 100 e 141, i vecchi vixen 125 e fujinon 150) per ridurre l'aberrazione cromatica su soggetti molto luminosi o per l'impiego diurno.
Relativamente al tuo Vixen, che come avrai visto in alcuni frangenti mostra aberrazione cromatica, potrebbe essere interessante provare ad applicare un diaframma per ridurlo a 70 e 60 mm vedere cosa ne vien fuori, almeno in terrestre (ricordo che l'avevi preso anche per questo). Sul cielo forse il concetto potrebbe applicarsi dai 100 mm in su, sempre che si abbia a che fare con una corta focale, per luna, pianeti o stelle molto luminose (senza per forza arrivare a Sirio): tanto per intenderci probabilmente è abbastanza inutile su quei modelli diritti della serie Marine come il 28x110 che sono già lunghi di per sè .
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1945
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da Angelo Cutolo » 12/01/2020, 12:13

Bene, ci provo.
piero ha scritto:
12/01/2020, 11:30
...in realtà era solo un'idea, non suffragata da verifiche quantitative.
Le verifiche le faccio io, ho ancora un po di tappi della nutella che ben si adattano alla cosa. :mrgreen:

Effettivamente è una cosa che ho notato sul Sole col Vx, facendo due filtri in AS diametro 65 mm (fatti così per incastrarli all'interno dei paraluce del bino), dove il bordino "colorato" è pressocché sparito, rispetto al tutta apertura.
Come sai lo uso attivamente per l'aerowatching, quindi con fusoliere perlopiù bianche (e "pancia" color metallo), che si stagliano sul fondo cielo chiaro, tutte condizioni "critiche" per il cromatismo.
Proverò con vari diaframmi per capire quale sarà il miglior compromesso tra riduzione del cromatismo, riconoscimento della livrea e lettura dell'ID del velivolo.

Poi magari faccio un piccolo report.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

piero
Buon utente
Messaggi: 3447
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da piero » 12/01/2020, 12:45

ottimo, sarebbe molto interessante, soprattutto perché i tuoi soggetti di osservazione sono molto probanti in tal senso; facci sapere
PS: la Novi è molto più buona della Nutella ma costa sensibilmente di più ;)
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1945
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da Angelo Cutolo » 12/01/2020, 19:48

Io sono un nutellomane allo stadio terminale, peccato debba essere estremamente "parsimonioso" nell'utilizzo.

Al momento ho quattro tappi, quindi partirò con diaframmi da 60 (PU 2 mm) e 50 mm (PU 1,7), rispetto alla PU originale di 2,7.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 1528
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da Giovanni Bruno » 13/01/2020, 9:12

Vedrai che il diaframma da 50mm ti stupirà.

Quando avevo il NEXUS da 100mm, comprai anche un binocolo angolato da 70mm, genericamente dichiarato come ED.

Ebbene, in modo specifico nel terrestre architettonico diurno, diaframmando il NEXUS da 100mm a 40mm, percepivo la stessa luce del 70mm a piena apertura, ma una incisività di immagine nettamente superiore con il NEXUS diaframmato a 40mm.

La molta maggiore focale del NEXUS da 100mm, diaframmato a 40mm e quindi diventato un f10, rispetto al più corto 70mm a piena apertura e quindi a circa f4, era davvero un bellissimo vedere. :thumbup: :wave:

Avatar utente
fulvio_
Buon utente
Messaggi: 558
Iscritto il: 11/03/2014, 20:31
Località: Cosenza

Re: diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da fulvio_ » 13/01/2020, 16:06

Come già ebbi modo di dire, tempo fa provai a diaframmare il mio binocolone acromatico (Vixen BT 126) a 100 mm, usando due cartoncini. Sul cielo i risultati furono deludenti. Un impercettibile miglioramento alla voce cromatismo a fronte di un sensibile calo di luminosità.
Osservo con: Nikon 8x30 EII - Tasco 110 - William Optics 10x50ed - Vixen BT 126

3nzo
Buon utente
Messaggi: 535
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da 3nzo » 15/01/2020, 0:33

Negli obbiettivi fotografici il diaframma ha una utilità per regolare la profondità di campo e il tempo di esposizione e riducendo molto l'apertura, il potere separatore cala per gli effetti della diffrazione. In genere, gli obbiettivi fotografici hanno l'optimum della risoluzione a qualche stop di chiusura perché si esapera l'apertura dell'ottica, cosa che può essere comoda per avere un tempo più veloce o una profondità di campo ridotta.
Questi problemi non si pongono con binocoli o telescopi perché sono destinati all'osservazione diretta, quindi nessun problema di esposizione, apertura probabilmente (perché non ho verificato) regolata sul valore ottimale e problemi di profondità di campo nulli perché previsti per osservazione a grande dfistanza senza necessità di avere a fuoco soggetti su piani differenti.
Poi non dimentichiamo che il piano di messa a fuoco è teoricamente un piano, una distanza ben precisa, e la profondità di campo deriva dalla limitazione della risoluzione dell'occhio che vede come punti i cerchi di confusione sotto il suo potere risolutivo.

piero
Buon utente
Messaggi: 3447
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da piero » 15/01/2020, 1:15

non vorrei aver ingenerato equivoci quando ho citato gli obiettivi fotografici, tirati in ballo solo per il concetto di "variabilità" del diaframma che qui serve invece solo per l'aberrazione sferica/cromatica e aumentare le definizione su soggetti, come ho detto, "molto luminosi (luna/pianeti) o in diurno" ( il che che spiega e giustifica l'esperienza negativa di Fulvio su "normali" oggetti deep-sky), similmente a quanto accade per rifrattori acromatici di ampio diametro e corta focale (per esempio un 150/750 f/5), spesso già forniti di serie con un tappo che può funzionare da diaframma perché aperto su un diametro minore con un tappo secondario rimovibile (tappo da 150 con tappo secondario che riduce a 120). Il diaframma infatti non è inserito nel treno ottico come negli obiettivi fotografici ma proprio come un tappo davanti all'obiettivo (come renderlo variabile e se possa poi essere inserito all'interno con lo stesso effetto non saprei dire; in genere i tubi ottici hanno già i loro diaframmi interni)
Ultima modifica di piero il 15/01/2020, 1:20, modificato 1 volta in totale.
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Avatar utente
stevedet
Buon utente
Messaggi: 840
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da stevedet » 15/01/2020, 1:19

Ciao ragazzi... (si fa per dire). Ultimamente partecipo poco, ma questo topic è un invito a nozze! Anni fa, sul mio Nexus da 100mm provai diverse diaframmature, sfruttando il fatto che il tappo del barattolino del gelato Sammontana pareva nato sullo stampo del paraluce del binocolo. Unico inconveniente è che bisognava fare il sacrificio di mangiare prima il gelato.... :lol:
Comunque provai a fare vari diaframmi 80, 70, 60 e 50mm ed alla fine giunsi alla conclusione che, nell'uso diurno in piena luce, i risultati che mi piacevano di più li ottenevo a 70mm. Al di sotto mi pareva di tarpare troppo le ali al binocolo; al di sopra, che il gioco non valesse la candela.
Osservando ad esempio le navi all'orizzonte sul mare, a 70mm ho sempre apprezzato una messa a fuoco più precisa ed un immagine un po' più nitida rispetto alla piena apertura.
Nell'uso astronomico invece, ho sempre preferito l'immagine ottenuta a piena apertura anche su un oggetto luminosissimo come la Luna. Non so dirvi perché. Come se l'immagine del nostro satellite, pur guadagnando un filo in nitidezza, perdesse un pochino del suo calore. Ma forse è solo una mia suggestione.
Angelo Cutolo, di diaframmi ai binocoli se ne parlò più di una volta nel forum astrofili.org, evidentemente non eri attento! :wave:

piero
Buon utente
Messaggi: 3447
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da piero » 15/01/2020, 1:23

stevedet ha scritto:
15/01/2020, 1:19
Ciao ragazzi... (si fa per dire). Ultimamente partecipo poco, ma questo topic è un invito a nozze! Anni fa, sul mio Nexus da 100mm provai diverse diaframmature, sfruttando il fatto che il tappo del barattolino del gelato Sammontana pareva nato sullo stampo del paraluce del binocolo. Unico inconveniente è che bisognava fare il sacrificio di mangiare prima il gelato.... :lol:
ricordo molto bene le tue indigestioni.....
stevedet ha scritto:
15/01/2020, 1:19
Nell'uso astronomico invece, ho sempre preferito l'immagine ottenuta a piena apertura anche su un oggetto luminosissimo come la Luna. Non so dirvi perché. Come se l'immagine del nostro satellite, pur guadagnando un filo in nitidezza, perdesse un pochino del suo calore. Ma forse è solo una mia suggestione.
l'osservazione della luna piena al binocolo l'avevi definita "ipnotica".... :wave:
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....

Avatar utente
stevedet
Buon utente
Messaggi: 840
Iscritto il: 13/10/2014, 23:00

Re: diaframma regolabile sui binocoli

Messaggio da stevedet » 15/01/2020, 1:30

piero ha scritto:
15/01/2020, 1:23
l'osservazione della luna piena al binocolo l'avevi definita "ipnotica"...
Davvero! E so bene che tu condividi. Sembra che galleggi nel cielo. Più che soffermarmi sui singoli dettagli, come si fa nelle altre fasi al telescopio, è proprio catturare la maestosità del satellite nella sua interezza che mi rapisce.

Rispondi

Torna a “BINOCOLI”