Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Marte 2020

Osservazioni del Sole e del Sistema Solare, del cielo profondo, di comete e quant'altro sopra le nostre teste
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1605
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Marte 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete » 27/10/2020, 13:31

OctoberSky ha scritto:
27/10/2020, 1:52
l'immagine era ferma ma era impossibile da mettere a fuoco.
Uhm, se "impossibile da mettere a fuoco" significa immagine ferma ma non si vede un tubo, questo sarebbe proprio un sintomo da turbolenza strumentale. La cura e' il classico aspetta che ti passa, o una ventola dietro al primario.
"I am a historian. Only Trump shocks me."

Avatar utente
OctoberSky
Buon utente
Messaggi: 69
Iscritto il: 16/05/2014, 18:43

Re: Marte 2020

Messaggio da OctoberSky » 27/10/2020, 19:15

Gentile Ivano, è possibile che la turbolenza indotta dallo strumento stesso non in equilibrio termico con l'ambiente aumenti con il passare del tempo a fronte di una temperatura semi-costante esterna?
Dico questo perché la visione era migliore, minor turbolenza visibile in intra ed extra focale, nei primi 5 minuti, per poi peggiorare sempre di più nelle successive 2 ore e mezze successive.
Ho esperienza della turbolenza interna dei catadiottrici e riflettori precedentemente avuti, e si manifestavano come pattern semi-fissi riconoscibili in intra ed extra, le cosiddette "piume di calore". Ho sempre imputato al seeing il, come lo chiamo io, "bloating", ovvero l'espansione dell'immagine dell'oggetto (sia stellare che planetario) che risulta ferma ma impossibile da focalizzare; nella mia ignoranza questo tipo di distorsione l'ho associata a jet stream di tipo turbolento, per via del fatto che in intra ed extra appaiono delle distorsioni continue ed unidirezionali (in teoria dovrei osservare le variazioni dell'indice di rifrazione in questo modo). Comunque sono molto ignorante in materia strumentale e nella valutazione del seeing, quello che credo di sapere proviene da valutazioni personali maturate in pochi anni di esperienzaa osservativa. Vorrei saperne di più :think:
Comunque era un rifrattore, devo informarmi e vedere se esistono soluzioni di ventoline anche per le lenti :think:

Chiedo scusa per eventuale OT
Antonio D.

Meade ACF 12" f/10, TecnoSky acro 152 f/6, TS 102 ED f/11
CGEM DX
15x70 USM, Canon 10x30 IS II

Avatar utente
Andrea75
Buon utente
Messaggi: 1027
Iscritto il: 30/04/2012, 12:24
Località: Milanistan

Re: Marte 2020

Messaggio da Andrea75 » 27/10/2020, 21:15

Grazie Ivano, in effetti la stagione marziana avanza...
Octobersky, durante l'opposizione 2012 mi era capitata una cosa che somiglia da vicino a quello che descrivi come turbolenza indotta da jet stream in quota. Per la prima volta seguivo l'opposizione di Marte con il 60 mm, visualmente, in modo un po' più sistematico rispetto al mio solito "turismo del cielo". Nello stesso periodo avevo imparato anche a "smanettare" un po' con il doppietto: lo avevo smontato, pulito, avevo pazientemente trovato il "matching" migliore tra i due elementi per togliere un fastidioso residuo di astigmatismo... e nonostante l'opposizione afelica Marte mostrava anche in visuale dettagli visibili e disegnabili, almeno per le mie modeste capacità di allora. Ero entusiasta dei primi tentativi di osservazione più seria! Una certa sera, nel puntare il pianeta, anziché i soliti chiaroscuri ben definiti vedevo solo un tondo sfocato, di un arancio uniforme. Al punto che sono arrivato a smontare il doppietto per verificare di non averlo involontariamente invertito peggiorando la sferica! Ma non si trattava di quello. Puntando una stella non vedevo il solito dischetto di Airy ma una "chiazza" tonda di alcuni secondi d'arco! La cosa era dovuta ad un "letto" di correnti in quota che scorrevano al bordo di una struttura anticiclonica, sotto cui il nord Italia si trovava. Qualche sera dopo ho ritrovato la consueta immagine "scolpita" e definita, con un seeing tra i migliori che ricordi...
Prima di cena ho dato un'occhiata al Guerriero rosso: di nuovo solo riprese, ma magari più tardi (se se ne va la nuvolaglia che nel frattempo è sopravvenuta...) rimetto un oculare al buon vecchio sessantino! :)
Andrea, Milano
Sede operativa della Specola Minima Mediolani: balcone di casa...

L'INDIGNAZIONE E' VIOLENZA; LA VIOLENZA E' SBAGLIATA. SEMPRE.

... lunga vita al sessantino!

Avatar utente
Andrea75
Buon utente
Messaggi: 1027
Iscritto il: 30/04/2012, 12:24
Località: Milanistan

Re: Marte 2020

Messaggio da Andrea75 » 28/10/2020, 21:40

... Resoconto "fotografico" di ieri sera (tra una nuvola e l'altra, e oggi non è diverso... :x ).
La fase comincia visibilmente a calare: Syrtis Major in bella evidenza con Hellas sgombra da nebbie, al contrario ben presenti sul bordo precedente (o forse è limb brightening?) e visibili anche a nord, sul lembo seguente a latitudini elevate (nell'immagine delle 19.53 dovrebbe trattarsi grossomodo della zona di Acidalium). Ancora ben visibile la calotta sud, contrastatissima!
MARTE_27_10_2020.jpg
Vediamo se riesco a replicare.. ho preso qualche video verso le 17.45 TU ma il pianeta ballava la tarantella per il cattivo seeing, e adesso ci sono antipatiche velature... :?
Andrea, Milano
Sede operativa della Specola Minima Mediolani: balcone di casa...

L'INDIGNAZIONE E' VIOLENZA; LA VIOLENZA E' SBAGLIATA. SEMPRE.

... lunga vita al sessantino!

Avatar utente
OctoberSky
Buon utente
Messaggi: 69
Iscritto il: 16/05/2014, 18:43

Re: Marte 2020

Messaggio da OctoberSky » 28/10/2020, 21:54

Andrea, la tua perseveranza col 60ino è assurda!
Comunque si, la tua esperienza è sovrapponibile alla mia, però magari mi sbaglio ed è turbolenza interna, dovrei approfondire :think:
Antonio D.

Meade ACF 12" f/10, TecnoSky acro 152 f/6, TS 102 ED f/11
CGEM DX
15x70 USM, Canon 10x30 IS II

Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1605
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Marte 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete » 29/10/2020, 0:22

OctoberSky ha scritto:
27/10/2020, 19:15
Gentile Ivano, è possibile che la turbolenza indotta dallo strumento stesso non in equilibrio termico con l'ambiente aumenti con il passare del tempo a fronte di una temperatura semi-costante esterna?
Dico questo perché la visione era migliore, minor turbolenza visibile in intra ed extra focale, nei primi 5 minuti, per poi peggiorare sempre di più nelle successive 2 ore e mezze successive.
Si, se per esempio sta osservando Venere sotto il sole o se la temperatura notturna sta scendendo piu' velocemente di quanto lo specchio possa adattarsi. Forse un caso non raro in questa stagione in prima serata.
OctoberSky ha scritto:
27/10/2020, 19:15
Ho esperienza della turbolenza interna dei catadiottrici e riflettori precedentemente avuti, e si manifestavano come pattern semi-fissi riconoscibili in intra ed extra, le cosiddette "piume di calore". Ho sempre imputato al seeing il, come lo chiamo io, "bloating", ovvero l'espansione dell'immagine dell'oggetto (sia stellare che planetario) che risulta ferma ma impossibile da focalizzare; nella mia ignoranza questo tipo di distorsione l'ho associata a jet stream di tipo turbolento, per via del fatto che in intra ed extra appaiono delle distorsioni continue ed unidirezionali (in teoria dovrei osservare le variazioni dell'indice di rifrazione in questo modo). Comunque sono molto ignorante in materia strumentale e nella valutazione del seeing, quello che credo di sapere proviene da valutazioni personali maturate in pochi anni di esperienzaa osservativa. Vorrei saperne di più :think:
I catadiottrici sono notoriamente rognosi per via del tubo chiuso, i newton sono piu' semplici da acclimatare. Sono anch'io assolutamente un empirico, tanto sul seeing extra-strumentale non ci posso fare molto (a parte annaffiare il cemento se osservo d'estate dal driveway). Nella zona in cui abito le escursioni termiche sono molto contenute e il telescopio lo tengo in garage, c'e' pure una finestra che tengo sempre aperta percio' non ho mai avuto grossi problemi con un newton da 25. Aiuta anche avere un tubo abbastanza generoso rispetto al diametro del primario perche' l'aria in entrata e in uscita tende ad incollarsi alle pareti.

Comunque ci sono astrofili che hanno compiuto studi parecchio rigorosi su turbolenza strumentare strato limite ecc. anche con simulazioni, basta cercare un po' su internet.
"I am a historian. Only Trump shocks me."

Avatar utente
Andrea75
Buon utente
Messaggi: 1027
Iscritto il: 30/04/2012, 12:24
Località: Milanistan

Re: Marte 2020

Messaggio da Andrea75 » 31/10/2020, 12:52

OctoberSky ha scritto:
28/10/2020, 21:54
Andrea, la tua perseveranza col 60ino è assurda!
... Be'... l'unico vantaggio del piccolissimo rifrattore è che in 30 secondi lo prendi con una mano, lo porti in balcone, attacchi il cavo al portatile (la camera è sempre montata con il fuoco già fatto, tutt'al più si verifica in altri 30 secondi sulla stella più vicina...) e sei operativo. Comunque non definirei "perseveranza" sessioni "osservative" che comprendono al massimo 10 minuti di riprese video alla volta... :oops:
Detto ciò, ho "osservato" in questo modo ogni sera, sfruttando la parentesi di giornate semiserene (e senza disdegnare un'occhiata alla Luna!); purtroppo le mie finestre di orario, limitatissime, non mi hanno permesso (per ora) di osservare longitudini differenti da quelle già viste nei giorni scorsi. Ma se capitano altre sere serene dovrei poter "scavalcare" le longitudini di Syrtis Major.
29 ottobre, 19.52 T.U
29_10_2020_19_52_TU.jpg
29_10_2020_19_52_TU.jpg (6.49 KiB) Visto 360 volte
30 ottobre, 19.50 T.U.
30_10_2020_19_50_TU.jpg
30_10_2020_19_50_TU.jpg (4.88 KiB) Visto 360 volte
Solito 60 mm con solita barlow 3x circa; solita QHY-5L-II colore.

Devo aggiungere che da quando ho scoperto Astrosurface mi sono completamente "convertito" al suo uso esclusivo! Molto semplice nell'interfaccia, permette elaborazioni potenti, equilibratissime e soprattutto perfettamente ripetibili potendo salvare ogni parametro; inoltre ha una serie di funzionalità di analisi delle immagini davvero sorprendente per un software gratuito!
Andrea, Milano
Sede operativa della Specola Minima Mediolani: balcone di casa...

L'INDIGNAZIONE E' VIOLENZA; LA VIOLENZA E' SBAGLIATA. SEMPRE.

... lunga vita al sessantino!

Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 1961
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Marte 2020

Messaggio da Angelo Cutolo » 01/11/2020, 8:39

Veramente complimenti.
Aspetto un tuo tutorial su questo software. :mrgreen: ;)

Il Milo non è immediato come il tuo 60ino, ma anche io osservo costantemente Marte, anche se negli ultimi giorni, tra umidità, "monsoni" e meteo fetente in genere, mai fatto un'osservazione continua per più di 20 minuti (in tutto ottobre mai apparecchiato l'Obice e usato il C8 solo due volte).
Osservo sempre dopo mangiato, qualche oretta prima del passaggio al meridiano, quindi anche io osservo praticamente sempre la stessa "faccia".



Ps.: Digressione "strumentale", con un foglio da 1x1 m di polipropilene (spessore 1,5 mm), ho abbozzato un paraluce per il C8 di varie misure; per chi può interessare, con un paraluce da 75 cm circa di lunghezza, il C8 (già acclimatato) ad alzo 45°(altezza Marte), con umidità tra il 75 e il 90%, resiste all'appannamento per quasi un'ora, tempo sufficiente per una buona osservazione planetaria.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; Vixen Ultima 8x56; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650 vintage; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.

Avatar utente
OctoberSky
Buon utente
Messaggi: 69
Iscritto il: 16/05/2014, 18:43

Re: Marte 2020

Messaggio da OctoberSky » 01/11/2020, 11:57

Ieri sera ho potuto provare per la prima volta il nuovo 102ED f/11.
Ho osservato Marte per un'oretta a ridosso delle 8, con un 5 mmHR Planetary, Skyglow ed un ND 0.6 che mettevo e toglievo: evidenti Syrtis Major, Hellas, lembo di Cimmerium al tramonto e calottina piccolina con accenno di "Lowell band" nella porzione est della stessa. Nubi a nord molto meno evidenti rispetto a qualche tempo fa.
Ho anche prodotto un disegno ma è per archivio personale, i miei disegni sono rimasti invariati dall'asilo per tecnica :mrgreen:
Poi, proprio per confermare quanto detto dal sig. Angelo, ho dovuto interrompere per umidità, il tubo ha iniziato a gocciolare e l'obiettivo si è appannato, nonostante il lungo paraluce di serie. Ci ha messo 2 ore una volta in ambiente tiepido, per spannarsi :mrgreen:
Comunque, digressione strumentale, credo che con questo nuovo 4" abbia trovato il giusto ausilio per osservare con più costanza. Mostra un filo di violetto attorno agli oggetti luminosi oltre i 200x, ma lo trovo più "usufruibile" e meglio costruito del 100ED che possedevo, oltre che leggero :mrgreen:
Antonio D.

Meade ACF 12" f/10, TecnoSky acro 152 f/6, TS 102 ED f/11
CGEM DX
15x70 USM, Canon 10x30 IS II

Avatar utente
Andrea75
Buon utente
Messaggi: 1027
Iscritto il: 30/04/2012, 12:24
Località: Milanistan

Re: Marte 2020

Messaggio da Andrea75 » 01/11/2020, 12:47

Ottima osservazione! Un buon 4" a lenti è certamente un validissimo strumento. Ho imparato sulla mia pelle, anche se ultimamente lo faccio pochissimo, che la tecnica di disegno planetario (che poi non richiede chissà quali doti artistiche, solo un po' di precisione nelle proporzioni) si affina... disegnando. Più si fa, più si impara.
Per Angelo: per Astrosurface faresti prima a chiedere direttamente al produttore Lucien, che so attivo su Astrofili.org e ben disponibile a rispondere. Purtroppo queste grandi opposizioni marziane sono sempre funestate da condizioni meteo avverse: una volta là (tempeste di sabbia nel 2018), una volta qua (l'autunno quest'anno sembra voler fare davvero l'autunno...)... :mrgreen:
Intanto...
18-40-43-893_marte_100r_T48_1800_reg.jpg
31 ottobre 2020, 17.41 TU... :whistle:
Andrea, Milano
Sede operativa della Specola Minima Mediolani: balcone di casa...

L'INDIGNAZIONE E' VIOLENZA; LA VIOLENZA E' SBAGLIATA. SEMPRE.

... lunga vita al sessantino!

maxdrummer61
Buon utente
Messaggi: 447
Iscritto il: 28/10/2011, 16:20

Re: Marte 2020

Messaggio da maxdrummer61 » 01/11/2020, 23:39

hello, ecco le mie osservazioni di Marte più recenti; rifrattore acromatico Skywatcher 100/1000 a 250 ingrandimenti con filtro arancio W21 e seeing variabile tra IV e III in entrambi i casi.
la sera del 28 sono riuscito a intravedere le "forche" del Sinus Meridiani, cosa non del tutto banale con un apertura di soli 10 cm.
nel disegno del 30 ottobre si nota che la fase comincia a calare e il pianeta non è più perfettamente rotondo......... :shock:
Allegati
IMG_0979.JPG
IMG_0978.JPG
Massimo - Montecatini Terme (Pistoia)
batterista e chitarrista di un gruppo rock, gli piace l'astronomia e osserva con: riflettore newton 200mm F/5, rifrattore acromatico Skywatcher BD 100mm F/10, Coronado PST, binocolo japan 7x50

Avatar utente
Andrea75
Buon utente
Messaggi: 1027
Iscritto il: 30/04/2012, 12:24
Località: Milanistan

Re: Marte 2020

Messaggio da Andrea75 » 02/11/2020, 0:29

... eh sì, ormai la fase è intorno al 98%. Ecco, a proposito di un 4"! :shock: Come sempre ottimi disegni, grazie! Qua è calato il mitico, impenetrabile nebbione padano...
Andrea, Milano
Sede operativa della Specola Minima Mediolani: balcone di casa...

L'INDIGNAZIONE E' VIOLENZA; LA VIOLENZA E' SBAGLIATA. SEMPRE.

... lunga vita al sessantino!

Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 9214
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Marte 2020

Messaggio da piergiovanni » 04/11/2020, 0:36

Ciao a tutti. Complimenti sinceri per le stupende osservazioni.
Come giudicate la visibilità dei dettagli in questa opposizione?
Pier
Piergiovanni Salimbeni
Iscrivetevi al nuovo canale Youtube! https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it
SIto personale di fotografia
www.piergiovannisalimbeni.com.it

Avatar utente
Andrea75
Buon utente
Messaggi: 1027
Iscritto il: 30/04/2012, 12:24
Località: Milanistan

Re: Marte 2020

Messaggio da Andrea75 » 04/11/2020, 21:57

Ciao Pier, contento di rileggerti! Mah, guarda, sinceramente non saprei... non ho ancora fatto osservazioni visuali e quindi non ho termini di paragone con le opposizioni passate (ricordo che nel 2014, con il riflettore, avevo visto e disegnato di tutto e di più... :dance: ); posso giudicare solo dalle modestissime riprese che ho fatto - perfino nel 60mm, nonostante un dischetto di soli 20", i dettagli a portata sono visibilissimi e ben contrastati.
Ricordo che alcuni interventi fa Ivano si stupiva del cambiamento nell'apparenza dei "mari" marziani rispetto alle osservazioni di luglio e agosto: io purtroppo me lo sono perso, ho un "blackout" osservativo che quest'anno credo abbia battuto un record... :(
Andrea, Milano
Sede operativa della Specola Minima Mediolani: balcone di casa...

L'INDIGNAZIONE E' VIOLENZA; LA VIOLENZA E' SBAGLIATA. SEMPRE.

... lunga vita al sessantino!

Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 9214
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Marte 2020

Messaggio da piergiovanni » 05/11/2020, 9:12

CIao Andrea, grazie per il commento. Ci sono, ci sono:-) ma sono molto piu' attivo su Facebook e sul gruppo whatsapp di Binomania.
Io ho avuto qualche occasione osservativa, ma il seeing da me sembra peggiorare di anno in anno :(
Piergiovanni Salimbeni
Iscrivetevi al nuovo canale Youtube! https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it
SIto personale di fotografia
www.piergiovannisalimbeni.com.it

Rispondi

Torna a “Osservazione e fotografia astronomica”