Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Marte 2020

Osservazioni del Sole e del Sistema Solare, del cielo profondo, di comete e quant'altro sopra le nostre teste
Avatar utente
Raf584
Buon utente
Messaggi: 6946
Iscritto il: 14/09/2011, 13:03
Località: Mediolanum
Contatta:

Re: Marte 2020

Messaggio da Raf584 »

Ci sono state anche delle belle giornate e delle belle serate ma sempre con seeing impossibile. Per fortuna ho la mia lista di stelle variabili sennò sai che tristezza...
Raf

Il mio sito web di osservazioni e immagini solari e planetarie
Recensioni di telescopi e accessori su Binomania.it
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1673
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Marte 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete »

Non e' che le cose vadano particolarmente meglio allora. L'ultimo disegno l'ho fatto con un W23 che mi fa guadagnare tipo 1/2 gradino di seeing, in luce integrale o anche con il W15 (che uso spesso come filtro generale di contrasto su Marte) non si poteva fare niente. La prossima volta voglio provare quel misterioso filtro che ho preso una volta per curiosita' a Stellafane, apparentemente una specie di filtro di contrasto per pianeti, ma non ho trovato nessuna informazione in rete e non mi va di usare filtri senza avere nemmeno una vaga idea della banda passante (a proposito, pare che Stallafane quest'anno si fara', 4-7 Agosto).

Non ho manco postato la miseria che mi e' venuta fuori con la camera, purtroppo e' una situazione in cui ci vorrebbe una camera mono con IR-pass. Niente di imprevisto, il seeing e' buono e anche ottimo in estate e pessimo d'inverno. La scorsa estate ho avuto spesso seeing II o anche I con Giove a 23 gradi.
Ceterum censeo, SLS delendum esse
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1673
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Marte 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete »

Contributo visuale dopo giorni di neve e coperto, sono stato fortunato perche’ il seeing era migliore della media di stagione. Ormai il pianeta e’ davvero piccolo anche ai 520-530x che uso abitualmente e sentivo il bisogno di un’immagine piu’ grande, cosi’ ho avvitato la barlow (una Daikin 1.5x, molto buona) ad una prolunga per aumentare il fattore di ingrandimento. Non ho ancora calcolato esattamente gli ingrandimenti risultanti, credo che fossero almeno 650x, forse di piu’. Mi rendo conto che qualcuno potra’ storcere il naso, ma l’immagine era ancora buona e nettamente piu’ leggibile, almeno per me che osservo con un occhio solo.

Da segnalare la prima chiara visione della calotta polare Nord, piccola ma a tratti molto evidente nel rosso come una macchiolina brillante leggermente ad E del MC. Immagino il motivo sia che NPH tende ad espandersi di notte e contrarsi la mattina scoprendo una fetta di NPC dopo il mezzogiorno, come notato anche da altri osservatori visuali. La parte di NPH adiacente al terminatore era brillante e azzurra, sempre che non fosse un effetto della dispersione atmosferica (si il correttore ci vorrebbe anche in visuale). Evidenti nel blu i soliti veli azzurrini attorno alla regione polare S, ma in luce integrale si notava molto una macchia bianca presso il lembo E, apparentemente all’altezza di Dia.

Solito newton 250/7.

Ivano
Allegati
20210204_2330_dalp_color_form.jpg
Ceterum censeo, SLS delendum esse
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 8055
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Marte 2020

Messaggio da -SPECOLA-> »

Ivano Dal Prete ha scritto: 06/02/2021, 1:57 ma l’immagine era ancora buona e nettamente piu’ leggibile, almeno per me che osservo con un occhio solo.
Ciao Ivano,
grazie per i tiui interessanti contributi osservativi.
Anch'io osservo con un occhio solo (non possiedo nessuna torretta binoculare per i mioei telescopi) e sono d'accordo che quando il seeing lo consente, approfittare del massimo ingrandimento fruibile dall'osservatore, male mai non faccia.
Premesso questo, avrei una domanda in riferimento a quanto hai scritto sopra.
Tu hai avuto esperienze per cui un'immagine ancora buona e nettamente piu’ leggibile a forte ingrandimento, quando osservata con un occhio solo, nelle medesime condizioni, se osservata contemporaneamente con ambedue gli occhi, diventava meno buona e leggibile?
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1673
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Marte 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete »

No, mai avuto un binoviewer anche se e' nella lista della spesa. Mi stupirei se si vedesse peggio, solo togliere di mezzo le miodesopsie sarebbe una manna.
Ceterum censeo, SLS delendum esse
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1673
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Marte 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete »

Gia' che ci sono, aggiungo un'immagine ricavata la stessa sera da un filmato ripreso circa un'ora dopo. Niente di che, il pianeta nell'originale prendeva appena una cinquantina di pixel, ma per ingrandire di piu' devo mettere mano al telescopio e non mi va con la stagione marziana ancora in corso. Si vede comunque la zona chiara presso il lembo E (circa a ore 10-11) che notavo anche visualmente. Niente da fare con la calotta Nord, anche per via di quel dobbio bordo. Non so perche' sia venuto cosi' pronunciato, forse e' stato il il contrasto tra le regioni scure di Propontis/Phlegra/Aetheria e il brillante cappuccio polare. Comunque vedo anche di peggio in giro, non sono tutti dei Tiziano Olivetti.
Allegati
20210205_0031_dalp_dig.JPG
Ultima modifica di Ivano Dal Prete il 07/02/2021, 13:43, modificato 1 volta in totale.
Ceterum censeo, SLS delendum esse
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 8055
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Marte 2020

Messaggio da -SPECOLA-> »

Ivano Dal Prete ha scritto: 07/02/2021, 1:10 No, mai avuto un binoviewer anche se e' nella lista della spesa. Mi stupirei se si vedesse peggio, solo togliere di mezzo le miodesopsie sarebbe una manna.
Ciao Ivano,
ok, ti ringrazio per il chiarimento, con il quale sono per altro d'accordo.
Leggendo ciò che ho quotato sopra avevo erroneamente inteso il contrario, ovvero che in binoculare avresti visto in modo peggiore.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1673
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Marte 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete »

-SPECOLA-> ha scritto: 07/02/2021, 12:48
Ivano Dal Prete ha scritto: 07/02/2021, 1:10 No, mai avuto un binoviewer anche se e' nella lista della spesa. Mi stupirei se si vedesse peggio, solo togliere di mezzo le miodesopsie sarebbe una manna.
Ciao Ivano,
ok, ti ringrazio per il chiarimento, con il quale sono per altro d'accordo.
Leggendo ciò che ho quotato sopra avevo erroneamente inteso il contrario, ovvero che in binoculare avresti visto in modo peggiore.
Si, volevo dire che in binoculare forse si potevano raggiungere gli stessi dettagli anche ingrandendo meno, e magari in modo piu' stabile. Non c'e' dubbio che perda molti buoni momenti aspettando che una mosca volante si tolga dagli zebedei.
Ceterum censeo, SLS delendum esse
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1673
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Marte 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete »

Marte di ieri sera, in condizioni di seeing discreto. E’ possibile che la mia impressione di aver osservato NPC qualche sera fa fosse prematura, ieri ho visto di nuovo un’area chiara presso il lembo N in luce rossa, ma anche attorno al polo S (sebbene meno estesa e brillante). Avevo dato per scontato che un’alta luminosita’ nel rosso indichi ghiaccio superficiale, che riflette piu’ o meno a tutte le lunghezze d’onda, ma forse il #23A che ho usato lascia “passare” anche nubi chiare purche’ compatte e brillanti. La cappa nei pressi del polo S (SPH?) e’ ben visibile anche nella ripresa digitale di circa 1h 1/2 dopo.
Allegati
20210208_2345_dalp.JPG
20210209_0110_dalp.png
Ceterum censeo, SLS delendum esse
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1673
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Marte 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete »

Marte di stasera, trasparenza scadente finche’ non si e’ annuvolato del tutto ma seeing abbastanza buono. Ancora facilmente identificabili le principali macchie di albedo come il Mare Sirenum, Solis Lacus, Aurorae Sinus, Agathodaemon/Titonius etc. La striscia scura diagonale a S del Mare Sirenum, credo Simoes, e’ sempre molto contrastata.

Parecchie nubi bianche, non solo i cappucci polari N e S (il primo non uniforme, con una macchia brillante sul lato p) ma anche sopra Xante e Tempe al lembo E, e credo anche al centro del disco in corrispondenza dei vulcani di Tharsis. Difficile dire se fosse una sola nube elongata, o alcune piu’ piccole adiacenti anche se propendo per la seconda (Ascraeus/Pavonis?). Un dettaglio che mi lascia perplesso e’ il bordo scuro attorno al cappuccino polare N, fosse la calotta lo prenderei per un collare. Osservazione condotta prevalentemente in luce integrale a causa della scarsa trasparenza, o con filtro giallo #15 e blu #80A.
Allegati
20200210_2335_dalp_bn.JPG
Ceterum censeo, SLS delendum esse
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1673
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Marte 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete »

Versione a colori dello schizzo e descrizione di cui sopra. Non aggiunge molto, ma l'informazione portata dal colore e' piu' leggibile.
Allegati
20200210_2335_dalp_col.JPG
20200210_2335_dalp_col.JPG (37.53 KiB) Visto 424 volte
Ceterum censeo, SLS delendum esse
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1673
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Marte 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete »

Lo sapevo che sotto i 7" sarebbe diventata dura... Ieri sera ho beccato un raro intervallo di cielo sereno tra una precipitazione e l'altra, seeing utilizzabile ma il pianeta ormai e' davvero piccolo anche a 525x. Le settimane scorse avevo usato fino a 700x con la barlow avvitata ad una prolunga, se il cielo tiene il telescopio ce la fa e l'immagine e' molto piu' leggibile, ieri... me ne sono dimenticato :oops: . No sul serio, sono ridotto cosi'.

Questo e' quello che ho ricavato spaccandomi gli occhi nel rosso e nel blu. Poche traccie della grosae nube polare S che si notava nelle scorse settimane e che pensavo fosse un cappuccio polare sud stabile, ma d'altra parte non era centrata sul polo e sembrava coprire solo certe longitudini (il che coinciderebbe con quanto ho letto in giro). Al polo opposto, il cappuccio nord e' sempre piu' brillante e piu' blu verso il terminatore.

A proposito, si legge comunemente che un modo per distinguere nubi chiare da ghiaccio superficiale e' confrontare l'immagine con un filtro rosso e uno blu, le nubi scompaiono nel rosso il ghiaccio no. E' fondamentalmente corretto, ma nubi compatte e dense (rare su Marte, cappuccio polare a parte) possono essere ancora molto brillanti nel rosso, almeno con un #23A. Questa almeno e' la mia esperienza delle ultime settimane.
Allegati
20210217_2340-2355_dalp.JPG
Ceterum censeo, SLS delendum esse
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1673
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Marte 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete »

Marte di stasera, strappato ad un seeing scadente con folate di vento veli nuvolosi e temperatura abbondamentemente sotto zero.

Ho eseguito per primo lo schizzo a destra, con filtro giallo #15 che e’ parso il miglior compromesso (il #23A non molto efficace, forse per via delle velature che lo rendevano troppo scuro). Impossibile usare ingrandimenti estremi, ho osservato a 525x. Ho deciso di non ritoccarlo minimamente, l’ho lasciato nervoso e rognoso come il Marte di stasera, ma onesto e sincero. Si e’ rivista, credo, la nube polare lungo Il lembo p.

Non sono sicuro di averlo rivisto una mezz’ora dopo, quando il seeing e’ migliorato abbastanza da poter tentare qualche zoomata a 700x. Con il disco piu’ grande, pero’, ho notato una sorta di catena di nubi chiare dal lembo f vero il polo passando per Argyre. Area brillante, mi e’ parso, anche immediatamente a S di Sabeus Sinus. Tutto da prendere con le molle.

Ivano
Allegati
20210220_2345-0010_dalp.JPG
Ceterum censeo, SLS delendum esse
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1673
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Marte 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete »

Seeing lievemente migliore ieri sera. La maggior parte del Mare Erythraeum e' sempre molto evanescente e mal definita, Indus/Oxia Palus prominenti come in tutta l'apparizione. Nubi bianche presso il polo S sul lato p, la regione e' sempre avvolta da una leggero velo grigio/azzurro, particolarmente ben visible con il filtro blu #80A ma non sono tecnicamente in grado di rendere l'effetto.

In luce integrale, con ingrandimenti molto spinti (circa 700x) si notava a tratti che il cappuccio polare Nord era distinto in un'area molto brillante vicina al lembo (appariscente anche nel rosso #23A) e una regione esterna di nubi meno compatte.

Ivano
Allegati
20210221_2350_dalp_b.JPG
Ceterum censeo, SLS delendum esse
Avatar utente
Ivano Dal Prete
Buon utente
Messaggi: 1673
Iscritto il: 12/03/2012, 17:19
Località: New Haven, CT (USA)

Re: Marte 2020

Messaggio da Ivano Dal Prete »

L'altra sera ho provato di nuovo approfittando di qualche ora di sereno, ma il seeing e' sempre molto scadente. In pratica riesco a osservare solo usando un filtro rosso che mi guadagnare circa 1/2 gradino di Antoniadi, forse anche di piu'. Con il #23A si notava una regione brillante sul lembo p (mi capita quasi ogni volta), un'altra in corrispondenza forse di Noachis, e presso il lembo N. Quest'ultima sembrava bilobata a volte, ma vai a sapere.

Comunque ho l'impressione che qualcosa stia cambiando, in luce integrale le macchie di albedo non erano ben riconoscibili pero' si vedeva una specie di cappuccio attorno al polo sud che era piu' ampio e brillante di quello N (finora e' stato il contrario). L'osservazione del 21, con il cappuccio polare distinto in una regione interna brillante e compatta e una piu' esterna sfumata, e' stata confermata anche da altri osservatori con seeing migliore del mio. Dovrebbe voler dire che il cappuccio polare N si sta finalmente dissolvendo e tra un po' si potrebbe vedere la calotta vera e propria.
Allegati
20210227_2340_dalp.JPG
Ceterum censeo, SLS delendum esse
Rispondi

Torna a “Osservazione e fotografia astronomica”