Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Apertometro economico fai da te

Principi di funzionamento, manutenzione, modifica e autocostruzione dei microscopi e dei loro accessori
Avatar utente
Toniclimb
Buon utente
Messaggi: 455
Iscritto il: 05/12/2016, 16:46
Località: Roma

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da Toniclimb » 29/10/2020, 3:29

Molto bene Patta, la formula è quella giusta. :clap: :clap:
Prova a controllare le ottiche a secco e in acqua, si dovrebbero avere indicazioni corrette.
La sto usando anch'io, mi faccio una tabella in Excel per poi disegnare la scala con la sampante laser. Non credo che una scala planare sia più precisa, sulla scala circolare o triangolare le grandi aperture si valutano meglio. L'uso di una scala numerica comunque facilita la lettura.
Per i prismi di Porro mi sono ricordato di averne quattro, derivanti dallo smontaggio di un binocolo scassato, lo dico sempre che non bisogna buttare nulla :geek: :geek:
Enzo, se vuoi te ne cedo un paio (allo stesso prezzo del Lomo 85 naturalmente), possono sempre tornare utili.
Ho anche diversi prismi a tetto derivanti da binocoli o fotocamere varie, non so che farci al momento, ma non si sa mai.

3nzo
Buon utente
Messaggi: 604
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da 3nzo » 29/10/2020, 19:11

Grazie, possono servire. Quando ci vediamo per il 20xApoR (erre come rotto :D )... Naturalmente è allo stesso prezzo dell'85x :D
Ti chiamo appena posso, ma ho paura di sbagliare orario. Farò come quelli della pubblicità: a pranzo.

patta
Messaggi: 38
Iscritto il: 15/05/2020, 23:41

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da patta » 29/10/2020, 19:29

Bene, stiamo convergendo sulle formule!

Il blocchetto di PMMA tagliato da lastra e' attraente! In effetti le due facce son gia' lucide, io che stavo ad immaginarmi di doverlo lappare sul banco della cucina.

Ho cominciato a rifare il disegno della scala del Cheshire (con le tacche dritte...); con Geogebra, penso che un normale CAD sia meglio, ma per ora, potete aggeggiarci al link:
https://www.geogebra.org/classic/kpykdcmf
E' parametrico, potete inserire lo spessore del vetro e l'indice di rifrazione di vostro gusto.
Allegato il .pdf della scala corrispondente a n=1,52 e spessore 12,5mm, che dovrebbe corrispondere a quello che sta facendo Enzo
Allegati
29_10_2020_Apertometro_Scala_Cheshire_Geogebra_0-2.pdf
Disegno scala Apertometro pdf
(43.19 KiB) Scaricato 10 volte

Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 1005
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da Guido Gherlenda » 29/10/2020, 20:56

Grazie mille, un sollievo...

Per il PMMA dovrei averne un po' con spessore 20mm, se è troppo si può spianare ma rimane da fare la lucidatura, non impossibile ma noiosa, se parliamo di qualche pezzo 26x76 sicuramente ne saltano fuori diversi, se può interessare basterebbe un messaggio con l'indirizzo.

Se ho ben capito anzichè piano, con le ovvie problematiche agli estremi si potrebbe avvolgere la scala, su un mezzo cilindrotto in PMMA sempre ricavato da lastra e fresato a controllo.
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E

Avatar utente
Toniclimb
Buon utente
Messaggi: 455
Iscritto il: 05/12/2016, 16:46
Località: Roma

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da Toniclimb » 30/10/2020, 2:24

3nzo ha scritto:
29/10/2020, 19:11
Grazie, possono servire. Quando ci vediamo per il 20xApoR (erre come rotto :D )... Naturalmente è allo stesso prezzo dell'85x :D
Ti chiamo appena posso, ma ho paura di sbagliare orario. Farò come quelli della pubblicità: a pranzo.
Non c'è orario sbagliato, chiama quando ti pare, potrei solo non essere raggiungibile se sto al box o in montagna.
Nel frattempo ho disegnato le scale per l'impiego del Porro, per gli indici 1.52 e 1.57:
ScalaApertureaBAK-4.jpg
Purtroppo si vede che alle alte aperture c'è una piccola ma significativa differenza, che mi farebbe equivocare un 1.40 con un 1.35 o viceversa.
Vedrò quale delle due risulta più affidabile per via sperimentale, misurando un po' di obbiettivi e facendo la media, altrimenti resta solo da misurare l'indice di rifrazione del prisma (cosa peraltro fattibile e interessante)

Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 1005
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da Guido Gherlenda » 30/10/2020, 3:59

Grazie al programma di Patta (complimenti è una meraviglia) sono riuscito a fare la prima prova, avendo dello spessore di PMMA da 20 ho modificato i parametri sia per lo spessore che per l'indice di rifrazione, il blocchetto che ne risulta è abbastanza grande (120mm x 30mm) ma avendo le griffe del tavolino registrabili poco male.

Come al solito la fretta mi ha fregato, il collante non è il massimo per una stampa a getto d'inchiostro, il righello presenta degli aloni, al momento Photoshop più avanti vedremo di fare una stampa decente.
Apertometro LR.jpg
Le prime prove sono confortanti:

Zeiss 40x 0.85 oil
Zeiss4x.85oil.jpg
Vickers Flu 50x 0.95 oil
Vickers-Flu-50 0.95LR.jpg
Zeiss Neofluar 100x 1.30
ZeissNeo100x1.30LR.jpg
Visto l'orario ho fatto un po' in fretta, potevo centrarle meglio ma comunque mi sembrano risultati credibili, lo Zeiss è un po' ottimista, Il Vickers forse modesto nel dichiarare 0.95 e il Neofluar sembra che azzecchi.

A questo punto migliorerò la stampa e direi indispensabile un sistema di illuminazione pur semplice ma integrato.

La lucidatura dei fianchi non è perfetta ma credo sia tempo perso se opaca l'illuminazione verrebbe più uniforme, appare piuttosto facile fare il disco con una faccia a 45° se qualcuno fosse in grado di fare i calcoli necessari nella lastra di PMMA sp. 20 posso farne diversi.
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E

3nzo
Buon utente
Messaggi: 604
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da 3nzo » 30/10/2020, 12:32

patta ha scritto:
29/10/2020, 19:29
Ho cominciato a rifare il disegno della scala del Cheshire (con le tacche dritte...); con Geogebra, penso che un normale CAD sia meglio, ma per ora, potete aggeggiarci al link:
https://www.geogebra.org/classic/kpykdcmf
E' parametrico, potete inserire lo spessore del vetro e l'indice di rifrazione di vostro gusto.
Allegato il .pdf della scala corrispondente a n=1,52 e spessore 12,5mm, che dovrebbe corrispondere a quello che sta facendo Enzo
Bello, grande Patta! Vedo che te ne intendi. Sarei curioso di conoscere quale è la tua preparazione, ma per motivi di privacy non la puoi scrivere qui. Io sono analfabeta di ritorno ben consolidato ormai. Non potendo fare collezione di farfalle, opterei per i francobolli :)

3nzo
Buon utente
Messaggi: 604
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da 3nzo » 30/10/2020, 12:42

Complimenti anche a Guido e grazie per la disponibilità. Forse potrete realizzare un apertometro di Abbe e magari chi lo vulesse potrebbe pagare le spese e il disturbo.
Vedo comunque che l'apertometro di Cheshire funziona bene ed è semplice. Io che sono partito per primo arrriverò ultimo, ma non è importante. Sto infatti impazzendo ad incollare vetrini su vetrini e respirare salutare xilolo :) , alla fine arriverò, ma poi mi converrebbe prendere un apertometro da Gherlenda.
Grazie a voi tutti che per l'aiuto e e le vostre realizzazioni :thumbup:

Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 1005
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da Guido Gherlenda » 30/10/2020, 13:34

Complimenti anche a Guido e grazie per la disponibilità.
Sono io che devo ringraziare, senza questa discussione non mi sarei mai preso la briga di provarci.
pagare le spese e il disturbo
per i partecipanti a questa discussione le spese di spedizione sono già troppo.
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E

3nzo
Buon utente
Messaggi: 604
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da 3nzo » 30/10/2020, 22:42

Grazie a guido e a tutti.
Per Toniclimb. Mi scuso, mi era sfuggita la possibilità di chiamare. Forse domani sarai fuori, comunque verso le 9:00 proverò a chiamare. Se pensi di riposare fai in tempo a fermarmi perché leggerò prima i messaggi di questa discussione :)

patta
Messaggi: 38
Iscritto il: 15/05/2020, 23:41

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da patta » 31/10/2020, 10:49

Son contento che vi sia piaciuto il disegno del Cheshire!
Si sono in fisico applicato, specializzato in fanghi ed incollaggio di cartoncino; macchè privacy, devo ancora scrivere la presentazione su "ci sono anch'io" :shifty:

Il blocchetto di PMMA mi sembra perfetto, complimenti per la celerità.
Per il modello Abbe, lo si piò anche fare 'rettangolare'; con la scala incollata sui lati. Così non serve fare il taglio rotondo CNC.
Poi fare il taglio a 45 gradi e lucidarlo a specchio, sarà sicuramente difficile ed appunto noioso, ma forse in una lunga notte salta fuori!
Oppure si può lasciare grezza la faccia a 45, ed incollargli un vetrino a far da specchio, col balsamo che colma le rugosità. Fantasticazioni sul lavoro altrui...

Per l'illumimazione, mi sono accorto che il telefono visualizza i .pdf in scala 1:1 esatta, quindi si può usarlo direttamente come apertometro! Illuminazione incorporata. Funziona solo a secco, non mi metto ad oliare il telefono, nè ad immergerlo in acqua. :snooty:

Toni, la tua scala per il prisma porro - quale è la lunghezza dei cateti? Centro- ultima tacca? Così lo stampo ed incollo anch'io.
Allegati
PSX_20201031_110518.jpg
Apertometro Abbe rettangolare con scala stampata su carta, incollata sui tre lati
PSX_20201031_095852.jpg
Scala dell' apertometro a secco visualizzata dal telefono

Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 1005
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da Guido Gherlenda » 31/10/2020, 14:10

Ho una cnc a casa, non avrei difficoltà a fare l'apertometro, la faccia a 45° è una rogna lucidarla ma non è un problema, il blocchetto posso farlo ma arrivo solo qui, per la scala sono in difficoltà. Potrei proporre uno scambio: un disegno in cambio di un pezzo in PMMA lavorato ;)
Ultima modifica di Guido Gherlenda il 31/10/2020, 18:08, modificato 1 volta in totale.
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E

3nzo
Buon utente
Messaggi: 604
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da 3nzo » 31/10/2020, 15:57

Bravi Patta e Guido, avremo l'apertometro grazie a voi :thumbup:
Io sono arrivato, dopo tanti pasticci appiccicaticci a mettere a punto il blocchetto di vetrini 12,2 mm più due lamelle da 0,15mm, sperando che il tutto sia quasi 12,5 mm.
Ora ho notato che la carta con il balsamo diventa traslucida mentre andrebbe bene il cartoncino fotografico che però è compatibile con la stampante a getto d'inchiostro, ma il solvente del balsamo fa scomparire la stampa a inchiostro.
Sto pensando si incollarlo con la gelatina per vetrini, che ho comperato quasi un anno fa e mai usata e non riesco più a trovarla. Per ora il tutto è rimandato.
Allegati
Vetrini.jpg

Avatar utente
Guido Gherlenda
Buon utente
Messaggi: 1005
Iscritto il: 24/08/2012, 14:14
Località: Oderzo (Treviso)

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da Guido Gherlenda » 31/10/2020, 17:56

Non mi preoccuperei più di tanto dello spessore del blocchetto, il programma di patta è perfetto per modificare qualsiasi parametro.
Guido Gherlenda
45°46'38.85"N 12°28'59.46"E

3nzo
Buon utente
Messaggi: 604
Iscritto il: 13/09/2018, 21:15

Re: Apertometro economico fai da te

Messaggio da 3nzo » 31/10/2020, 21:20

Ringrazio Patta per avermi fornito un disegno giù fatto e proprio per il mio pacco di vetrini. Come misura il mio pacchetto è ok, 12,4mm. Ora devo trovare o ricomprare la gelatina per montaggio.
Ho un piccolo dubbio. Sovrapponendo la scala di Patta con quella dell'articolo http://www.microscopy-uk.org.uk/mag/art ... ometer.pdf noto che alle maggiori aperture la linea di Patta interseca la media delle linee ad arco del disegno riportato nell'articolo. A mio avviso, invece dovrebbe corrispondere all'intersezione con l'orizzontale.

Rispondi

Torna a “Ottica, meccanica, manutenzione e riparazione del microscopio”