Edmund Rke 28mm

Telescopi, accessori, montature per l'astronomia
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Samuele »

@Vale75,
ho simulato l’acquisto sul sito Edmund Optics e la coppia verrebbe circa € 220, spedita.
Non ho capito se ed in quale misura a questa somma si aggiungerebbero le spese doganali perché non scrivono nulla in merito (le spese di spedizione sono oltre 22€, che è una cifra importante. Forse comprensiva dello sdoganamento?)
Avatar utente
vale75
Buon utente
Messaggi: 628
Iscritto il: 07/05/2012, 18:56

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da vale75 »

Si ,erano 226€ perché il sito calcolava la vat anche sulla spedizione.
Il problema , che non lo é mai stato per loro ma per noi, é la dogana in arrivo in italia.
Adesso temo che potrebbero applicarti ulteriuore 25-27% in arrivo qua, ma non saprei dire con.certezza come funziona adesso.
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Samuele »

Neanche io, per la verità.
Sul sito Edmund c’è un’indicazione equivoca nella spunta del corriere, nel senso che se il corriere lo scelgono loro sembra di capire che si potrebbero risparmiare le spese doganali.
Ma è solo una mia interpretazione probabilmente strampalata.
Nei primi post hai scritto che la spedizione avverrebbe da una loro filiale in Germania, se così fosse non ci sarebbero spese doganali.
Avatar utente
vale75
Buon utente
Messaggi: 628
Iscritto il: 07/05/2012, 18:56

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da vale75 »

Mi scrissero poi, che la sede in germania é solo amministrativa e niente merce.
Ma a parte questo, sei sicuro che vadano a fuoco? Hai ancora almeno 6mm di intravel usando i tuoi plossl 25?
Avatar utente
giodic
Buon utente
Messaggi: 329
Iscritto il: 05/12/2018, 0:40
Località: Roma

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da giodic »

Samuele ha scritto: 18/04/2022, 10:22 Neanche io, per la verità.
Sul sito Edmund c’è un’indicazione equivoca nella spunta del corriere, nel senso che se il corriere lo scelgono loro sembra di capire che si potrebbero risparmiare le spese doganali.
Ma è solo una mia interpretazione probabilmente strampalata.
Nei primi post hai scritto che la spedizione avverrebbe da una loro filiale in Germania, se così fosse non ci sarebbero spese doganali.
Potrebbe anche essere che il loro corriere si occupi, oltre che del trasporto, anche dello sdoganamento a destino della merce, però questo significherebbe solo che avresti una ulteriore fattura a tuo carico per le spese di sdoganamento (IVA, dazi)...
Anche se la merce arrivasse prima in Germania presso un loro magazzino e poi in Italia, al destinatario verrebbero fatturate sempre e comunque le spese doganali. Non si scappa... :thumbup:
Giorgio Di Cesare
Osservo con: Takahashi Mewlon 180 - Takahashi FC-100DZ - Tele Vue TV85 - Vixen FL70s - APM 100/45 ED APO - Miyauchi Saturn II - Zeiss Victory HT 8x42 - Nikon Monarch7 8x30 - KOMZ 6x24 - Daystar Quark Chromosphere - Prisma di Herschel Baader Cool Ceramic
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Samuele »

vale75 ha scritto: 18/04/2022, 11:16 Mi scrissero poi, che la sede in germania é solo amministrativa e niente merce.
Ma a parte questo, sei sicuro che vadano a fuoco? Hai ancora almeno 6mm di intravel usando i tuoi plossl 25?
Ah :oops:
Avevo capito il contrario, ovvero che i plossl richiedessero più corsa intrafocale.
Devo provare allora :thumbup:
Avatar utente
vale75
Buon utente
Messaggi: 628
Iscritto il: 07/05/2012, 18:56

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da vale75 »

Il mio plossl si, ma i tuoi sono di barilotto 9mm più corti e cosi dai 4mm in meno , andiamo a 5mm in più.
Avatar utente
vale75
Buon utente
Messaggi: 628
Iscritto il: 07/05/2012, 18:56

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da vale75 »

Qua samuele c'è un blog giapponese dove ne parlano e sembra di capire li abbiano provati su un binocolo.
Il traduttore non fa miracoli :
https://zxtr.blog.ss-blog.jp/2021-02-08
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Samuele »

Ottimo, grazie.
Dovrebbe essere la conferma definitiva del fatto che l’oculare va a fuoco sugli APM :thumbup:
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 2315
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Giovanni Bruno »

Qualcuno ha confrontato questi RKE da 28mm/45°, con una coppia di CELESTRON X-CELL LX da 25mm/60°, alla voce sensazione di ampiezza del campo apparente?

A me pare impossibile che un oculare da 45° di campo apparente come gli RKE da 28mm possano dare una impressione di campo apparente molto più grande.

Ma ammesso e non concesso che questo fenomeno sia realmente percepibile, mai potrà avere un campo reale superiore ai suoi 45°di campo apparente sullo stesso binocolone APM da 550mm di focale.

Facendo due calcolcoli per il montaggio sul APM APO da 100/550mm a 45° avremo:

CELESTRON X-CELL LX da 25mm/60°, ingrandimento 22x, campo reale 2°,72 , pupilla di uscita 4,54mm

RKE 28mm/45°, ingrandimento 19,64x, campo reale 2°,29 , pupilla di uscita 5,09mm .

:thumbup: :wave:
Avatar utente
vale75
Buon utente
Messaggi: 628
Iscritto il: 07/05/2012, 18:56

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da vale75 »

Non é la stessa sensazione visiva degli oculari classici.
Il campo reale inquadrato ovviamente è fisicamente quello di un oculare da 50° (non sono 45° anche se dichiarato cosi) e focale 28.7mm, ma non lo si nota cosi piccolo, proprio perché si fonde sfumando con la rastrematura e il filo del barilotto sottile esterno, dando l'impressione di assenza di oculare.
Montando il paraluce a soffietto, sparisce l'effetto e ritorna ad essere un oculare dove ci si guarda dentro e non sopra.
Il mio amico astrofotografo (ma anche visualista), non credeva possibile avessero solo 50°.
Proverò a fare una foto se rende l'idea.
Avatar utente
vale75
Buon utente
Messaggi: 628
Iscritto il: 07/05/2012, 18:56

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da vale75 »

Ho cercato di fotografare un po' l'effetto vicino al plossl 25, ma non rende molto l'idea .
Allegati
Screenshot_2022-04-25-14-24-09_1.jpg
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Samuele »

Alla fine ho ceduto al lato oscuro della forza e li ho acquistati … svenandomi :oops:
A conti fatti fra dogana e quant’altro -e senza neppure pagare la VAT inglese- mi sono costati 140€ l’uno, cioè 10 volte più dei plossl cinesi da 32mm presi su Amazon, il che per un oculare a 3 lenti, con i bordi non anneriti e senza particolari raffinatezze costruttive mi sembra onestamente una sbruffonata tipica di certi prodotti USA (però ho trovato l’aggiunta di uno strano paraluce in gomma che non ho ancora capito come utilizzare :mrgreen: ).
Li ho provati brevemente ieri sera su target terresti e sulla Luna e la prima conferma è che vanno tranquillamente a fuoco col mio binocolo APM, il che è merito della bontà del progetto e della costruzione dello strumento Cino/Tedesco sul quale oramai non ho più alcun dubbio.
L’altra conferma è l’effetto “immagine fluttuante” che cercavo, anche se non così scenografico come con i Morpheus e con qualche difficoltà nel posizionamento degli occhi per via della comparsa di zone scure a bordo campo se lo sguardo non è ben centrato.
A confronto con i plossl cinesi da 32 mm il campo inquadrato è più piccolo con un ingrandimento maggiore. Non ho fatto stime ma la sensazione con i plossl era di una maggiore ariosità oltre l’impressione che se la relativa lente dell’oculare fosse stata meno incassata nel barilotto avrebbero anch’essi generato un simile effetto fluttuante.
Dal punto di vista qualitativo gli RKE mi sono parsi ben corretti sino a bordo campo, sicuramente molto più dei plossl che su questo aspetto deludono abbastanza avendo grosso modo il 5% del campo periferico inguardabile (almeno col binocolo, non ho provato con altri strumenti). Anche la trasparenza e nitidezza dei RKE mi è sembrata elevata e superiore ai plossl: questo osservando un falò acceso in un campo a circa 1 km dal mio balcone, con l’immagine restituita dagli oculari americani -sono Made in US- più vivida e “secca” di quella dei cinesi.
Li ricomprerei?
Difficile dirlo: avevo già i cinesi con un utilizzo similare, ed a quel prezzo avrei potuto prendere una coppia di plossl TeleVue o magari altro, non so se con maggiore soddisfazione.
Certo, le occasioni per osservare si vanno riducendo sempre di più per cui mi sono convinto che per quelle poche volte in cui ci si riesce è preferibile essere attrezzati per avere il massimo dei risultati possibili, in quanto potrebbe essere una serata irripetibile se non dopo anni.
Vedremo sul campo osservativo, sperando che ce ne sia occasione quanto prima :thumbup:
Avatar utente
fulvio_
Buon utente
Messaggi: 855
Iscritto il: 11/03/2014, 20:31
Località: Cosenza

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da fulvio_ »

Hai fatto bene Samuele,
cedere di tanto in tanto al "lato oscuro della forza" è un fattore essenziale e salutare :lol: del nostro hobby.
Osservo con: Nikon 8x30 EII - APM 100 SD 90°
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 8526
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da -SPECOLA-> »

Ciao Samuele,
secondo me non hai fatto male aprenderli; così li hai potuti provare di persona.
Curiosità; lo strano paraluce in gomma di cui parli, come è fatto?
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVI). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
vale75
Buon utente
Messaggi: 628
Iscritto il: 07/05/2012, 18:56

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da vale75 »

Li ha presi allora!
Sulla luna li ho usati solo una volta, preferendoli per il deepsky dove la trasparenza aiuta.
Il paraluce a soffietto é qualcosa di orrendo e cancella quell'effetto che danno.
Per l'uso ci vuole un po' di pratica, per quello potrebbero non essere comodi per tutti.
Ps. Aspettiamo una foto sul binocolo!
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Samuele »

-SPECOLA-> ha scritto: 12/05/2022, 12:53 Ciao Samuele,
secondo me non hai fatto male aprenderli; così li hai potuti provare di persona.
Curiosità; lo strano paraluce in gomma di cui parli, come è fatto?
Ti allego un’immagine che faccio prima: è quell’affare nero sulla scatola, che anche un cieco capisce che è qualcosa piazzato giusto per dire che l’hanno fornito ma che non ha nulla a che fare con l’oculare!
Spettacolare poi l’avviso sul rischio di reazioni allergiche per via dell’utilizzo di lattice naturale :lol: :lol:
Allegati
760D2684-E6E5-48D2-AE0E-62E4209CD749.jpeg
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 2315
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Giovanni Bruno »

SAMUELE, dimmi se ho capito bene quello che hai scritto, ovvero che i MORPHEUS danno un senso di fluttuare nello spazio superiore agli EDMUND da 28mm?

Se così fosse, allora meglio svenarsi per due MORPHEUS usati, che almeno hanno 76° di campo apparente.

Se ho capito male, porta pazienza ed ignora quanto da me scritto.

Tornando al , oppure ai MORPHEUS che hai comparato agli EDMUND, che focale avevano? :thumbup: :wave:
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Samuele »

Giovanni, sì hai capito correttamente.
Credo che quell’effetto dipenda da una generosa estrazione pupillare e da un campo apparente grande abbastanza da uguagliare o superare la dimensione angolare del barilotto esterno dell’oculare, dal punto in cui si posiziona l’occhio dell’osservatore.
Dei Morpheus che ho io quelli che hanno questa caratteristica sono i 12,5 mm ed i 9 mm, utilizzati con i paraluce in gomma retratti.
Ma diversamente degli RKE hanno un campo apparente di ben 76º gradi che difficilmente si riesce ad abbracciare totalmente con lo sguardo: quindi l’effetto wow è assicurato :thumbup:
È bene precisare che quanto sopra è riferito all’osservazione notturna, perché di giorno le cose possono andare diversamente e francamente non ci ho fatto caso.

P.S. Il problema dei Morpheus è che si fermano ai 17,5 mm, quindi per focali più lunghe bisogna optare per altro, sino a scegliere oculari più tradizionali -come appunto i plossl o gli RKE- per focali superiori ai 24mm.
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 2315
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Giovanni Bruno »

Samuele, in realtà i MORPHEUS da 17,5mm hanno circa lo stesso CAMPO REALE degli EDMUND da 28mm, anzi, credo anche un poco più ampio a causa del molto diverso CAMPO APPARENTE, ma il maggior ingrandimento ed il fondo cielo più scuro fornito dal MORPHEUS sono solo vantaggi notevoli per una visione degli oggetti deboli più emozionale .

Se da decenni, degli oculari tipo i TELEVUE PANOPTIC e similari, da 24mm/68°, sono considerati una delle più equilibrate soluzioni di compromesso, tra un più che sufficiente campo apparente, una ottima luminosità ed un interessante ingrandimento, significa che i 68° sono il massimo campo apparente realmente tutto leggibile nella visione BINOCULARE, che obbliga ad una postura della testa rigorosamente frontale. :thumbup: :wave:
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Samuele »

Giovanni Bruno ha scritto: 12/05/2022, 18:58 Samuele, in realtà i MORPHEUS da 17,5mm hanno circa lo stesso CAMPO REALE degli EDMUND da 28mm, anzi, credo anche un poco più ampio a causa del molto diverso CAMPO APPARENTE, ma il maggior ingrandimento ed il fondo cielo più scuro fornito dal MORPHEUS sono solo vantaggi notevoli per una visione degli oggetti deboli più emozionale .
...
Hai ragione, ma dimentichi che con i quasi 31,5x d'ingrandimento che restituiscono quegli oculari la pupilla di uscita sul mio binocolo diventa poco più di 3mm, mentre con gli RKE la pupilla di uscita è di 5 mm.
Dal confronto dei 32mm che già ho (pupilla di uscita di 5,8 mm) con i miei 20mm 68° (pupilla di uscita 3,6mm) mi sono reso conto che con alcuni oggetti estesi e deboli conta più la pupilla di uscita del fattore ingrandimento, e che per tali oggetti solo a parità di pupilla d'uscita l'ingrandimento può fare la differenza (cioè in altre parole quando si aumenta il diametro dell'obiettivo)
Per il resto non mi sembra il caso di uscire dal tema di questa discussione, iniziando a parlare di quale oculare grandangolare sia preferibile. :wave:
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 8526
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da -SPECOLA-> »

@ Samuele

Ciao, ti ringrazio per la foto molto eloquente.
Strano è davvero strano, quel tipo di paraluce e come hai scritto, non è che sembri molto fare linea con gli oculari.
A me ricorda un po' alcuni paraluce che corredano certi cannocchiali da mira che si usano sulle armi lunghe.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVI). http://www.specola.altervista.org/
Giovanni Bruno
Buon utente
Messaggi: 2315
Iscritto il: 09/04/2015, 20:05

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Giovanni Bruno »

Sono un VISUALISTA BINOCULARISTA di lunghissimo corso, mi sono fatto le ossa con sua maestà il binocolone MIYAUCHI 20-37x100 a 45°, da tanti, ma davvero tanti lustri.

Ebbene, su ANDROMEDA con i 20x e quindi con una pupilla di 5mm, la vedevo piccola e slavata, per non dire insignificante.

Mentre con i 37x e quindi con una pupilla di 2,70mm , ANDROMEDA letteralmente mi esplodeva in faccia .

Il grande PIERO ha sempre condiviso con me questa impressione.

Da allora ho sempre trovato le pupille di 2mm-3mm le più efficaci per il deep sky, perlomeno dai cieli italici di collina e bassa montagna. :thumbup: :wave:
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Samuele »

Guarda, se per questo non ho difficoltà a confermare che -ad esempio- gli oggetti più notevoli del Sagittario (laguna, trifida, omega, ecc...) diventano irresistibili se osservati con i 9mm (61x) piuttosto che con i 12,5 mm o 20mm.
Ma ci sono altri oggetti più deboli ed estesi (ad esempio la rosetta o la velo) che sono molto più evidenti e godibili col 32mm, almeno col mio binocolo (nel senso di apertura obiettivi e pupilla di uscita).
Questa è la ragione dell'acquisto dei RKE: avere un oculare più corretto e contrastato del 32mm con l'aggiunta di quell'effetto che non guasta, in modo da restare nell'ambito di una pupilla di uscita abbastanza grande per andare a caccia di oggetti al limite dello strumento. :thumbup:
Avatar utente
Angelo Cutolo
Buon utente
Messaggi: 2204
Iscritto il: 22/09/2011, 16:58
Località: Milano

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Angelo Cutolo »

Dipende sempre da quanto è scuro il cielo sotto il quale si osserva, al passo del sempione ad esempio, il cielo è sufficientemente scuro da poter utilizzare le massime pupille possibili, senza perdersi un singolo fotone (io sono arrivato proficuamente a P.U. di 6,6 mm), infatti per oggetti estesi ed evanescenti (M31 compresa) le migliori P.U. erano quelle che partivano da 6 mm.

Quindi condivido chi utilizza due oculari con stesso campo reale ma ingrandimento differente (ergo P.U. differente) come con gli RKE e i morpheus o panoptic, in maniera da usare quello più appropriato in base alle condizioni del cielo.
Associazione Astronomica Mirasole
Homepage ◄ - ► Facebook
------------------------------------------
binocoli: Vixen ARK 30x80; William Optics 22x70 apo; Vixen Ultima 8x56; Nikon Action EX 16x50; Vortex Diamondback 8x42; Canon 10X30 is II; Vortex Vanquish 8x26; Pentax Papilio 6,5x21; Ibis Horus 5x25; Orion 2x54.
Strumenti: dobson 410/1850 autocostruito; newton 200/1650; Celestron C8 xlt; newton 114/1000 "solarizzato"; rifra apo 80/480; rifra acro 76/1400 e 60/700.
Avatar utente
vale75
Buon utente
Messaggi: 628
Iscritto il: 07/05/2012, 18:56

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da vale75 »

Anche l'uso dei filtri, soprattutto se a banda stretta, fa pendere la bilancia verso pupille più ampie.
Esempio anche col telescopio, dove il mio xw30 slava il cielo e rende sempre poco sulle galassie, ma con OIII o Hβ, diventa il massimo per individuare le nebulose deboli, senza scurire troppo.
Curiosità : sono arrivati perfetti o con le gommine rosse rattoppate?
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Samuele »

vale75 ha scritto: 13/05/2022, 16:16 … Curiosità : sono arrivati perfetti o con le gommine rosse rattoppate?
Niente gomme rattoppate, ma un millimetro più piccole della scanalatura predisposta per accoglierle, e forse non spesse come dicevi.
Allegati
35F3C384-D37E-44C4-9C70-A87D09566382.jpeg
Avatar utente
vale75
Buon utente
Messaggi: 628
Iscritto il: 07/05/2012, 18:56

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da vale75 »

Mi sembrano identiche.
Hai rimasto da risolvere la questione tappi.
Se hai bisogno cerco negli ordini di aliexpress e ti giro i link.
Allegati
Screenshot_2022-05-13-16-53-40_1.jpg
Ultima modifica di vale75 il 13/05/2022, 17:08, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 8526
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da -SPECOLA-> »

Le rifiniture non sembrano proprio essere il forte di Edmund Optics; almeno riguardo agli oculari in oggetto.
Credo che si possa risolvere il problema colmando la parte scoperta della gola, inserendo degli o-ring in tinta.
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXVI). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Samuele »

@Specola,
tante cose non sembrano essere il forte di questa azienda, e non mi meraviglierei se l'effetto fluttuante sia una mera casualità di questa focale, considerando che le altre focali della serie pare non abbiano questa caratteristica ( in ogni caso sembrerebbe che ci sia una qualche forma di registrazione/brevetto per la configurazione ottica, che loro rappresentano con RKE®)

@Vale75,
da un confronto fra le immagini mi sembra che la gomma dei tuoi sia leggermente più spessa, mentre la gomma dei mei sembra più simile a quella dei tuoi spezzoni iniziali.
Per i tappi ho già trovato aziende su Aliexpress, e penso che prenderò solo quelli a copertura delle lenti superiori perché più esposte a polvere e altro nella valigetta dove li ho allocati.
Avatar utente
vale75
Buon utente
Messaggi: 628
Iscritto il: 07/05/2012, 18:56

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da vale75 »

Visto che ormai spacchiamo il capello :lol: il diametro delle gommine rosse dei miei è 36.5mm.
Avatar utente
Samuele
Buon utente
Messaggi: 929
Iscritto il: 29/07/2015, 20:22

Re: Edmund Rke 28mm

Messaggio da Samuele »

Col mio calibro ho misurato 36,3 mm.
Comunque ieri ho verificato anch’io che il campo apparente è superiore ai 45º dichiarati dalla casa.
Avendo come riferimento una fila di lampioni in lontananza ho constatato che con i RKE si vede abbastanza più campo che con gli ES 20mm 68º.
Poiché il campo inquadrato dagli ES (ingrandimento 27,5x) è di 148’ (68x60:27,5), se gli RKE (ingrandimento 19,1x considerando una focale effettiva di 28,7mm come scrive Vale75) fossero stati di 45º, con un campo inquadrato teorico di 141’ (45x60:19,1), avrei visto di più con i 20 mm, invece succede il contrario.
Non avendo altri riferimenti (da casa con la luna quasi piena non si vedono stelle tranne qualche sparuta qua e là) mi sembra plausibile che il campo apparente dei RKE sia di 50º, il che significa con con l’APM inquadrano 157’.
Rispondi