Gentili NUOVI UTENTI,
si AVVISA che per problemi personali le ATTIVAZIONI DEI NUOVI ACCOUNT avverranno SOLO nella giornata di GIOVEDI'

Grazie per la comprensione e la pazienza. Piergiovanni

Fototrappolaggio e normativa

Il posto giusto per chi ama osservare la natura e fotografarla. Avvistamenti, reportage, fotografia naturalistica, quesiti sulle migliori Reflex ed altro ancora!
Rispondi
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 9345
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Fototrappolaggio e normativa

Messaggio da piergiovanni »

Da quando ho deciso di dedicarmi al fototrappolaggio naturalistico, ho cercato di comprendere in che modo la mia attività potesse ledere la privacy altrui e come poter praticare questo hobby senza infrangere la legge.

Dato che sui social network e sui blog vige molta confusione, percepita anche discutendo con vari utilizzatori di questa tecnica, ho compreso che la concezione di utilizzo “etico” sia, almeno qui in Italia, alquanto vaga. Per questo motivo ho deciso di contattare un professionista del settore che tratta questa materia quotidianamente.

Per motivi riguardanti la sua attività professionale preferisce non essere nominato e io rispetterò questa sua esigenza, ma posso senz’altro divulgare a tutti gli interessati l’ autorevole parere che mi ha gentilmente fornito.
Buona lettura!
https://www.binomania.it/fototrappolaggio-normativa/
Piergiovanni Salimbeni
Iscrivetevi al nuovo canale Youtube! https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it
SIto personale di fotografia
www.piergiovannisalimbeni.com.it
piero
Buon utente
Messaggi: 3540
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Fototrappolaggio e normativa

Messaggio da piero »

mi sembrano davvero quelle esagerazioni degne della peggior burocrazia esistente; meno male che l'hai pubblicato perché sabato scorso ho trovato nel bosco una tana splendida dove meditavo di metter la fototrappola per capire se di tasso o di volpe (o entrambi dato che spesso convivono): ci manca ancora la multa a seguito di segnalazione del tignoso di turno che trova appiglio per sfogare la sua frustrazione esistenziale
a questo questo punto non so cosa pensare della cosiddetta street photo....devo richiedere consenso informato scritto al clochard ripreso ai piedi della mole Antonelliana?
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 9345
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Fototrappolaggio e normativa

Messaggio da piergiovanni »

Ciao Piero, posso comprendere i tuoi dubbi. All'atto pratico dovresti semplicemente ( se non conosci il nome del proprietario) lasciare una targhetta con i tuoi dati per farti eventualmente contattare dal proprietario o da una persona che non accorgendosi della fototrappola venisse ripresa e privata della sua privacy.
La cosa un po' buffa è che se leggessi la nuova normativa sull'attività giornalistica e i doveri dei giornalisti vedresti che nessuno in pratica la sta seguendo, cosi' come fu fatto per la carta di Treviso o di Firenze o di Milano.

Io mi regolo cosi' e sino ad ora non ho mai avuto problemi.

1) Nel mio terreno: ho messo cartelli di proprietà privata e di zona videosorvegliata. L'area boschiva di famiglia non è cintata e si estende per circa 5000 mq. VIsto che ci passano cacciatori, cercatori di funghi e escursionisti e...bracconieri mi pare giusto avvisarli.
2) Nei boschi non di mia proprietà, cerco di risalire al proprietario, quando fallisco, la piazzo lo stesso e metto nei pressi della fototrappola una piccola targhetta con: nome e cognome responsabile registrazione, oggetto" studio faunistico" numero di telefono per eventuali i proprietari e per il trattamento delle eventuali fotografie scattate.
3) Im zona parco chiedo il nulla osta al direttore o al guardiaparco.

Calcola, ovviamente, che ormai per me essendo un lavoro quello di vagare per boschi e paludi a fare foto, sbinocolare o provare ottiche fotografiche sono conosciuto dai CC , forestale compresa che sa addirittura dove piazzo le fototrappole, visto che glielo comunico tramite un numero telefonico collegato a whatsapp.
Per ora non ho MAI avuto problemi.
Piergiovanni Salimbeni
Iscrivetevi al nuovo canale Youtube! https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it
SIto personale di fotografia
www.piergiovannisalimbeni.com.it
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7947
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Fototrappolaggio e normativa

Messaggio da -SPECOLA-> »

@ Piergiovanni
Grazie.
Anch'io conoscevo la questione nei termini descritti nell'articolo, ma non ho mai veramente approfondito la questione, perché di fatto il bosco di famiglia che pratico di più, è annesso al mio domicilio.
piero ha scritto: 22/02/2021, 22:39 a questo questo punto non so cosa pensare della cosiddetta street photo....devo richiedere consenso informato scritto al clochard ripreso ai piedi della mole Antonelliana?
In compenso è lecito fotografare edifici altrui senza autorizzazione:
https://www.studiocataldi.it/articoli/2 ... azione.asp
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 9345
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Fototrappolaggio e normativa

Messaggio da piergiovanni »

Ciao, si è possibile fotografare l'altrui proprietà se essa è visibile dall'esterno. Per questo motivo se un giornalista dotato di teleobiettivo riprende un balcone visibile a tutti dall'esterno non commette un illecito, se invece, dota di fotocamera un drone per fotografare la parte invisibile di un cortile interno è punibile sia dalla legge italiana, sia a livello amministrativo dal consiglio dell'ordine dei giornalisti. Se la foto la fa un paparazzo e la vende a un fotografo o a un editore, saranno colpevoli anche loro se hanno omesso di chiedere al fotografo se l'immagine fosse legale o meno.
Piergiovanni Salimbeni
Iscrivetevi al nuovo canale Youtube! https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it
SIto personale di fotografia
www.piergiovannisalimbeni.com.it
Avatar utente
Marco Franceschetti
Buon utente
Messaggi: 144
Iscritto il: 16/06/2017, 23:30
Località: padova

Re: Fototrappolaggio e normativa

Messaggio da Marco Franceschetti »

Come sempre quando si parla di leggi, bisogna andare a cercare la ratio della norma, per capire qual è il bene giuridico che si intende proteggere.
Da quello che ho letto sinora, al di là delle singole interpretazioni del garante o della giurisprudenza (bisognerebbe sempre leggere l'antefatto per arrivare a capire l'iter logico-giuridico seguito dell'autorità che ha emesso il provvedimento), ritengo che l'attività di fototrappolaggio sia assolutamente lecita, anzi riconosciuta per fini di ricerca e studio, ma deve essere bilanciata (come sempre del resto...) agli altri diritti tutelati dall'ordinamento, quali i diritti soggettivi del proprietario o dei titolari di un diritto reale sull'area prescelta.
Diventa illecita quando le riprese si estrinsecano in una violazione, magari involontaria ma comunque non giustificata, di un diritto altrui: ad esempio, se metto una fototrappola puntata oltre che sul bosco anche sulla piscina dei vicini che praticano naturismo, non potrò giustificarmi, una volta scoperto e denunciato, dicendo che lì nei pressi c'era una bella tana o un bel nido!! :naughty: :D
Se però, una volta individuato il luogo preciso, nel bosco come in un altro luogo immerso nella natura, chiedo il permesso al proprietario, appongo il prescritto cartello, piazzo la fototrappola davanti alla mia tana e, del tutto accidentalmente, riprendo la vicina che corre nel bosco in costume adamitico, l'unico obbligo che ho in quanto titolare del trattamento è quello di cancellare tempestivamente le immagini delle persone riprese, ma non potrò di certo essere chiamato a rispondere di violazione di privacy.

Riguardo invece all'esempio di Piero della street photo del clochard, siamo in un altro campo perché l'immagine fotografica è una creazione dell'ingegno e come tale è tutelata sin dal momento della sua origine; il problema è semmai la pubblicazione (rectius: l'utilizzazione) della foto, che segue le normali regole dell'autorizzazione del soggetto ritratto se riconoscibile (artt. 96 e 97 l.633/41), con divieto di pubblicazione di foto di minori e con preventiva comunicazione al Garante se la foto può rivelare dati sensibilissimi quali la salute, il credo religioso, l'orientamento politico o le preferenze sessuali delle persone.
:wave:
Be the Change you want to see in the World!

Osservo con: Zeiss Victory 7x42 T*FL, Nikon EDG 8x42, Swarovski NL 8x42, Nikon 8x30 E2 Anniversary, Kowa Genesis 8x22, Kowa Genesis 10x33, Fujinon FMTR-SX 7x50 e 10x50, Zeiss Dyalit 6x42 Skipper, Carl Zeiss Jena NVA 7x40 DF, Shogetsu Kansei Prince ED 9x32 WP, Shogetsu Kansei Prince UWA 8,5x42 ED WP, Shogetsu Kansei Prince UWA 7x35 ED WP, Kowa spotting scope TSN-884 + oculari TE-11WZ 25-60x + TE-17W 30x + duplicatore TSN EX-16.
Avatar utente
piergiovanni
Amministratore
Messaggi: 9345
Iscritto il: 13/09/2011, 22:01
Località: Valganna
Contatta:

Re: Fototrappolaggio e normativa

Messaggio da piergiovanni »

Ciao Marco, grazie per la tua precisazione. Diciamo che ci sono anche altri due ipotesi da verificare: il problema delle trail camera che inviano immediatamente le foto a un telefono e la questione dell'ingegno, in quanto alcune fototrappole iniziano a poter essere tarate per velocità di scatto e diaframma come una fotocamera, da qui la "Possibile" capacità di essere giudicate come opere dell'ingegno? Io posso anche da remoto scattare la foto e quindi non è un processo automatizzato. Insomma ancora una volta il legislatore dimostra di non essere al passo con i tempi. Da parte mia ormai piazzo le fototrappole soltanto dove ho il permesso del proprietario del terreno.
Piergiovanni Salimbeni
Iscrivetevi al nuovo canale Youtube! https://www.youtube.com/c/binomania/?sub_confirmation=1

Responsabile di Binomania.it
La rivista on-line dedicata al mondo delle ottiche sportive.
www.binomania.it
SIto personale di fotografia
www.piergiovannisalimbeni.com.it
piero
Buon utente
Messaggi: 3540
Iscritto il: 18/09/2011, 23:37
Località: Torino

Re: Fototrappolaggio e normativa

Messaggio da piero »

ottimo e limpido chiarimento, Marco, grazie; si vede che conosci la materia. Come diceva Einstein "hai capito qualcosa quando sei in grado di spiegarlo a tua nonna"
osservo con:....due occhi, perché two is meglio che one..... e quando fa freddo mi metto berrettone, guanti, piumino e bevo the caldo....
Avatar utente
-SPECOLA->
Buon utente
Messaggi: 7947
Iscritto il: 16/09/2011, 19:26
Contatta:

Re: Fototrappolaggio e normativa

Messaggio da -SPECOLA-> »

Il rischio maggiore però non è quello di eventualmente infrangere quel che dice la legge, quanto piuttosto quello di veder scomparire nel nulla la propria attrezzatura...
E a questo proposito, la cartellonistica aiuta molto di più i malintenzionati, che le persone rispettose della legge. :(
Fabrizio Ferrario
Mi diverto con un po' di strumenti, dal rifrattore TECHNO 50/630 in avanti... (non in ordine di tempo, né di dimensioni e/o schema ottico).
31 Luglio 1985: Fondazione della Immagine , Osservatorio Astronomico di Cajello (Anno XXXV). http://www.specola.altervista.org/
Rispondi

Torna a “OSSERVARE LA NATURA, FOTOGRAFARE LA NATURA”